Pentatonica....irriducibile o...

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Rispondi
mark
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 121
Iscritto il: 19 mar 2007, 14:46

Pentatonica....irriducibile o...

Messaggio da mark » 06 mag 2008, 09:33

Non vorrei suscitare critiche o altro...ovviamente in musica i gusti la fanno da padrone, come in qualsiasi altra forma d'arte...e io vorrei approfondire in maniera seria l'argomento pentatonica.

Ho studiato due anni con un maestro, penta maggiore, minore, blues, scala maggior e modi...ma, come ben sapete tutti quanti, è inutile imparare 3000 scale...Le scale vanno metabolizzate, altrimenti non suonano, sono solo un'accozzaglia di note che stanno bene insieme.

Ora, sono un amante folle del blues e poi dell'hard rock, quindi vorrei approfondire in maniera seria il discorso pentatonica.
E' la scala con cui ho più dimestichezza, vuoi perchè è facilè, ma comunque quando improvviso con quella canto con la chitarra...se uso i modi suono matematico e non mi diverto.

Che mi dite a proposito???
In particolare modo mi interessano i campi di applicazione(ad esempio suono la penda minore di E su un blues in E, ma la posso usare anche per? cioè relazioni e sostituzioni???); ovviamente esercizi, lick tecniche ecc...e modi di composizione dei soli...

Scusate se sono stato prolisso, ma è un argomento che mi sta a cuore...
rock 'n roll forever...


Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Pentatonica....irriducibile o...

Messaggio da darkfender » 06 mag 2008, 12:17

se parli di sostituzioni tanto vale che studi magari anche le altre scale minori e maggiori e le armonizzazioni delle stesse così saprai sempre quali scale usare e dove.
Per la questione matemantica o meccanica è normalissimo è una tappa dove più o meno tutti passano.
Quando credi di avere abbastanza dimestichezza puoi fare 2 tipi di esercizi ugualmente importanti.

1) analizzare e suonare brani dove le stesse vengono applicate in modo da comprendere come i vari musicisti le usano e i loro lick preferiti.

2) pensare una melodia sulla scala prendere la chitarra e suonarla...pian piano diventerà normale improvvisazione in tempo reale.


P.S. per esempio se ti piace il blues sappi che hai 3 scale sempre a disposizione:
Maggiore blues
Minore Blues
Dorica

Cmq normalmente dal giro di accordi puoi facilmente dedurre quali scale usare e dove, ma questo richiede un minimo di studio di armonia.

TEMPERATURA
Nuovo nel Forum
Nuovo nel Forum
Messaggi: 2
Iscritto il: 18 mag 2008, 12:23

Re: Pentatonica....irriducibile o...

Messaggio da TEMPERATURA » 18 mag 2008, 12:30

darkfender ha scritto:se parli di sostituzioni tanto vale che studi magari anche le altre scale minori e maggiori e le armonizzazioni delle stesse così saprai sempre quali scale usare e dove.
Per la questione matemantica o meccanica è normalissimo è una tappa dove più o meno tutti passano.
Quando credi di avere abbastanza dimestichezza puoi fare 2 tipi di esercizi ugualmente importanti.

1) analizzare e suonare brani dove le stesse vengono applicate in modo da comprendere come i vari musicisti le usano e i loro lick preferiti.

2) pensare una melodia sulla scala prendere la chitarra e suonarla...pian piano diventerà normale improvvisazione in tempo reale.


P.S. per esempio se ti piace il blues sappi che hai 3 scale sempre a disposizione:
Maggiore blues
Minore Blues
Dorica

Cmq normalmente dal giro di accordi puoi facilmente dedurre quali scale usare e dove, ma questo richiede un minimo di studio di armonia.

potresti specificarmi in che modo si usa la dorica nel blues... la dorica mi piace molto, ma pur sapendo che si può usare nel blues, così come si usa la scala diminuita o misolidia, non capisco bene come si dovrebbe utilizzare, nel senso che per esempio in una classica progressione E - A - E - B - A -E - la scala dorica dove la dovrei usare? sul E? sul A? soprattuto vorrei capire se per scala intendi proprio la scala dorica di E costruita sul F# oppure si intende la scala dorica che parte dal E... non credo perchè la tonalità sarebbe un'altra...

Avatar utente
David
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5952
Iscritto il: 07 apr 2006, 22:11
Località: Villafrati (Pa)

Re: Pentatonica....irriducibile o...

Messaggio da David » 18 mag 2008, 20:51

TEMPERATURA ha scritto:
potresti specificarmi in che modo si usa la dorica nel blues... la dorica mi piace molto, ma pur sapendo che si può usare nel blues, così come si usa la scala diminuita o misolidia, non capisco bene come si dovrebbe utilizzare, nel senso che per esempio in una classica progressione E - A - E - B - A -E - la scala dorica dove la dovrei usare? sul E? sul A? soprattuto vorrei capire se per scala intendi proprio la scala dorica di E costruita sul F# oppure si intende la scala dorica che parte dal E... non credo perchè la tonalità sarebbe un'altra...
:welcome:

Avatar utente
vittopascu
Esperto
Esperto
Messaggi: 481
Iscritto il: 15 nov 2007, 22:22

Re: Pentatonica....irriducibile o...

Messaggio da vittopascu » 18 mag 2008, 22:13

La dorica intesa come scala modale la puoi usare ovunque, ovviamente parti dal mi, fadiesis, soldiesis ecc.
poi a seconda dell'accordo per tenerti sulla melodia cambi il modo della scala modale.... chiaro?
cmq a seconda dell'accompagnamento, sulla pentatonica minore potenzialmente puoi meterci tutti i modi minori mentre su quella maggiore tutti i modi maggiori, dipende se sono in tonalità con l'accompagnamento...
ho bisogno di un'altra dose di blues...
Immagine


TEMPERATURA
Nuovo nel Forum
Nuovo nel Forum
Messaggi: 2
Iscritto il: 18 mag 2008, 12:23

Re: Pentatonica....irriducibile o...

Messaggio da TEMPERATURA » 18 mag 2008, 23:50

le conosco le scale modali, la dorica in particolare è una di quelle che uso di più, ho fatto una domanda diversa, l'utilizzo della scala dorica nel blues visto che io non l'ho mai usata, avendo un suono molto melodico a mio avviso e più adatto ad altri brani latineggianti o cmq melodici... in un blues in mi non credo ci stia bene la mi dorica se sono in tonalità di mi, casomai la fa# dorica che "conserverebbe" la tonalità di mi, almeno credo, ripeto nel blues non l'ho mai usata... per quello chiedevo...

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Pentatonica....irriducibile o...

Messaggio da darkfender » 19 mag 2008, 09:27

la dorica nel blues è molto usata e sta bene su tutti gli accordi del giro a parte l'ultimo forse.
provala vedrai che è molto semplice da usare.

Avatar utente
Bubino
Principiante
Principiante
Messaggi: 34
Iscritto il: 30 apr 2008, 15:59

Re: Pentatonica....irriducibile o...

Messaggio da Bubino » 02 giu 2008, 13:41

Ragazzi mi spiegate la differenza tra pentatonica maggiore e pentatonica minore e il loro utilizzo?

Ho trovato le scale su questo sito
(http://www.tizianoragazzi.com/modules.p ... cle&sid=16)
e non mi sono chiare diverse cose:

1) su una base in una certa tonalità posso suonare queste scale in qualunque posizione o devo tenere conto della tonalità della base su cui improvviso? So che sembra una domanda stupida, ma tempo fa mi hanno detto che le pentatoniche possono essere usate indistintamente in qualsiasi posizione della tastiera su qualsiasi base. Se la risposta è no, mi spiegate brevemente come funziona?

2) i 5 box riportati sul sito possono essere legati tra di loro? Ad esempio mentre improvviso sul primo box, posso passare al secondo quando voglio o devo tenere conto di qualcos'altro? Lo chiedo perchè su ogni box ci sono quei pallini di colore rosso e blu che corrispondono sempre a due tasti della scala successiva.

sono consapevole del fatto che queste possano essere domande stupide, ma non so praticamente niente delle scale. Grazie per le risposte :Very Happy:

Avatar utente
silente
Maestro
Maestro
Messaggi: 5493
Iscritto il: 23 apr 2007, 09:53

Re: Pentatonica....irriducibile o...

Messaggio da silente » 02 giu 2008, 15:04

Bubino ha scritto:sono consapevole del fatto che queste possano essere domande stupide
Non esistono domande stupide se non si conosce la risposta :Very Happy: .
Bubino ha scritto:1) su una base in una certa tonalità posso suonare queste scale in qualunque posizione o devo tenere conto della tonalità della base su cui improvviso?
Devi tenere conto della tonalità del brano, e in base a quella traslare (a dovere) i 5 box (modi) della pentatonica. Per esempio gli schemi del link sono riferiti alla pentatonica di Do maggiore (e La minore visto che sono la stessa cosa), al di fuori di queste due tonalità non suonerebbero a dovere o non suonerebbero proprio. Se tu volessi suonare in Do# maggiore (o La # minore) dovresti traslare gli schemi di un semitono più in alto.
Bubino ha scritto:2) i 5 box riportati sul sito possono essere legati tra di loro? Ad esempio mentre improvviso sul primo box, posso passare al secondo quando voglio o devo tenere conto di qualcos'altro? Lo chiedo perché su ogni box ci sono quei pallini di colore rosso e blu che corrispondono sempre a due tasti della scala successiva.
Si, sono legati e rappresentano tutte le stesse note della scala, solo in posizioni diverse del manico. Quindi puoi passare da uno schema all'altro senza mai stonare nella tonalità a cui sono riferiti.
Il pallino blu è la nota di partenza (la tonica) se stai suonando nella tonalità minore (nell' esempio del link il La minore), quello rosso la penta maggiore (Do). :ciao:
ImmagineIl Cantagallo Podcast

Avatar utente
Bubino
Principiante
Principiante
Messaggi: 34
Iscritto il: 30 apr 2008, 15:59

Re: Pentatonica....irriducibile o...

Messaggio da Bubino » 03 giu 2008, 14:55

Capisco.. quindi in sostanza pallino blu e quadratino rosso a cosa servono?


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti