Rock Neoclassico

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Rispondi
Y. Malmsteen
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 135
Iscritto il: 05 set 2006, 16:35

Rock Neoclassico

Messaggio da Y. Malmsteen » 12 nov 2006, 18:07

E' un tipo di rock che mi piace da matti, ma sul web ho trovato solo poche informazioni. So che la scala più utilizzata è la minore armonica, ma oltre a questo nn conosco nient'altro. Qualcuno potrebbe aiutarmi?

PS: sarei molto felice se su neesk ci fosse una sez dedicata al rock neoclassico :P


Angy87
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 64
Iscritto il: 17 giu 2006, 19:28
Località: Moncalvo
Contatta:

Messaggio da Angy87 » 12 nov 2006, 19:13

Meriti risposta già solo per il nick. CHe dire uno stile che amo ormai da mesi e mesi, che studio volentieri e piu lo studio più mi affascina.

Scontento della solita sonorità pentatonica ho cercato qualcosa di più imbattendomi appunto in questo stile.
Anzitutto, come hai detto tutto la scala madre del neoclassicismo è la scala minore armonica, questa scala confronto ad altre tipicamente usate nel hard rock cioè la pentatonica e la maggiore, offre delle possibilità in piu.

Oltre alla scala, le frasi NC hano un sapore triadico ( nn so che altro termine usare) e vengono usati molto anche gli arpeggi in sweep picking. Gli arpeggi vengono solitamente usati in questa scala o in generale nelle sonorità minori, perchè nelle sonorità maggiori hanno disegni sul manico spesso troppo larghi. nel caso del ciccione svedese, prevale la presenza di arpeggi minori, diminuiti, semidiminuiti di settima o mix fra arpeggi e note della scala ( alttro..). Un esempio dell'utilizzo di questi arpeggi lo puoi trovare in fire e ice di malmsteen.

Altra tecnica molto usata nelle frasi classiche è il pivot, una nota cardine che viene affiancata invece a note variabili, un esempio di questa tecnica è l'inizio di ship of fools sempre di malmsteen o cliffs of dover di eric jhonson.

Diciamo che il grande pubblico ignora la presenza di questa scala anche nelle canzoni più comuni, infatti è una scala che genera accordi con sonorità tristi.

Tralasciando per un attimo la teoria musicale, ti consiglio di ascoltare oltre a mlamsteen anche autori come Vinnie moore e Jason becker, che al contrario di altri hanno saputo ricavare da questo modo di suonare tecnica proprie moltissimi altri sono copioni appunto di questi tre.

La scala minore armonica ha delle ditteggiature abbastanza scomode, confronto alle maggiori e quindi secondo me richiede uno studio molto attento e molto ingenio. Lo stesso malmsteen spesso su alcune frasi passa su note che NON fanno propio parte della M.a ma ci passa in velocità oppure sono quinte bemolli che niente hanno a che fare con il neo classico ma ci stanno cmq, li è tutto ingenio.

Ritornando al discorso degli arpeggi, ci sono vari modi di affrontare questo argomento e i pià virtuosi hanno saputo adattare le tecniche più disparate:

sweep: ottimizza la pennata, specie per ripetizioni cicliche ascendenti e discendenti. é una pennata a senso unico ( malmsteen, vinnie moore, jason backer)
tapping: tutte le tre note della triade sistemate sulla stessa corda( greg howe)
strink skip: (salto di corda) vengono saltate alcune corde per suonare note molto distanti fra di loro ( gilbert soprattutto)

queste sono tre tecniche per fare gli arpeggi.


Questo ti indirizza più o meno su cosa devi sentire per avvicinarti al genere e quali cose devi saper fare a dovere.

Per avere una visione più ampia del concetto, ascolta LE STESSE cose che hanno influenzato i chitarristi neo classici e quindi fai come ha fatto il ciccione, archivia i dischi dei Deep purple e metti ad ascoltare Bach, vivaldi, paganini e co.

Infine nn per essere di parte ma il perfezionatore di alcune ditteggiature della minore armonica lo si deve a malmsteen molto di quello che riguarda quetso stile lo si deve a lui.. Con i giusti accorgimenti quando i più sentiranno una matassa di note sparate una infila all'altra, tu sentirai l'assenza di questo stile che ha fatto il botto spece negli anni 80...

POI...

Un consiglio personale, io ho cominciato ad imparare cose dello stile neo classico che si potevano adattare più o meno alle scale che già so, ossia arpeggi maggiori e arpeggi minori. Molti di questi arpeggi hanno disegni complessi e richiedono grande manualità con lo sweep picking per cui, prendi solo le ultime tre corde e prima esercitati su quelle.. Onde evitare di avere delusioni. Il pivoting è gradevole anche su minori nanturali e maggiori, imparalo è divertente da fare.

Altra cosa, essendo che ti piace malmsteen, il mondo del ciccione è il mondo del ciccione e molte delle sue frasi funzionano nel suo modo, e non negli altri stili. Lui si è costruito giri di accordi dove può fare quello che vuole, per interderci nn aspettarti di poter mettere una minore armonica su qualunque pezzo o un arpeggi diminuito dove vuoi.

Bom.. più o meno quello che so è solo questo, quando imparerò altro sarò felice di scriverlo

Y. Malmsteen
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 135
Iscritto il: 05 set 2006, 16:35

Messaggio da Y. Malmsteen » 18 nov 2006, 15:31

1. Ti ringrazio per la spiegazione :D
2. Potrei avere dei video e degli eserci riguardo sweep picking ed arpeggio?
3. Qual'è la differenza tra arpeggi maggiori e minori?

PS: ascolto moltissima musica classica :P

Angy87
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 64
Iscritto il: 17 giu 2006, 19:28
Località: Moncalvo
Contatta:

Messaggio da Angy87 » 19 nov 2006, 17:57

http://www.youtube.com/watch?v=p77jM9cwgBk

questo è il video
tengo a precisare che sono cose gia di una certa complessita, anche quei primi tre che fa all'inizio, richieodno gia una buoan dimistichezza con la tecnica dello sweep.

La differenza e che gli arpeggi maggiori, sono arpeggi di accordi maggiori, i minori contengono note di accordi minori.
Tutto qua, neo neoclassicismo i minori sono i più usati

ad esempio

do maggiore

do mi sol

do minore

do mib sol

come vedi cambia la terza nota, la terza è la nota che decide se l'accordo è minore o maggiore.

In arpeggi di questo tipo, sono 3 note interessate all'arpeggio logicamente trasportate su piu forme e su piu ottave.
In caso di arpeggi di settimane e nona ad esempio invece di 3 note ne avrai 5, questo complichera notevolmente l'esecuzione dell'arpeggio

dudu junior
Maestro
Maestro
Messaggi: 1184
Iscritto il: 29 dic 2006, 09:34
Località: Venezia

Messaggio da dudu junior » 12 gen 2007, 00:32

malmsteen volevi sapere che differenza c'e' tra un maggiore e un minore prova a fare con la chitarra un accordo di la e poi fallo minore senti il cambiamento tra questi due modi di fare la


Avatar utente
RAFE
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 183
Iscritto il: 02 gen 2007, 15:43
Contatta:

Messaggio da RAFE » 12 gen 2007, 11:30

Angy87 ha scritto:Lui si è costruito giri di accordi dove può fare quello che vuole, per interderci nn aspettarti di poter mettere una minore armonica su qualunque pezzo o un arpeggi diminuito dove vuoi.
Più che costruitoi diciamo che parte tutto da una base teorica...
La Scala minore armonica altro non è che una minore noaturale con il settimo grado elevato di un semitono (#).
Per intenderci usiamo qualla di LA che non ha alterazioni
LA min Naturale
LA SI DO RE MI FA SOL
LA Min Armonica
LA SI DO RE MI FA SOL#

Il sapore "classico" è dato proprio dalla #7 che lascia tutto in "sospeso" quando la si suona e porta chiaramente a risolvere tutto sulla Tonica che sta solo un "tasto" più avanti.

Questa scala è utile effettivamente in contesti di questo tipo perchè gran parte delle progressioni neoclassice terminano con il 5° grado in questo caso un accordo MI7 su cui in "teoria" dovresti suonare una scala misolidia (Ossia una maggiore con il 7° grado minore).
Ecco la scala misolidia di MI :
MI FA# SOL# LA SI DO# RE

La minore armonica di LA è "furba" perchè suonata su questo accordo contiene tutti gli elementi caratteristici dello stesso, ossia MI SOL# SI RE (Tonica, terza mag, 5 giusta e 7 minore)
In questo caso la #7 della minore armonica è la terza maggiore di MI e la 7 maggiore di MI è la 5 di LA ...perciò questa scala è la migliore per "rendere" questo contesto....
Se suoni la minore naturale non hai problemi a patto di non inserire un MI7 perchè in questo caso la settima minore di mi risulta come 5 bemolle di La che è una bella dissonanza....usa semplicemente un MI maggiore

dudu junior
Maestro
Maestro
Messaggi: 1184
Iscritto il: 29 dic 2006, 09:34
Località: Venezia

Messaggio da dudu junior » 14 gen 2007, 13:37

e non solo scale minori maggiori diciamo pure che lo stile malmsteeniano usa anche la cromatismi, percio' oltre alle scale classiche eanche qualche posizione classica buttati anche nelle cromatiche

Ktulu
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 78
Iscritto il: 16 ott 2008, 12:03
Località: Aversa
Contatta:

Re: Rock Neoclassico

Messaggio da Ktulu » 10 mar 2011, 13:08

salve, gente, riuppo questo topic perchè pur non amando per niente la musica di Malmsteen sono molto attratto da questo tipo di chitarrismo, e volevo chiedervi se esiste un qualche metodo specifico per questo stile!

grazie!
I play my role,
I play my songs,
I play this game,
I play


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti