Bassi a scala corta

Sezione dedicata ai Bassi
Rispondi
Avatar utente
fabioRV
Esperto
Esperto
Messaggi: 302
Iscritto il: 02 ott 2011, 08:22
Località: lontano

Bassi a scala corta

Messaggio da fabioRV » 15 dic 2013, 10:35

Dopo la mia prima serata passata a suonare, bere vino rosso, mangiare carne cotta sulla brace e a fumare (non chiedetemi cosa) in un casolare di montagna insieme ad un batterista e un chitarrista 60enni che ne hanno viste e passate... sono rientrato a casa strisciando.
Il problema non sono state le occhiaie o il mal di testa del "day After", ma la mia mano sx. Come se si fossero stirati i nervi.... sono 2 giorni che ho dolore... Devo farci la mano? O, avendo le mani più larghe che lunghe dovrei guardare e provare qualcosa a scala corta?
Leggo di bassisti che suonano da anni con bassi a scala corta e quindi più comodi... :pianto:
Messaggio di hereistay il Ago 11 2011, 15:39
Altro ma ci sei o ci fai? credo che gente come te faccia bene a cancellarsi dal forum


Se sei anche tu di questa opinione evita di fargli delle domande


Avatar utente
pauluccio73
Esperto
Esperto
Messaggi: 933
Iscritto il: 05 giu 2010, 17:26
Località: Bari

Re: Bassi a scala corta

Messaggio da pauluccio73 » 15 dic 2013, 15:55

negli anni 50 e 60 tutti i bassi tranne i fender più noti erano a scala corta.
esempio classico e l'hofner di sir Paul anche i vari sg bass della gibson e i famosi longhorn della danelectro

Paolo
La funzione "Cerca" è tua amica!!
Immagine--Immagine
Immagine--Immagine

Avatar utente
fabioRV
Esperto
Esperto
Messaggi: 302
Iscritto il: 02 ott 2011, 08:22
Località: lontano

Re: Bassi a scala corta

Messaggio da fabioRV » 15 dic 2013, 17:55

Ah ok grazie... ma tu Paolo non li usi? :sorpreso:
Messaggio di hereistay il Ago 11 2011, 15:39
Altro ma ci sei o ci fai? credo che gente come te faccia bene a cancellarsi dal forum


Se sei anche tu di questa opinione evita di fargli delle domande

Avatar utente
pauluccio73
Esperto
Esperto
Messaggi: 933
Iscritto il: 05 giu 2010, 17:26
Località: Bari

Re: Bassi a scala corta

Messaggio da pauluccio73 » 15 dic 2013, 19:04

Io ho un Danelectro LongHorn Bass
ma ho usato anche l'hofner anche se è molto meno versatile non perniente lo chiamano Cavern Bass !!!

comunque sul dano trovi molto a questo link

chitarre-basso-f44/le-corna-della-mia-s ... 13546.html

Paolo
La funzione "Cerca" è tua amica!!
Immagine--Immagine
Immagine--Immagine

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Bassi a scala corta

Messaggio da ma200360 » 28 dic 2013, 00:43

Non uso spesso i bassi a scala corta, ma devo dire che non mi dispiacciono neanche loro. Ho montato le flatwound sul Longhorn, e devo dire che fanno il loro sporco lavoro, anche se ovviamente la versatilità dello strumento ne risente: diciamo che va benissimo per i suoni "vintage", ma è perfino un peccato, perché quel bassetto lì ha anche altre frecce, al suo arco.

E poi proprio l' altro ieri ho ripreso in mano il mio Eko Kiwi degli anni '70, e mi è ripiaciuto moltissimo. Lo uso poco (come uso poco tutti i 4 corde corde con accordatura standard), e me n' è dispiaciuto, perché con le corde roundwound di suoni se ne tirano fuori tanti e anche decisamente belli.

A scala corta ho anche la copia dell' Hofner, il residuato malconcio degli anni '60 della celeberrima marca BATON che ho da tempo immemorabile. Ma sì, anche quello per i suoni di un certo tipo va anche bene, se non si pretende di usare il solo p.u. al ponte. Che poi, quel basso lì l' ho usato diverse volte dal vivo, e non ho mica mai avuto problemi ! Va bene che io non faccio musica che richieda sonorità bassistiche di chissà quale portata, ma il suo dovere l' ha sempre fatto fino in fondo. Anche questo monta corde roundwound, che trovo decisamente migliori rispetto alle lisce. Quando montava le lisce, il suono di quel basso lì era praticamente inintellegibile, cosa del resto assolutamente comune, nei suoni tipici dell' epoca in cui fu costruito quello strumento.

Certo, hanno dalla loro la grandissima "maneggevolezza", soprattutto per chi proviene dalla chitarra, la dimensione e il peso più contenuti, e anche il fascino del "vintage", che aggiunge un pizzico di simpatia allo strumento. E non è neanche detto che la versatilità ne esca sempre penalizzata, almeno sugli strumenti di fabbricazione attuale. Certo, se prendiamo uno scala corta degli anni '60 (tipo il mio basso a forma di violino), ci montiamo delle corde lisce e lo pizzichiamo all' altezza degli ultimi tasti, non possiamo certo sperare di tirar fuori dei suoni definiti !
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite