quanti accordi...

Di tutto di più sul suonare la chitarra
kalimero
Esperto
Esperto
Messaggi: 506
Iscritto il: 19 feb 2007, 17:53
Località: provincia di Bergamo

Messaggio da kalimero » 30 ago 2007, 18:12

ma200360 ha scritto:
Allora, prendiamo ad esempio un B7/9, così non ci sono corde a vuoto:

X---2
0---2
0---2
0---1
0---2
0---2

Le note sono F# B D# A C# F#, dove B, D# e F# sono la triade maggiore, A è la settima e C# la nona. Non esistono gli accordi di 2a !
:tilt: :tilt: :tilt: Ma per suonare un accordo simile, buon zio Ma.... devo usare anche le dita dei piedi?????? :tilt: :tilt: :tilt:
Hey Joe, where you going with that gun in your hand?


Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Messaggio da ma200360 » 30 ago 2007, 18:42

Ma no ! Bastano indice, medio e anulare ! L' anulare fa il barré sulle prime 3 corde, l' indice diteggia il B sulla quarta corda, e il medio schiaccia le ultime 2 corde insieme. E' una delle posizioni più comuni, sulla chitarra !
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
silente
Maestro
Maestro
Messaggi: 5493
Iscritto il: 23 apr 2007, 09:53

Messaggio da silente » 31 ago 2007, 00:00

Anche io conosco le regole che hai detto tu Ma per la formazione degli accordi, però negli spartiti quell'accordo lo trovi chiamato come B9 e lo stesso dicasi per il B13:

B13:
0-----4
0-----2
0-----2
0-----1
0-----2
X-----(senza rivolto)

non li trovi mai chiamati come B7/9 e B7/13 eppure la 7a c'è in tutti e due (la). Secondo la regoletta basterebbe aggiungere nel B9 il reb e il lab nel B13. Ne ho parlato proprio perchè è una cosa che non mi ha mai convinto tanto. L'altro ragionamento che ti ho fatto (dove mi hai bacchettato che non esistono accordi 2a :Very Happy: ) era questo:

-Accordo B9 =>qual'è la 9a del si maggiore? il re bemolle. Il re bemolle è anche il 2° grado (seconda nota) della stessa scala (si maggiore). Dunque se fai un accordo di si maggiore che ha una settima e una seconda (entrambe a prescindere dall'ottava in cui le prendi) è un accordo nono (7+2=9).

-Accordo B13=>qual'è la 13a del si maggiore? il la bemolle. il la bemolle è anche il 6° grado (sesta nota) della stessa scala (si maggiore). Dunque se fai un accordo di si maggiore che ha una settima e una sesta è un accordo tredicesimo (7+6=13).

Potrebbe anche essere una coincidenza matematica, ma è il risultato di una spremuta di cervello derivante dal fatto che negli spartiti quegli accordi io li trovo con quei nomi e la loro costruzione scontra con la "regoletta".
Spero si capisca quello che volevo dire.... :dubbioso:
:ciauz:

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Messaggio da ma200360 » 31 ago 2007, 17:01

silente ha scritto:Anche io conosco le regole che hai detto tu Ma per la formazione degli accordi, però negli spartiti quell'accordo lo trovi chiamato come B9 e lo stesso dicasi per il B13:

B13:
0-----4
0-----2
0-----2
0-----1
0-----2
X-----(senza rivolto)

non li trovi mai chiamati come B7/9 e B7/13 eppure la 7a c'è in tutti e due (la). Secondo la regoletta basterebbe aggiungere nel B9 il reb e il lab nel B13. Ne ho parlato proprio perchè è una cosa che non mi ha mai convinto tanto. L'altro ragionamento che ti ho fatto (dove mi hai bacchettato che non esistono accordi 2a :Very Happy: ) era questo:

-Accordo B9 =>qual'è la 9a del si maggiore? il re bemolle. Il re bemolle è anche il 2° grado (seconda nota) della stessa scala (si maggiore). Dunque se fai un accordo di si maggiore che ha una settima e una seconda (entrambe a prescindere dall'ottava in cui le prendi) è un accordo nono (7+2=9).

-Accordo B13=>qual'è la 13a del si maggiore? il la bemolle. il la bemolle è anche il 6° grado (sesta nota) della stessa scala (si maggiore). Dunque se fai un accordo di si maggiore che ha una settima e una sesta è un accordo tredicesimo (7+6=13).

Potrebbe anche essere una coincidenza matematica, ma è il risultato di una spremuta di cervello derivante dal fatto che negli spartiti quegli accordi io li trovo con quei nomi e la loro costruzione scontra con la "regoletta".
Spero si capisca quello che volevo dire.... :dubbioso:
:ciauz:
Tutto giusto. Ma, a parte il fatto che spesso sugli spartiti trovi B7/9, proprio perché dedicati ai chitarristi (che sono ignoranti, in linea di massima), hai ragione a dire che la 7 dovrebbe essere sempre "compresa nel prezzo", cioè sottintesa, nella costruzione degli accordi alterati. Il problema è che di solito i chitarristi, se leggono B9, faranno una quadriade B D# F# C#, e nessuno andrà a pensare alla settima (se lo fai in 7a posizione) !

Anche il ragionamento della 2a-9a è giusto, ma se tu fai un accordo con questo tipo di alterazione, bisognerà che l' alterazione si senta "in punta" all' accordo; proiva a immaginare di suonare contemporaneamente su una tastiera B C# D# F# A (quindi trattando il C# cone 2a), verrà fuori un suono da marasma ! Se viceversa lo suoni facendo sì che la nota C# sia la nota più acuta (quindi B D# F# A C#), l' accordo sarà più intellegibile. E' per questo che si parla di 9a e di 13a.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
silente
Maestro
Maestro
Messaggi: 5493
Iscritto il: 23 apr 2007, 09:53

Messaggio da silente » 31 ago 2007, 17:16

Beh...sarà che hai vecchietti come me gli accordi senza settime, diminuite e aumentate fanno venire il voltastomaco...W il jazz e il blues (e anche la bossa)... :Very Happy: :ciauz:


Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Messaggio da ma200360 » 31 ago 2007, 19:11

silente ha scritto:Beh...sarà che hai vecchietti come me gli accordi senza settime, diminuite e aumentate fanno venire il voltastomaco...W il jazz e il blues (e anche la bossa)... :Very Happy: :ciauz:
CALMA !!!!! Qui gli unici vecchiardi VERI, autentici, garantiti siamo io e nonno Bruno (Kalimero). Non cerchiamo di usurpare i titoli, eh ?!

E comunque, hai ragione, succede a tutti.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

kalimero
Esperto
Esperto
Messaggi: 506
Iscritto il: 19 feb 2007, 17:53
Località: provincia di Bergamo

Messaggio da kalimero » 04 set 2007, 11:32

ma200360 ha scritto:
CALMA !!!!! Qui gli unici vecchiardi VERI, autentici, garantiti siamo io e nonno Bruno (Kalimero). Non cerchiamo di usurpare i titoli, eh ?!

Sacrosante parole, caro Maurizio; 'sti ragazzini hanno una fretta di diventare vecchi !!! Calma, ci arriverete anche voi, purtroppo !

A proposito di quegli accordi, mi ci ero imbattuto qualche tempo fa mentre seguivo un manuale sulla chitarra blues e dopo qualche tentativo, avevo risolto il problema..... voltando pagina. Con la tua spiegazione riproverò una di queste sere.
Hey Joe, where you going with that gun in your hand?

Avatar utente
Frank Flicker
Maestro
Maestro
Messaggi: 5930
Iscritto il: 10 mag 2007, 13:39
Località: bergamo/brescia

Messaggio da Frank Flicker » 05 set 2007, 13:09

kalimero ha scritto:

Sacrosante parole, caro Maurizio; 'sti ragazzini hanno una fretta di diventare vecchi !!! Calma, ci arriverete anche voi, purtroppo !

A proposito di quegli accordi, mi ci ero imbattuto qualche tempo fa mentre seguivo un manuale sulla chitarra blues e dopo qualche tentativo, avevo risolto il problema..... voltando pagina. Con la tua spiegazione riproverò una di queste sere.
:Very Happy:

Avatar utente
RAFE
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 183
Iscritto il: 02 gen 2007, 15:43
Contatta:

Re:

Messaggio da RAFE » 09 set 2007, 04:22

david_metal...x-6 ha scritto:il problema è che non so come si formano quindi devo impararli per forza
Mai Cxxxxta fu di cotante dimensioni... :Very Happy:
Fai molta meno fatica a impararti la teoria ADESSO e guardare il libro dopo....

La frase "Posso usare il bagno" sai benissimo che puoi usarla in un bar ma sai anche che se ti scappa non entri in casa di uno per chiederglielo...
Per gli accordi è uguale...puoi sapere come si fanno ma se non sai perchè li fai e dove collocarli O sei un genio O farai solo una fatica infame...la chitarra non è la storia....non serve impararla a memoria...
Procurati un libro tipo la "grammatica della musica" di Otto Karolj edito da Einaudi...Lui se la tira un pò...ma le cose le spiega bene....se ho capito io ce la fa chiunque :Very Happy:


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti