Perchè il mio libro "Scale!" ha le diteggiature diverse?

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Rispondi
Raciti
Nuovo nel Forum
Nuovo nel Forum
Messaggi: 4
Iscritto il: 08 set 2014, 13:35

Perchè il mio libro "Scale!" ha le diteggiature diverse?

Messaggio da Raciti » 10 set 2014, 13:29

Allora, possiedo il libro "Scale!" di Umberto Fiorentino, sono rappresentate tutte le diteggiature delle scale, ad esempio, scala maggiore ci sono diteggiautre base, 2 suoni per corda, 3 suoni per corda, 4 suoni per corda ecc, ma i box sono tutti sballati, ad esempio, la scala pentatonica maggior emi mostra i box in questo modo:
Immagine

Come potete vedere, la prima diteggiatura corrisponde al box 4 delle diteggiature che si trovano in rete, anche qua sul forum , ed anche a quelle che mi ha mandato "Boma" anche il secondo box, corrisponde addirittura al QUINTO delle normali diteggiature, e parte dal dodicesimo tasto

li sono espresse in tonalità di do, e la tonica si trova in mezzo al manico, non alla prima nota della sesta corda, e quindi non sapevo come fare per cambiare tonalità visto che li come tonica non prende quella alla sesta corda. Non so, magari faccio confusione io, o magari no


Avatar utente
BrianSetzer85
Maestro
Maestro
Messaggi: 3373
Iscritto il: 23 dic 2009, 18:19
Contatta:

Re: Perchè il mio libro "Scale!" ha le diteggiature diverse?

Messaggio da BrianSetzer85 » 10 set 2014, 15:17

Ciao!
Innanzitutto le diteggiature che posti sono corrette, una scala non deve necessariamente partire dalla tonica sulla sesta corda, ma se fai caso, i vari box pentatonici partono da ognuna delle 5 note che compongono la scala pentatonica, ovvero 1°-2°-3°-5°e 6° grado.
Ognuno dei box o "pattern" pentatonici sono identificati da un numero, ad es. "1° box o pattern", "2° box...", eccetera, in una numerazione che varia in base a chi scrive il libro o il metodo. Puoi chiamarli 1-2-3-4-5 (come sul libro di Fiorentino) o A-B-C-D-E, nell'ordine che vuoi, ma i box sono sempre quei cinque che sono riportati sul libro. Ovviamente i box di pentatonica maggiore e minore sono gli stessi, le note e le alterazioni in chiave sono sempre quelle: la scala minore naturale può essere ottenuta da quella di Do maggiore iniziando da una terza minore sotto il Do, cioè dal La, oppure, in parole più semplici, prendendo come tonica il 6° grado della scala maggiore (sempre mantenendo le stesse alterazioni in chiave!!!). Ad esempio:

Scala di Do maggiore: do (I° grado) re (II° grado) mi (III°) fa (IV) sol (V) la (VI) si (VII) do (VIII - ottava)
La relativa scala di La minore naturale è la stessa, ma la tonica è il 6° grado della relativa maggiore, il la: la (I) si (II) do (III) re (IV) mi (V) fa (VI) sol (VII) la (VIII)

Altro esempio:
Scala di Re maggiore: re mi fa# sol la si (VI° grado) do# re
Scala relativa minore = Si minore: si (I° grado, diventa la tonica della relativa minore) do# re mi fa# sol la si


Per cambiare tonalità è semplice. Prendi ad esempio il box classico di pentatonica di La minore:

Mi---5---8----
Si----5---8----
Sol---5---7----
Re---5---7----
La---5---7----
Mi---5---8----

La nota di "partenza" è il 5° tasto della corda di Mi basso, che è un La (in questo caso, essendo in tonalità di La minore, si parla di 1° grado, ovvero "tonica"). Se vuoi trasporre questo pattern in Sol minore, basta che sposti tutto di un tono in giù, ritrovandoti con la tonica (in questo caso il Sol) sul 3° tasto ovvero:

Mi---3---6----
Si----3---6----
Sol---3---5----
Re---3---5----
La---3---5----
Mi---3---6----

Mentre, se vuoi suonare questo pattern in Si minore, basta che trasponi tutto di un tono sopra (partendo dal 7° tasto, un si):

Mi---7---10----
Si----7---10----
Sol---7---9----
Re---7---9----
La---7---9----
Mi---7---10----

Questo discorso vale per tutti i 5 box pentatonici, ovviamente. Conoscere le distanze (intervalli) tra i gradi delle scale maggiore e minore è fondamentale per sapere come spostarsi sul manico. All'inizio puoi prendere come riferimento la corda del mi basso per effettuare gli spostamenti di tonalità, poi, con la pratica, arriverai a spostare le tonalità anche prendendo il riferimento sulle altre corde.
Spero di essere stato chiaro e d'aiuto! Se hai bisogno chiedi pure! :esatto:

P.S. Un consiglio: anche io agli inizi acquistai il Libro di Fiorentino ma non devi memorizzare tutte le forme delle scale che vi sono riportate, è un inutile sforzo mnemonico e rischieresti poi di rimanere vincolato ai "box" proposti. Le scale vanno sapute ricavare partendo prima dalla conoscenza delle pentatoniche e poi delle scale (in entrambi i casi, sia maggiori che minori) a 3 note per corda, andando ad apportare le alterazioni necessarie (ad es. passando dalla scala minore naturale alla scala minore armonica). Basilare è sapere a memoria i 5 box pentatonici (in realtà sarebbero 6, manca il box a corde aperte, ma puoi ricavarlo dall'ultimo box in basso dell'immagine che hai postato, quello che parte dal 12° tasto) e i 5 box a tre note per corda, che sono costruiti sui 5 box pentatonici semplicemente aggiungendo una nota per corda. So che magari ti ho scritto delle ovvietà, ma è bene non dare mai nulla per scontato. :ciao:
We're gonna rock this town, Rock it inside out
We're gonna rock this town, Make'em scream and shout
Let's rock, rock, rock, man, rock
We're gonna rock till you pop, We're gonna rock till you drop
We're gonna rock this town, Rock it inside out

Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti