Libro per improvvisazione jazz

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Rispondi
Avatar utente
ciochi
Maestro
Maestro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 17 ago 2009, 02:56

Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da ciochi » 03 gen 2010, 14:47

Ciao ragazzi.Da un pò mi sono rimesso ad improvvisare massicciamente su più basi in diversti stili,principalmente jazz,blues e funk,però l'uso di sole pentatoniche o scale maggiori mi limita enormemente e dopo un pò devo smettere che mi faccio pena. Quindi mi volevo affacciare all'uso del modale,però non ho tempo di fissare delle lezioni con un maestro,quindi mi volevo prendere un bel libro,ricco di spiegazioni,esempi,e perchè no anche licks,da studiare quando ho tempo. Cosa mi consigliate???Qual'è il migliore??
Nel frattempo sto guardando questo sito,che mi sembra ben fatto,però è in inglese e mi tocca sempre saltare di pagina in pagina...

http://www.jazzguitar.be/major_guitar_chords.html
Fiero possessore di:
Ibanez AS103 Custom natural+ Classic '57 neck ,Fender Telecaster Fmt bcb con seymour duncan pearly gates e '59,Epiphone G-400 rossa con pu JB+ super58, Ibanez Tcm-50, Peavey classic 30, Yamaha Apx-4A ,AMT SS-11A
ciochi's solo time machine:
Podcast


Avatar utente
odos
Maestro
Maestro
Messaggi: 2733
Iscritto il: 21 gen 2008, 20:33

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da odos » 03 gen 2010, 15:32

dipende cosa intendi per improvvisazione jazz. Vuoi improvvisare jazz veramente, o vuoi colorire altri generi musicali con frasi tipicamente jazz? Sono due percorsi diversi: il primo presuppone che tu ascolti già Bebop, che ti piaccia, e che voglia imparare a suonarlo così come lo ascolti dai dischi. L'errore più tipico da quello che ho avuto di modo osservare personalmente è voler imparare jazz senza averlo mai ascoltato e finendo coll'abbandonare il tutto perchè non si riconosce con l'orecchio ciò che viene insegnato.

L'alernativa è buttarti su metodi fusion: anche se la didattica è più o meno la medesima, c'è più familiarità con sonorità rock.

Sui primi posso aiutarti, sui secondi di meno, anche se credo che forse i video celebri di Gambale e soprattutto Scott Henderson, possano venire incontro alle tue esigenze.

Dimenticavo, l'inglese è d'obbligo.
Le mie Jam su Neesk:

Podcast


"...in ognuno di noi dorme un genio. E sta sveglio un idiota"

Avatar utente
ciochi
Maestro
Maestro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 17 ago 2009, 02:56

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da ciochi » 03 gen 2010, 16:01

Ecco la verità è che ancora ad oggi non sono riuscito a trovare un artista jazz/fusion/bebop di cui dire: oh ecco,questo lo posso ascoltare all'infinito. Mi piace molto Wes, ma mi piace anche Carlton,Henderson,Metheny,per farti un esempio. Il problema principalmente è che dopo un pò,imho,rimangono sui generis,mentre a me piace spaziare su diversi generi musicali.E' per questo che voglio imparare tutto quello che c'è da imparare o quasi,per crearmi uno stile mio da applicare in diverse situazioni.Mi sono spiegato meglio?? :Very Happy:

Ah l'inglese in se non è un problema,lo parlo e lo leggo quasi alla perfezione,eccetto per alcuni tecnicismi :Very Happy:
Fiero possessore di:
Ibanez AS103 Custom natural+ Classic '57 neck ,Fender Telecaster Fmt bcb con seymour duncan pearly gates e '59,Epiphone G-400 rossa con pu JB+ super58, Ibanez Tcm-50, Peavey classic 30, Yamaha Apx-4A ,AMT SS-11A
ciochi's solo time machine:
Podcast

Avatar utente
sugopaciugo
Maestro
Maestro
Messaggi: 3553
Iscritto il: 23 ago 2009, 16:42
Località: Monte Guglielmo

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da sugopaciugo » 03 gen 2010, 16:27

Ummhh... bello il sito che hai linkato, appena puoi fai un giro qua (probabile che tu lo conosca gia):

http://www.jazzitalia.net/lezioni.asp

per quanto riguarda i libri, io un due anni fa scarsi ho comprato questo libro: "Armonia e teoria" di Keith Wyatt & Carl Schroeder, edizioni Carish Hal Leonard. Se vuoi veder la copertina:

http://www.birdlandjazz.it/Keith-Wyatt- ... P7615.html

Guarda, ti dico subito che non è un libro improntato sulla chitarra, infatti non ce n'è di licks o di tabulature, però ti giuro che mi ha illuminato su cose come i modi, le settime maggiori e minori, le armonizzazioni, la scala minore armonica e melodica, gli accordi diminuiti ecc ecc, tutte cose che bene o male sapevo esistessero ma non ne capivo l'utilità pratica (vabè ora comincio a farneticare... faccio sempre una fatica a spiegarmi), e credo sia un libro adattissimo a chi, come credo anche tu da come ho inteso nel tuo primo post, voglia affacciarsi ai modi ed alle loro scale.
Purtroppo più di cosi non posso aiutarti. P.S.: ciao e bentornato ciochi!
Se devi tirare un bullone, non penso che andrai ad usare un cacciavite. Idem con una vite, mica serve una chiave inglese, no?

Avatar utente
odos
Maestro
Maestro
Messaggi: 2733
Iscritto il: 21 gen 2008, 20:33

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da odos » 03 gen 2010, 16:44

ciochi ha scritto:Ecco la verità è che ancora ad oggi non sono riuscito a trovare un artista jazz/fusion/bebop di cui dire: oh ecco,questo lo posso ascoltare all'infinito. Mi piace molto Wes, ma mi piace anche Carlton,Henderson,Metheny,per farti un esempio. Il problema principalmente è che dopo un pò,imho,rimangono sui generis,mentre a me piace spaziare su diversi generi musicali.E' per questo che voglio imparare tutto quello che c'è da imparare o quasi,per crearmi uno stile mio da applicare in diverse situazioni.Mi sono spiegato meglio?? :Very Happy:

Ah l'inglese in se non è un problema,lo parlo e lo leggo quasi alla perfezione,eccetto per alcuni tecnicismi :Very Happy:

anche a me piace spaziare per generi, ma come più volte affrontato in questo forum, non c'è un "corso per diventare originali" :Very Happy:

Chiunque, anche quelli da te citati sono diventati quelli che sono, passando prima da generi classici (Scott Henderson ad esempio è stato prima un bluesman e un hendrixiano).

Ad ogni modo, sempre parlando per esperienza personale e solo entro questo limite, io ti consiglierei al contrario di Sugopaciugo, libri che si "sporcano le mani" subito con la chitarra, soprattutto se non ti ci vuoi dedicare 24 ore su 24. Per esperienza, capire la teoria non ti aiuta a suonare, ma solo a capire cosa suonano gli altri. Se vuoi imparare a suonare devi capire la teoria suonandola, dietro ad un esigenza concreta. Per questo ti consiglio questo libro della Berklee Press, molto ben fatto che offre un sostegno teorico affrontato con esercizi specifici (è il libro sul quale dopo tante peregrinazioni mi sono soffermato di più):

http://www.amazon.com/Jazz-Improvisatio ... 0634017721

ti fa capire la teoria partendo da esigenze concrete, nei limiti di ciò che ti serve per suonare (e se non sei un musicologo non dovresti avere bisogno d'altro)
Le mie Jam su Neesk:

Podcast


"...in ognuno di noi dorme un genio. E sta sveglio un idiota"


Avatar utente
sugopaciugo
Maestro
Maestro
Messaggi: 3553
Iscritto il: 23 ago 2009, 16:42
Località: Monte Guglielmo

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da sugopaciugo » 03 gen 2010, 17:00

odos ha scritto: libri che si "sporcano le mani" subito con la chitarra, soprattutto se non ti ci vuoi dedicare 24 ore su 24. Per esperienza, capire la teoria non ti aiuta a suonare, ma solo a capire cosa suonano gli altri. Se vuoi imparare a suonare devi capire la teoria suonandola, dietro ad un esigenza concreta.
...verissimo anche questo. Bisogna vedere a che tipo di apprendimento Ciochi reagisce meglio, questo lo dovrà ovviamente scoprire lui.
odos ha scritto: Per questo ti consiglio questo libro della Berklee Press, molto ben fatto che offre un sostegno teorico affrontato con esercizi specifici (è il libro sul quale dopo tante peregrinazioni mi sono soffermato di più):

http://www.amazon.com/Jazz-Improvisatio ... 0634017721

ti fa capire la teoria partendo da esigenze concrete, nei limiti di ciò che ti serve per suonare (e se non sei un musicologo non dovresti avere bisogno d'altro)
heheheheh... mò ne approfitto :Very Happy:
Se devi tirare un bullone, non penso che andrai ad usare un cacciavite. Idem con una vite, mica serve una chiave inglese, no?

Avatar utente
ciochi
Maestro
Maestro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 17 ago 2009, 02:56

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da ciochi » 04 gen 2010, 02:12

Intanto ragazzi grazie per i consigli :Very Happy: Cmq non so cosa mi sia più congeniale,penso che da buon ingegnere quale ancora non sono (solo junior,per il momento) penso che necessito di teoria ed esempi,ma soprattutto di tanta pratica. Guarda Odos,non riesco a trovare il video di un cinese/americano giovane,altrimenti ti farei capire subito che tipo di musicista vorrei diventare. Per il libro Odos mi sembra molto interessante,chissà se si trova anche in formato elettronico,tanto il pc ce l'ho davanti all'ampli :Very Happy:
Fiero possessore di:
Ibanez AS103 Custom natural+ Classic '57 neck ,Fender Telecaster Fmt bcb con seymour duncan pearly gates e '59,Epiphone G-400 rossa con pu JB+ super58, Ibanez Tcm-50, Peavey classic 30, Yamaha Apx-4A ,AMT SS-11A
ciochi's solo time machine:
Podcast

Avatar utente
odos
Maestro
Maestro
Messaggi: 2733
Iscritto il: 21 gen 2008, 20:33

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da odos » 04 gen 2010, 09:54

ciochi ha scritto: Guarda Odos,non riesco a trovare il video di un cinese/americano giovane,altrimenti ti farei capire subito che tipo di musicista vorrei diventare.

e tu impegnati di più...che voglio sentirlo :Very Happy:




ciochi ha scritto: Per il libro Odos mi sembra molto interessante,chissà se si trova anche in formato elettronico,tanto il pc ce l'ho davanti all'ampli :Very Happy:

tra un po' di giorni aspettatevi un pm :wink: (una mia modesta rinvicita sulla Berklee, che guadagna già abbastanza)
Le mie Jam su Neesk:

Podcast


"...in ognuno di noi dorme un genio. E sta sveglio un idiota"

Avatar utente
ciochi
Maestro
Maestro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 17 ago 2009, 02:56

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da ciochi » 04 gen 2010, 12:19

Eccolo Odos l'ho trovato :Very Happy: Da quello che sento è molto bluesy come improvvisazione,però è praticamente come vorrei suonare,tu pensa che riesco ad ascoltarlo all'infinito senza stancarmi,mentre se pubblicavo un mio solo di 7 minuti come sto tipo la gente,oltre ad insultarmi,si sarebbe suicidata :Very Happy:

Aggiungerei che vorrei suonare anche così:

o così:


Insomma sto tipo mi fa impazzire come suona :Very Happy:
Fiero possessore di:
Ibanez AS103 Custom natural+ Classic '57 neck ,Fender Telecaster Fmt bcb con seymour duncan pearly gates e '59,Epiphone G-400 rossa con pu JB+ super58, Ibanez Tcm-50, Peavey classic 30, Yamaha Apx-4A ,AMT SS-11A
ciochi's solo time machine:
Podcast

Avatar utente
odos
Maestro
Maestro
Messaggi: 2733
Iscritto il: 21 gen 2008, 20:33

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da odos » 04 gen 2010, 15:52

ciochi ha scritto:Eccolo Odos l'ho trovato :Very Happy: Da quello che sento è molto bluesy come improvvisazione,però è praticamente come vorrei suonare,tu pensa che riesco ad ascoltarlo all'infinito senza stancarmi,mentre se pubblicavo un mio solo di 7 minuti come sto tipo la gente,oltre ad insultarmi,si sarebbe suicidata :Very Happy:
simpatico il japanis.... :Very Happy:

....allora il libro che consigliavo io è pure troppo. Diciamo che nei video che hai postato di Jazz c'è solo qualche arperggio sulle note dell'accordo, e le principali sovrapposizioni diatoniche (tipo suonare un arpeggio di un accordo di settima maggiore su uno di minore settima ecc...). Un fraseggio jazz avrebbe sfruttato molto ad esempio nel primo video quell'accordo di settima alterato, mentre il tizio salta proprio il classico appoggio al primo diesis. Nulla di male, eh... sono stili.

Tieni conto che il tipo ha un tocco della madonnina e un ottimo timing e quello è metà del lavoro senza bisogno di sfoderare nessuna teoria.

Fossi in te nello specifico mi farei proprio uno studio sugli arpeggi degli accordi a 4 voci, cioè arpeggi di accordi di settima maggiore, settima minore, settima di dominante, semidiminuite e diminuiti, in tutte le posizioni e su tutto il manico (io mi aiuto col ciclo delle quinte per questo). Il tutto studiato sempre in relazione alla scala, quindi chessò magari su un accordo ti eserciti alternando scala e arpeggio e così via.

E dopo aver fatto questo meccanicamente, comincerei a fare poche e semplici sovrapposizioni per colorire gli accordi, come fa il tizio, cominciando con quelle diatoniche. Questo ti permette di colorire molto un fraseggio rock, e in teoria, almeno sulla carta dovresti avere tutto il materiale teorico per suonare come lui. A me pare che di più non faccia (forse solo nell'ultimo video altera un po', ma solo un po' :ciao: )

Libri specifici sull'argomento personalmente non ne conosco, io le ho imparate dai miei insegnanti, ma non dovrebbe essere nulla di difficilmente reperibile.

E comunque se ritieni di essere un tipo in grado di farsi un c..lo così, puoi pure farti un percorso più articolato e più completo se vuoi. Da quello che ho visto io però a parte rari casi, se non si vuol correre il rischio di arenarsi e piantare tutto, è meglio farsi subito quello che ti interessa e tenerlo sempre come obiettivo consapevole. Di sicuro non è tempo sprecato, e ti resterà nelle mani per sempre...
Le mie Jam su Neesk:

Podcast


"...in ognuno di noi dorme un genio. E sta sveglio un idiota"

Avatar utente
alexi_laiho
Maestro
Maestro
Messaggi: 6192
Iscritto il: 31 lug 2008, 01:21
Località: Caltavuturo (PA)

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da alexi_laiho » 04 gen 2010, 16:47

io sono strasoddisfatto di "scale!" di umberto fiorentino... quel libro ti illumina sul modale (all'inizio lo trovavo carente x il fatto che mancassero pentatoniche, chale minori e se non sbaglio le armoniche...o meglio, sono solo accennate), ma x il modale non credo ci sia di meglio!! :esatto:
lespaul ha scritto:
Frusciante ha scritto:stó imparando da questo forum...che é molto saggio evitare di mettersi contro dei metallari...soprattutto se in BRANCO. :lollol:

IN METAL WE TRUST!!

Avatar utente
ciochi
Maestro
Maestro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 17 ago 2009, 02:56

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da ciochi » 04 gen 2010, 18:30

Ehm Odos...in realtà non è che ci abbia capito molto di quello che mi suggerisci,intendi forse cose tipo questo:
http://www.jazzguitar.be/arpeggios.html

Non ho nemmeno capito il discorso delle diatoniche,sono una cippa in teoria :Ok:
Invece Alexi quello che mi suggerisci tu potrebbe essere interessante! In verità adesso tutto mi sembra interessante,dovrei leggerli e vedere quale mi si addice di più! :Very Happy:
Fiero possessore di:
Ibanez AS103 Custom natural+ Classic '57 neck ,Fender Telecaster Fmt bcb con seymour duncan pearly gates e '59,Epiphone G-400 rossa con pu JB+ super58, Ibanez Tcm-50, Peavey classic 30, Yamaha Apx-4A ,AMT SS-11A
ciochi's solo time machine:
Podcast

Avatar utente
alexi_laiho
Maestro
Maestro
Messaggi: 6192
Iscritto il: 31 lug 2008, 01:21
Località: Caltavuturo (PA)

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da alexi_laiho » 04 gen 2010, 18:40

a proposito di teoria, quello che dico io ti spiega le singole scale sia a livello teorico, sia te le riporta in tab! :ciao:
lespaul ha scritto:
Frusciante ha scritto:stó imparando da questo forum...che é molto saggio evitare di mettersi contro dei metallari...soprattutto se in BRANCO. :lollol:

IN METAL WE TRUST!!

Avatar utente
odos
Maestro
Maestro
Messaggi: 2733
Iscritto il: 21 gen 2008, 20:33

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da odos » 04 gen 2010, 18:50

ciochi ha scritto:Ehm Odos...in realtà non è che ci abbia capito molto di quello che mi suggerisci,intendi forse cose tipo questo:
http://www.jazzguitar.be/arpeggios.html

Non ho nemmeno capito il discorso delle diatoniche,sono una cippa in teoria :Ok:
Esatto!! Quel link è perfetto.

Il tizio che hai postato sostanzialmente improvvisa molto a pentatoniche su una struttura armonica però con accordi a 4 voci (tetradi, accordi di settima, chiamali come vuoi). Ogni tanto ci piazza dei simpatici colori dentro, che rendono le frasi molto jazzate. Questi colori li ottiene suonando non solo arpeggi dell'accordo stesso - ad esempio un arpeggio di Cm7 su un Cm7 - ma anche sovrapponendo arpeggi di altri accordi sullo stesso Cm7, ad esempio un arpeggio di Ebmaj7.
Quindi se vuoi dare un po' di colore alle tue improvvisazioni, puoi alternare fraseggi con pentatoniche o maggiori, a questi arpeggi.

Ciò che ti dicevo è di imparare prima meccanicamente le forme (quelle del tuo link). E impararle meccanicamente significa suonarle migliaia di volte su tutto il manico (e qui ti suggerivo il ciclo delle quinte come metodo per suonarle su tutto il manico in modo sistematico).

E dopo averle imparate meccanicamente puoi cominciare a sovrapporre alcuni arpeggi ad accordi di altro genere.

Se impari a fare questo cominci ad avere già un suono più fusion, come lo vorresti tu. Ci sono milioni di cose che puoi fare, e ci sono anche milioni di libri...se a te interessa suonare come il japanis secondo me devi affrontare questa cosa specifica.

Insisto perchè conosco il fenomeno della dispersione, e alla fine ciò che paga veramente è smazzarti una cosa specifica e accumlarne tante col tempo. Così fan tutti, anche nel jazz....

domani ti faccio avere quel libro, la prima parte può fare al caso tuo.


ah....abbandonate il concetto che ci vogliono scale per improvvisare, non è così....la scala non dice assolutamente nulla, è un vago riferimento...l'improvvisazione si fa con altro
Le mie Jam su Neesk:

Podcast


"...in ognuno di noi dorme un genio. E sta sveglio un idiota"

gianpierobruno
Principiante
Principiante
Messaggi: 12
Iscritto il: 08 gen 2011, 16:49

Re: Libro per improvvisazione jazz

Messaggio da gianpierobruno » 18 gen 2014, 14:47

Se può interessarvi scrissi un articolo sull'improvvisazione-musicale
http://www.gianpierobruno.it/improvvisa ... Bruno.html

spero non sia considerato spam è solo un contributo!
ed ho tradotto in italiano spiegando con video ed ebook
la tecnica di un grande chitarrista jazz Pat Martino
dai un occhiatata
http://www.gianpierobruno.it/Tesi-di-la ... artino.htm

:ciauz:


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite