Brutta cosa diventare vecchi...

Sezione dedicata ai Bassi
Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da ma200360 » 29 nov 2009, 00:06

Brutta cosa sì, belìn. Si perdono capelli e neuroni, si cambiano i gusti, si rimbecillisce, e si comincia a guardare sempre più spesso al passato, quando sembrava che ci fosse un futuro brillante, quando non si era ancora passati attraverso molte peripezie e quando il fisico funzionava meglio (ma proprio TUTTO il fisico, ve lo garantisco :Confuso: ), e quando gli strumenti erano diversi da quell di oggi.

Vi ricordate il mio vecchio basso Eko ? Quella specie di cosa scorticata di forma Les Paul che ha fatto capolino solo una volta, in foto, nella rassegna delle mie chitarre ? Bene, tempo fa ho conosciuto un liutaio di Torino che ho deciso di mettere alla prova: gli ho affidato il mio vecchio basso per vedere se riusciva a renderlo utilizzabile senza morire per la vergogna di mostrarlo così com' era, e devo dire che il risultato c' è stato. Mi sono fatto riverniciare il top, lucidare e mettere a posto per benino i tasti e fare un setup ben fatto, e il risultato è questo:

Immagine

Non mi sembra venuto male, no ? Almeno è guardabile, belìn !

E poi, era molto tempo che volevo provare a capire come funzionava, 'sto belìn di basso: dopo aver scoperto che c' era uno sportellino sul retro del body, che nascondeva una batteria (ho tolto e conservato l' originale degli anni '70 !), l' ho ovviamente sostituita e ho cercato di capire a cosa serviva. Metto tutto a 10, attacco all' ampli e.. il suono fa schifo. Oh, ma schifo schifissimo, senza basse, sembra un piezo brutto e loffio. Vabbè, basso vecchio - penso io - ultraeconomico, suono di m***a, logico.

Provo a tirarci fuori qualcosa con l' ampli, ma il suono di m***a rimane. Lo poso e non ci penso più. Dopo mesi e mesi lo riprendo in mano, con lo stesso risultato, e questo per parecchie volte. Un giorno, chissà quale demone mi ha fatto girare i controlli di tono sullo 0, e lì

BOOOOOM

ancora un po' e mi scoppia l' amplificatore, belìn: un suono ENORME !!! E così ho scoperto a cosa servivia la famosa batteria: c' era un booster che entrava in funzione man mano che si chiudono i toni. Solo alla Eko potevano architettare una cosa del genere !

Allora, visto che avevo scoperto l' esistenza di questo booster, adesso che il basso è nuovamente in ordine ho pensato di vedere un po' come funziona. In effetti, sembrano due boosters distinti, uno per pick-up. E' molto interessante mettere il selettore in posizione centrale e smanettare tra il volume di ogni pick-up e la quantità di boost da assegnare a ogni pick-up: i risultati sono formidabili. Alla base c' sempre un suono molto pieno, che tuttavia può essere "scolpito" veramente a piacere ! Tra l' altro, gli ho scoperto una qualità sonora insospettabilissima, semplicemente montandogli delle corde rigate di buona qualità. Insomma, un basso attivo quasi ante-litteram (e quasi contro natura, direi !), che suona molto meglio di quel che pensassi grazie alla sua elettronica (che all' epoca certamente era una cosa pionieristica !) e a un cambio di corde.

E' un basso a scala corta, ideale nel Blues (genere in cui lo impiegherò io, ovviamente :tilt: ), ma anche in altri generi; non direi in ambito funk, ma sicuramente non ha problemi nel rock di tutti i generi e nel jazz. Domani, se trovo un attimo di tempo, faccio due samples e li posto.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

E adesso torniamo all' incipit: ovviamente, come tutti i chitarristi della mia epoca, voglio bene alla Eko; uno dei motivi per cui sono affezionatissimo a questo basso è sicuramente il fatto che è stato un regalo di un amico, ma il marchio sulla paletta ha un fascino non da poco, nonostante la pessima qualità generale degli strumenti Eko di quegli anni. E allora mi sono chiesto "Ma i bassi della Eko, 30 anni dopo, come saranno ?"; giretto su MM, e scopro che proprio vicino a casa mia c' era un tipo che vendeva un simil-Precision NUOVO DI PACCA, usato UNA volta in studio in tutto, a 99 euro. E cosa faccio, non me la tolgo la curiosità ? Oltretutto il colore è butterscotch, un classicissimo... telefonata, appuntamento, la sera stessa provavo il basso Eko di nuova generazione, questo:

Immagine

Si tratta ovviamente di uno strumento cinese, ma ben realizzato, con un manico comodo, ben rifinito e dritto come una spada. Il corpo è in tiglio, ovviamente, il p.u. un illustre sconosciuto, il manico in acero con tastiera in un palissandro che non è certo tra i peggiori che abbia mai visto. Il colore per me è irrestistibile. Insomma, una specie di Squier, ben realizzato e a minor prezzo.

L' elettronica funziona ottimamente, i controlli di tono e volume sono graduali e "duri", il pick-up non è un mostro di output, ma il suono è molto ma molto simile a quello di un Precision uscito dalla fabbrica Fender. In particolare, mantiene sempre una bellissima definizione anche chiudendo completamente il tono, cosa molto utile per i suoni che piacciono a me. Domani porto anche questo alle prove, così li provo "sul campo", poi vi dirò. Una cosa è sicura: da quando ce l' ho (tre giorni), non riesco a togliermelo dalle mani...

Visto cosa succede a diventare vecchi ? :Very Happy:
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html


Avatar utente
Frank Flicker
Maestro
Maestro
Messaggi: 5930
Iscritto il: 10 mag 2007, 13:39
Località: bergamo/brescia

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da Frank Flicker » 29 nov 2009, 12:59

Maurizio! ma è possibile che non riesci prorpio mai a trattenerti?!?!
comunque complimenti! è una bella soddisfazione, anzi, due belle soddisfazioni!
però c'è una cosa che mi tormenta.... non è che stai diventando un bassista, vero?

Avatar utente
Frusciante
Maestro
Maestro
Messaggi: 9053
Iscritto il: 19 nov 2007, 16:28

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da Frusciante » 29 nov 2009, 13:10

Oramai è un bassista al 100%. :Very Happy:
Lo capisco, perchè suonare in un gruppo Blues deve essere davvero bello! :Very Happy:

Quindi Ma, era questa la sorpresa? La scoperta delle funzionalità del vecchio basso Eko e l'acquisto di un nuovo basso Eko? :Very Happy:
un amico ha scritto:V. prima di uscire, deve chiedere il permesso alla chitarra.
un altro amico ha scritto:wa ma stai ancora suonando? sì e fierr! Pigliatell' na pausa.
http://24.media.tumblr.com/tumblr_lkl20 ... o1_400.gif :fumato:

Avatar utente
Tritvr17
Maestro
Maestro
Messaggi: 5805
Iscritto il: 11 lug 2008, 11:00
Località: CT

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da Tritvr17 » 29 nov 2009, 13:18

ahiahiai Maurì, la gas non avrà mai fine!

comunque il boost sulla manopola del tono è un qualcosa di assurdo! inconcepibile!
ma200360 ha scritto:Solo alla Eko potevano architettare una cosa del genere !
fornidabile!

attendo sample! sono un patito del suono pieno e cicciotto!
approposito quando li provi in sala facci sapere le differenze che ad "alti" volumi si percepiscono tra i due bassi!
Frank Flicker ha scritto:non è che stai diventando un bassista, vero?
Frusciante ha scritto:Oramai è un bassista al 100%. :Very Happy:
lui l'ha sempre detto che è un bassista mancato! ma tranquillo Ma ti teniamo da bluesman della chitarra! :beer:
"Mi piace il brivido della Vittoria, ma senza l'agonia della sconfitta questa é sicuramente meno gratificante"- D.Negreanu
"Il Tocco è come il Vino"- V.Distefano

La funzione "Cerca" è tua amica!!

Avatar utente
Colo
Maestro
Maestro
Messaggi: 2811
Iscritto il: 02 ott 2008, 17:19
Località: Sergnano-Crema(CR)
Contatta:

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da Colo » 29 nov 2009, 13:27

Fantastico.
Approfitto per una domanda. Dove posso trovare il post con le foto delle tue chitarre ma?
La miglior musica è il più total silenzio.


Avatar utente
Dt.Rock96
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 196
Iscritto il: 27 nov 2009, 18:51
Località: Reggio Calabria

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da Dt.Rock96 » 29 nov 2009, 15:14

Mi sembra giusto allargare anche l'arsenale di bassi. :D
"Mi piacciono molto i cartoni animati, e i miei personaggi preferiti sono i Metallica e Slash..."
Axl Rose
"Ho cominciato a suonare la chitarra perchè era lo strumento rock con piu corde"
Slash
"God created a circle of Light & Love so vast, no one can stand outside of it"

Avatar utente
James_
Maestro
Maestro
Messaggi: 2636
Iscritto il: 16 set 2009, 16:12
Località: Bologna

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da James_ » 29 nov 2009, 18:03

...e fra poco mi toccherà prendere una rastrelliera da 3 :tilt: :dance: :angelo:
LA FUNZIONE "CERCA" E' TUA AMICA. |
POWERED BY: Immagine
Charvel | Gibson | Orange

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da ma200360 » 29 nov 2009, 22:23

Frusciante ha scritto:Oramai è un bassista al 100%. :Very Happy:
Lo capisco, perchè suonare in un gruppo Blues deve essere davvero bello! :Very Happy:

Quindi Ma, era questa la sorpresa? La scoperta delle funzionalità del vecchio basso Eko e l'acquisto di un nuovo basso Eko? :Very Happy:
E già... :ciao:
Tritvr17 ha scritto:ahiahiai Maurì, la gas non avrà mai fine!

comunque il boost sulla manopola del tono è un qualcosa di assurdo! inconcepibile!
ma200360 ha scritto:Solo alla Eko potevano architettare una cosa del genere !
fornidabile!

attendo sample! sono un patito del suono pieno e cicciotto!
approposito quando li provi in sala facci sapere le differenze che ad "alti" volumi si percepiscono tra i due bassi!
Allora, ne vengo adesso dalle prove. Fondamentalmente sono bassi diversissimi; dico subito che, almeno nel Blues, preferisco l' Eko "vintage": intanto, con la sua scala, è comodissimo da usare, anche se il manico è molto tondeggiante. E poi, rispetto alla copia del Precision, il suono è più "pieno" e rotondo, e lo strumento è estremamente sensibile alle differenze di tocco. La scelta di suoni ottenibili è notevolissima, anche se le sovracute sono evidentemente latitanti per ovvi motivi: diciamo che non ci farei della fusion o del funk, ma per tutto il resto (e ci metterei perfino il metal, pensa un po') direi che va molto bene. Ha delle basse potentissime, con un punch micidiale, che hanno messo a dura prova il mio cono, quando ho alzato un po' il volume, sebbene sia da 15" ! E meno male he il mio amplificatore ha un controllo di volume d' entrata e uno d' uscita, che mi permette di potermi regolare qualora usassi un basso attivo o passivo.

L' Eko Precision ha un p.u. un po' moscino, come temevo, anche se il suono è tutt' altro che brutto. Non che non lo possa usare, ma visto che ne ho altri... Comunque, prenderò un p.u. nuovo, perché come strumento mi piace parecchio, col suo manico comodissimo e il suo peso non esagerato (benché non sia proprio una piuma). Diciamo che, se facessi fusion (magari saperla fare...), ci potrei lavorare, per tirare fuor un suono adatto, ma visto che non devo suonarci quella, metterò anche questo basso in condizione di suonare per come mi serve. Però il suono è bello, e un po' mi dispiace di cambiargli il p.u.; speriamo che l' EMG che ho in mente di montarci mi dia quelle belle acute che mi dà questo...
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da ma200360 » 29 nov 2009, 22:36

Colo ha scritto:Fantastico.
Approfitto per una domanda. Dove posso trovare il post con le foto delle tue chitarre ma?
Eh, non lo trovo più nemmeno io, è roba di parecchio tempo fa. Magari qualcun altro sa dov' era.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da ma200360 » 29 nov 2009, 22:38

James_ ha scritto:...e fra poco mi toccherà prendere una rastrelliera da 3 :tilt: :dance: :angelo:
Ma già che ci sei prendila da 5 o da 7, no ? :Very Happy:
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da ma200360 » 29 nov 2009, 22:56

Tritvr17 ha scritto:ahiahiai Maurì, la gas non avrà mai fine!

comunque il boost sulla manopola del tono è un qualcosa di assurdo! inconcepibile!
ma200360 ha scritto:Solo alla Eko potevano architettare una cosa del genere !
fornidabile!

attendo sample! sono un patito del suono pieno e cicciotto!...
Vediamo un po' se in questi giorni mi riesce di registrare qualcosa, ma non ne sono certo: da domani per me comincia il lavoro di Natale, che prevede l' apertura a oltranza, domeniche comprese, per cui non so quanto tempo avrò per registrare samples, considerato che di solito, le sere di Dicembre, arrivo a casa scoppiato. Almeno, spero ! Vorrebbe dire che c' è stato parecchio lavoro, cosa di cui avrei davvero bisogno, dopo un' annata come questa.

E comunque il suono è davero "pieno e cicciotto", come dici tu. Bisogna addirittura stare attenti, e molto, se non vuoi far spernacchiare il tono con le molte infrabasse che sputa fuori quel basso lì. Devo dire che mi ha stupito, 'sto Eko dei tempi che furono; è evidente comnque che era uno strumento mooooolto particolare, probabilmente prodotto con queste caratteristiche non proprio in serie, o comunque in piccola serie: ho visto di recente un vecchio catalogo Eko in cui compariva il Kiwi (si chiamava così), e non si faceva menzione a nessuna circuitazione attiva. Eppure, è evidente che il booster è nato col basso, non è una cosa che è stata aggiunta in seguito. E poi, l' amico che me l' ha regalato l' aveva comprato nuovo, e lui non sa nemmeno di preciso cos' è e come funziona, un circuito attivo in un basso. Tenete presente che, all' epoca, i bassi attivi erano davvero pochissimi: per dire, nessun Fender era attivo, come pure nessun Gibson, Music Man era di là da venire o era appena uscita... L' unico basso che certamente era già attivo era l' Alembic, altri non me ne vengono in mente. Ma questi erano i controsensi della Eko: montare un circuito del genere su un basso economicissimo, non pubblicizzare la cosa, renderne complicato l' uso: queste erano le cose che hanno contribuito al suo fallimento. Classico degli italiani: abbiamo le idee e non sappiamo metterle in pratica per mancanza di organizzazione, anche mentale.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da ma200360 » 29 nov 2009, 23:11

Frank Flicker ha scritto:...
comunque complimenti! è una bella soddisfazione, anzi, due belle soddisfazioni!
però c'è una cosa che mi tormenta.... non è che stai diventando un bassista, vero?
Mah. Certo che mi piace proprio tanto, belìn.[
Frusciante ha scritto:Lo capisco, perchè suonare in un gruppo Blues deve essere davvero bello!
Formidabile. Siamo tutti cinquantenni (io sono il più giovane !), MALATI di Blues, ovviamente con moltissime esperienze alle spalle in ogni genere musicale. E il bello è che, proprio perché siamo tutti avanti con l' età, nessuno di noi ha più problemi di figli: o non ne abbiamo o chi ne ha, li ha grandi e indipendenti, ormai (uno di noi è già nonno !). Per cui, non abbiamo problemi a trovarci per suonare la domenica pomeriggio, visto che non abbiamo impegni di famiglia: proprio come quando eravamo ragazzini alle prime armi ! L' unica menata è doversi fare una ventina di km. all' andata e altrettanti al ritorno, ma non è poi un problema insormontabile: carico amplificatore, bassi, Signora e cagnolino in macchina e parto, recupero uno dei componenti (uno dei migliori chitarristi Blues che abbia mai sentito !) lungo la strada e in una mezz' ora sono lì.
Frank Flicker ha scritto:Maurizio! ma è possibile che non riesci prorpio mai a trattenerti?!?!
Figurati che sto considerando l' acquisto di un altro amplificatore per basso, magari usato, da tenere nel magazzino dove proviamo, per non dover più "camallare" il mio tutte le volte ! Se la faccenda va avanti, lo prendo di sicuro; ho visto una testata, sempre Ashdown, da 370 W che costa pochissimo, e non credo che una cassa con un cono da 15" possa costare un' enormità.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
Tritvr17
Maestro
Maestro
Messaggi: 5805
Iscritto il: 11 lug 2008, 11:00
Località: CT

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da Tritvr17 » 29 nov 2009, 23:22

ti ringrazio della descrizione peculiare!! :esatto:

l'eko vintage mi sta facendo salire una certa gas!! buaha
ma200360 ha scritto:i controsensi della Eko: montare un circuito del genere su un basso economicissimo, non pubblicizzare la cosa, renderne complicato l' uso:
sono sempre stati dei pazzi! che genialità però! è sempre mancata in italia l'organizzazione con la O maiuscola!peccato!
ma200360 ha scritto:Vediamo un po' se in questi giorni mi riesce di registrare qualcosa, ma non ne sono certo: da domani per me comincia il lavoro di Natale, che prevede l' apertura a oltranza, domeniche comprese, per cui non so quanto tempo avrò per registrare samples, considerato che di solito, le sere di Dicembre, arrivo a casa scoppiato. Almeno, spero ! Vorrebbe dire che c' è stato parecchio lavoro, cosa di cui avrei davvero bisogno, dopo un' annata come questa.
vai tranquillo!! se poi hai un attimo lo fai se no fa niente!! :beer:

comunque prima o poi passo :fumato: , così compro qualche libro!
e poi chiaramente un giro nello studio straripante di chitarre! che se non ricordo male sono oramai presenti in giro per casa perchè troppe per un solo piccolo studio! erro?! :sorpreso: :sorpreso:
"Mi piace il brivido della Vittoria, ma senza l'agonia della sconfitta questa é sicuramente meno gratificante"- D.Negreanu
"Il Tocco è come il Vino"- V.Distefano

La funzione "Cerca" è tua amica!!

Avatar utente
Tritvr17
Maestro
Maestro
Messaggi: 5805
Iscritto il: 11 lug 2008, 11:00
Località: CT

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da Tritvr17 » 29 nov 2009, 23:23

ma200360 ha scritto:
James_ ha scritto:...e fra poco mi toccherà prendere una rastrelliera da 3 :tilt: :dance: :angelo:
Ma già che ci sei prendila da 5 o da 7, no ? :Very Happy:
concordo.. a questo punto conviene essere realisti ed avere una visione lungimirante!! buahah :esatto:
"Mi piace il brivido della Vittoria, ma senza l'agonia della sconfitta questa é sicuramente meno gratificante"- D.Negreanu
"Il Tocco è come il Vino"- V.Distefano

La funzione "Cerca" è tua amica!!

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Brutta cosa diventare vecchi...

Messaggio da ma200360 » 29 nov 2009, 23:32

Tritvr17 ha scritto:ti ringrazio della descrizione peculiare!! :esatto:

l'eko vintage mi sta facendo salire una certa gas!! buaha
Credo che, tra l' altro, non sia nemmeno facile trovarne in giro, di quei bassi lì.
Tritvr17 ha scritto:
ma200360 ha scritto:i controsensi della Eko: montare un circuito del genere su un basso economicissimo, non pubblicizzare la cosa, renderne complicato l' uso:
sono sempre stati dei pazzi! che genialità però! è sempre mancata in italia l'organizzazione con la O maiuscola!peccato!
ma200360 ha scritto:Vediamo un po' se in questi giorni mi riesce di registrare qualcosa, ma non ne sono certo: da domani per me comincia il lavoro di Natale, che prevede l' apertura a oltranza, domeniche comprese, per cui non so quanto tempo avrò per registrare samples, considerato che di solito, le sere di Dicembre, arrivo a casa scoppiato. Almeno, spero ! Vorrebbe dire che c' è stato parecchio lavoro, cosa di cui avrei davvero bisogno, dopo un' annata come questa.
vai tranquillo!! se poi hai un attimo lo fai se no fa niente!! :beer:

comunque prima o poi passo :fumato: , così compro qualche libro!
:welcome:
Tritvr17 ha scritto: e poi chiaramente un giro nello studio straripante di chitarre! che se non ricordo male sono oramai presenti in giro per casa perchè troppe per un solo piccolo studio! erro?! :sorpreso: :sorpreso:
Non erri. Per la prima volta la mia Signora ha acconsentito a che una parte delle chitarre "trasmigri" in sala da pranzo. Per ora ho spostato solo uno strumento che è ancora un progetto o poco più, per gli altri devo comprare un po' di reggichitarre da muro: la Signora è stata inflessibile sul "dove" metterle, sul tipo di reggichitarre (rigorosamente Hercules, e ha ragione, anche se costano cari) e sul colore delle chitarre che sposteremo. D' altra parte ha ragione: la mia sala è tutta bianca e nera e una chitarra rossa, per dire, sarebbe un pugno in un occhio.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite