Metronomo

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Rispondi
Avatar utente
Genki
Esperto
Esperto
Messaggi: 300
Iscritto il: 18 ott 2006, 20:55
Località: Verucchio

Metronomo

Messaggio da Genki » 07 lug 2007, 19:32

Ciao ragazzi penso che tutti disponiamo di un metronomo, che meccanico chi elettrico o chi sul pc.
Ma avete mai provato a confontarli, dopo un po' viaggiano tutti a tempi diversi!!! :dubbioso:
Ho provato anche con orologi digitali e analogici.

Io ho quello meccanico (possiedo un Taktell) dopo varie cadute secondo voi si potrebbe essere danneggiato?
Voglio dire rischio di allenarmi su tempi sballati (anche di ms) sembra una stupidata ma da quando m'hanno multato perchè sono passato dopo 5millesecondi dal rosso sono divenuto precisino.
Si parla sempre di liutaii per le chitare e il dottore dei metronomi chi è? L'orologiaio?

E' una cosa seria, al tempo ci tengo piu' della mia vita :Very Happy:

:ciauz:


Avatar utente
Frank Flicker
Maestro
Maestro
Messaggi: 5930
Iscritto il: 10 mag 2007, 13:39
Località: bergamo/brescia

Messaggio da Frank Flicker » 07 lug 2007, 19:46

sembrerà strano, ma io il metronomo non l'ho mai usato...
non posso aiutarti!

Avatar utente
Genki
Esperto
Esperto
Messaggi: 300
Iscritto il: 18 ott 2006, 20:55
Località: Verucchio

Messaggio da Genki » 07 lug 2007, 22:14

Beati voi che avete il tempo nel sangue :ciauz:
A me invece serve una dose massiccia di metronomo :pianto:

Avatar utente
paranoid
Maestro
Maestro
Messaggi: 2087
Iscritto il: 30 dic 2006, 01:24
Località: Milano

Messaggio da paranoid » 07 lug 2007, 22:32

Genki ha scritto:Beati voi che avete il tempo nel sangue :ciauz:
A me invece serve una dose massiccia di metronomo :pianto:
nessuno ha il tempo nel sangue.

quando i batteristi non hanno in cuffia il metronomo sbagliano anche loro. e parlo di pofessionisti...

certo, di poco, ma sbagliano anche loro.

il metronomo è importante nell' esercizio solitario, ma quando vai in saletta o inizi un concerto, sono altre le cose su cui bisogna concentrarsi.
prima fra tutte, bisogna bersi un bel bicchiere di umiltà.
secondo bisogna saper ascoltare bene gli altri musicisti e seguirne le inventive e le dinamiche.
terzo, (e sopratutto i chitarristi ne hanno bisogno) non cercare mai di prevalere sugli altri a livello di decibel.

se si vuole suonare da soli c'è sempre casa propria, inutile infastidire altre persone....

il metronomo è importante, ripeto, ma non deve diventare una fissazione.
ci sono alcune canzoni che se vai perfettamente a metronomo non riesci proprio ad interpretarle. e questo perchè gli artisti che le suonano accellerano un tantino, solo in alcuni punti, per dare tiro al pezzo...

esempio:

pride and joy di stevie ray vaughan è stata analizzata al computer perchè è una canzone che pochissimi riuscivano ad interpretare. ad un certo punto perde sempre il tiro, e non si riesce più ad avere l' energia dell' intro. provare per credere.
si è scoperto che è stata studiata da stevie e i double trouble, in modo da aumentare leggermente e impercettibilmente il tempo nei momenti di calo!

aumentare il tempo di poco può sembrare ed è facile, ma tornare al tempo con il quale sei partito è una operazione che richiede anni e anni (se non decenni) di metronomo...

dunque ok al metronomo, ma con aperture anche al resto.

alla fine la resa e la bellezza del pezzo dovrebbe essere sempre l' obbiettivo finale.
Il fatto che non tutti scrivano canzoni non significa necessariamente che ognuno di noi non ne porti una dentro di se.

Avatar utente
Genki
Esperto
Esperto
Messaggi: 300
Iscritto il: 18 ott 2006, 20:55
Località: Verucchio

Messaggio da Genki » 07 lug 2007, 23:42

Certo, il metronomo lo uso solo a casa, in sala seguo il batterista che è un essere umano e se 'sbaglia' è normale (proprio ieri stavamo provando una canzone dei Green Day e andava a palla, gli stavo dietro ma il pezzo era completamente snaturalizzato :Very Happy: )

Cmq la mia domanda è che confrontando diverse apparecchiature (chiamiamole così) dopo un po' nessuno va allo stesso tempo.
Mi sono chiesto se fosse il mio metronomo, sarebbe seccante allenarsi per poi scoprire che i tempi sono tutti sballati.
Ma poi un metronomo meccanico di cosa è fatto?, l'asticella con il pendolo e il "cosino" per scegliere i bpm, dentro è vuoto.


Avatar utente
olong83
Esperto
Esperto
Messaggi: 568
Iscritto il: 06 giu 2006, 13:02
Località: Rovereto (TN)

Messaggio da olong83 » 08 lug 2007, 10:34

Beh all'epoca in cui comprai il mio metronomo, tutti mi sconsigliarono quelli meccanici proprio perché dopo un tot di tempo vanno ritarati, oltre che a essere più costosi.
Penso che un orologiaio di quelli seri (non i gioiellieri) possa ritaralo... ma non so se ti conviene...
Io quando sono a casa uso Guitar pro e in giro ho un piccolo metronomo elettronico pagato 13 euro... secondo me è impossibile che PC e metronomo elettronico sbaglino...

byez
Il successo non mi ha montato la testa, sono sempre quel semplice ragazzo di BETLEMME che tutti conoscono...

Avatar utente
Genki
Esperto
Esperto
Messaggi: 300
Iscritto il: 18 ott 2006, 20:55
Località: Verucchio

Messaggio da Genki » 08 lug 2007, 12:16

Io ho preso quello meccanico perchè era piu' sborone :tilt:
Intuendo pero' anche i rischi (ma poi a lezione usavamo sempre uno meccanico)
Provo a buttarmi su uno elettronico? :ciauz:

Avatar utente
wawo
Maestro
Maestro
Messaggi: 1212
Iscritto il: 07 apr 2006, 23:12
Località: Matera

Messaggio da wawo » 08 lug 2007, 14:01

paranoid ha scritto:
Genki ha scritto:Beati voi che avete il tempo nel sangue :ciauz:
A me invece serve una dose massiccia di metronomo :pianto:
nessuno ha il tempo nel sangue.

quando i batteristi non hanno in cuffia il metronomo sbagliano anche loro. e parlo di pofessionisti...

certo, di poco, ma sbagliano anche loro.

il metronomo è importante nell' esercizio solitario, ma quando vai in saletta o inizi un concerto, sono altre le cose su cui bisogna concentrarsi.
prima fra tutte, bisogna bersi un bel bicchiere di umiltà.
secondo bisogna saper ascoltare bene gli altri musicisti e seguirne le inventive e le dinamiche.
terzo, (e sopratutto i chitarristi ne hanno bisogno) non cercare mai di prevalere sugli altri a livello di decibel.

se si vuole suonare da soli c'è sempre casa propria, inutile infastidire altre persone....

il metronomo è importante, ripeto, ma non deve diventare una fissazione.
ci sono alcune canzoni che se vai perfettamente a metronomo non riesci proprio ad interpretarle. e questo perchè gli artisti che le suonano accellerano un tantino, solo in alcuni punti, per dare tiro al pezzo...

esempio:

pride and joy di stevie ray vaughan è stata analizzata al computer perchè è una canzone che pochissimi riuscivano ad interpretare. ad un certo punto perde sempre il tiro, e non si riesce più ad avere l' energia dell' intro. provare per credere.
si è scoperto che è stata studiata da stevie e i double trouble, in modo da aumentare leggermente e impercettibilmente il tempo nei momenti di calo!

aumentare il tempo di poco può sembrare ed è facile, ma tornare al tempo con il quale sei partito è una operazione che richiede anni e anni (se non decenni) di metronomo...

dunque ok al metronomo, ma con aperture anche al resto.

alla fine la resa e la bellezza del pezzo dovrebbe essere sempre l' obbiettivo finale.
mi mancavano queste "illuminazioni" del buon paranoid :Very Happy: , comunque mi ha incuriosito l'esempio di Pride and Joy...mi sa che la devo ascolare... :ciauz:

Avatar utente
paranoid
Maestro
Maestro
Messaggi: 2087
Iscritto il: 30 dic 2006, 01:24
Località: Milano

Messaggio da paranoid » 08 lug 2007, 15:02

wawo ha scritto:
mi mancavano queste "illuminazioni" del buon paranoid :Very Happy: , comunque mi ha incuriosito l'esempio di Pride and Joy...mi sa che la devo ascolare... :ciauz:
:Very Happy:

ascoltala, è un pezzo che ha un tiro incredibile, ma prova anche ad eseguirla (è molto semplice, uno shuffle su tre accordi in tonalità di mi)

è stata analizzata perchè è uno di quei brani che difficilmente si riesce ad interpretare, l' intro in genere viene perfetto (parlo di chi tenta di riprodurla), parte il cantato e tutto è ok, poi qualcosa cambia, ci si accorge che il brano non ha la potenza con la quale si è partiti, sembra calante e invece il metronomo dice che stai andando benissimo.... è molto difficile riprendere e mantenere il tiro del pezzo su tutta la canzone (in generale).

in effetti sono pochi quelli che riescono a eseguire pride and joy senza farle perdere potenza.... e infatti pochissimi la mettono in repertorio (anche professionisti).

noi, che siamo solo dei dilettanti, l' abbiamo tolta immediatamente, è frustrante rovinare un pezzo così bello. abbiamo anche provato ad aumentare il tempo di pochissimo, ma alla fine non riuscivamo mai a tornare al tempo iniziale..... o correvamo troppo o cercando di ritornare indietro dopo aver aumentato il tempo la rallentavamo troppo provocando un effetto calante che era anche peggio del risultato di suonarla a metronomo.... insomma un vero incubo... :tilt:
Il fatto che non tutti scrivano canzoni non significa necessariamente che ognuno di noi non ne porti una dentro di se.

Avatar utente
olong83
Esperto
Esperto
Messaggi: 568
Iscritto il: 06 giu 2006, 13:02
Località: Rovereto (TN)

Messaggio da olong83 » 09 lug 2007, 15:33

Genki ha scritto:Provo a buttarmi su uno elettronico? :ciauz:
non ti costa tanto e vai sul sicuro... meglio di così
cmq ci sono anche accordatori con metronomo, simulatori di batteria... se uno vuole fare un'acquisto un po' diverso

byez
Il successo non mi ha montato la testa, sono sempre quel semplice ragazzo di BETLEMME che tutti conoscono...

Avatar utente
Genki
Esperto
Esperto
Messaggi: 300
Iscritto il: 18 ott 2006, 20:55
Località: Verucchio

Messaggio da Genki » 09 lug 2007, 17:45

Sapte cos'è un drum machine?

Avatar utente
olong83
Esperto
Esperto
Messaggi: 568
Iscritto il: 06 giu 2006, 13:02
Località: Rovereto (TN)

Messaggio da olong83 » 09 lug 2007, 20:16

beh in teoria è un simulatore di batteria... un metronomo più fico (secondo me)

byez
Il successo non mi ha montato la testa, sono sempre quel semplice ragazzo di BETLEMME che tutti conoscono...

prestige
Maestro
Maestro
Messaggi: 1164
Iscritto il: 29 apr 2007, 21:25

Messaggio da prestige » 11 lug 2007, 00:03

olong83 ha scritto:beh in teoria è un simulatore di batteria... un metronomo più fico (secondo me)

byez
anche io se ho bisogno di andare a tempo uso una batteria, quasi ai il metronomo. Mi trovo molto meglio...


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti