Gibson Les Paul Axcess

Le chitarre Gibson
Avatar utente
James_
Maestro
Maestro
Messaggi: 2636
Iscritto il: 16 set 2009, 16:12
Località: Bologna

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da James_ » 28 mag 2010, 22:28

Gianluca ha scritto:Per futuro non intendevo che d' ora in avanti tutta la musica fatta con la chitarra elettrica, sarà suonata da una les paul axcess.
Dico che è una chitarra, sicuramente innovativa, poichè aggiunge una caratteristica, che mancava alla precedente versione.
Certo questo sacrifica il sustain, ma poi ognuno se lo vede da solo cosa gli serve di più.
Lo stesso zio Ma ha detto che anche se il floyd rose è un' ammazza sustain, lui stesso ci farebbe qualcosa, e che appartenendo al Custom Shop, la Axcess non vuole essere una chitarra per tutti.
Quindi secondo me, questa chitarra è buona mossa da parte della Gibson, perchè loro aprono le porte a dei clienti potenziali, che in passato avevano scartato la LP per difficile accessibilità ai tasti, mancanza del floyd, manico ciccioto ecc., e a tutti coloro che hanno dovuto trovare la risposta alle loro esigenze in altre chitarre, la Axcess rende possibile, cedere al fascino della LP.
Immagino che al momento della creazione di questa chitarra, in casa Gibson, non ci fosse in mente il lespaulliano tradizionale convinto, che storce il naso davanti al trio Gibson-Axcess-clienti con esigenze particolari.

Mi spieghi che senso ha comprare una "voglio ma non posso" essere Les Paul, con feautures NON da Les Paul, con un prezzo -ahimè- allineato Gibson, quindi -imho- overpriced, sopratutto per un legno di quel genere, quando ci sono tante valide alternative a meno? Per il nome? Per dire "oh io c'ho la les paul col floyd"?

E poi, che ti compri, 2300€ di chitarra bagnata fraccica asciugata in un forno? Ma andiamo dai...

Io, innamorato della forma Les Paul, non spenderei 2300€ per una chitarra così.
LA FUNZIONE "CERCA" E' TUA AMICA. |
POWERED BY: Immagine
Charvel | Gibson | Orange


Avatar utente
Gianluca
Esperto
Esperto
Messaggi: 305
Iscritto il: 01 mar 2010, 13:30

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da Gianluca » 28 mag 2010, 22:42

Lo ha se la LP è il sogno di una vita, però non soddisfa le tue esigenze. Quanti topic puoi leggere in questo forum dove la gente chiede consigli per una chitarra con ponte mobile o viceversa? Quante volte la LP è stata consigliata od esclusa a priori dalla lista, in base alla richiesta?
E saranno overpriced quanto vuoi, ma fino a che la gente le compra, vuole dire che a diposta a farlo e gli va bene.

Tu la chitarra non la compreresti, ciò significa che hai già una Les Paul e quindi questa chitarra sarebbe inutile, oppure sei innamorato della Les Paul classica e quindi questa chitarra è un' eresia.
Ma ripeto, non è una Les Paul per i lespaulliani convinti.

Avatar utente
James_
Maestro
Maestro
Messaggi: 2636
Iscritto il: 16 set 2009, 16:12
Località: Bologna

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da James_ » 28 mag 2010, 23:52

Gianluca ha scritto:Lo ha se la LP è il sogno di una vita, però non soddisfa le tue esigenze. Quanti topic puoi leggere in questo forum dove la gente chiede consigli per una chitarra con ponte mobile o viceversa? Quante volte la LP è stata consigliata od esclusa a priori dalla lista, in base alla richiesta?
E saranno overpriced quanto vuoi, ma fino a che la gente le compra, vuole dire che a diposta a farlo e gli va bene.

Tu la chitarra non la compreresti, ciò significa che hai già una Les Paul e quindi questa chitarra sarebbe inutile, oppure sei innamorato della Les Paul classica e quindi questa chitarra è un' eresia.
Ma ripeto, non è una Les Paul per i lespaulliani convinti.
Ma spiegami che senso ha consigliare una Les Paul che non è una Les Paul :Very Happy:

E poi è ovvio che finchè gente ha soldi per comprarle, e le compra, questi continuano a produrlo. Se così non fosse, non ci sarebbero più prodotti inutili e/dannosi :ciao:
LA FUNZIONE "CERCA" E' TUA AMICA. |
POWERED BY: Immagine
Charvel | Gibson | Orange

Avatar utente
Gianluca
Esperto
Esperto
Messaggi: 305
Iscritto il: 01 mar 2010, 13:30

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da Gianluca » 29 mag 2010, 13:00

Non sarà una Les Paul al 100%, ma non mi sembra che si stia parlando di una copia della stratocaster con il design les paul.
Questa è una chitarra per tutti coloro a cui piace la Les Paul, ma per motivi vari, hanno bisogno di certe caratteristiche, che prima la Les Paul non poteva dare.

Avatar utente
s 1 m o -
Esperto
Esperto
Messaggi: 305
Iscritto il: 04 lug 2008, 22:20

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da s 1 m o - » 29 mag 2010, 17:20

MannishBoy ha scritto:A chi invece diceva che la gibson fa bene a non abbassare i prezzi (leggi, ovviamente, ridurre i propri guadagni) domando se abbia formulato tale parere sotto effetto di sostanze stupefacenti.... :paura:

Ma a voi piace buttare i soldi?
Se la gibson decidesse, sotto effetto di una certa rinnovata politica economica, di abbassare i prezzi, voi non sareste più felici di acquistare -che so- una standard, a 1000 euro?
E voi credete che gibson, l'importatore, il venditore finale, non ci guadagnerebbero lo stesso?
Una fender stratocaster american standard costa all'incirca un migliaio di euri, contro i circa milleottocento della gibson.
E voi credete che ci sia questa differenza di qualita tra le due? Cioe, la gibson vale circa il doppio di una fender?
è palesemente ovvio che la mia riflessione è stata fatta sotto un'aspetto aziendale e non da consumatore...rinnovata politica economica votata alla perdita di guadagno? curioso... la gibson guadagnerebbe lo stesso facendo pagare le sue chitarre 1000 euro anzichè 1800? altrochè, ma perchè dovrebbe farlo visto che le sue chitarre sono stravendute anche con questi prezzi o maggiori? al momento ha talmente tanta clientela che può tranquillamente permettersi di tenere i prezzi come sono (e in alcuni casi tirarli al limite dell'umanità per le sue limited edition signature da 15000 €)..se la gibson fosse di tua proprietà, tu abbasseresti veramente il prezzo delle tue chitarre di 800 euro per vedere qualche sorriso in più sulle facce dei consumatori? non ci credo neanche se me lo giuri.

Gianluca ha scritto:Quindi secondo me, questa chitarra è buona mossa da parte della Gibson, perchè loro aprono le porte a dei clienti potenziali, che in passato avevano scartato la LP per difficile accessibilità ai tasti, mancanza del floyd, manico ciccioto ecc., e a tutti coloro che hanno dovuto trovare la risposta alle loro esigenze in altre chitarre, la Axcess rende possibile, cedere al fascino della LP.
Immagino che al momento della creazione di questa chitarra, in casa Gibson, non ci fosse in mente il lespaulliano tradizionale convinto, che storce il naso davanti al trio Gibson-Axcess-clienti con esigenze particolari.
Gianluca ha scritto:Non sarà una Les Paul al 100%, ma non mi sembra che si stia parlando di una copia della stratocaster con il design les paul.
Questa è una chitarra per tutti coloro a cui piace la Les Paul, ma per motivi vari, hanno bisogno di certe caratteristiche, che prima la Les Paul non poteva dare.

quoto ogni parola
Gibson Les Paul Standard Faded '06 Sunburst
Gibson Les Paul Goldtop '57 reissue Darkback VOS
Gibson Les Paul Standard '88 Ebony
-----------------------------------------------------------
Bogner Shiva


Avatar utente
MannishBoy
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 28 apr 2010, 10:42

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da MannishBoy » 31 mag 2010, 16:20

s 1 m o - ha scritto:
MannishBoy ha scritto:A chi invece diceva che la gibson fa bene a non abbassare i prezzi (leggi, ovviamente, ridurre i propri guadagni) domando se abbia formulato tale parere sotto effetto di sostanze stupefacenti.... :paura:

Ma a voi piace buttare i soldi?
Se la gibson decidesse, sotto effetto di una certa rinnovata politica economica, di abbassare i prezzi, voi non sareste più felici di acquistare -che so- una standard, a 1000 euro?
E voi credete che gibson, l'importatore, il venditore finale, non ci guadagnerebbero lo stesso?
Una fender stratocaster american standard costa all'incirca un migliaio di euri, contro i circa milleottocento della gibson.
E voi credete che ci sia questa differenza di qualita tra le due? Cioe, la gibson vale circa il doppio di una fender?
è palesemente ovvio che la mia riflessione è stata fatta sotto un'aspetto aziendale e non da consumatore...rinnovata politica economica votata alla perdita di guadagno? curioso... la gibson guadagnerebbe lo stesso facendo pagare le sue chitarre 1000 euro anzichè 1800? altrochè, ma perchè dovrebbe farlo visto che le sue chitarre sono stravendute anche con questi prezzi o maggiori? al momento ha talmente tanta clientela che può tranquillamente permettersi di tenere i prezzi come sono (e in alcuni casi tirarli al limite dell'umanità per le sue limited edition signature da 15000 €)..se la gibson fosse di tua proprietà, tu abbasseresti veramente il prezzo delle tue chitarre di 800 euro per vedere qualche sorriso in più sulle facce dei consumatori? non ci credo neanche se me lo giuri.
Non si sarebbe fatta la rivoluzione francese, se il popolo avesse ragionato come te, considerando con scetticismo la possibilità di un cambiamento, seppur così radicale.

Parliamoci chiaro: io la mia les paul ce l'ho, non voglio fare l'ipocrita, e constrinsi la buonanima di mio padre nel 97 a sborsare la modica cifra di 1.590.000 lire per avere la mia Studio in regalo per il mio 18 compleanno.
So solo io quanto mi piace quella chitarra, e quanto sono felice di averla.
Ma ritengo che valga si e no la metà di quanto è costata (parliamo di un prodotto in serie con legni di non difficile reperibilità), e spero con tutto il mio cuore che, prima o poi, intervenga un qualche fattore politico / economico che riporti i prezzi di prodotti del genere ad un reale rapporto di qualità prezzo.

Sono perfettamente d'accordo che con quello che io pago per avere una gibson debbano guadagnare ciò che sia giusto il produttore e tutti i suoi operai, il grossista e il venditore finale, ma - ripeto- 800 euro (cosa costa adesso una studio nuova) per una chitarra sono T.R.O.P.P.I.

I M H O

:ciauz:

Avatar utente
s 1 m o -
Esperto
Esperto
Messaggi: 305
Iscritto il: 04 lug 2008, 22:20

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da s 1 m o - » 01 giu 2010, 03:06

ma è ovvio che hai ragione, credo che tutti i consumatori siano daccordo su queste riflessioni, fatto sta che sotto un'occhio aziendale una mossa del genere sarebbe votata solo alla perdita di guadagno, e come azienda non andrai mai a tagliare i prezzi al tuo prodotto senza motivo solo per vedere delle facce sorridenti.

ps. nella rivoluzione francese c'era il malcontento del 95% della popolazione in pessime condizioni economiche e sociali, il cambiamento non era una possibilità, era un'obbligo; la popolazione con le chitarre gibson invece fa solo andare la bocca, visto che le chitarre poi le comprano lo stesso alla stragrande pur costando 1800 euro..
Gibson Les Paul Standard Faded '06 Sunburst
Gibson Les Paul Goldtop '57 reissue Darkback VOS
Gibson Les Paul Standard '88 Ebony
-----------------------------------------------------------
Bogner Shiva

Malnico
Principiante
Principiante
Messaggi: 27
Iscritto il: 17 ott 2010, 22:04

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da Malnico » 13 set 2011, 13:18

MannishBoy ha scritto:una chitarra di cui non se ne sentiva minimamente il bisogno.

Credo che sarà un flop clamoroso.
Onestamente.... spendereste una cifra del genere per aver una chitarra da shred ma che non lo è, o per una les paul che scimmiotta una jackson o una ESP?

Credo che, sopratutto in tempi di crisi globale come questi, non sia affatto il momento di sbizzarrirsi con esperimenti come questo, piuttosto cercare di offrire la qualità di un marchio a prezzi competitivi.
Ovviamente questo in una visione prettamente aziendale; vedo ad esempio molto di buon occhio il discorso "traditional" e/o "worn series" che permette di acquistare una chitarra di buon livello a prezzi più ragionevoli.

Ovviamente sarà solo il tempo a confermare a smentire la mia tesi.
Personalmente, riassumendo il mio pensiero in merito, pur essendo assolutamente innamorato della les paul, e contemporaneamente attratto da chitarre "shred", non comprerei mai e poi mai la axcess, neanche -giuro- potendola trovare nuova alla metà del prezzo a cui viene venduta.


Io invece la comprerei ad occhi chiusi a qualsiasi prezzo perchè mi interessa, che poi secondo me il prezzo non è così proibitivo per una Custom Shop di questo livello. Dopotutto se il rivenditore è onesto questa chitarra si trova a poco più di 2000 euro...
E' vero che in certi casi ho visto anche fare dei prezzi da 3000 e oltre per delle versioni un po' di nicchia, come ad esempio la Lp Axcess in Phelam blue o in Siberian Tiger (anch'esse con oppure senza tremolo). Ma anche per queste due versioni (queste ovviamente limited) ho trovato rivenditori noti che la fanno solo 2100 euro (in particolare la siberian)
Posso capire che 2100 euro non siano una cifretta da nulla, però alla fine è un acquisto che fai una volta nella vita per una cosa che ti accompagnerà sempre e che avrà un valore artistico ed affettivo. Sarebbe surreale pagare solo 1000 euro per un prodotto di questa qualità. Mi sembra un prezzo più che giusto.
Non credo che le chitarre vengano fatte in base alle crisi economiche, che comunque sono cicliche e non costanti (cicli economici) e diciamo pure che PARLARE DI CRISI in un paese come l'Italia in cui la media di una buona uscita per un amministratore delegato è di circa 6 milioni di euro (e non stiamo parlando di uno, ma di centinaia di personaggi del genere) e che la media reddituale annua a Milano è di quasi 30.000 euro a persona francamente è un po' fuorviante.
La crisi secondo me, quella vera, c'era nel primo dopoguerra, non adesso.
Detto questo non credo nemmeno che un prodotto venga fatto solo per la gioia degli utenti. Credo invece che ogni bene venga prodotto con una precisa logica di mercato, che è quella di superare i competitors impadronendosi di significative quote di mercato e nel contempo di accontentare gli utenti. In questo senso la Axcess secondo me è un miracolo sceso dal cielo e sicuramente sarà la prima Les Paul che acquisterò perchè tra i seguenti elementi, non so voi, ma io proprio non riesco a scorgere nemmeno un'ombra di difetto:

Body con nove fori di alleggerimento (no camere tonali)
Manico unico nel suo genere (non è un 59 come scrivono erroneamente i siti, ma un manico ad hoc per la Axcess che è lievemente più spesso del 60 slim taper - ma proprio lievemente)
Possibilità di scegliere tra Stop Tail e Floyd Rose
Due solo finiture in produzione regolare (ma periodiche uscite d'eccezione tra cui le due sopra)
Smussatura del famoso e simpatico angolo inferiore del body di qualsiasi Les Paul
Attacco del manico fatto in un modo geniale
Body più ergonomico e lievemente meno spesso in alcuni punti
Pick up splittabili
Suonabilità su tutto il manico che non ha paragoni tra le altre Custom Les Paul
Il suono è sempre il suono della Les Paul

Per quanto mi riguarda è un miracolo questa chitarra ed è il meglio che la Gibson abbia mai prodotto

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da ma200360 » 13 set 2011, 14:04

Posso essere d' accordo su tutto, ma certamente non sul fatto che stiamo attraversando un periodo di profondissima crisi. Io ne sono una vittima, e so bene cosa vuol dire; altro che manager da 6 milioni !
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
Micione
Maestro
Maestro
Messaggi: 1478
Iscritto il: 12 nov 2008, 11:51

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da Micione » 13 set 2011, 14:50

però la suona anche il mitico Steve Hackett e non è uno shredder.Anche io sono affascinato dalla LP con Floyd.

http://www.youtube.com/watch?v=xW_7YyKawbw
Quando sono sul palco faccio l'amore con ventimila persone, poi torno a casa da sola.
(J.Joplin)

Malnico
Principiante
Principiante
Messaggi: 27
Iscritto il: 17 ott 2010, 22:04

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da Malnico » 13 set 2011, 17:22

ma200360 ha scritto:Posso essere d' accordo su tutto, ma certamente non sul fatto che stiamo attraversando un periodo di profondissima crisi. Io ne sono una vittima, e so bene cosa vuol dire; altro che manager da 6 milioni !

Eheheh..mi dispiace, ma vedi il fatto che qualcuno se la passi male è una cosa, dire che c'è una mega crisi globale devastante è un'altra.
Il fatto che qualcuno sia in cattive acque significa che qualcuno se la passa male, non che siamo una nazione in crisi e che l'economia non funziona più come dovrebbe (perchè in realtà funziona meglio di un tempo).
Qui e ovunque, in passato, ora e sempre ci sarà chi sta benino, chi sta economicamente bene e chi sta male. Di "crisi" posso parlare pensando alla depressione del 29 di Wall Street ed a certi speculazioni nel mercato americano e non solo, ma non mi pare il caso di dire siamo in crisi solo perchè qualcuno se la passa male...ci sono molti troppi business che sono attivi e floridi ed il mercato non è mai stato così competitivo: se ci fosse crisi non ci sarebbe nulla di tutto ciò.
La Gibson ne è un piccolissimo esempio. Trentanni fa non fatturava nulla rispetto ad oggi visto che da pochi anni viaggia (ed ha superato) a 500 milioni di dollari l'anno di fatturato da quando l'ingegner Henry Juszkiewicz se l'è comprata (spendendo 100 volte di meno)

Avatar utente
Bellbottom
Maestro
Maestro
Messaggi: 3595
Iscritto il: 22 nov 2007, 10:02
Località: padova

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da Bellbottom » 13 set 2011, 17:58

Mi sa tanto che che hai una percezione del paese ben distante da quella di molti di noi, e ti parlo come imprenditore che opera in una delle zone storicamente più benestanti del paese.

Malnico
Principiante
Principiante
Messaggi: 27
Iscritto il: 17 ott 2010, 22:04

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da Malnico » 13 set 2011, 19:09

Quando le mie idee sono diverse da quelle della maggior parte della gente non mi stupisco, ma sono felice, perchè trovo conferma del fatto che la gente non ragiona molto bene e forse è anche per questo motivo che molte cose (anche in economia) vanno a puttane.
Guarda che quella che citi non è la crisi attuale ma è una storia vecchia trita e ritrita: i settori in difficoltà ci sono sempre stati, così come parallelamente ci sono stati e ci saranno sempre anche quelli in crescita (è innegabile, e ciò che è innegabile è oggettivo, quindi è Vero). Stessa cosa riguarda i cicli economici che appunto ciclicamente salgono e scendono per poi risalire.
Per capire qualcosa in modo lucido occorre elevarsi un attimino, nel senso di ragionare staccandosi dalla realtà in cui si vive, ricca o misera che sia, perchè altrimenti invece di essere obiettivi si finisce per ragionare in modo falsato e condizionato dalla propria situazione...e cioè in un modo estremamente lontano dalla realtà secondo cui l'altolocato ti dirà che tutto è figo, mentre quello in difficoltà ti dira che c'è crisi e se la muore lì con questa frase del caz.

Non credo sia la sede più opportuna per parlarne, ma sono convinto che vi sia una netta distinzione tra la percezione soggettiva di una serie di difficoltà e la reale situazione economica che ci circonda, che può essere giusta ed ingiusta, anomala e conformista, innovativa e ancorata a cose inutili, negativa e positiva assieme, ma tutto tranne che in crisi!

Comunque la Lp Axcess secondo me è un gran chitarrone :-)

Avatar utente
James_
Maestro
Maestro
Messaggi: 2636
Iscritto il: 16 set 2009, 16:12
Località: Bologna

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da James_ » 13 set 2011, 20:55

E' overpriced, quella in Siberian Tiger è molto bella ma overpriced.
LA FUNZIONE "CERCA" E' TUA AMICA. |
POWERED BY: Immagine
Charvel | Gibson | Orange

Avatar utente
Lollo
Maestro
Maestro
Messaggi: 2467
Iscritto il: 20 mar 2007, 13:48

Re: Gibson Les Paul Axcess

Messaggio da Lollo » 13 set 2011, 21:20

Malnico ha scritto:Quando le mie idee sono diverse da quelle della maggior parte della gente non mi stupisco, ma sono felice, perchè trovo conferma del fatto che la gente non ragiona molto bene e forse è anche per questo motivo che molte cose (anche in economia) vanno a puttane.
Guarda che quella che citi non è la crisi attuale ma è una storia vecchia trita e ritrita: i settori in difficoltà ci sono sempre stati, così come parallelamente ci sono stati e ci saranno sempre anche quelli in crescita (è innegabile, e ciò che è innegabile è oggettivo, quindi è Vero). Stessa cosa riguarda i cicli economici che appunto ciclicamente salgono e scendono per poi risalire.
Per capire qualcosa in modo lucido occorre elevarsi un attimino, nel senso di ragionare staccandosi dalla realtà in cui si vive, ricca o misera che sia, perchè altrimenti invece di essere obiettivi si finisce per ragionare in modo falsato e condizionato dalla propria situazione...e cioè in un modo estremamente lontano dalla realtà secondo cui l'altolocato ti dirà che tutto è figo, mentre quello in difficoltà ti dira che c'è crisi e se la muore lì con questa frase del caz.

Non credo sia la sede più opportuna per parlarne, ma sono convinto che vi sia una netta distinzione tra la percezione soggettiva di una serie di difficoltà e la reale situazione economica che ci circonda, che può essere giusta ed ingiusta, anomala e conformista, innovativa e ancorata a cose inutili, negativa e positiva assieme, ma tutto tranne che in crisi!

Comunque la Lp Axcess secondo me è un gran chitarrone :-)
Ti cito quasi testualmente il professor Cardani, direttore del Bachelor Of International Economics, Management and Finance dell'università Bocconi, in cui insegna Microeconomia. A suo dire il concetto di crisi è palesemente relativo. Si può parlare di crisi quando vari fattori di un periodo in questione (PIL più basso, reddito pro-capite più basso, tasso occupazionale più basso, debito del Paese più alto....) subiscono una variazione negativa rispetto al ciclo immediatamente precedente. Sempre a suo dire (e questo va a buon senso) è stupido parlare di periodo superiori a 2 cicli (tu citavi la Grande Depressione) in quanto raramente le persone effettivamente in vita saranno le stesse. La crisi è percepita quando il livello di vita a cui il soggetto è abituato non può essere mantenuto, e dunque egli non è più in grado di soddisfare i propri bisogni. Insomma, la tua analisi è un po' troppo di ampio respiro, l'importante qui non è rendersi conto che stiamo meglio del Medioevo e darci le pacche sulle spalle a vicenda, è analizzare la situazione per ripristinare la situazione che c'era fra il 2000 e il 2008.... senza ovviamente tutte le speculazioni e le boiate che hanno portato a questa crisi, ma chissà, si sa che l'uomo è scemo e raramente impara dai propri errori.

Per la Axcess invece sono perfettamente d'accordo: era uno strumento che in casa Gibson mancava..... persino io che trovo la LP perfetta così come è, sbavo per la versione senza Floyd Rose!
Gibson Les Paul Standard 2008 Honeyburst
Fender Telecaster American Standard (Black)
Takamine Santa Fè TAC11C
Cort Kx Custom
Marshall JCM 2000 TSL602
Fender Blues Junior III
Ibanez Tube Screamer TS808HW Hand Wired
Marshall MS-4 Microstack
Zoom g7.1ut Guitar Effects Console
Boss MD-2 Mega Distortion
Boss CS-3 Compression Sustainer
Line 6 Pod 2.0


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti