Aiuto autodidatti

Di tutto di più sul suonare la chitarra
Avatar utente
ThE_JoKeR
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 65
Iscritto il: 07 mag 2006, 16:51

Aiuto autodidatti

Messaggio da ThE_JoKeR » 07 mag 2006, 17:22

apro questa discussione per poter dare più opportunità agli autodidatti...
mi rivolgo. ai maestri di musica, ai bravi chitarristi o a chi se ne intende un pò...
potete mettere qui appunti, dritte, furbizie, lezioni... anche fatte da voi per gli auto didatti... così per crescere la nostra cultura musicale insieme...
a proposito.... c'è qualcuno che mi sa dire come si fa a fare quella specie di fischio con la chiatarra elettrica... tipo in una nota di un assolo...non so se mi sono spiegato
spero che qualcuno mi risponda...


Avatar utente
mr.blig
Esperto
Esperto
Messaggi: 472
Iscritto il: 07 apr 2006, 23:16
Località: Verona
Contatta:

Re: Aiuto autodidatti

Messaggio da mr.blig » 07 mag 2006, 22:13

ThE_JoKeR ha scritto:[..]
a proposito.... c'è qualcuno che mi sa dire come si fa a fare quella specie di fischio con la chiatarra elettrica... tipo in una nota di un assolo...non so se mi sono spiegato
spero che qualcuno mi risponda...
quello di cui parli è anche chiamato "Pinch Harmonic", ed è il classico fischio che si sente in qualche assolo e che da quel tocco in più :D

per questa tecnica è necessario avere il gain (la distorsione) molto alto. l'effetto si ha sfiorando con il lato del pollice della mano destra (o in generale con qualsiasi dito, ma con il pollice è più comodo) la corda che si è appena plettrata in corrispondenza di un armonico. è essenziale quindi toccare la corda nel punto giusto, o non faremo altro che "stoppare" il suono. è una tecnica abbastanza difficile da padroneggiare, se non hai capito posso spiegarmi meglio ;)

Avatar utente
David
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5956
Iscritto il: 07 apr 2006, 22:11
Località: Villafrati (Pa)

Messaggio da David » 08 mag 2006, 10:16

Devo dire che il Pinch Harmonic è una tecnica molto difficile da controllare, considerate che è stata inserita tra le tecniche di chitarra elettrica per errore, nel senso che è uscita fuori per continui errori (legati all'eccessiva distorsione compressione e feedback) di un chitarrista. E' una tecnica che da un risultato molto grazioso, ma difficile da padroneggiare...
Ultima modifica di David il 17 mag 2006, 13:28, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
ThE_JoKeR
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 65
Iscritto il: 07 mag 2006, 16:51

Messaggio da ThE_JoKeR » 08 mag 2006, 15:27

tu hai detto in corrispondenza di un armonico...ma cosa vuol dire...per il resto ho capito...

Avatar utente
mr.blig
Esperto
Esperto
Messaggi: 472
Iscritto il: 07 apr 2006, 23:16
Località: Verona
Contatta:

Messaggio da mr.blig » 09 mag 2006, 15:11

ThE_JoKeR ha scritto:tu hai detto in corrispondenza di un armonico...ma cosa vuol dire...per il resto ho capito...
un armonico si ottiene sfiorando la corda per esempio al XII tasto e mettendola in vibrazione, sentiremo una nota un'ottava sopra della nota che produce la corda a vuoto, questo per motivi legati alla vibrazione della corda che nn sto qui a spiegare per non dilungarmi troppo. questi armonici si ottengono anche in altri punti della tastiera...

un armonico artificiale è la stessa cosa, solo spostato rispetto all'armonico naturale per il fatto che con la mano sinistra stiamo già premendo la corda, e ne abbiamo quindi modificato la lunghezza..chiaro?

dunque se io premo la prima corda (mi cantino) sul terzo tasto ottengo un sol, ora sfiorando la stessa corda al XII+III, quindi al XV tasto otterrò un armonico artificiale corrispondente al sol un'ottava più alto ;)


Avatar utente
ThE_JoKeR
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 65
Iscritto il: 07 mag 2006, 16:51

Messaggio da ThE_JoKeR » 09 mag 2006, 16:32

grazie per il chiarimento...

Avatar utente
ThE_JoKeR
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 65
Iscritto il: 07 mag 2006, 16:51

Messaggio da ThE_JoKeR » 11 mag 2006, 15:21

cosa serve precisamente la levetta che si sposta su e giù vicino alla manopola del volume...non ho le idee chiare...

Avatar utente
David
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5956
Iscritto il: 07 apr 2006, 22:11
Località: Villafrati (Pa)

Messaggio da David » 11 mag 2006, 19:22

Se parli di una chitarra elettrica è la manopola per selezionare i pick-ups. Ovvero per selezione o combinare i pick-ups centrale, del ponte o al manico.

Saluti

Avatar utente
GuitarFanatic
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 192
Iscritto il: 10 giu 2006, 16:47
Località: Cinisello Balsamo (MI)

Messaggio da GuitarFanatic » 28 giu 2006, 23:40

Una cosa che mi sono smpre chiesto...come fai a capire il momento in una canzone in cui devi cambiare pick-up? OK, per i puliti sono adatti i single-coil, magari splittato con un HB perchè no...Ma c'è un sistema o si va ad orecchio? Spesso mi capita di suonare esclusivamente con un pick-up e magari non lo switcho perchè mi dimentico o non ci faccio neanche caso...non so se mi sono spiegato.... :o
Immagine

LeT mE pLaY!! JuSt LeT mE pLaY!!!!

Avatar utente
maxim
Principiante
Principiante
Messaggi: 41
Iscritto il: 23 giu 2006, 15:49
Località: Caserta

Messaggio da maxim » 29 giu 2006, 09:45

GuitarFanatic ha scritto:Una cosa che mi sono smpre chiesto...come fai a capire il momento in una canzone in cui devi cambiare pick-up? OK, per i puliti sono adatti i single-coil, magari splittato con un HB perchè no...Ma c'è un sistema o si va ad orecchio? Spesso mi capita di suonare esclusivamente con un pick-up e magari non lo switcho perchè mi dimentico o non ci faccio neanche caso...non so se mi sono spiegato.... :o
E' una cosa che devi sentire dentro di te e di cosa vorresti fare in quel momento, se suoni delle cover non hai molta scelta nel senso che dovresti tendere verso l'originale (single-coil sul pulito ed HB per i suoni distorti )
Io personalmente quando suono pezzi dei Dire Straits utilizzo la mia strato in 4 pos. e poi setto l'ampli in un determinato modo ,
ect.ect....
Maxim

Avatar utente
alessio
Esperto
Esperto
Messaggi: 586
Iscritto il: 09 giu 2006, 12:32
Località: Lonate Pozzolo (VA)

Messaggio da alessio » 29 giu 2006, 11:23

Ma secondo voi splittare un humbucker può portare a risultati quantomeni simili a quelli di un single coil puro? Prendiamo come metro di riferimento lo "S-1™ Switch" montato sulle Fender HSS... spero di non essermi discostato troppo dal tema principale.

Avatar utente
maxim
Principiante
Principiante
Messaggi: 41
Iscritto il: 23 giu 2006, 15:49
Località: Caserta

Messaggio da maxim » 29 giu 2006, 14:33

alessio ha scritto:Ma secondo voi splittare un humbucker può portare a risultati quantomeni simili a quelli di un single coil puro? Prendiamo come metro di riferimento lo "S-1™ Switch" montato sulle Fender HSS... spero di non essermi discostato troppo dal tema principale.
Premesso che :
un humbucher non e' altro che 2 single-coil collegati insieme in serie
(progetto nato in casa gibson).
Nel nostro caso sulla Fender HSS lo switch s-1 serve proprio a staccare il collegamento in serie dei 2 pick up ed a portare l'uscita di solo uno di essi direttamente all'amplificatore .
In questo modo si avra' una accentuazione dei toni alti ed un aumento anche se lieve del rumore di fondo. Per il resto suonera' come un normale single-coil.
:D
Maxim

Avatar utente
David
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5956
Iscritto il: 07 apr 2006, 22:11
Località: Villafrati (Pa)

Messaggio da David » 29 giu 2006, 14:37

Quoto quanto detto da maxim :D

TiM_ArmstronG
Principiante
Principiante
Messaggi: 8
Iscritto il: 02 lug 2006, 14:05

Messaggio da TiM_ArmstronG » 02 lug 2006, 20:40

Per fortuna ho trovato questo topic per gli autodidatta :D

Voglio chiedere qualche consiglio a qualcuno esperto (mi pare di averne notati tanti qui :wink: )
Sono ormai 2/3 mesi che suono la chitarra (o meglio ci provo) completamente da solo, ho iniziato per un mesetto con la classica facendo esercizi di scioglimento e imparando il giro di DO - SOL etcc...passato alla chitarra elettrica mi è sembrato tutto più facile, ma adesso non so mi viene complicata qualsiasi cosa, non riesco a mantenere un tempo normale (siccome ho sempre suonato ad orecchio adesso mi accorgo che faccio tutto sbagliato)mi potete dire cosa fare per imparare a tenere il tempo?E poi come fare a tenere il conto delle plettrate che devo fare per mantenerlo?
Grazie

Avatar utente
David
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5956
Iscritto il: 07 apr 2006, 22:11
Località: Villafrati (Pa)

Messaggio da David » 03 lug 2006, 00:11

TiM_ArmstronG ha scritto:Per fortuna ho trovato questo topic per gli autodidatta :D

Voglio chiedere qualche consiglio a qualcuno esperto (mi pare di averne notati tanti qui :wink: )
Sono ormai 2/3 mesi che suono la chitarra (o meglio ci provo) completamente da solo, ho iniziato per un mesetto con la classica facendo esercizi di scioglimento e imparando il giro di DO - SOL etcc...passato alla chitarra elettrica mi è sembrato tutto più facile, ma adesso non so mi viene complicata qualsiasi cosa, non riesco a mantenere un tempo normale (siccome ho sempre suonato ad orecchio adesso mi accorgo che faccio tutto sbagliato)mi potete dire cosa fare per imparare a tenere il tempo?E poi come fare a tenere il conto delle plettrate che devo fare per mantenerlo?
Grazie
Ciao
ecco alcune utilità:

Forum/viewtopic.php?t=176
principiante.htm
sezione_ritmica.htm

:wink:


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti