Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Sezione dedicata ai Bassi
Rispondi
Kristian77
Principiante
Principiante
Messaggi: 7
Iscritto il: 20 ago 2011, 11:18

Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da Kristian77 » 25 ago 2011, 21:34

Dopo l'incredibile supporto che ho avuto nel post "Partiamo da zero", conto su di voi anche per la scelta dello strumento.
Come primo basso, per iniziare, sono orientato su un modello economico, anche perchè non ho alternative.
Frugando sul Web ho trovato i seguenti modelli con diverse forme e colori. Tutti con quattro corde.

Eko VPB 100 euro 130
Eko VJB 200 euro 140
EKO MM300 euro 140
Ibanez GSR 180 euro 150
Yamaha RBX170 euro 180
Ibanez GSR 200 euro 200
Squier Affinity Precision euro 220

Non nego che sono totalmente soggiogato dalla GAS e sono letteralmente fissato con le linee degli strumenti Fender.
Ragion per cui sarei orientato verso il VPB100 Eko, che ho visto nelle opinioni se ne parla piuttosto bene.

Aspetto opinioni!!!
:band: :sviolinata: :rocken: :dance:


Avatar utente
James_
Maestro
Maestro
Messaggi: 2636
Iscritto il: 16 set 2009, 16:12
Località: Bologna

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da James_ » 26 ago 2011, 01:00

Squier Classic Vibe, usato!
Dovresti stare nei 220€ dello Affinity ed è superiore come qualità!
LA FUNZIONE "CERCA" E' TUA AMICA. |
POWERED BY: Immagine
Charvel | Gibson | Orange

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da ma200360 » 26 ago 2011, 17:41

Io ce l'ho, l' EKO simil-Precision (anzi, ne ho due): trovo che faccia benissimo il suo lavoro. Ha un solo difetto, comune più o meno a tutti i bassi Eko: un truss-rod abbastanza sottile. Finché monti corde 0.40-1.00 tutto bene, ma non le monterei più grosse: ho visto un manico reagire non proprio benissimo.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
fabioRV
Esperto
Esperto
Messaggi: 302
Iscritto il: 02 ott 2011, 08:22
Località: lontano

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da fabioRV » 08 ott 2011, 02:10

A proposito dei propositi oggi mi è arrivato il basso completo http://www.ebay.it/itm/140606920426?ssP ... 817wt_1032

alla fine ho preso l'Eko perchè ero stanco di aspettare mail da tizio e caio. Questo venditore mi rispondeva "live" alle mail e mi ha fatto recapitare i pacchi in 24h... per 179 euro: Basso Eko, ampli Eko 15W, cinghia Eko, borsa porta basso Eko, accordatore Eko, plettri, muta di corde aggiuntiva. spedizione con corriere 24h inclusa e chi più ne ha più ne metta :angelo:

già ho cominciato a strimpellare, vi farò sapere :dance:
Messaggio di hereistay il Ago 11 2011, 15:39
Altro ma ci sei o ci fai? credo che gente come te faccia bene a cancellarsi dal forum


Se sei anche tu di questa opinione evita di fargli delle domande

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da ma200360 » 08 ott 2011, 09:32

E bravo Fabio RV, complimenti per l' acquisto. :brindisi:

Adesso ce ne dovrai parlare MOLTO, di quel set lì; un po' perché siamo curiosi :Very Happy: , un po' perché la Eko è la Eko (e quindi nel cuore di molti di noi, per molti motivi), e un po' perché quello è un modello di Eko che non si vede poi spessissimo in giro.

Ma si direbbe carino, almeno a vedersi ! Se monta gli stessi pick-ups dei modelli simil-J e simil-P, a me non dispiacciono affatto: non hanno una profondità enorme sulle basse, ma hanno delle belle acute chiare e definite. Particolare la paletta 2 x 2.

Attenzione al truss-rod, mi raccomando. Se non sai regolarlo, rivolgiti a un liutaio, per il primo setup. Guarda che se lo rompi, la riparazione ti costa più di tutto il kit, e se veni il manico butti via tutto, eh ? Te lo dico perché mi dà l' idea che sia un' eventualità non proprio remotissima, data la "magrezza" dei rinforzi del manico che di solito monta la Eko.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html


Avatar utente
Ulver
Esperto
Esperto
Messaggi: 902
Iscritto il: 30 nov 2010, 18:07
Contatta:

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da Ulver » 08 ott 2011, 12:16

Non pensavo che la Eko facesse un modello differente dalle copie classiche Fender/Musicman cui solito si dedica! Bene, aspetteremo allora qualche informazione e impressione a riguardo :wink:

@ Kristian 77: Come mi capita spesso di consigliare beh, gli affari più grossi li fai sul mercato dell'usato per quella fascia di bassi entry-level. Se hai dimestichezza con gli acquisti online secondo me MercatinoMusicale è una tappa d'obbligo, potresti trovare qualche offerta veramente interessante in particolar modo sugli Eko e sugli Yamaha!
Per il resto beh, non è necessario impallinarti di mille nozioni e consigli essendo tu alle prime armi con il mondo bassistico: lasciati guidare anche un po' ingenuamente dall'estetica dei bassi, all'inizio è lecito che sia così perchè tanto la formazione a livello di suono e approccio verso lo strumento non è una cosa così immediata, e la potrai riscontrare solo una volta col basso in mano. Quindi tanto vale...
Può capitare di sentir dire in giro che i bassi Yamaha anche a livelli economici hanno dei buoni pickup e elettronica in generale, in compenso a livello estetico li ho sempre trovati assolutamente anonimi se non proprio brutti forte. Ma è inutile stare a cercare chissà quanto il miglior suono in questo momento, avrai modo di pasticciare con l'equalizzazione di molti amplificatori se continuerai e sarai tu a trovare il suono più congeniale ai tuoi gusti!

La butto lì: prenderei o un Eko o uno Squier Precision.

Avatar utente
Ulver
Esperto
Esperto
Messaggi: 902
Iscritto il: 30 nov 2010, 18:07
Contatta:

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da Ulver » 08 ott 2011, 12:17

Squier Classic Vibe, usato!
Dovresti stare nei 220€ dello Affinity ed è superiore come qualità!
Non la vedo così facile trovarli nell'usato in quella fascia di prezzo, tanto più se non farà affidamento all'acquisto online. Senza contare che molto probabilmente dovrà prendersi anche un ampli senza sforare troppo...

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da ma200360 » 08 ott 2011, 12:29

Ulver ha scritto:...Per il resto beh, non è necessario impallinarti di mille nozioni e consigli essendo tu alle prime armi con il mondo bassistico: lasciati guidare anche un po' ingenuamente dall'estetica dei bassi, all'inizio è lecito che sia così perchè tanto la formazione a livello di suono e approccio verso lo strumento non è una cosa così immediata, e la potrai riscontrare solo una volta col basso in mano. Quindi tanto vale...
Può capitare di sentir dire in giro che i bassi Yamaha anche a livelli economici hanno dei buoni pickup e elettronica in generale, in compenso a livello estetico li ho sempre trovati assolutamente anonimi se non proprio brutti forte...
Ma va' ? Io li trovo molto belli, in generale; alcuni, poi, quasi irresistibili !
Ulver ha scritto: Ma è inutile stare a cercare chissà quanto il miglior suono in questo momento, avrai modo di pasticciare con l'equalizzazione di molti amplificatori se continuerai e sarai tu a trovare il suono più congeniale ai tuoi gusti!...
Per una volta sono d' accordo con chi guarda all' estetica con molta attenzione: comprati il basso che ti piace di più esteticamente, tanto dovrai prima di tutto "fare l' orecchio" allo strumento.
Ulver ha scritto: La butto lì: prenderei o un Eko o uno Squier Precision.
Io aggiungerei una copia Precision o Jazz della SX.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
fabioRV
Esperto
Esperto
Messaggi: 302
Iscritto il: 02 ott 2011, 08:22
Località: lontano

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da fabioRV » 08 ott 2011, 13:43

Se monta gli stessi pick-ups dei modelli simil-J e simil-P, a me non dispiacciono affatto: non hanno una profondità enorme sulle basse, ma hanno delle belle acute chiare e definite.
Caro Ma... colpito ed affondato. E' stata proprio la prima impressione. Le basse mi sono sembrate un pò "spompate"... le acute sono definite e cristalline come dici te... il manico mi è sembrato ok per adesso, è davvero divertente il basso. :Very Happy:
Messaggio di hereistay il Ago 11 2011, 15:39
Altro ma ci sei o ci fai? credo che gente come te faccia bene a cancellarsi dal forum


Se sei anche tu di questa opinione evita di fargli delle domande

Avatar utente
alexi_laiho
Maestro
Maestro
Messaggi: 6192
Iscritto il: 31 lug 2008, 01:21
Località: Caltavuturo (PA)

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da alexi_laiho » 08 ott 2011, 14:11

per tornare IT... beh tra tutti quelli, indubbiamente il superiore è il precision affinity della squier (TUTTI i gruppi punk + importanti della scena musicale usano quel modello di basso senza modifiche, oltre ad una rara sostituzione dei PU, e senza endorsering, poi io l'ho provato e sentito + volte ed ha una liuteria davvero caruccia, i PU sono migliorabili, ma tutto sommato + che accettabili x la fascia di prezzo dello strumento)!!

i vari eko costano molto meno, magari avranno un rapporto Q/P ancora migliore, ma come qualità assoluta i legni e la liuteria squier IMHO sono superiori e si prestano meglio x futuri upgrade anche un pò + importanti come il rifacimento dell'elettronica al completo (le meccaniche e il ponte vanno benissimo)... :senzasperanze:

ma a quel punto sarebbe un basso di livello nettamente superiore... IMHO anche paragonabile ad un fender messico di quelli buoni... :tilt:

con una spesa totale di 220 + (futuri e non indispensabili) circa 60 x i PU (http://www.ebay.it/itm/SEYMOUR-DUNCAN-S ... 19c53083a6) !!! :twisted:

se proprio si vuole strafare, ma x me è del tutto inutile, circa altri 30 (o 50/60 se lo si fa fare ad un liutaio) x tutta la parte elettronica...

io sinceramente quando compro uno strumento penso anche in ottica futura cosa posso realizzare con un piccolo investimento... e ripeto, la qualità che si raggiunge è davvero ALTA rispetto alla spesa :cool:
lespaul ha scritto:
Frusciante ha scritto:stó imparando da questo forum...che é molto saggio evitare di mettersi contro dei metallari...soprattutto se in BRANCO. :lollol:

IN METAL WE TRUST!!

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da ma200360 » 08 ott 2011, 17:18

fabioRV ha scritto:Caro Ma... colpito ed affondato. E' stata proprio la prima impressione. Le basse mi sono sembrate un pò "spompate"... le acute sono definite e cristalline come dici te...
Ma guarda che le la sensazione di basse un po' carenti non è mica 'sto dramma, sai ? Tieni presente che adesso tu stai usando quello strumento lì su un amplificatore da studio, per così dire, che non può certo metterti in evidenza il basso dello spettro sonoro per ovvi motivi. Provati quel basso lì su un ampli un po' più performante, e vedrai che stenterai a riconoscerne il suono !

Che poi, dopo Pastorius e la sua magica EQ a forma di A, le infrabasse praticamente non le vuole più nessuno. Tutti con le medie sparate a palla, e quelle, al tuo basso, non mancano di sicuro: il p.u. tipo J è lì apposta. E comunque, se trovassi che le basse sono comunque un tantino poco in evidenza... la manopolina "bass" sull' amplificatore è lì apposta !

Che poi, il giorno che deciderai di prenderti un amplificatore per basso più performante, ti assicuro che non dovrai nemmeno spendere delle cifre folli. Oggi la tecnologia (e la Cina) ci permette cose incredibili fino a qualche anno fa, e per un amplificatore da basso di buon livello (ovviamente non potentissimo, ma nemmeno una cosa da 50 W, per capirci) puoi avere già un po' di scelta con meno di 200 euro. Nuovo !
fabioRV ha scritto: il manico mi è sembrato ok per adesso, è davvero divertente il basso. :Very Happy:
Se assomiglia a quello del mio simil-precision, è una delizia: sottile e comodissimo. E' divertente sì ! E più lo suonerai, più ti ci appassionerai !
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da ma200360 » 08 ott 2011, 17:35

alexi_laiho ha scritto:per tornare IT... beh tra tutti quelli, indubbiamente il superiore è il precision affinity della squier (TUTTI i gruppi punk + importanti della scena musicale usano quel modello di basso senza modifiche, oltre ad una rara sostituzione dei PU, e senza endorsering, poi io l'ho provato e sentito + volte ed ha una liuteria davvero caruccia, i PU sono migliorabili, ma tutto sommato + che accettabili x la fascia di prezzo dello strumento)!!
Sicuramente. Ma il fatto che lo usino i gruppi punk non mi rassicura affatto. :Very Happy:
alexi_laiho ha scritto: i vari eko costano molto meno, magari avranno un rapporto Q/P ancora migliore, ma come qualità assoluta i legni e la liuteria squier IMHO sono superiori
Mah. Non so mica, sai ? Ancora ieri sera ho usato uno Squier Jazz tipo Pastorius Signature, e non è che l' abbia trovato irresistibile. Dopo due pezzi ho ripreso in mano il mio Warwick, che comunque è uno strumento da 300 euro, mica roba di lusso ! Quello Squier lì costa ben di più !
alexi_laiho ha scritto: e si prestano meglio x futuri upgrade anche un pò + importanti come il rifacimento dell'elettronica al completo (le meccaniche e il ponte vanno benissimo)... :senzasperanze:
Mica vero. io ho cambiato l' elettronica su un mio Eko, e va benissimo ! Tutt' al più quello sì, qualche critica si può rivolgere al famoso truss-rod, ma a livello di hardware non è che gli Eko siano peggiori degli Squier, IMHO.
alexi_laiho ha scritto: ma a quel punto sarebbe un basso di livello nettamente superiore... IMHO anche paragonabile ad un fender messico di quelli buoni...
Non saprei. ma mi sa che tu sia stato poco fortunato, con gli Eko che hai potuto provare ! :ciao:
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
fabioRV
Esperto
Esperto
Messaggi: 302
Iscritto il: 02 ott 2011, 08:22
Località: lontano

Re: Partiamo da zero (parte 2) il primo basso...

Messaggio da fabioRV » 08 ott 2011, 19:47

Beh, per rimanere in topic, ti consiglio di provare gli Eko, io posso dire di essere stato fortunato :tilt:
Messaggio di hereistay il Ago 11 2011, 15:39
Altro ma ci sei o ci fai? credo che gente come te faccia bene a cancellarsi dal forum


Se sei anche tu di questa opinione evita di fargli delle domande


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti