Improvvisazione

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Avatar utente
Glax
Principiante
Principiante
Messaggi: 16
Iscritto il: 22 mar 2008, 20:20

Improvvisazione

Messaggio da Glax » 25 mar 2008, 22:27

Si, si, lo so.......è la 124876582395 x 10 all'88 volta che lo chiedono......

ma che ci volete fare :Very Happy:........
per ogni persona è un discorso diverso......

allora, io suono la chitarra elettrica "discretamente", ovvero se ad esempio mi metti davanti la tab di The Jocker and the Thief dei Wolfmother in poochi minuti riesco a farla......

solo che non sono praticamente per nulla capace ad improvvisare......

cioè sono stufo di fare sempre le solite 4 note in croce con cui puoi fare un solo di 3 secondi netti altrimenti devi essere sempre lì a ripeterti......

perciò:

qualcuno può dirmi passo-passo, cosa studiare, come fare ecc per avere, almeno all'inizio, un pò di conoscenza dell'argomento??

grazie in anticipo :Very Happy: :Very Happy: :Very Happy:


Avatar utente
Metal Mike
Esperto
Esperto
Messaggi: 499
Iscritto il: 08 feb 2008, 18:33

Re: Improvvisazione

Messaggio da Metal Mike » 26 mar 2008, 11:42

Predi un scala, trattala male
Falla sempre sentire importante,
dalle il meglio del meglio che hai

:lollol: :risatona:

Ok, dopo il momento di delirio, seriamente: una volta che sai la tonalità di un brano/base (ad esempio DO maggiore... che fantasia eh :Very Happy: ), prendi la scal corrispondente (Scala di DO maggiore, o se preferisci anche solo la Pentatonica di Do maggiore....i modi per ora lasciamoli perdere) ed inizia a suonare note "a caso"
Fidati, all'inizio le note saranno quasi sempre nell'ordine "sbagliato", nel senso che beccherai sempre la nota "dissonante" della scala, poi inizierai a riconoscerla, ad evitarla ed a dosarla il giusto. Ti verranno in mente le prime frasi (magari "ispirate" da qualche altro chitarrista più noto :Very Happy: ) ed inizierai a capirci qualcosa.

Premesso che questo richiede in genere abbastanza tempo, il passo successivo sarebbe quello di improvvisare utilizzando le scale "collegate" alla scala di Do
La scala maggiore é composta: tono - tono - semitono - tono - tono - tono - semitono
Lo schema degli accordi collegato é: Maj - Mi - Mi - Maj - Maj - Mi - Dim
Per la scala di DO: DO - RE m - MI m - FA - SOL - LA m - SI°
E qui ti puoi sbizzarrire usando le scale "associate"... ah, ovviamente, la scala di LA m é la scala minore relativa di DO maj, ma qui si inizia a parlare di modi...

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Improvvisazione

Messaggio da darkfender » 26 mar 2008, 14:18

studia le scale e gli arpeggi (intesi come diteggiature non gli arpeggi melodici).

Prova a improvvisare man mano su ogni posizione...
Sforzati di unire le varie posizioni


Arrivato a questo punto (parlo anche di un annetto di lavoro eh)

Appoggia la chitarra pensa una melodia, prendi la chitarra e suonala......

repeat......

Pian piano impara a pensare/suonare insieme

Avatar utente
Kimera
Esperto
Esperto
Messaggi: 586
Iscritto il: 19 mar 2008, 16:01
Località: Milano

Re: Improvvisazione

Messaggio da Kimera » 26 mar 2008, 14:31

scusate ma se si studia su cose già fatte e scritte, che impovvisazione è? non sarebbe meglio prendere una canzone (meglio se sconosciuta alle ns. orecchie) e suonarci sopra con scale di diverso tipo ma messe dove solitamente non le mettiamo? lo so... sono pazzo.
"Non suonare quello che c'è, suona quello che non c'è."
Miles Davis

Avatar utente
Metal Mike
Esperto
Esperto
Messaggi: 499
Iscritto il: 08 feb 2008, 18:33

Re: Improvvisazione

Messaggio da Metal Mike » 26 mar 2008, 14:41

Kimera ha scritto:scusate ma se si studia su cose già fatte e scritte, che impovvisazione è? non sarebbe meglio prendere una canzone (meglio se sconosciuta alle ns. orecchie) e suonarci sopra con scale di diverso tipo ma messe dove solitamente non le mettiamo? lo so... sono pazzo.
Ora, se vuoi fare jazz, ok
Se hai il concetto di band "aperta" dove "jammare", può anche andar bene

Ma in linea di massima tu quando improvvisi su di una base/pezzo, sai già la progressione stessa del pezzo. Vuoi che l'hai scritto tu, vuoi che tu stia sul palco, l'hai sicuramente studiato, quindi sai come si evolve. Poi sta a te decidere se metterci il classico modo maggiore (Ionico) o provare un Misolidio... e ti assicuro che già così non é affatto banale...


Avatar utente
Kimera
Esperto
Esperto
Messaggi: 586
Iscritto il: 19 mar 2008, 16:01
Località: Milano

Re: Improvvisazione

Messaggio da Kimera » 26 mar 2008, 15:17

non c'è dubbio.
"Non suonare quello che c'è, suona quello che non c'è."
Miles Davis

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Improvvisazione

Messaggio da darkfender » 26 mar 2008, 15:35

che poi nel jazz etc si jamma su degli standard :Very Happy:

Avatar utente
Glax
Principiante
Principiante
Messaggi: 16
Iscritto il: 22 mar 2008, 20:20

Re: Improvvisazione

Messaggio da Glax » 26 mar 2008, 17:40

uhm.......

ok, qualcosa in più ho capito, ma se con il fatto delle varie scale TTSTTTS, si passano da Do tutte le note fino a SI, vuol dire che praticamente si può improvvisare su qualsiasi accordo??? :dubbioso: :dubbioso: :dubbioso:

per favore datemi la converma che sto sbagliando :Very Happy: :Very Happy:

ah e 2° cosa:

io la pentatonica ( qualsiasi io debba suonare) la faccio così:


-------------------------------------------1---4--------
-----------------------------------1---4----------------
---------------------------1---3------------------------
-------------------1---3--------------------------------
-----------1---3----------------------------------------
---1---4------------------------------------------------

uguale a scendere e su qualsiasi tasto.

sto "facendo giusto"?

e, (ultima cosa, giuro :Very Happy: )

quelle tipo pentatoniche col nome simile ad un'era geologica :Very Happy: :Very Happy:

tipo mesolidio.......

sono questi i "modi"?

grazie di nuovo :Very Happy: :Very Happy: :Very Happy:

Avatar utente
Mirko
Maestro
Maestro
Messaggi: 1242
Iscritto il: 08 nov 2006, 22:35

Re: Improvvisazione

Messaggio da Mirko » 26 mar 2008, 18:09

Se vuoi spostarti sul manico rimanendo nella stessa tonalità, e quindi continuando a suonare le stesse note, dovrai cambiare diteggiatura.

Quella che hai postato è una diteggiatura di un modo della pentatonica, se lo ripeti in un altro punto della tastiera suonerai note non appartenenti alla tonalità da cui sei partito e quindi probabilmente stonerai.
Immagine
Sabry Immagine

Avatar utente
Glax
Principiante
Principiante
Messaggi: 16
Iscritto il: 22 mar 2008, 20:20

Re: Improvvisazione

Messaggio da Glax » 26 mar 2008, 18:33

cioè quindi io posso, partendo da una tonalità, suonare su altri tasti della chitarra essendo comunque sicuro di non "stonare"?

sono quindi questi i "modi"?

altre diteggiature tipo pentatoniche che ti permettono di suonare praticamente ovunque? :paura: :paura:

Avatar utente
Metal Mike
Esperto
Esperto
Messaggi: 499
Iscritto il: 08 feb 2008, 18:33

Re: Improvvisazione

Messaggio da Metal Mike » 26 mar 2008, 20:57

Glax ha scritto:cioè quindi io posso, partendo da una tonalità, suonare su altri tasti della chitarra essendo comunque sicuro di non "stonare"?

sono quindi questi i "modi"?

altre diteggiature tipo pentatoniche che ti permettono di suonare praticamente ovunque? :paura: :paura:
scusa ma non che pensavi?
Lo so che per me risulta ovvio (e per te evidentemente no), ma prova a trasporre quello schema in una tonalità su di una singola corda. Otterrai tutte le note suonabili di quella scala su quella corda. Se fai lo stesso per le rimanenti 5 corde, ti trovi, tutti i pattern messi assieme :ciao:
ok, qualcosa in più ho capito, ma se con il fatto delle varie scale TTSTTTS, si passano da Do tutte le note fino a SI, vuol dire che praticamente si può improvvisare su qualsiasi accordo???
Se gli accordi sono quelli della scala di DO maggiore, puoi tranquillamente suonare la sola scala di DO per improvvisarci sopra. Se c'é un cambio di tonalità, evidentemente no

Avatar utente
Glax
Principiante
Principiante
Messaggi: 16
Iscritto il: 22 mar 2008, 20:20

Re: Improvvisazione

Messaggio da Glax » 26 mar 2008, 21:38

si, lo so che mantenendo la diteggiatura postata da me posso suonare ovunque.....

mi sa che non ci ho ancora caipo molto :dubbioso: :dubbioso: :dubbioso: :dubbioso:

cosa sono quindi i "modi"???

se io sto suonando su do maggiore, oltre alla diteggiatura postata da me sul 3° tasto 6° corda che cosa cambia se uso i "modi"?


lo so che per voi che ormai siete "esperti", diciamo , o che comunque siete pratici dell'argomento possono sembrare delle cavolate......

ma mettetevi nei miei panni.....

non ho mai ( o quasi) sentito parlare di tutta sta roba........ :dubbioso: :dubbioso: :dubbioso: :dubbioso:

Avatar utente
Glax
Principiante
Principiante
Messaggi: 16
Iscritto il: 22 mar 2008, 20:20

Re: Improvvisazione

Messaggio da Glax » 27 mar 2008, 17:08

ok, piccolo aggiornamento della situazione :Very Happy:

seguendo una guida ho acpito cosa sono i "modi"

ma non ho ancora capitouna cosa:

come li uso?

cioè se alla fine sono sempre le stesse note, ma con la tonica diversa, per che cosa posso usarli? :dubbioso:

ho anche trovato su internet dei cosiddetti "box di pentatoniche"

qualcuno sa darmi delle informazioni su questi "box"'?

grazie

Avatar utente
Mirko
Maestro
Maestro
Messaggi: 1242
Iscritto il: 08 nov 2006, 22:35

Re: Improvvisazione

Messaggio da Mirko » 27 mar 2008, 17:32

I box sono posizioni comode per suonare un scala per più di un ottava (quindi utilizzando tutte e sei le corde) senza spostare troppo la mano.


se tu sei in tonalità di do e stai suonando il pattern (box) del modo ionico (nel punto giusto della tastiera) di una scala maggiore: do re mi fa sol la si do re mi fa sol ecc... puoi prendere queste stesse note in un altro punto della tastiera suonando il pattern relativo a questo.

I pattern si intersecano tra loro suonando le stesse note, passando da uno all'altro quindi (pattern overlapping) sei in grado di improvvisare su tutto il manico della chitarra senza uscire dalla tonalità e quindi senza stonare.

Con un buon controllo degli slide, dei vibrati, dei legati, e una plettrata discreta, se hai un certo gusto musicale puoi davvero iniziare a fare sul serio.

Una volta che hai memorizzato i pattern in relazione uno all'altro saprai suonare in ogni tonalità dato che per suonare ad esempio in sol maggiore ti basterà "piazzare" il pattern del modo ionico a partire dal sol sulla sesta corda spostando quindi tutti gli altri che rimangono in relazione a questo, identici.
Immagine
Sabry Immagine

Avatar utente
Glax
Principiante
Principiante
Messaggi: 16
Iscritto il: 22 mar 2008, 20:20

Re: Improvvisazione

Messaggio da Glax » 27 mar 2008, 17:47

questi che intendi tu sono però i box o pattern della scala della tonalità, se non erro....

io invece ho sempre ( non so perchè :Very Happy:) improvvisato sulle pentatoniche....

quindi non so nulla sui pattern delle scale :dubbioso: :dubbioso: :dubbioso:

come si fa ?

cioè, imparo la diteggiatura e poi?

"sparo note a caso"?

questo è sempre stato il mio più grande scoglio....

cosa suono?

anche se so le diteggiature come procedo??

:dubbioso: :dubbioso: :dubbioso:


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti