Che casino accordare a orecchio

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Avatar utente
TRA$H
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 05 dic 2007, 20:54

Che casino accordare a orecchio

Messaggio da TRA$H » 28 dic 2007, 14:03

Raga che casino accordare a orecchio...Riesco fino a un buon punto solo che mi accorgo che suonando gli accordi suona male! Io nn ho mai usato un accordatore,xò credo che sia ottimo soprattutto per guadagnare tempo...
My instruments:
elettrica:cort KX custom
ampli:CRATE FW 65


Avatar utente
Senio
Esperto
Esperto
Messaggi: 654
Iscritto il: 02 gen 2007, 11:07
Località: Siena
Contatta:

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da Senio » 28 dic 2007, 15:55

Ciao, si con l' accordatore vai sicuro che non sbagli e in 30 secondi hai fatto... ma vuoi mettere l'utilità di saperlo fare ad orecchio? Metti che sei in giro... una strimpellata fra amici intorno al fuoco e non hai l'accordatore... così ce la fai uguale! E poi riuscendo ad accordare ad orecchio acquisti una migliore padronanza dello strumento!! Quando hai tempo prova ad accordare da solo e poi verifica con l'accordatore! Certo le prime volte magari sbaglierai tutto ma ogni chitarrista ha imparato così: provando! Vedrai che presto ci saranno miglioramenti! :ciauz:
Confucio ha scritto:La musica produce un piacere di cui la natura umana non può fare a meno.

Avatar utente
paranoid
Maestro
Maestro
Messaggi: 2087
Iscritto il: 30 dic 2006, 01:24
Località: Milano

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da paranoid » 28 dic 2007, 18:49

butta l' accordatore fino a quando non avrai imparato PERFETTAMENTE ad accordare ad orecchio.
quando raggiungi la quasi perfezione (la perfezione non ce l' ha neanche l' accordatore), usa l' accordatore nei casi estremi, ad esmpio nei live.
noi non ci facciamo mai caso, ma accordare ad orecchio è una scuola più utile di fare mille scale al giorno (IMHO) . :ciauz:
Il fatto che non tutti scrivano canzoni non significa necessariamente che ognuno di noi non ne porti una dentro di se.

Avatar utente
Frank 91
Maestro
Maestro
Messaggi: 1134
Iscritto il: 16 lug 2007, 20:32

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da Frank 91 » 28 dic 2007, 20:11

paranoid ha scritto:butta l' accordatore fino a quando non avrai imparato PERFETTAMENTE ad accordare ad orecchio.
quando raggiungi la quasi perfezione (la perfezione non ce l' ha neanche l' accordatore), usa l' accordatore nei casi estremi, ad esmpio nei live.
noi non ci facciamo mai caso, ma accordare ad orecchio è una scuola più utile di fare mille scale al giorno (IMHO) . :ciauz:
Quoto.
Ti consiglio all'inizio di sentire dall' accordatore la nota La, e poi accordare tutte le altre.

Ciaooo

Avatar utente
simo_slash
Maestro
Maestro
Messaggi: 1421
Iscritto il: 29 ago 2007, 21:06

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da simo_slash » 28 dic 2007, 21:52

Ma poi se sei in concerto, così senti che qualche corda suona male, la individui... e gira dalla parte dove devi girare :ciao:

MA tutto questo si acquista con l'orecchio e esercizio (c'è sempre dappertutto, l'ascolto e l'orecchio...) :ciao:

:ciauz:


Avatar utente
TRA$H
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 05 dic 2007, 20:54

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da TRA$H » 29 dic 2007, 00:01

si infatti mi accorgo comunque miglioramenti ogni volta che accordo ad orecchio dalla volta precedente... l'accordatore nn so neanche come si accende(nel senso che nn ne ho mai avuto uno)
Comunque seguo i vostri consigli e continuo a orecchio e ci sto anche 1 giorno intero!
My instruments:
elettrica:cort KX custom
ampli:CRATE FW 65

Fragile
Esperto
Esperto
Messaggi: 728
Iscritto il: 12 mar 2007, 13:54

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da Fragile » 01 gen 2008, 22:47

Io in questo mi considero fortunato, non ho mai avuto problemi!
Accordo al volo^^'

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da darkfender » 03 gen 2008, 09:47

guardate che accordare la chitarra con gli armonici a orecchio è semplicissimo e molto più preciso dell'accordatore stesso :|

solo non vi hanno spiegato come si fa......
esempio:
prendete la corda di E basso suonate l'armonico al 5° ferretto e la corda di A al 7° (anche qua l'armonico NATURALE) contemporaneamente.

A questo punto se le corde non sono accordate sentirete un suono tipo onda:
più l'onda è veloce, più è scordata, più è lenta e più è accordata, quando l'onda è così lenta da non sentirsi più...siete accordati.

L'accordatore è utile per accordare il A di partenza se si suona in gruppo o accordarsi in silenzio, ma la tecnica degli armonici è più precisa per vari motivi.

mauroch
Principiante
Principiante
Messaggi: 6
Iscritto il: 03 gen 2008, 11:04

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da mauroch » 03 gen 2008, 11:39

ma non è così complicato...
Certo, l'orecchio assoluto è necessario per il "La" ma se puoi fare a meno di avere la chitarra accordata come dio comanda (se puoi accettare che il La sia magari un Sol o un Si) basta utilizzare il buon vecchio sistema del partire dalla prima corda (il Mi basso) poi schiacci la corda al 5° capotasto per accordare la seconda (quello che dovrebbe essere il La); poi il 5° capotasto della seconda corda per accordare la terza (Re) ; il 5° della terza per accordare la quarta corda (Sol)... ma poi (è la sola eccezione) devi schiacciare la quarta al 4° capotasto per accrodare la quinta (Si), e per finire di nuovo il 5° capotasto per la sesta (Mi cantino).

Una variante per più esperti che devono avere comunque una buona vista più che un buon orecchio e che dipende molto dalla qualità della tua chitarra (precisione dei capitasto, corde ok, ecc.) consiste nel procedere come sopra e verificare visivamente quello che succede.
In altre parole, se parti dalla prima corda (Mi basso) schiacci il suo 5° capotasto e la fai suonare , per verificare che il La sia accordato devi vedere che la corda (la seconda, quella del La) entra in riverbero con quella del Mi che stai suonando. Ossia, quando suoni il La sulla prima corda (5° capotasto) la seconda deve mettersi a vibrare da sola (senza che tocchi).

E per finire un dettaglio importante che non tutti conoscono: quando schiacci la corda di riferimento (quella che usi per accordare la successiva) devi mettere il dito il più vicino possibile al capotasto. Se lo metti a metà strada tra i due capitasto il risultato sarà quello che raccontavi tu suonando un accordo.

Buona accordatura! e buon anno!

Mauro

mauroch
Principiante
Principiante
Messaggi: 6
Iscritto il: 03 gen 2008, 11:04

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da mauroch » 03 gen 2008, 11:46

Dimenticavo!!!
a proposito di riverbero (di cui parlavo prima): la nota è accordata quando raggiunge il massimo riverbero (visivo).

e un'altra cosa: c'è una differenza fra chitarra classica, acustica e elettrica per quando riguarda la pressione da dare al dito che preme la corda che stai utilizzando come riferiemento per accordare la successiva. Le chitarre elettriche sono infatti molto più sensibili alla pressione quindi devi stare attento di schacciare la corda perpendicolarmente al manico avendo cura di controllare di non tirala lateralmente.

mauroch
Principiante
Principiante
Messaggi: 6
Iscritto il: 03 gen 2008, 11:04

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da mauroch » 03 gen 2008, 11:47

PPS: io non sono mai riuscito ad accordare bene una chitarra con accordatore elettronico

:ciao:

Avatar utente
TRA$H
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 05 dic 2007, 20:54

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da TRA$H » 04 gen 2008, 14:05

mauroch ha scritto:E per finire un dettaglio importante che non tutti conoscono: quando schiacci la corda di riferimento (quella che usi per accordare la successiva) devi mettere il dito il più vicino possibile al capotasto. Se lo metti a metà strada tra i due capitasto il risultato sarà quello che raccontavi tu suonando un accordo.
questo passaggio nn l'ho capito!
My instruments:
elettrica:cort KX custom
ampli:CRATE FW 65

Avatar utente
paranoid
Maestro
Maestro
Messaggi: 2087
Iscritto il: 30 dic 2006, 01:24
Località: Milano

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da paranoid » 04 gen 2008, 21:08

TRA$H ha scritto:
mauroch ha scritto:E per finire un dettaglio importante che non tutti conoscono: quando schiacci la corda di riferimento (quella che usi per accordare la successiva) devi mettere il dito il più vicino possibile al capotasto. Se lo metti a metà strada tra i due capitasto il risultato sarà quello che raccontavi tu suonando un accordo.
questo passaggio nn l'ho capito!
devi mettere il dito più vicino possibile al ferretto del tasto, la chitarra è uno strumento dove chi suona incide molto sull' accordatura..... puoi avere tutta la tecnica che vuoi, ma se metti il dito al centro tra i due ferretti, anche con la chitarra più bella del mondo suonerai una nota scordata. :ciauz:
Il fatto che non tutti scrivano canzoni non significa necessariamente che ognuno di noi non ne porti una dentro di se.

Avatar utente
jack_trinidad
Maestro
Maestro
Messaggi: 3982
Iscritto il: 10 ago 2007, 23:47

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da jack_trinidad » 04 gen 2008, 22:44

paranoid ha scritto:
TRA$H ha scritto:
mauroch ha scritto:E per finire un dettaglio importante che non tutti conoscono: quando schiacci la corda di riferimento (quella che usi per accordare la successiva) devi mettere il dito il più vicino possibile al capotasto. Se lo metti a metà strada tra i due capitasto il risultato sarà quello che raccontavi tu suonando un accordo.
questo passaggio nn l'ho capito!
devi mettere il dito più vicino possibile al ferretto del tasto, la chitarra è uno strumento dove chi suona incide molto sull' accordatura..... puoi avere tutta la tecnica che vuoi, ma se metti il dito al centro tra i due ferretti, anche con la chitarra più bella del mondo suonerai una nota scordata. :ciauz:
Addirittura scordata??? :Very Happy:
Non ho trovato parole per dire quello che pensavo, ma ci sono riuscito con sole 5 note...
ma200360 ha scritto:E ricordati che la velocità non è tutto, anzi !
ma200360 ha scritto:Il blues è un tizio che va in un locale, prende una birra e scarica la macchina, monta l' amplificatore,
controlla la chitarra, svolge i jack, sistema l' asta del microfono, saluta il batterista che è appena
arrivato e gli chiede se ha bisogno di una mano, prova la pedaliera per vedere se funziona tutto, si
mette d' accordo col cantante per la scaletta, intanto arriva il bassista che è appena stato mollato dalla
tipa e lui va a vedere come va, nel frattempo il batterista ha montato tutto, e il cantante ha appena
finito di cambiare il fusibile di una cassa che si era bruciato. A quel punto lì, "One, two, three, four" e
parte Kansas City.

Avatar utente
paranoid
Maestro
Maestro
Messaggi: 2087
Iscritto il: 30 dic 2006, 01:24
Località: Milano

Re: Che casino accordare a orecchio

Messaggio da paranoid » 05 gen 2008, 00:53

prova con l' accordatore, metti il dito all' inizio del tasto, poi al centro e poi vicino al ferretto, appoggiandoti contro.
vedrai la differenza e ti sembrerà pochina, ma un professionista che conosce bene la chitarra sa benissimo che un pochino di qua e un pochino di la..... alla fine il solo di un determinato pezzo può risultare fiacco e calante...

da questo punto di vista la chitarra è uno degli strumenti più difficili da interpretare.
nel pianoforte ad esempio (anche lì c'è interpretazione nel tocco, dovuto alla potenza di pressione sui tasti, ma meno significativa della chitarra) una singola nota suonata premendo piano un tasto, risulta uguale sia suonata dal maestro che dall' allievo.

stesso discorso per gli strumenti a fiato.
non che non ci sia l' interpretazione eh! c'è eccome, ma la singola nota risulta assolutamente accordata sia per il dilettante che per il maestro.
ovvero: il maestro può interferire ed interagire anche sulla singola nota, mentre il dilettante no, ma io mi riferisco alla nota suonata libera, priva di particolare piglio o sentimento.

con gli strumenti a corde, dal basso al violino e così via, non esistono al mondo due persone che emettono lo stesso suono con la stessa accordatura, nemmeno su una singola nota.

ad eccezione di chi vive solo per riprodurre il suono altrui, e ne ho sentiti parecchi ad esempio, che suonano molto bene ''alla stevie ray vaughan'' e che riescono ad avvicinarsi in maniera impressionante.
ma è anche vero che è pur sempre una copia, e come tutte le copie, un pò imperfetta. :ciauz:
Il fatto che non tutti scrivano canzoni non significa necessariamente che ognuno di noi non ne porti una dentro di se.


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti