scale e assoli

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Rispondi
lunatico575
Principiante
Principiante
Messaggi: 42
Iscritto il: 01 ott 2006, 10:35
Località: bergamo

scale e assoli

Messaggio da lunatico575 » 20 mag 2009, 21:12

ciao ragazzi, ho un enorme problema (x me che sono un pivello a 34 anni):
ora che ho imparato i sette modi della scala maggiore, non so proprio come utilizzarli per creare un riff o un'assolo...
mi spiego...sono in tonalità di DoM, quindi abbiamo questo ipotetico giro: Do-rem-mim-Fa-Sol...arriva il momento dell'assolo, cosa faccio? utilizzo solo il modo di DoM e/o il relativo di lam, oppure sto su DoM, poi rem, poi mim ecc...?
oppure ditemi voi...
p.s aiuto disperato


Avatar utente
Mirko
Maestro
Maestro
Messaggi: 1242
Iscritto il: 08 nov 2006, 22:35

Re: scale e assoli

Messaggio da Mirko » 20 mag 2009, 22:19

su quegli accordi fai un assolo utilizzando le sette note della tonalità.

Che significa utilizzare uno dei modi suonando un assolo?

Forse intendi utilizzare le posizioni dei pattern (box) corrispondenti ai modi?

Tu puoi utilizzare tutti i pattern che suonano le note della tonalità di Do maggiore, su tutto il manico da cima a fondo.


Dimmi se ho capito :ciauz:
Immagine
Sabry Immagine

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: scale e assoli

Messaggio da darkfender » 21 mag 2009, 08:41

non basta sapere i pattern ._.

per diventare bravo con i modi devi:

studiare a memoria lo schema delle alterazioni.
Ovvero le differenze di ogni scala modale rispetto alla minore o alla maggiore (a seconda di quella che è più vicina).

Ad esempio il modo frigio è un modo minore con anche la seconda abbassata di un semitono.....quindi quando passi da quella seconda si sentirà la sonorità frigia.

Inoltre sapendo che quella nota è abbassata di un semitono saprai che non potrai usarla su accordi che abbiano quella seconda non abbassata.





Poi vedrai che pian piano riuscirai a ritrovarti sulle posizioni studiate.

Il problema è che suonare modale vuol dire spostare tutti i gradi della scala....quella che con la diteggiatura naturale era una tonica magari diventa una quarta chessò....
Per questo non si riescono a suonarle ad orecchio, viceversa sapendo sempe la nota da spostare rispetto alla scala vicina, non ti crea questo problema perchè salvo una nota o 2 (che tralaltro sai in partenza che danno la sonorità modale) tutte le altre rimangono al loro posto (la tonica rimane tonica, la quinta rimane quinta etc).

Questo perchè come sai ci sono note di riposo (tonica quinta etc) e note di passaggio (sesta seconda etc) dove è meglio non fermarsi tra una battuta e l'altra.

all'inizio è difficile :)
ma alla lunga risparmi tempo e non poco.


P.S. per sapere quali scale puoi usare invece puoi usare l'armonizzazione della scala che ti dà una serie di accordi...se l'accompagnamento ha quegli accordi sai che puoi usare quella/quelle scale che armonizzati li contengono.

Avatar utente
Mirko
Maestro
Maestro
Messaggi: 1242
Iscritto il: 08 nov 2006, 22:35

Re: scale e assoli

Messaggio da Mirko » 21 mag 2009, 21:06

Non credo voglia diventare bravo con i modi per ora
Immagine
Sabry Immagine

lunatico575
Principiante
Principiante
Messaggi: 42
Iscritto il: 01 ott 2006, 10:35
Località: bergamo

Re: scale e assoli

Messaggio da lunatico575 » 22 mag 2009, 10:23

bene, su quello so che è meglio usare un modo piuttosto che un'altro visto che magari l'accordo sul quale si suona può essere di settima ecc...
quello che mi chiedevo io era se in un giro di DoM devo usare la DoM o max la sua relativa lam, oppure se ad ogni accordo del giro dovevo usare ora un modo minore xè l'accordo è minore e poi un modo maggiore xè l'accordo è maggiore...
vi spiego...ho preso lezione da un "maestro" fino a circa tre anni fa e per circa due anni,mi ha messo in testa solo una gran confusione...
grazie


Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: scale e assoli

Messaggio da darkfender » 22 mag 2009, 11:02

DoM (Maggiore?)

è composto da DO-MI-SOL

ora se conosci il circolo delle quinte sai che puoi usare tutte le scale che cntengano quelle note.
Chiaro che si entra in una questione complessa, ovvero tonale VS modale.


Tu stai facendo una domanda la cui risposta sarebbe un libro intero perdonami ._. la domanda è quasi semplice la risposta chiede basi teoriche che non sappiamo in quale misura tu abbia (magari se ci dai più dettagli...)

Io potrei consigliarti (se ti piace il metal melodico anni 80 e ti serve un libro di tecnica divertente oltre che di teoria) il metodo:
Heavy metal Lead Guitar Vol2

La prima parte è sui modi.

ma ti avviso che tecnicamente è una brutta bestia....chiede una manualità non da poco.


oppure gli schemi qua:
http://it.wikipedia.org/wiki/Modo_musicale
o qua (dove spiega le alterazioni)
http://www.theguitarwizard.com/scale_modali.html



certo che la base minima è conoscer bene il circolo delle quinte, e l'armonizzazione delle scale. (quindi prima dei modi saper improvvisare con scale maggiori e minori naturali e sapere sempre quale usare).



P.S: i modi sono una cosa complessissima da aver chiara in testa, una volta che si accende la lampadina diventano semplicissimi, ma prima è il caos


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti