difetti les paul epiphone

Sezione dedicata a tutti tipi di chitarra.
Avatar utente
zakkary
Esperto
Esperto
Messaggi: 889
Iscritto il: 28 feb 2007, 09:31

Messaggio da zakkary » 16 apr 2007, 11:05

ahahaha concordo con dudu....la ace freley fa davvero chifo :D

(a parte che lui nn e' che sia sto gran chitarrista....ma pazienza x l'OT :D)


Avatar utente
Riffeater
Maestro
Maestro
Messaggi: 2043
Iscritto il: 03 apr 2007, 18:21

Messaggio da Riffeater » 16 apr 2007, 11:06

io rifiniture le intenderei come la tastiera il peso ecc
Immagine
Immagine
Immagine

Avatar utente
strummerx
Esperto
Esperto
Messaggi: 759
Iscritto il: 06 apr 2007, 11:20
Località: brescia
Contatta:

Messaggio da strummerx » 17 apr 2007, 13:44

io come gia detto ho una copia della les paul che pesa un casino...ma comunque mi trovo bene...
poi non capisco tutte le critiche a proposito della tastiera avvitata e non incollata!!! :dubbioso:
ormai mi sembra di aver visto un bel po di chitarre e moltissime avevano il manico avvitato!non capisco che differenza possa avere nel suono e nella qualita della chitarra! :dubbioso:
piuttosto i difetti da osservare dovrebbero essere pickup,capitasti,legno del corpo e irregolarita nella tastiera...cioè mi sembrano queste le parti essenziali dalle quali esce la musica della chitarra...di certo non le viti infilate nella tastiera! :paura:
scusate,magari dico castronerie,ma non mi sembra che se si incolla il manico o si avvita cambi qualcosa a livello sonoro...
io di epiphone non ne ho mai provate e quindi non so dire se sono buone o no...comunque una cosa mi sembra logica:
avvitatura o incollatura del manico non fanno cambiare il suono della chitarra.
fenomeni si nasce,miti si diventa!!!
http://www.myspace.com/galvanica

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 17 apr 2007, 13:49

cambia eccome.....
Manico avvitato ha un suono DIVERSO da quello incollato e di molto....

soprattutto sustain (maggiore se incollato) e attacco (maggiore se avvitato)

quello che non si accetta è che è diverso non peggiore sennò regalatemi tutte le vostre fender :angelo:

ovviamente una lp con manico avvitato non suona da LP

Avatar utente
strummerx
Esperto
Esperto
Messaggi: 759
Iscritto il: 06 apr 2007, 11:20
Località: brescia
Contatta:

Messaggio da strummerx » 17 apr 2007, 13:59

ah..ok..allora è solo un suono diverso!!!
poi vabbe naturalmente ognuno ha i suoi gusti...potrebbe anche piacere avvitato...
anche se non capisco il motivo fisico per cui una vite nel manico fa cambiare il suono :dubbioso:
fenomeni si nasce,miti si diventa!!!
http://www.myspace.com/galvanica


Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 17 apr 2007, 14:10

ha presente una linea che oscilla?

cacciaci 2 fermi perpendicolari (viti) nel punto in cui trasmette le oscillazioni......
ovvio che cambierà.

non a caso come è incollato/avvitato un manico fa la differenza tra buone e pessime chitarre.

Esiste una terza e una quarta tecnica che si usa nelle chitarre più tamarre.... ovvero il neckthrough

che può essere di 2 tipi:
a) un pezzo unico col manico, centrale, messo all'interno del body per tutta la sua lunghezza
b) chitarra pezzo unico (ce ne son poche ovviamente e costano parecchio).

Avatar utente
strummerx
Esperto
Esperto
Messaggi: 759
Iscritto il: 06 apr 2007, 11:20
Località: brescia
Contatta:

Messaggio da strummerx » 18 apr 2007, 22:09

darkfender ha scritto:ha presente una linea che oscilla?

cacciaci 2 fermi perpendicolari (viti) nel punto in cui trasmette le oscillazioni......
ovvio che cambierà.
ma se ragioni così le viti dovrebbero essere nelle corde...o sbaglio? :dubbioso:
fenomeni si nasce,miti si diventa!!!
http://www.myspace.com/galvanica

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 19 apr 2007, 00:46

mica le fanno in plastica le chitarre......
il manico e i legni hanno delle oscillazioni.

queste vengono trasmesse tra manico e corpo dall'attacco...

per questo passando da viti a colla a neckthrough si parte dal sustain minore fino al maggiore....e non per nulla una chitarra economica in cui questo attacco viene fatto male, suona poco e ha poco sustain.....

Avatar utente
mr.blig
Esperto
Esperto
Messaggi: 472
Iscritto il: 07 apr 2006, 23:16
Località: Verona
Contatta:

Messaggio da mr.blig » 19 apr 2007, 15:50

strummerx ha scritto:
ma se ragioni così le viti dovrebbero essere nelle corde...o sbaglio? :dubbioso:
da quello che dici sembra che tu non abbia mai studiato propagazione delle onde! senza offesa eh :D

allora..prendi le corde della chitarra, attaccale ad un cuscino e suona...senti qualcosa?? la corda vibra?
ecco spiegato l'arcano, l'onda generata dalla corda fatica a propagarsi nei batuffoli di lana del tuo cuscino...ma dai?

ora rimetti le corde alla chitarra va la :D
la corda quindi vibra e continua a farlo e senti il suono proprio perchè i due estremi sono collegati a "qualcosa di duro", a qualcosa attraverso il quale si può trasmettere un'onda!

dunque per esempio se il qualcosa sarà un legno come il mogano allora avremo un suono più grave (orientato sui bassi), perchè le caratteristiche fisiche di questo legno tendono a smorzare le frequenze alte.

se poi abbiamo una chitarra con manico incollato, o addirittura neck through, l'onda si propagherà per così dire nel migliori dei modi, senza alterazioni dovute a giunture, quali sono per esempio i manici avvitati.
questo non significa che il manico avvitato sia qualitativamente peggio, da solo un responso sonoro differente!

:wink:
Daisy Chain: il gruppo acustico di rock cover di cui faccio parte ;)

Immagine

Avatar utente
mr.blig
Esperto
Esperto
Messaggi: 472
Iscritto il: 07 apr 2006, 23:16
Località: Verona
Contatta:

Messaggio da mr.blig » 19 apr 2007, 15:52

darkfender ha scritto:mica le fanno in plastica le chitarre......
il manico e i legni hanno delle oscillazioni.

queste vengono trasmesse tra manico e corpo dall'attacco...

per questo passando da viti a colla a neckthrough si parte dal sustain minore fino al maggiore....e non per nulla una chitarra economica in cui questo attacco viene fatto male, suona poco e ha poco sustain.....
in realtà sono state fatte chitarre in plexiglass, mica solo il legno permette la propagazione delle onde! anzi, ne smorza alcune frequenze in realtà, cosa che il plexiglas ad esempio fa in maniera minore....ma questa è un'altra storia :D
Daisy Chain: il gruppo acustico di rock cover di cui faccio parte ;)

Immagine

Avatar utente
Kill Bill
Maestro
Maestro
Messaggi: 1337
Iscritto il: 16 giu 2006, 10:39
Località: Roma

Messaggio da Kill Bill » 19 apr 2007, 15:54

mr.blig ha scritto:
in realtà sono state fatte chitarre in plexiglass, mica solo il legno permette la propagazione delle onde! anzi, ne smorza alcune frequenze in realtà, cosa che il plexiglas ad esempio fa in maniera minore....ma questa è un'altra storia :D
quoto...io una volta mi sembra di aver visto l'Ibanez Js in plexiglass...era orrenda :ot:
"il vero Io è quello che tu sei, non quello che hanno fatto di te"
Paulo Coelho

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 19 apr 2007, 15:58

be c'è anche la parker però son scelte ponderate con studi appositi.

Avatar utente
strummerx
Esperto
Esperto
Messaggi: 759
Iscritto il: 06 apr 2007, 11:20
Località: brescia
Contatta:

Messaggio da strummerx » 19 apr 2007, 20:26

vabbe questo discorso puo andare bene per classiche e acustiche...ma in un elettrica sono le corde che vibrano che trasmettono ai pickup che poi danno il suono(secondo me..poi io non sono un liutaio quindi...)
ma in un elettrica???
logicamente se le viti fossero in mezzo al corpo qualcosa cambierebbe nettamente..ma nel manico le viti sono lontane dai pickups e non intercettano le vibrazioni delle corde,che secondo me si espandono di piu in aria...
oppure i pickups prendono le vibrazioni dal legno?
probabilmente si(se no non ci sarebbero diffrenze tra i vari tipi di legno) ma penso che questo cambi di poco il suono...soprattutto se questa variazione sta in due vite infilate nel manico...

cioè se prendiamo due chitarre completamente uguali in ogni minimo pezzo ma una con il manico incollato e l'altra avvitato:penso che la differenza sarebbe infima...

ripeto che non sono un liutaio e sicuramente ne so meno di molti di voi e quindi forse sto dicendo solo cagate...ma non riesco a capire la riluttanza di alcuni verso le chitarre con il manico avvitato...ormai sono tutte cosi!(pure la mia :Very Happy: )
fenomeni si nasce,miti si diventa!!!
http://www.myspace.com/galvanica

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 19 apr 2007, 21:16

se quello che dici fosse vero il llegno non servirebbe a nulla basterebbero dei buoni pickup a far suonare una strato custoshop uguale ad una chitarra in compensato....

le corde in quanto attaccate alla chitarra stessa vengono influenzate dalle vibrazioni, ovviamente uno scarso attacco dello zoccolo ne assorbe parecchie....

Un blocco unico ne fa passare di più

Avatar utente
strummerx
Esperto
Esperto
Messaggi: 759
Iscritto il: 06 apr 2007, 11:20
Località: brescia
Contatta:

Messaggio da strummerx » 19 apr 2007, 21:34

ah...ok cosi capisco meglio!
in pratica il legno(e i suoi difetti)vanno a variare la vibrazione delle corde e questo ricade sul suono!
ok
fenomeni si nasce,miti si diventa!!!
http://www.myspace.com/galvanica


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti