Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Di tutto di più sul suonare la chitarra
jin
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 225
Iscritto il: 22 set 2007, 12:09

Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da jin » 06 lug 2008, 16:49

Ho iniziato, dopo tanti anni ,a confrontarmi con un maestro di chitarra classica che insegna anche elettrica(laureato in conservatorio)!!
Io volevo più che altro miglirare la tecnica metal e in pochi mesi arrivare a buoni livelli e successivamente fare anche cover heavy metal...... ma DRANGHETE........ knuppel2 il maestro subito mi ha dato una bella batosta dicendomi:

"Per suonare come dici tu e ai livelli di chitarristi con le palle......devi studiare prima di tutto la teoria musicale:valori delle note, sincope, terzine, tempi composti,differenza tra alzare e levare,accento forte che scandice i tempi applicandolo anche con il plettro sulle scale e fraseggi(io non ci capisco niente)................e chi più ne ha più ne metta!!e poi applicare tutto praticamente su spartiti e leggere,leggere,leggere musica!!Devi imparare un linguaggio nuovo tralasciando via gli schemi che hai e soprattutto non pizzicare delle note a 1000 se non ci si rende conto di che valori musicali uno usa.....!!"

Insomma sto facendo 1000 passi indietro e ritornare all' ABC!!Mi sono scoraggiato tantissimo anche perchè mi ritrovo con cose molto difficili!!Meno male che non mi sta facendo fare il solfeggio se no le palle..............Mica mi devo laureare in chitarra che devo sapere tutti i peli....o no?

Scusate io sento dire di corsi metal di pochi mesi che subito diventi un mostro.......ma possibile che uno deve sapere pure il pelo nell'uovo...così ci vorranno anni per imparare!!Secondo me si può imparare in poco tempo e bene semplificando tantissime cose o no?

A voi sembra un pò esagerato quanto mi è stato detto?


Avatar utente
Gilmour82
Esperto
Esperto
Messaggi: 411
Iscritto il: 22 apr 2008, 11:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da Gilmour82 » 06 lug 2008, 19:58

Assolutamente no! Non credo alle persone che dico di aver imparato a suonare un genere musicale in pochi mesi, non credo a quelli che dicono che bisogna andare veloci per saper suonare, non credo a quelli che dicono di saper suonare solo dopo 1 anno di lezioni. Saper suonare è altro! Al mondo non c'è chitarrista che ha smesso di imparare e non vedo perchè bastano poche lezioni per dire "ok, adesso che so fare le scale posso anche smettere di prendere lezioni". Quello che ti voglio dire è che se vai da un buon maestro (conservatorio hai detto?) devi ascoltarlo pienamente. Bisogna studiare e capire cosa si sta facendo perchè se a casa ripeti e basta, senza aver capito l'ABC, allora non stai imparando niente. Ovviamnete poniti degli obiettivi altrimenti prederai lezioni a vita, è rimarrai senza money, e una volta raggiunti potrai anche continuare da aurodidatta. Molti vanno da un maestro per imparare ad improvvisare...bhè questo potrebbe essere il primo obiettivo! No??!

jin
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 225
Iscritto il: 22 set 2007, 12:09

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da jin » 06 lug 2008, 21:51

Infatti è meglio porsi un obiettivo così ci si concentra a lavorare per quello scopo!!!Hai ragione :esatto:

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da darkfender » 07 lug 2008, 08:55

Mi limito alla frase: "leggere leggere leggere"

magari sul resto in parte ha ragione....ma della lettura non te ne fai quasi nulla.
Serve solo per chi vuol suonare sulle crocere o nelle big band....

ci ho "BUTTATO" 4 anni della mia vita con una scuola simile (mi facevano leggere brani completi in spartito anche in chord melody -.-), e mentre la teoria mi è tornata utile, la lettura oltre a un certo livello (piuttosto basso) non l'ho MAI usata.

La lettura ritmica invece è utile.

Ma soprattutto ci vuole un percorso equilibrato....non è che se poi si sa la teoria ma non si studia tecnica si possa fare qualcosa.

Devi trovare il modo di mettere teoria e tecnica sullo stesso piano (ma nessuna delle due preclude l'altra).
E la lettura melodica lasciala ai tastieristi, per i chitarristi serve il giusto (a parte qualche base).
Dividi il tuo tempo 50% e 50% e vedrai che arrivi ad essere un buon chitarrista.

e comunque è vero che c'è molta gente che "dice" di esser fenomeni in pochi mesi, ma sono spesso superficiali, alla lunga premia un percorso omogeneo.

Avatar utente
Gilmour82
Esperto
Esperto
Messaggi: 411
Iscritto il: 22 apr 2008, 11:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da Gilmour82 » 07 lug 2008, 11:49

Come non quotare Darkfender!!


Avatar utente
Danny Rock n'metal
Esperto
Esperto
Messaggi: 866
Iscritto il: 17 giu 2008, 10:42

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da Danny Rock n'metal » 07 lug 2008, 16:08

concordo con Darkfender...io suono solo da due anni nn ho molta esperienza ma ho notato che correre nn serve a nulla si esuguono solo esercizi sporchi e poco precisi meglio metterci più tempo ma farli con calma
Ragazzi ricordiamoci che noi sappiamo fare una cosa che non tutti sanno fare cioè suonare la chitarra

jin
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 225
Iscritto il: 22 set 2007, 12:09

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da jin » 07 lug 2008, 21:48

Magari mi sto creando solo un pregiudizio ,anche perchè sono solo alla 2^ lezione!!Poi il tempo mi dirà se continuare o meno!!!Effettivamente non so che tipo di didattica utilizza....ora è troppo presto per dire se il suo metodo è soddisfacente o meno!!Vedremo :dubbioso:

Avatar utente
jackass
Esperto
Esperto
Messaggi: 500
Iscritto il: 13 dic 2007, 21:55
Località: Tivoli (RM)

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da jackass » 09 lug 2008, 23:24

poi certamente un simile percorso didattico ti sarà utile in più campi! conoscendo bene la teoria musicale la potrai applicare poi anche agli altri generi! mi sembra buonissimo a me! invece di andare da un maestro che ti insegna a suonare la musica metal stai andando da chi ti insegna a suonare la musica, e aggiungo beato te visto che io non riesco ad andare da un maestro visto che abito in una landa desolata!
ogni volta che ti vedo tu mi parli ed io non sento, e mentre mi perdo dentro me penso al tempo che è passato e che non è mai morto, ho perso i miei vizi e ho perso te.

oggi sì che è il giorno giusto per smetter di fumare, oggi è un giorno perfetto per smettere di bere!

Avatar utente
ambaradam
Maestro
Maestro
Messaggi: 2301
Iscritto il: 12 apr 2007, 10:27
Località: Roma

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da ambaradam » 09 lug 2008, 23:34

Comunque se posso dire una cosa: la musica non è che prima la scrivi poi la suoni... Prima la pensi, poi vai sullo strumento e se ti soddisfa, la suoni :Very Happy: . La teoria è utile, ti può sempre aiutare (e ti fa capire dove devi cazzeggiare quando improvvisi :Very Happy: ), ma ricordati che la musica nasce nella capoccia, no su un pezzo di carta con qualche pallino!
offro-vendo-f47/vendo-fender-strato-mex ... 12112.html Se volete una Fender mex mancina e/o un ampli Fender Frontman, a Roma

Avatar utente
Gilmour82
Esperto
Esperto
Messaggi: 411
Iscritto il: 22 apr 2008, 11:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da Gilmour82 » 10 lug 2008, 10:29

jackass ha scritto:invece di andare da un maestro che ti insegna a suonare la musica metal stai andando da chi ti insegna a suonare la musica
Parole santissime!!
ambaradam ha scritto:ma ricordati che la musica nasce nella capoccia, no su un pezzo di carta con qualche pallino!
Si, ma se nella capoccia non ci si mette della GIUSTA teoria non è che si fa un gran chè. I maestri devono insegnare quello che hanno i chitarristi blues dell'America centrale, cioè lo spirito di inventiva. Il mio maestro che va spesso nelle terre del Mississipi, mi dice che loro definiscono i chitarristi italiani degli ottimi copioni. Bhè, non hanno tutti i torti! Ma questo nasce dal fatto che non abbiamo voglia di sperimentare e questo perchè?? Perchè non si insegna la giusta teoria. E' normale che la musica nasce dalla testa e passando dal cuore arriva alle dita sul manico di una chitarra, ma se nella testa ci metti solo la teoria del "questa è la scala minore, imparala a memoria e portamela per la prossima lezione"! Cos'è questo??? Insegnare la teoria? Per me è insegnare ad essere pappagalli!! Bisogna insegnare a capire cosa si sta facendo!
PS: mica si vede che ce l'ho con quelli che si improvvisano maestri? :Very Happy:

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da darkfender » 10 lug 2008, 10:50

guarda che il discorso è moooolto più complesso.
Non esiste teoria O tecnica,ci sono tanti argomenti nella teoria più o meno utili, quanti ce ne sono nella tecnica.

Al conservatorio sono fissati con la lettura e non solo lì.
Ora conoscere le note sul manico e avere qualche rudimento di lettura è ottimo, saper leggere un pezzo blues a prima vista è inutile e un immenso spreco di tempo.

La teoria che fa MOLTO comodo a un chitarrista (una volta superate le basi di scale accordi modi arpeggi) è l'analisi degli intervalli, l'analisi dell'armonia e delle progressioni e cosa TROPPO SPESSO ignorata, fondamenti sugli studi del suono e delle frequenze.

Fatto questo si può passare all'analisi stilistica dei vari BIG (o anche non big) non per copiarli ma per capire come sono arrivati al loro stile e cos'hanno di speciale che li rende unici.

Chiaro che a questo bisogna unire lo studio della tecnica (che ricordo non essere solo alternate picking, tapping e sweep, ma anche bending, vibrati, ritmiche etc etc etc).

Insomma detto questo pare ovvio che un buon chitarrista ha bisogno di molti più anni di studio rispetto a un cantante o un bassista, proprio per la vastità degli argomenti e per il ruolo centrale della chitarra (centrale nel senso che spesso è la parte principale degli arrangiamenti che dà colore al suono).

Rimane comunque che un chitarrista con un bagaglio teorico enorme che non sappia suonare bene è triste...e siccome comunque noi dobbiamo suonare, tanto vale dedicarci SIA alla teoria che alla tecnica con equilibrio senza privilegiare nessuna delle 2 cose.

Avatar utente
Kimera
Esperto
Esperto
Messaggi: 586
Iscritto il: 19 mar 2008, 16:01
Località: Milano

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da Kimera » 10 lug 2008, 10:58

jin ha scritto:Ho iniziato, dopo tanti anni ,a confrontarmi con un maestro di chitarra classica che insegna anche elettrica(laureato in conservatorio)!!
Io volevo più che altro miglirare la tecnica metal e in pochi mesi arrivare a buoni livelli e successivamente fare anche cover heavy metal...... ma DRANGHETE........ knuppel2 il maestro subito mi ha dato una bella batosta dicendomi:

"Per suonare come dici tu e ai livelli di chitarristi con le palle......devi studiare prima di tutto la teoria musicale:valori delle note, sincope, terzine, tempi composti,differenza tra alzare e levare,accento forte che scandice i tempi applicandolo anche con il plettro sulle scale e fraseggi(io non ci capisco niente)................e chi più ne ha più ne metta!!e poi applicare tutto praticamente su spartiti e leggere,leggere,leggere musica!!Devi imparare un linguaggio nuovo tralasciando via gli schemi che hai e soprattutto non pizzicare delle note a 1000 se non ci si rende conto di che valori musicali uno usa.....!!"

Insomma sto facendo 1000 passi indietro e ritornare all' ABC!!Mi sono scoraggiato tantissimo anche perchè mi ritrovo con cose molto difficili!!Meno male che non mi sta facendo fare il solfeggio se no le palle..............Mica mi devo laureare in chitarra che devo sapere tutti i peli....o no?

Scusate io sento dire di corsi metal di pochi mesi che subito diventi un mostro.......ma possibile che uno deve sapere pure il pelo nell'uovo...così ci vorranno anni per imparare!!Secondo me si può imparare in poco tempo e bene semplificando tantissime cose o no?

A voi sembra un pò esagerato quanto mi è stato detto?
come si dice in questi casi:"nessuno nasce imparato".Appoggio quello che ti ha detto il Maestro, ma tieni anche conto che deve portare acqua al proprio mulino per guadagnare.Hai provato qualche corso di Donato Begotti? le tecniche di insegnamento moderne fanno miracoli!!!
"Non suonare quello che c'è, suona quello che non c'è."
Miles Davis

Avatar utente
metalmilitia23
Esperto
Esperto
Messaggi: 341
Iscritto il: 30 mar 2008, 16:21
Località: milano

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da metalmilitia23 » 10 lug 2008, 13:19

tutto quello che volevo dire è gia stato detto pienamente da darkfender e gilmour82 bhe sicuramente io o meno esperienza essendo solo 6 anni che abbraccio questo strumento ma concordo in pieno

Avatar utente
Gilmour82
Esperto
Esperto
Messaggi: 411
Iscritto il: 22 apr 2008, 11:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da Gilmour82 » 10 lug 2008, 14:46

DarkFender: hai datto, in maniera più ampia, quello che volevo far capire io. Ti appoggio pienamente quando dici che ci vuole un giusto equilibrio tra tecnica e teoria! Volevo aggiungere che avvolte puntare troppo, come in conservatorio ad insegnare a leggere sia esagerato, non che non servi...per carità, ma si dovrebbe puntare sull'armonia. Quando si improvvisa su una base senza pensare su che box ci si trovi e su dove spostarti successivamente, ma improvvisare con la mente libera, rispettando progressioni e regole, allora si che stiamo suonando mettendo in pratica teoria e tecnica. Chiudere gli occhi e improvvisare col cuore non col la memoria.

Avatar utente
Cini
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 92
Iscritto il: 03 lug 2007, 23:51
Località: Verona

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da Cini » 10 lug 2008, 16:49

darkfender ha scritto: Al conservatorio sono fissati con la lettura e non solo lì.
Ora conoscere le note sul manico e avere qualche rudimento di lettura è ottimo, saper leggere un pezzo blues a prima vista è inutile e un immenso spreco di tempo.
Gilmour82 ha scritto: Volevo aggiungere che avvolte puntare troppo, come in conservatorio ad insegnare a leggere sia esagerato, non che non servi...per carità, ma si dovrebbe puntare sull'armonia.
Vero, puntare troppo sulla lettura può essere non necessario, dipendentemente da cosa uno si prefigge di suonare... al conservatorio ci si va per suonare chitarra classica (in generale musica classica), dove l'improvvisazione non centra nulla, bisogna seguire perfettamente uno spartito, e bisogna saperlo leggere senza far nessuna fatica, ne consegue che la lettura è fondamentale... seconda cosa il conservatorio punta a formare dei musicisti, CLASSICI, il più completi possibile... Quindi un'ottima capacità di lettura in tutte le chiavi è una cosa fondamentale... Per l'armonia ovviamente viene presa in considerazione solo l'armonia classica, e questa è effettivamente una cosa limitante, ma sembra che finalmente qualcosa si stia muovendo...

Per il resto concordo in pieno...


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti