Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Avatar utente
invidia
Maestro
Maestro
Messaggi: 1310
Iscritto il: 26 gen 2007, 23:17
Località: Milano
Contatta:

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da invidia » 10 lug 2008, 17:34

darkfender ha scritto:Insomma detto questo pare ovvio che un buon chitarrista ha bisogno di molti più anni di studio rispetto a un cantante o un bassista, proprio per la vastità degli argomenti e per il ruolo centrale della chitarra (centrale nel senso che spesso è la parte principale degli arrangiamenti che dà colore al suono).
scusa, forse perchè sono un bassista, ma pensi davvero quello che hai scritto ?
a me pare un po' una cazzata !

ogni strumento è un mondo, in ogni mondo ci sono milioni di cose da conoscere ... sia in termini di teoria ( e questa è uguale per tutti gli strumenti ) sia in termini di tecnica, pensa che sul basso si usano tutte le tecniche che si usano sulla chitarra ... infondo lo strumento è simile cambiano solo le dimensioni ...

la musica non è fatta solo di chitarra, c'è anche altro ... sezioni fiati, sezione ritmica, solisti vari (e non solo assoli di chitarra), cantati, rumori ....

apri le orecchie e ascolta sentirai anche altri suoni oltre a quello della chitarra :diavolo:
shanti Maks.

save the planet,
kill yourself!


Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da darkfender » 10 lug 2008, 19:07

si senza ricorrere a frasi fatte lo penso....

parlando di requisiti minimi ovviamente.

Dimmi per esempio per imparare le basi del violino quanto ci vuole?
e quelle di un pianoforte?
e visto che mi parli di fiati (escluso il sax) hai idea di quanto siano complessi solo per tirare fuori un suono ascoltabile?

Poi per emergere magari lo sforzo è lo stesso, ma apprenderne le basi no almeno imho.
(e anche per emergere è inversamente proporzionale alla concorrenza :pianto: ).


cmq a scanso OT e discussioni pericolose diciamo che è una opinione personale che può non esser condivisa :beer:

Avatar utente
mottolone
Maestro
Maestro
Messaggi: 1045
Iscritto il: 05 giu 2008, 10:35
Località: Melito (NA)
Contatta:

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da mottolone » 11 lug 2008, 20:20

Ciao a tutti

ammetto di non aver letto proprio tutte le risposte in questo topic ma l'argomento mi tocca molto e vorrei dire la mia:

Per essere deglio ottimi chitarristi metal bisogna essere degli ottimi chitarristi ! Questo significa che non devi studiare Metal ma devi studiare "chitarra" ! Qundi devi dedicarti a solfeggio, lettura , improvvisazione, studio dell' armonia e composizione , ritmiche , esecuzione e padronanza delle tecniche chitarristiche. Tutto questo in un percorso " Hard rock oriented " ( perkè le tecniche sono hard rock, il metal è solo un genere ).
Tieni presente che praticamente i chitarristi che noi osanniamo non provengono proprio dal metal. In chitarristi come Petrucci, Zakk wylde, Malmsteen etc... sono vive e palpitanti le impronte di altri stili ke hanno caratterizzato i loro studi ( jazz, country blues, classica ) e che caratterizzano il loro sound.

Ho letto poi che molti di voi vedono nella lettura e nel solfeggio una specie di DEMONE da evitare o al massimo da ingerire col naso tappato. In realtà sono entrambi fondamentali per diventare ottimi musicisti ( oltre che chitarristi ). Perchè studiare solfeggio e lettura signifa soprattuto " analizzare i brani che si eseguono " operando una specie di analisi del testo come si fa per i testi letterari in modo da capire perkè sono state scelte certe soluzioni armoniche inevce di altre, quali alternative poteva seguire l'autore, come si possono utilizzare certe soluzioni in altri contesti.

Dopo ( ma anche durante ) tutto questo vi renderete conto che non state suonando più una serie di movimenti in successione imparati a memoria, ma state eseguendo un modo di pensare, scelte artistiche, ma soprattutto state eseguendo un piccolo mondo che inizia e finisce in qualche minuto e voi ne siete padroni.

( che smielato!!!!! )
Il genio è 1% ispirazione e 99% traspirazione ! Sognando il Mark V
GEAR: Mesa Express 5:50 - Rectocab 2x12, Micro cube Rx, Ibanez Jem 7V - Rg 320 fa - MTM1 - EW20ASE acustica, Jackson RR5, LTD ec 1000 Deluxe, Yamaha acustica, Boss GT8 Vari pedali Boss, DS1 Keeley mod, Zoom MS 50, AMT WH-1, Mesa Throttle Box, TC Electronic Flashback.

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da darkfender » 11 lug 2008, 21:29

Guarda mi ripeto volentieri...
la lettura per essere fluida e veloce sul nostro strumento richiede una quantità di studio atroce....
Noi come sai abbiamo più note uguali sulla tastiera e bisogna non solo leggere ma inventarsi diteggiature al volo....

Non parlo da ignorante...proprio perchè ci sono passato e ho perso anni in queste cose affermo che piuttosto che leggere a prima vista brani complessi è molto meglio fare altro...
E ti assicuro che nella metà delle clinic che ho visto erano i big stessi ad affermare il medesimo concetto.

Credi forse che i turnisti abbiano queste capacità di lettura così sviluppate?
Quelle rare volte che gli vengono dati semplici obbligati in spartito...hanno tutto il tempo di studiarseli.

Cosa differente è il solfeggio ritmico...soprattutto al giorno d'oggi con stili metal organizzati al 90% su ritmiche complesse, è più che indispensabile...

ma la lettura a prima vista può servire solo in 4 casi:
Big Bands
Orchestre di liscio
Crociere e pianobar
Musica classica (non neoclassica....)

Avatar utente
mottolone
Maestro
Maestro
Messaggi: 1045
Iscritto il: 05 giu 2008, 10:35
Località: Melito (NA)
Contatta:

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da mottolone » 11 lug 2008, 22:20

@ darkfender

Ho parlato dell' importanza della lettura non come mera esecuzione ma come analisi dei brani. I libri di armonia spesso sono molto statici, forniscono giusto qualke esempio con un paio di accordi quindi risulta più utile analizzare gli stessi elementi su un brano vero e proprio osservando le note sul pentagramma e studiare l'evoluzione del brano.

Tu ti riferisci alla lettura ad impronta. Personalmente credo ke con le tecniche moderne il pentagramma non basta più infatti la maggior parte dei libri di musica moderna per chitarra sono scritti con pentagramma ( per le ritmiche ) più tablatura ( per le posizioni e altre annotazioni ). Ne va di conseguenza che la lettura all' impronta ad alti livelli torna sempre utile ma non è sempre indispensabile.
Il genio è 1% ispirazione e 99% traspirazione ! Sognando il Mark V
GEAR: Mesa Express 5:50 - Rectocab 2x12, Micro cube Rx, Ibanez Jem 7V - Rg 320 fa - MTM1 - EW20ASE acustica, Jackson RR5, LTD ec 1000 Deluxe, Yamaha acustica, Boss GT8 Vari pedali Boss, DS1 Keeley mod, Zoom MS 50, AMT WH-1, Mesa Throttle Box, TC Electronic Flashback.


Avatar utente
Gilmour82
Esperto
Esperto
Messaggi: 411
Iscritto il: 22 apr 2008, 11:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da Gilmour82 » 12 lug 2008, 10:25

mottolone ha scritto:Questo significa che non devi studiare Metal ma devi studiare "chitarra" !
mottolone ha scritto:In chitarristi come Petrucci, Zakk wylde, Malmsteen etc... sono vive e palpitanti le impronte di altri stili ke hanno caratterizzato i loro studi ( jazz, country blues, classica ) e che caratterizzano il loro sound.
Mi spieghi meglio questo concetto? Vorresti dire che per fare un buon metal posso, ad esempio, aver suonato jazz per anni? Se è così è una cappellata! Sappiamo tutti che nel metal ci sono tracce di vari generi ma solo tracce. Il mtelal differisce per molti aspetti che vanno dall'esecuzione di una scala fino al modo in cui si impugna il plettro, ecc ecc...tanto per fare un esempio. Non per questo se un chitarrista metal, che abbia suonato solo metal, decide di passare al jazz, penso che qualche problemino lo troverà!
Per il discorso della teoria penso che possiamo starci su anni visto che sono punti di vista differenti ma tutto sommato la penso più come DarkFender per il discorso del metal. Poi se dovessimo parlare di musica classcia il discorso cambia.

Avatar utente
ambaradam
Maestro
Maestro
Messaggi: 2301
Iscritto il: 12 apr 2007, 10:27
Località: Roma

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da ambaradam » 12 lug 2008, 13:01

mottolone penso intendesse dire che non tutti iniziano subito dal metal, come quei chitarristi che da altri generi son deviati al metal...
offro-vendo-f47/vendo-fender-strato-mex ... 12112.html Se volete una Fender mex mancina e/o un ampli Fender Frontman, a Roma

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da darkfender » 12 lug 2008, 16:50

effettivamente...all'inizio mi ero un po' impuntanto sulla lettura...ma il resto serve.

Per esempio a suonare metal si nota che il 99% degli accordi sono bicordi...qindi si tralasciano gli accordi estesi o alterati...andando ad analizzare i pezzi ci si accorge che spesso la somma degli strumenti suona accordi alterati estesi e anche piuttosto complessi....
Conoscerli anzichè muoversi a caso fa la differenza.

per fare un esempio giusto

Avatar utente
mottolone
Maestro
Maestro
Messaggi: 1045
Iscritto il: 05 giu 2008, 10:35
Località: Melito (NA)
Contatta:

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da mottolone » 12 lug 2008, 19:19

credo ke darkfender abbia capito quello ke voglio dire... cmq tanto per evitare malintesi:

Per studiare " chitarra " intendo il mondo a tutto tondo dello strumento, questo non significa studiare tutti i generi musicali del mondo ma analizzare tutti gli aspetti che la caratterizzano. Più cose sai e più cose sai fare più ampie saranno le tue possibilità di creare il tuo sound.

Tieni presente che il persorso di studio di una chitarrista non è cosi personale come dici perkè se vuoi diventare un bravo chitarrista devi studiare tutte le cose di cui abbiamo parlato fino ad ora. L'unica cosa personale può essere l'obiettivo che chi studia vuole porsi.

Se vuoi fare il chitarrista da spiaggia ti limiti a imparare le canzoncine e ad avere un pò d orecchio, se vuoi fare il metallaro ti chiudi in casa col metrono e se vuoi fare il rocker impari a suonare con la chitarra sotto le ginocchia. ( ovviamente sono esempi esagerati ).

Da quel che leggo molti ragazzi vogliono tutto e subito snobbando alcune cose come se fossero create solo per farer il pacco all' alievo di turno e per far fare anni di studi solo per nutrire le tasche dei maestri. Preoccupatevi piuttosto di trovare un buon maestro e vedrete che la strada sarà tutta in discesa.
Il genio è 1% ispirazione e 99% traspirazione ! Sognando il Mark V
GEAR: Mesa Express 5:50 - Rectocab 2x12, Micro cube Rx, Ibanez Jem 7V - Rg 320 fa - MTM1 - EW20ASE acustica, Jackson RR5, LTD ec 1000 Deluxe, Yamaha acustica, Boss GT8 Vari pedali Boss, DS1 Keeley mod, Zoom MS 50, AMT WH-1, Mesa Throttle Box, TC Electronic Flashback.

Avatar utente
Gilmour82
Esperto
Esperto
Messaggi: 411
Iscritto il: 22 apr 2008, 11:36

Re: Domanda ai maestri di chitarre metal!!

Messaggio da Gilmour82 » 13 lug 2008, 18:05

mottolone ha scritto:Per studiare " chitarra " intendo il mondo a tutto tondo dello strumento, questo non significa studiare tutti i generi musicali del mondo ma analizzare tutti gli aspetti che la caratterizzano. Più cose sai e più cose sai fare più ampie saranno le tue possibilità di creare il tuo sound.
Adesso ti sei spiegato meglio!!


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti