Limiti autodidatta

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Avatar utente
manu7bo
Esperto
Esperto
Messaggi: 486
Iscritto il: 22 gen 2008, 07:59

Limiti autodidatta

Messaggio da manu7bo » 05 set 2008, 12:02

Quali sono, secondo voi, i limiti dell'essere autodidatta?
Si può compensare seguendo dei corsi su libri, cd, dvd?
che ne pensate voi?
:chiacchiera:


Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da darkfender » 05 set 2008, 12:33

semplicemente che ci si mette di più e si fa molta più fatica imho.

Avatar utente
manu7bo
Esperto
Esperto
Messaggi: 486
Iscritto il: 22 gen 2008, 07:59

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da manu7bo » 05 set 2008, 12:47

darkfender ha scritto:semplicemente che ci si mette di più e si fa molta più fatica imho.
e per la postura della mano ad esempio?

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da darkfender » 05 set 2008, 13:58

Si fa molta più fatica e ci si mette più tempo anche lì :Very Happy:

quello che imho si potrebbe e dovrebbe fare da soli è lo studio della teoria...ma siccome in pochi la studiano allora a lezione spesso la spiegano.

Avatar utente
Eric Johnson
Esperto
Esperto
Messaggi: 472
Iscritto il: 25 set 2006, 16:19
Località: Salerno

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da Eric Johnson » 05 set 2008, 15:05

manu7bo ha scritto:Quali sono, secondo voi, i limiti dell'essere autodidatta?
Si può compensare seguendo dei corsi su libri, cd, dvd?
che ne pensate voi?
:chiacchiera:
Beh mi sentirei di dire nessuno,o meglio,gli stessi "limiti" che incontrerebbero benissimo anche quelli che vanno da un insegnante o da un maestro.
Io sono autodidatta da sempre,da circa 10 anni quindi.Ma non mi sarei mai sognato di mettermi davanti ad un pc ad apprendere i rudimenti del Jazz attraverso DVD,libri o documenti .Pdf vari scaricati da chissà dove..
Se vuoi essere autodidatta ok,non c'è nulla che ti si ponga come limite dinanzi a questa scelta(a patto,però,che tu sia ben disposto,che abbia grossissima pazienza,un bel bagaglio di sopportazione soprattutto le prime volte,etc. etc.).
Guarda,potresti anche metterti lì con i tuoi video didattici a seguire,ma:
1-sono pochissimi quelli che partono totalmente da zero;
2-il difficile dell'imparare "da soli" non è "come partire",ma bensì:"come proseguire",che è un lavoro molto ma molto più strutturale..ed è anche quella la parte dell'apprendimento che ti formerà come chitarrista.Questo vuol dire,in pratica,che se,inconsapevolmente,ti crei dei difetti d'impostazione o delle lacune teoriche già dall'inizio(perchè agli inizi capita a praticamente il 90% delle persone di crearsi difetti di postura etc.),avrai una probabilità seriamente alta di portartele avanti senza saperlo e senza correggerle:ma questo dipende,per l'appunto,dal modo in cui procederai nell'apprendimento.

Molti confondono l'essere autodidatti col fare tutto da soli,è questo lo sbaglio.
Ergo:non vuol dire assolutamente chiudersi nella stanzetta e mettersi con i video e gli appuntini scaricati qua e la e,magari,mischiarli pure,cosi la frittata chiamata "caos mentale" è bella che fatta ! :lingua: "Suonare da soli" vuol dire semplicemente fare "esperienza" da soli semmai,suonando con persone più o meno esperte che non impongano nulla di didattico e che non siamo costretti a chiamare "maestri" :Very Happy: ,apprendere le basi teoriche con "trucchetti" annessi etc.Così,a lungo andare,ti verrà naturale conoscere l'armonia e tutto ciò che la circonda.

Quanto riguarda poi l'impostazione,eh quella è cosa anche più dura e soprattutto primaria rispetto alla teoria,anche se ciò può sembrare paradossale.Ma l'impostazione a te più congeniale(rimarcando,ancora una volta,il fatto che l'impostazione "perfetta" non esiste..)nel caso in cui tu voglia procedere "da solo",la trovi tenendo conto della PULIZIA del suono e della "comodità" di entrambe le mani,ergo:nessuno sforzo,mai !
Per l'impostazione ci si riesce benissimo tranquillo....ma ovviamente convengo ci sia sicuramente anche chi da solo proprio non riesce(i professori esistono ancora per qualche motivo d'altronde,no?! :lingua: ).
Dipende dal "sacrificio" che si fa e dal tempo che si dedica allo strumento,e da COME lo si dedica,essendo ciò solo esercizio alla fine.

P.S.Giusto per curiosità:nel caso in cui tu non abbia mai frequentato,prima di voler procedere a tutti i costi da solo,non ti converrebbe prima vedere come ci si trova ad apprendere con un maestro,e poi,magari,decidere in seguito una volta?!!?E te lo dice uno che è autodidatta,quindi..è solo un consiglio eh.. :wink:
:ciauz:
"La vita è più veloce di un battito di ciglia.
La vita è incontrarsi e dirsi addio fino alla prossima volta".


Immagine


Avatar utente
manu7bo
Esperto
Esperto
Messaggi: 486
Iscritto il: 22 gen 2008, 07:59

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da manu7bo » 05 set 2008, 15:54

ps errata corrige, io non sono un "novizio" della chitarra, sono alcuni anni che suono!!! :Very Happy:
non che sia un fenomeno, anzi ho aperto il topic perchè ho voglia di approfondire la mia conoscenza musicale, cercare una scuola "avanzata" e seria eventualmente, o capire se certi risultati si possono raggiungere anche da soli con molta dedizione!

la cosa che mi ispora maggiormente di una scuola o accademia musicale è l'eventuale diploma che si consegue (non si sa mai, se un domani ho voglia di fare il maestro di chitarra io...)

Comunque diploma a parte torniamo alla discussione principale. anch'io fin'ora sono un cosiddetto "autodidatta", ma mi è sorta la curiosità di farvi questa domanda! comunque mi sembra di capire che fin'ora la maggiorparte di noi è autodidatta, o no?

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da darkfender » 05 set 2008, 16:14

io ho cominciato lezione circa 2 settimane dopo che ho preso la chitarra...e ci sono andato per 12 anni :dubbioso: forse è il caso che smetta prima o poi.

cambiando maestri scuole etc...(se si vuole imparare un po' di tutto è meglio cambiare ogni tanto).
Non sono un fenomeno nemmeno io, ma ho una buona cultura musicale :rulez:

comunque l'ho fatto perchè potevo permettermelo e mi risparmiava fatica....conosco autodidatti molto bravi.

Il pezzetto di carta comunque serve davvero a poco....gli insegnanti bravi hanno un mucchio di lavoro anche senza (anzi conosco pochi insegnanti che si sono diplomati nelle 3 scuole famose degli USA GIT lama berkley e non lo sbandierano certo ai 4 venti...).

Avatar utente
manu7bo
Esperto
Esperto
Messaggi: 486
Iscritto il: 22 gen 2008, 07:59

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da manu7bo » 07 set 2008, 18:43

darkfender ha scritto: Il pezzetto di carta comunque serve davvero a poco....gli insegnanti bravi hanno un mucchio di lavoro anche senza (anzi conosco pochi insegnanti che si sono diplomati nelle 3 scuole famose degli USA GIT lama berkley e non lo sbandierano certo ai 4 venti...).
ok, ma penso forse, correggetemi se sbaglio, che comunque è una voce in più sul curriculum!
ma per quanto riguarda lo studio teorico della musica è difficile apprenderlo da autodidatta? non parlo delle semplici scale, ma di discorsi armonici ad esempio

Avatar utente
ambaradam
Maestro
Maestro
Messaggi: 2301
Iscritto il: 12 apr 2007, 10:27
Località: Roma

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da ambaradam » 08 set 2008, 00:31

manu7bo ha scritto:
darkfender ha scritto: Il pezzetto di carta comunque serve davvero a poco....gli insegnanti bravi hanno un mucchio di lavoro anche senza (anzi conosco pochi insegnanti che si sono diplomati nelle 3 scuole famose degli USA GIT lama berkley e non lo sbandierano certo ai 4 venti...).
ok, ma penso forse, correggetemi se sbaglio, che comunque è una voce in più sul curriculum!
ma per quanto riguarda lo studio teorico della musica è difficile apprenderlo da autodidatta? non parlo delle semplici scale, ma di discorsi armonici ad esempio
Bè, meglio ben accompagnati che soli :Very Happy:
offro-vendo-f47/vendo-fender-strato-mex ... 12112.html Se volete una Fender mex mancina e/o un ampli Fender Frontman, a Roma

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da darkfender » 08 set 2008, 09:08

manu7bo ha scritto:
darkfender ha scritto: Il pezzetto di carta comunque serve davvero a poco....gli insegnanti bravi hanno un mucchio di lavoro anche senza (anzi conosco pochi insegnanti che si sono diplomati nelle 3 scuole famose degli USA GIT lama berkley e non lo sbandierano certo ai 4 venti...).
ok, ma penso forse, correggetemi se sbaglio, che comunque è una voce in più sul curriculum!
ma per quanto riguarda lo studio teorico della musica è difficile apprenderlo da autodidatta? non parlo delle semplici scale, ma di discorsi armonici ad esempio
no nessuno guarda quella voce sul curriculum o forse pochissimi e considerata la spesa....
Diverso è andarci nell'ottica di imparare, sempre se si reputa sia meglio a un buon insegnante.

Avatar utente
manu7bo
Esperto
Esperto
Messaggi: 486
Iscritto il: 22 gen 2008, 07:59

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da manu7bo » 08 set 2008, 09:33

darkfender ha scritto: no nessuno guarda quella voce sul curriculum o forse pochissimi e considerata la spesa....
Diverso è andarci nell'ottica di imparare, sempre se si reputa sia meglio a un buon insegnante.
ok, almeno ora so u na cosa in più!! :Very Happy: ma, per esempio, tu teoria musicale (non infarineture, ma studi un pò più seri) l'hai fatta con un maestro?

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da darkfender » 08 set 2008, 10:29

io?
io suono da 12 anni.
a parte la prima settimana vado a lezione da 12 anni di cui 4 anni di scuola con qualche diplomino da poco però....
proprio quando ho frequentato la scuola però ho conosciuto il mondo dei professionisti e non c'è assolutamente alcun ritorno per il pezzo di carta.

Semmai serve alle scuole per avere più iscritti ma nulla più.
Tantè che tutti i diplomati anche dell'ultimo anno, non hanno trovato lavoro ne' alcun vantaggio
molta gente invece che ha lasciato a metà gli studi MA aveva capacità e stile, è riuscita a entrare nel mondo dei professionisti.

Parlo tralaltro forse della scuola che dà il "pezzo di carta" più importante in italia o comunque uno dei più importanti...non faccio nomi però.

Avatar utente
manu7bo
Esperto
Esperto
Messaggi: 486
Iscritto il: 22 gen 2008, 07:59

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da manu7bo » 08 set 2008, 11:32

darkfender ha scritto:io?
io suono da 12 anni.
a parte la prima settimana vado a lezione da 12 anni di cui 4 anni di scuola con qualche diplomino da poco però....
proprio quando ho frequentato la scuola però ho conosciuto il mondo dei professionisti e non c'è assolutamente alcun ritorno per il pezzo di carta.

Semmai serve alle scuole per avere più iscritti ma nulla più.
Tantè che tutti i diplomati anche dell'ultimo anno, non hanno trovato lavoro ne' alcun vantaggio
molta gente invece che ha lasciato a metà gli studi MA aveva capacità e stile, è riuscita a entrare nel mondo dei professionisti.

Parlo tralaltro forse della scuola che dà il "pezzo di carta" più importante in italia o comunque uno dei più importanti...non faccio nomi però.
Domanda che non vuole essere una critica, anzi è una curiosità :ciao: , ma allora perchè dopo 12 anni vai ancora a lezione? :beer:

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da darkfender » 08 set 2008, 11:43

perchè la chitarra è infinita.....
Ogni insegnante può insegnarti qualcosa, fai conto che quando hai le basi puoi approfondire.
Ovviamente dovrai frequentare insegnanti con cui affrontare cose specifiche in cui loro sono esperti, non le basi.

un po' come la scuola, quando arrivi all'università, puoi approfondire e anche dopo la laurea, ci sono corsi di specializzazione.

Infatti ne approfitto per dire quanto sia importante la scelta di un insegnante adatto al proprio livello

comunque ripeto non è indispensabile, semplicemente aiuta a far meno fatica.

Io sono comunque più a favore delle lezioni piuttosto che delle scuole.
Con lezioni private si può appunto scegliere un percorso più flessibile e personalizzato che alla fine paga.

Avatar utente
manu7bo
Esperto
Esperto
Messaggi: 486
Iscritto il: 22 gen 2008, 07:59

Re: Limiti autodidatta

Messaggio da manu7bo » 08 set 2008, 11:50

darkfender ha scritto:perchè la chitarra è infinita.....
Ogni insegnante può insegnarti qualcosa, fai conto che quando hai le basi puoi approfondire.
Ovviamente dovrai frequentare insegnanti con cui affrontare cose specifiche in cui loro sono esperti, non le basi.

un po' come la scuola, quando arrivi all'università, puoi approfondire e anche dopo la laurea, ci sono corsi di specializzazione.

Infatti ne approfitto per dire quanto sia importante la scelta di un insegnante adatto al proprio livello

comunque ripeto non è indispensabile, semplicemente aiuta a far meno fatica.

Io sono comunque più a favore delle lezioni piuttosto che delle scuole.
Con lezioni private si può appunto scegliere un percorso più flessibile e personalizzato che alla fine paga.
Grazie mille darkfender! sei stato chiarissimo! ora vedrò di approfondire fin che riesco lo studio con pazienza e dedizione, quando poi arriverò al mio limite prenderò in considerazione di andare a lezione!


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti