La triste storia di un non più giovane povero

Sezione dedicata ai Bassi
Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da ma200360 » 26 gen 2010, 09:37

Come sapete, è un ben triste periodo, per me, sul lavoro. Il soldo non gira, ragazzi, e per di più ce ne sono davvero pochi, per tutti e anche per me. Per cui, finiti i tempi di vacche grasse, niente più acquisti folli, si suona quel che c' è, e ancor grazie che ci sia.

Ma se una cosa non c' è ?

Questo è quello che mi sono chiesto, ai primi di Dicembre. Insomma, va bene l' astinenza, va bene che gli ultimi acquisti sono stati dedicati più alla mia Signora che a me, va bene tutto, insomma. Ultimamente mi sto dedicando parecchio, al basso, e qualcuno me lo sono anche preso, tanto per "rinforzare" la scelta di sonorità. Il 5 corde ce l' ho, il mio bassista dovrebbe ridarmelo stasera (almeno spero). Ma... non ho un fretless. Un amico mi ha prestato per un po' un fretless acustico 5 corde accordato EADGC, che mi è piaciuto solo a metà (non amo i bassi col C acuto), e poi aveva le corde lisce, cosa che mi piace molto, ma di cui non ho poi gran bisogno, considerato che ho già l' acustico 4 corde e il Dano, con le flatwound. Insomma, mi manca un fretless. E già che ci siamo, perché non cercarne uno a 5 corde ? Così non dovrò comprarne un altro, quando mi pungesse vaghezza del 5 corde senza tasti. Ma non voglio un fretless "vero", di quelli con la tastiera "muta", altrimenti non riuscirò mai a suonare intonato ! Quindi, via alla ricerca di un 5 corde defretted. I soldi, come dicevo, sono pochi, ma proprio pochi pochi, per cui il margine di manovra è limtatissimo.

5 corde defretted, eh ? E trovalo ! O trovi roba cara, quindi fuori discussione, o trovi dei 4 corde defretted, ma ormai mi sono impuntato sul 5 corde. E allora, scelta obbligata: compro un 5 corde e lo defretto. Gira che ti rigira, trovo a Genova, da Red House, un basso che mi attira per il colore: silver, come la mia amatissima Mauriziocaster. Gurda caso, qualche giorno dopo devo fare un saltino a Genova per lavoro; nel frattempo, chiedo il prezzo: un po' troppo, per i miei gusti. Insomma, ci rimugino fino a quando non vado a vederlo, rientrando dalle mie beghe lavorative, insieme alla mia Signora: il basso è un Yamaha RBX 375, modello piuttosto economico, ma ben realizzato, attivo, con una "pacca" sulle basse micidiale e acute piuttosto affilate. Lo provo, il basso è ottimo, ma il prezzo continua a non piacermi, pensando peraltro alla futura operazione di defretting. Rinuncio, torno a casa con la coda tra le gambe, la mia Signora se ne rende conto e mi dice "Ma hai provato a contrattare un po' il prezzo ?" Io rispondo di no, non è una cosa che mi piace fare, al che lei prende il telefono e chiama il negozio, tanto che eravamo già in autostrada. Parla con la proprietaria che le dice "Ma perché Maurizio non me l' ha chiesto ? Lo sa che a voi che venite da fuori un po' di sconto lo faccio sempre !". Insomma, mi propone 240 euro con custodia mollissima, di quelle che riparano soprattutto dalla polvere. Detto fatto, ad Arenzano giro la macchina, torno a Genova, prendo il basso, pago e riparto bello contento, ancora una volta grato alla mia Signora, ovviamente.

E adesso, si tratta di defrettare il basso ! Prima leggo a destra e a manca come si fa, mi ci metto, scaldo i tasti col saldatore e li tiro via, ma naturalmente il lavoro non viene bene, le fessure dove c' erano i frets risultano un po' slabbrate, e poi 'ste fessure aperte non mi piacciono... Va bene, e-mail al liutaio e partenza del basso per Torino.

E ieri mi torna a casa il mio bel 5 corde fretless. Solo il lavoro mi è costato quasi come il basso, però è proprio venuto bene. Guardate quant' è bello:

Immagine


le fessure sono state riempite con delle strisce d' acero, che hanno un effetto estetico molto bello, la tastiera è stata ripianata per benino, e l' action è davvero rasoterra, ma rasoterra rasoterra, eh ? Mai vista un' action così su un basso. Ho voluto dare una seconda chance al liutaio che mi aveva fatto un lavoro non proprio impeccabile sull' Eko Kiwi, e devo dire che stavolta è stato all' altezza della situazione: lavoro davvero perfetto.

Immagine


L' ho provato Domenica pomeriggio: suona benissimo, secondo me, nonostante i giudizi non sempre positivi che ho letto in giro sul web. Sinceramente, faccio fatica a capire cosa i Signori bassisti iperevoluti ci trovino di negativo in quel basso lì. Mah, sarò io che non me ne capisco, è probabile, ma a me piace eccome ! Tra l' altro, la bistrattata elettronica Yamaha a me pare che faccia il suo lavoro molto più che bene, o almeno risponde per come interessa a me: va bene, io non vado a cercare suoni di difficilissima realizzazione, forse sono di bocca buona, ma a me sembra che un' equalzzazione attiva con taglio e boost di frequenze acute e basse già faccia molto, e sia il taglio che il boost si sentono eccome ! A questo aggiungiamo il bilanciamento regolabile tra i pick-ups, e il fatto che mi pare ben reattivo al tocco, soprattutto pizzicando in punti diversi la corda, e direi che la versatilità non manca davvero !

Finora, dico la verità, l' ho usato praticamente solo in flat, visto che per il Blues non ho avuto bisogno di suoni diversi da quelli di un basso molto "standard"; ho provato a pompare leggermente le basse, ma non ho esagerato, perché temevo di danneggiare l' impianto su cui ero collegato in diretta ! Ho anche provato a buttarmi tutto sul p.u. al ponte, alla ricerca di un suono pastoriuseggiante, ma non ho approfondito la ricerca perché, tanto, a me quel suono lì non è che piaccia, per dirla com' è. Mi è venuta una mezza curiosità di esplorare un po' i suoni del metal, tanto per vedere come si possono ottenere; non credo che ne farò mai uso, ma così, tanto per vedere come si fa, perché no ? In ogni caso, su questo basso anche una piccola variazione si fa sentire, e i controlli sono sensibili, per cui non credo sia difficilissimo arrivare a un risultato plausibile.

Adesso si pone il problema di imparare a suonarlo in grazia di Dio, cosa non proprio facilissima: il rischio-stonatura è sempre dietro l' angolo e, almeno per il momento, suono con gli occhi perennemente sulla tastiera. Certo, i segni dei tasti aiutano, e molto, ma devi sempre essere preciso su quei segni, e non è sempre facile, soprattutto nei brani più veloci. Comunque, magari cercando di non suonare parti più difficili di quanto non sia alla mia portata, almeno per ora, sono riuscito a reggere tutta la prova di Domenica pomeriggio senza fare grossi danni. Si capisce che, prima che abbia esplorato le possibilità di questo strumento, ne passerà, del tempo. Però, bisogna dirlo, è molto divertente: non miagola come un contra, quello è logico, avendo le corde rigate, ma visto che per me il basso deve fare prima di tutto BOOOM BOOOM BOOOM (o, in alternativa, DONNG DONNG DONNG), mi va bene così: il suono rimane più pieno, più utilizzabile in contesti differenti e più ricco di acute.

Insomma, anche se povero sono riuscito a prendermi uno strumentino che mi mancava, e soprattutto per come lo volevo io. Triste faccenda, però, quella di dover fare i miracoli con pochi denari, ahimé. E' vero anche, per contro, che avendo pochi soldini si impara a cercare, frugare, ribaltare il web fino a quando non si trova l' amato bene a fronte di un esborso contenuto, e ciò è cosa buona e giusta, no ?

Almeno fino al prossimo (spero MOLTO prossimo !) periodo in cui le vacche prenderanno un po' di peso ! Mai piaciute le silhouettes da anoressica, preferisco le generose rotondità, anche nelle vacche.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html


Avatar utente
Frank Flicker
Maestro
Maestro
Messaggi: 5930
Iscritto il: 10 mag 2007, 13:39
Località: bergamo/brescia

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da Frank Flicker » 26 gen 2010, 10:05

beh, complimentoni davvero Maurizio! :applauso:
c'è da dire che non rimani con le mani in mano! vosto che ne vale la pena chiedere lo sconto?
anche io sono come te, non mi piace contrattare i prezzi, anche perchè mio padre è sempre stato un incallito contrattatore e ho fatto di quelle figure con lui, che mi hanno fatto perdere la voglia di contrattare, però a volte ne vale la pena!
immagino che avrai almeno comprato un mazzo di fiori grande come una casa per la tua donna!

lespaul
Maestro
Maestro
Messaggi: 5648
Iscritto il: 06 gen 2008, 20:37
Località: Purgatorio

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da lespaul » 26 gen 2010, 10:09

Fattelo dire: sei un folle!! :Very Happy:
Ma con le palle d'acciaio!!

Però ce lo devi far sentire sto fretless,
anche perchè io non ne ho mai sentito uno..
Soprattutto in blues..


Intanto, complimenti per il nuovo acquisto!
:brindisi:

Avatar utente
Tritvr17
Maestro
Maestro
Messaggi: 5805
Iscritto il: 11 lug 2008, 11:00
Località: CT

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da Tritvr17 » 26 gen 2010, 11:05

sei proprio un folle Ma!!!!


comunque oramai è tardi (ed è 4 corde) ma il mio bassista si è preso uno squier fretless credo sia il jazz, e veramente non ha proprio niente da invidiare ad un fender da 1500 euro. lui ci ha speso circa 350 euro..simile a questo
http://media.photobucket.com/image/fret ... tless1.jpg
"Mi piace il brivido della Vittoria, ma senza l'agonia della sconfitta questa é sicuramente meno gratificante"- D.Negreanu
"Il Tocco è come il Vino"- V.Distefano

La funzione "Cerca" è tua amica!!

lespaul
Maestro
Maestro
Messaggi: 5648
Iscritto il: 06 gen 2008, 20:37
Località: Purgatorio

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da lespaul » 26 gen 2010, 11:19

Tritvr17 ha scritto:sei proprio un folle Ma!!!!


comunque oramai è tardi (ed è 4 corde) ma il mio bassista si è preso uno squier fretless credo sia il jazz, e veramente non ha proprio niente da invidiare ad un fender da 1500 euro. lui ci ha speso circa 350 euro..simile a questo
http://media.photobucket.com/image/fret ... tless1.jpg
Ma lui voleva i tasti disegnati..
Questione d'intonazione..

Se ho capito bene, vero Mauri??


lespaul
Maestro
Maestro
Messaggi: 5648
Iscritto il: 06 gen 2008, 20:37
Località: Purgatorio

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da lespaul » 26 gen 2010, 11:20

lespaul ha scritto:
Tritvr17 ha scritto:sei proprio un folle Ma!!!!


comunque oramai è tardi (ed è 4 corde) ma il mio bassista si è preso uno squier fretless credo sia il jazz, e veramente non ha proprio niente da invidiare ad un fender da 1500 euro. lui ci ha speso circa 350 euro..simile a questo
http://media.photobucket.com/image/fret ... tless1.jpg
Ma lui voleva i tasti disegnati..
Questione d'intonazione..

Se ho capito bene, vero Mauri??
Ops, non avevo visto che cel'aveva anche lo Squier! Pardon!

Avatar utente
Tritvr17
Maestro
Maestro
Messaggi: 5805
Iscritto il: 11 lug 2008, 11:00
Località: CT

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da Tritvr17 » 26 gen 2010, 12:12

lespaul ha scritto:Ops, non avevo visto che cel'aveva anche lo Squier! Pardon!
:esatto:
"Mi piace il brivido della Vittoria, ma senza l'agonia della sconfitta questa é sicuramente meno gratificante"- D.Negreanu
"Il Tocco è come il Vino"- V.Distefano

La funzione "Cerca" è tua amica!!

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da ma200360 » 26 gen 2010, 12:21

Me l' avevano anche proposto, quello Squier lì, non l' ho provato ma mi dicono che suoni molto, molto bene. Però è un 4 corde, è passivo e ha un difetto, almeno per me: è un Jazz Bass, e io non sopporto il Jazz dal punto di vista estetico, trovo che abbia il culo sbilenco. Oh, lo so che è un gran basso, ma intanto non amo i suoni alla Pastorius, e poi, tutte le volte che vedo quella forma mi chiedo quali incubi avessero popolato la mente di Leo Fender la notte precedente la progettazione di quel basso. E' sicuramente la forma più disarmonica che abbia mai visto in uno strumento musicale, a parte le chitarre a forma di mitra, spada o camper che siano. Tanto mi piace il Precision, quanto non mi piace il Jazz. Mi rendo conto di essere l' unico al mondo, probabilmente, ma non so che farci ! :senzasperanze:
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
Tritvr17
Maestro
Maestro
Messaggi: 5805
Iscritto il: 11 lug 2008, 11:00
Località: CT

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da Tritvr17 » 26 gen 2010, 12:50

ma200360 ha scritto:parte le chitarre a forma di mitra, spada o camper che siano.
:risatona: :risatona:

beh si ha il "problemuccio" di essere un 4 corde, passivo..tantè che il mio bassista lo accoppia ad un Cort 5 corde attivo! :Very Happy:

sto ancora ridendo per la chitarra a forma di camper buahahha
"Mi piace il brivido della Vittoria, ma senza l'agonia della sconfitta questa é sicuramente meno gratificante"- D.Negreanu
"Il Tocco è come il Vino"- V.Distefano

La funzione "Cerca" è tua amica!!

Avatar utente
Colo
Maestro
Maestro
Messaggi: 2811
Iscritto il: 02 ott 2008, 17:19
Località: Sergnano-Crema(CR)
Contatta:

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da Colo » 26 gen 2010, 13:29

:applauso: :applauso:
La miglior musica è il più total silenzio.

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da ma200360 » 26 gen 2010, 16:02

Tritvr17 ha scritto:
ma200360 ha scritto:parte le chitarre a forma di mitra, spada o camper che siano.
:risatona: :risatona:

beh si ha il "problemuccio" di essere un 4 corde, passivo..tantè che il mio bassista lo accoppia ad un Cort 5 corde attivo! :Very Happy:

sto ancora ridendo per la chitarra a forma di camper buahahha
Non l' hai mai vista ? E' un modello Epiphone. Orrida. Ce l' ha un mio amico (che ne ha moltissime altre, per fortuna sua), ogni tanto la porta alle nostre Blues jams, ed è puntualmente fatto oggetto dei lazzi di tutti i presenti.

Immagine

Te la immagini una cosa del genere in un consesso di Bluesmen ?
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
Frusciante
Maestro
Maestro
Messaggi: 9053
Iscritto il: 19 nov 2007, 16:28

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da Frusciante » 26 gen 2010, 16:15

Sei mitico Zio!!!!! :yourock: :yourock: :yourock:
Adesso però voglio che impari a suonarlo come un contrabbasso. :dance:


Ma che divertimento la chitarra-camper! :risatona: :risatona: :risatona: :risatona:
un amico ha scritto:V. prima di uscire, deve chiedere il permesso alla chitarra.
un altro amico ha scritto:wa ma stai ancora suonando? sì e fierr! Pigliatell' na pausa.
http://24.media.tumblr.com/tumblr_lkl20 ... o1_400.gif :fumato:

Avatar utente
sugopaciugo
Maestro
Maestro
Messaggi: 3553
Iscritto il: 23 ago 2009, 16:42
Località: Monte Guglielmo

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da sugopaciugo » 26 gen 2010, 16:20

:Ok: ricorda vagamente il coperchio di un water infatti!
Comunque complimenti per l'acquisto Ma, a parte che è un bellissimo basso, poi ho visto la foto ingrandita e si vede benissimo che il liutaio ha fatto un gran bel lavoro.
Se devi tirare un bullone, non penso che andrai ad usare un cacciavite. Idem con una vite, mica serve una chiave inglese, no?

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da ma200360 » 26 gen 2010, 16:27

Frusciante ha scritto:Sei mitico Zio!!!!! :yourock: :yourock: :yourock:
Adesso però voglio che impari a suonarlo come un contrabbasso. :dance:
...
Beh, intanto imparo a suonarlo intonato, se ci riesco, poi parleremo di stile. Una cosa per volta, va', che già faccio quel che posso (il che non significa affatto "molto") !

Qualche giorno fa la mia Signora mi ha rimbrottato severamente, e non posso darle tutti i torti. Mi ha detto "Belìn, la mattina non ti vedo, torni a casa e ti attacchi alla chitarra (e se ti parlo mi dici di tutto), poi esci per tornare al lavoro, quando torni la sera ti attacchi al basso (e se ti parlo mi ridici di tutto) o al computer e poi vai a dormire; non posso mai parlare con te cinque minuti !". Io le ho risposto di alzarsi presto la mattina, così mi può parlare tanto che mi preparo per uscire, ma so che non lo farà, perché odia alzarsi presto. Però tutti i torti non ce li ha, belìn, e un qualche momento devo pur dedicarglielo; non potrò mettermi a studiare il basso fretless con tutto l' impegno che meriterebbe, in effetti, ma le mie giornate hanno solo 24 ore, purtroppo...
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: La triste storia di un non più giovane povero

Messaggio da ma200360 » 26 gen 2010, 16:30

sugopaciugo ha scritto::Ok: ricorda vagamente il coperchio di un water infatti!
Comunque complimenti per l'acquisto Ma, a parte che è un bellissimo basso, poi ho visto la foto ingrandita e si vede benissimo che il liutaio ha fatto un gran bel lavoro.
Hai visto che roba ? Non avevo mai visto un' action del genere su un basso, da gridare al miracolo. Mi ha fatto un casino su una verniciatura, una volta, quel liutaio lì, ma bisogna dire che sulla liuteria sembra che ci chiappi parecchio. Anche l' altro basso che mi ha sistemato (quello cui ha fatto il casino), dal punto di vista della liuteria è veramente settato alla perfezione.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite