Lezione sulle settime...

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Rispondi
Avatar utente
Angus9046
Esperto
Esperto
Messaggi: 946
Iscritto il: 08 set 2008, 00:33
Località: Oderzo (TV)

Lezione sulle settime...

Messaggio da Angus9046 » 09 ott 2009, 02:14

Dopo moltissimo tempo, siccome ho trovato il modo di passare il tempo in treno, continuo le mie lezioni di teoria base... rimando al vecchio post sulla tonalità, in quanto per una new entry della teoria è un prerequisito per poter capire un po' meglio l'argomento di questo 3d. Faccio un po' di copia-incolla alla meglio. Il link è questo teoria-musicale-f6/tonalita-brano-e-solo-t10850.html
Originally posted by Angus9046è
Toni e Semitoni - Scala maggiore
sai la differenza tra tono e semitono?
in termini pratici se pensi alla tastiera della chitarra un tono sta nella differenza di 2 tasti, mentre il semitono di 1... es do-re oppure do-do#
se pensi ora alla tastiera di un pianoforte noterai che la scala famosa DO RE MI FA SOL LA SI DO (che salta quindi il DO#-RE#FA#-SOL#-LA#, tieni presente che MI#=FA E SI#=DO, perchè non ci sono i tastini neri tra mi e fa e tra si e do)
se fai caso ai salti tra una nota e l'altra noterai che tra DO e RE c'è un TONO (che d'ora in poi chiamerà T), tra RE e MI un altro T, tra MI e FA un SEMITONO (chiamiamolo ST), tra FA e SOL un T, tra SOL e LA un altro T, tra LA e SI un altro T e tra SI e DO un ST.
Per semplicità incolonniamoli:
DO-RE= T
RE-MI= T
MI-FA= ST
FA-SOL= T
SOL-LA= T
LA-SI= T
SI-DO= ST
questa successione T-T-ST-T-T-T-ST forma TUTTE le scale maggiori, qualsiasi sia il punto di partenza... perchè cambierà appunto quello ma la sonorità rimarrà la stessa... se così non fosse ogni tonalità suonerebbe completamente diversa no? :)
quindi se vogliamo ad esempio partire da MI
MI + 1 T = FA#
FA# + 1 T = SOL#
SOL# + 1 ST = LA
LA + 1 T = SI
SI + 1 T = DO#
DO# + 1 T = RE#
e verifica finale RE# + 1 ST = MI
siamo tornati al mi, la scala è corretta... quindi MI-FA#-SOL#-LA-SI-DO#-RE#
per ora mi fermo qui, se mi dici che fin qui è tutto chiaro vado avanti con la spiegazione...
Originally posted by Angus9046è
Scala maggiore ed armonizzazione
la scala maggiore è composta dai seguenti intervalli
T - T - ST - T - T - T - ST
DO RE MI FA SOL LA SI
fin qui ok!
se tu provi a costruire degli accordi prendendo la I, la III, e la V nota a partire da ogni grado della scala cosa viene fuori?
DO MI SOL = DO
RE FA LA = REm
MI SOL SI = MIm
FA LA DO = FA
SOL SI RE = SOL
LA DO MI = LAm
SI RE FA = SIdim

leggendo gli accordi in verticale noti che al I grado costruisci un maggiore, II minore, III minore e così via... la successione maj, min, min, maj, maj, min, dim
sussiste per tutte le tonalità... in tonalità di DO maggiore saranno suonabili quindi quegli accordi là
facciamo un'altro esempio...
tonalità di LA maggiore
-scrivo la scala di LA: LA SI DO# RE MI FA# SOL# LA
-I, III, e V nota a partire da ogni grado:
LA DO# MI ---> LA
SI RE FA# ---> SIm
DO# MI SOL# ---> DO#m
RE FA# LA ---> RE
MI SOL# SI ---> MI
FA# LA DO# ---> FA#m
SOL# SI RE ---> SOL#dim
-noto che la successione rimane la stessa maj, min, min, maj, maj, min, dim :)
questa si chiama armonizzazione della scala maggiore. ed è questa che ti permette di capire che accordi si possono suonare in una data tonalità e con il procedimento inverso in che tonalità si è con determinati accordi.
Originally posted by Angus9046è
Triadi
Ora, vediamo come si costruiscono gli accordi, per ora mi fermo alle triadi, poi in seguito vediamo di aggiungere le settime...
Una triade è un accordo di 3 note, che sono la I, la III, e la V...
La I è la tonica, quella che dà il nome all'accordo.
La III è la mediante, e stabilisce se un accordo è maggiore o minore.
La V è la dominante e stabilisce se un accordo è aumentato, "giusto" o diminuito.
Facciamo un po' di abbinamenti ;)
Triade maggiore, I-III-V
Triade minore, I-IIIb-V (b ovviamente sta per bemolle)
Triade diminuita, I-IIIb-Vb
Triade aumentata, I-III-V#

I, III e V sono intervalli. Si parla di teraza maggiore (III) quando la tonica dista dalla mediante di 2 toni, mentre si parla di III minore (IIIb), quando la tonica dista da essa un tono e mezzo. La quinta giusta (V) è quando la tonica dista dalla dominante di 3 toni e mezzo, mentre Vb e V# sono dette rispettivamente intervalli di quinta diminuita e di quinta aumentata (3 toni e 4 toni).

Esempi:
DO-MI-SOL = triade di DO (I-III-V)
RE-FA-LA = triade di REm (I-IIIb-V) attenzione, la terza maggiore del re sarebbe il fa# ;)
MI-SOL-SI = triade di MIm
FA-LA-DO = triade di FA
SOL-SI-RE = triade di SOL
LA-DO-MI = triade di LAm
SI-RE-FA = triade di SIdim (I-IIIb-Vb) la triade maggiore di SI sarebbe appunto SI-RE#-FA#
prendiamo la scala maggiore di RE: (seguiamo ovviamente lo schema T T ST T T T ST)
RE MI FA# SOL LA SI DO# RE
ora, prendiamo ogni singola nota, ed a partire da essa prendiamo la propria terza e la propria quinta, all'interno però di questa scala.
le triadi che ne vengono fuori sono:
RE-FA#-LA
MI-SOL-SI
FA#-LA-DO#
SOL-SI-RE
LA-DO#-MI
SI-RE-FA#
DO#-MI-SOL
ci siamo?
analizziamo queste triadi
RE-FA#-LA = I-III-V ---> triade maggiore di RE = RE
MI-SOL-SI = I-IIIb-V ---> triade minore di MI = MIm
FA#-LA-DO# = I-IIIb-V ---> triade minore di FA# = FA#m
SOL-SI-RE = I-III-V ---> triade maggiore di SOL = SOL
LA-DO#-MI = I-III-V ---> triade maggiore di LA = LA
SI-RE-FA# = I-IIIb-V ---> triade minore di SI = SIm
DO#-MI-SOL = I-IIIb-Vb --->triade diminuita di DO# = DO#dim
ora poniamo attenzione alla successione degli accordi in relazione al loro grado nella scala
I RE II MIm III FA#m IV SOL V LA VI SIm VII DO#dim
quindi maj min min maj maj min dim
e prima nella scala di DO cosa succedeva? torniamo su a leggere... DO REm MIm FA SOL LAm SIdim... maj min min maj maj min dim
è uguale!!! :p
Altra cosa comune a tutte le tonalità maggiori, oltre alla costruzione T T ST T T T ST è quindi che gli accordi che si costruiscono, in relazione ai gradi sono
I maj
II min
III min
IV maj
V maj
VI min
VII dim

Evviva!!! :p
Ora riprendo da questo punto, dove avevo lasciato, parlando di:
Settime e triadi estese alla settima
Prerequisiti: conoscenza base della scala maggiore e dei concetti di tonalità, triadi maggiori-minori-diminuite, rivolti, gradi della scala.

Esistono 3 tipi di settime:
-Settima maggiore
-settima minore
-settima diminuita

Su questi tipi di settima costruiamo accordi di, fondamentalmente, 5 tipi diversi:
-accordi di settima maggiore
-accordi di settima minore
-accordi diminuiti
-accordi semidiminuiti
-accordi di dominante

Gli accordi di settima maggiore si costruiscono usando come base una triade maggiore. Ad esempio: DO-MI-SOL-SI. Si noti che la settima aggiunta dista in questo caso un semitono dalla tonica ottavata. Si usa scrivere maj7 (major seven, o maggiore settima) dopo il nome della tonica per caratterizzare l'accordo. ES. DOmaj7.

Gli accordi di settima minore si costruiscono usando come base una triade minore. Ad esempio: DO-MIb-SOL-SIb. In questo caso la settima aggiunta dista un tono dalla tonica. In questo caso gli accordi portano la dicitura m7 (minore settima). ES DOm7.

Gli accordi diminuiti si costruiscono usando come base un triade diminuita. Ad esempio: DO-MIb-SOLb-SIbb. In questo caso la settima aggiunta dista un tono + un semitono dalla tonica, ed è curioso notare che in questo modo tutte le note utilizzate distano un tono e mezzo dalla nota precedente. I-IIIb-Vb-VIIbb è un accordo facilmente "ribaltabile". Di fatti ogni rivolto può essere accordo della tonica. Ogni nota in questo accordo può costituire la tonica. Questi accordi portano la dicitura dim7 (di settima diminuita). ES. DOdim7.

Gli accordi semidiminuiti si costruiscono usando come base una triade diminuita, ma la settima sarà minore. Ad esempio: DO-MIb-SOLb-SIb. In questo caso la settima dista infatti un tono dalla tonica, e non un tono e mezzo. Si usa scrivere m7b5 (minore settima bemolle quinta) per caratterizzare questi accordi. Es. DOm7b5.

Gli accordi di dominante si costruiscono usando come base una triade maggiore, ma la settima sarà minore. Ad esempio: DO-MI-SOL-SIb. Questi accordi portano il nome di accordi "di dominante" in quanto si costruiscono sulla dominante di una scala maggiore. Ad esempio nella scala maggiore di DO, la cui dominante è, al V grado, il SOL, l'accordo costruito diventerà SOL-SI-RE-FA. Per indicare questi accordi si usa la semplicissima dicitura 7 (di settima). Es. DO7.

Fatemi sapere come va, mi raccomando!!! :ciauz:
Podcast
Podcast


Avatar utente
Angus9046
Esperto
Esperto
Messaggi: 946
Iscritto il: 08 set 2008, 00:33
Località: Oderzo (TV)

Re: Lezione sulle settime...

Messaggio da Angus9046 » 10 ott 2009, 13:28

Uhm tra l'altro credo che questo topic andasse in "Teoria musicale"...
Qualche mod potrebbe cortesemente rimediare al mio errore? :p
Podcast
Podcast

Avatar utente
tylerino85
Principiante
Principiante
Messaggi: 17
Iscritto il: 30 mar 2012, 15:52

Re: Lezione sulle settime...

Messaggio da tylerino85 » 13 apr 2012, 17:44

Ragazzi qualcuno può spiegarmi invece gli accordi di settima con il barrè?
anche se è un link a qualcosa va bene uguale....
Immagine


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti