SIAE o altri metodi per difendere le proprie canzoni

Le leggi italiane sull'argomento musica: Diritti, Copyright, SIAE, etc.

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Rispondi
Mark Raven
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 09 mar 2008, 16:08

SIAE o altri metodi per difendere le proprie canzoni

Messaggio da Mark Raven » 30 mar 2009, 22:54

Ciao a tutti ragazzi. Volevo sapere che consiglio date ad un autore ( che sarebbe il sottoscritto) per come proteggere le proprie canzoni. Intendo dire, io scrivo dei miei pezzi ( io faccio hard rock/heavy metal), e suonandoli con una band, anche dal vivo, come posso tutelarmi dall'eventuale "furto" di un riff,giro,melodie ecc.ecc.
Chiaramente la prima cosa che mi viene in mente è la SIAE, ma so che è parecchio costoso iscriversi e abbastanza complicato come procedimento ( sentivo parlare di bollini,spartiti da consegnare, ecc.) ...quindi, tenendo conto di registrare anche una demo o cd con su pezzi propri, eventualmente scrivere i testi, c'e' un modo più semplice di "tutelare" o "proteggere" i propri pezzi? Sentivo parlare anche del depositare in POSTA l'eventuale Cd,testi,demo che si è fatto e loro te lo tengono in cassaforte come Prova legale della proprieta' di determinato materiale, che ti riconosce i diritti.

chiaro..magari nessuno che ti viene a vedere ti ruba niente, ma come fai ad esserne sicuro???? Io tengo molto a cio' che faccio e non voglio farmelo rubare.

Grazie a tutti spero di ricevere dei buoni consigli su come agire.
è un argomento molto delicato per noi musicisti.


Avatar utente
odos
Maestro
Maestro
Messaggi: 2733
Iscritto il: 21 gen 2008, 20:33

Re: SIAE o altri metodi per difendere le proprie canzoni

Messaggio da odos » 30 mar 2009, 23:19

prova a dare un occhio qua. In teoria il diritto dovresti averlo appena concludi un'opera, il problema è dimostrarlo in tribunale se qualcuno te la ruba. La Siae dovrebbe gestire solo i profitti, quindi in teoria se non vuoi guadagnarci dovrebbe valere un qualsiasi metodo quali raccomandata spedita a te stesso o cose di questo genere. Stando alla legge copyzero dovrebbe tutelare la paternità dell'opera, poi nella prassi concreta non so come funziona. D'altra parte siamo in Italia e la Siae è una corporazione/associazione a delinquere...che te lo dico a fare....
Le mie Jam su Neesk:

Podcast


"...in ognuno di noi dorme un genio. E sta sveglio un idiota"

Mark Raven
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 09 mar 2008, 16:08

Re: SIAE o altri metodi per difendere le proprie canzoni

Messaggio da Mark Raven » 30 mar 2009, 23:23

grazie del link, gli daro' una bella lettura.

"raccomandata a me stesso"??' sarebbe :dubbioso:

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: SIAE o altri metodi per difendere le proprie canzoni

Messaggio da ma200360 » 31 mar 2009, 08:54

Mark Raven ha scritto:grazie del link, gli daro' una bella lettura.

"raccomandata a me stesso"??' sarebbe :dubbioso:
Registgri il brano, lo metti su cd, su una cassetta ao su un suupporto qualsiasi, lo infili in una busta sigillata e firmata da te sulla chiusura, la spedisci a te stesso per raccomandata E NON LA APRIRAI MAI. In questo modo, se qualcuno si appropriasse della tua creazione, tu potrai provare che, in una certa data, quella melodia era già stata composta da te, essendoci la data della spedizione a certificare la cosa. Questo ti tutela dal punto di vista della proprietà del brano, ma evidentemente non ti permette di percepire diritti d' autore !
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
David
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5942
Iscritto il: 07 apr 2006, 22:11
Località: Villafrati (Pa)

Re: SIAE o altri metodi per difendere le proprie canzoni

Messaggio da David » 31 mar 2009, 10:15

Sposto in Musica e Fisco :ciauz:


Mark Raven
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 09 mar 2008, 16:08

Re: SIAE o altri metodi per difendere le proprie canzoni

Messaggio da Mark Raven » 31 mar 2009, 18:13

ma200360 ha scritto:
Mark Raven ha scritto:grazie del link, gli daro' una bella lettura.

"raccomandata a me stesso"??' sarebbe :dubbioso:
Registgri il brano, lo metti su cd, su una cassetta ao su un suupporto qualsiasi, lo infili in una busta sigillata e firmata da te sulla chiusura, la spedisci a te stesso per raccomandata E NON LA APRIRAI MAI. In questo modo, se qualcuno si appropriasse della tua creazione, tu potrai provare che, in una certa data, quella melodia era già stata composta da te, essendoci la data della spedizione a certificare la cosa. Questo ti tutela dal punto di vista della proprietà del brano, ma evidentemente non ti permette di percepire diritti d' autore !

molto molto interessante...sembra pratico , NON costoso e veloce. Quindi posso benissimo farmi un CD metal mio anche un Cd di rutti ( tanto per estremizzare alla massima potenza la cosa) fare come hai detto e quindi avere una prova. Potrebbe essere una soluzione anche se temo che in una sede giuridica non sia del tutto considerata, cosa ne dici?
certo che se vado in posta per spedire una cosa a me stesso non so come la prendano :lol:

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: SIAE o altri metodi per difendere le proprie canzoni

Messaggio da ma200360 » 31 mar 2009, 18:21

Mark Raven ha scritto: molto molto interessante...sembra pratico , NON costoso e veloce. Quindi posso benissimo farmi un CD metal mio anche un Cd di rutti ( tanto per estremizzare alla massima potenza la cosa) fare come hai detto e quindi avere una prova. Potrebbe essere una soluzione anche se temo che in una sede giuridica non sia del tutto considerata, cosa ne dici?
So che in passato è già stata prodotta come prova, in sede legale, ed è stata considerata.
Mark Raven ha scritto: certo che se vado in posta per spedire una cosa a me stesso non so come la prendano :lol:
E come la devono prendere ? Saranno affari tuoi, no ? Al limite vai in un ufficio postale un po' più lontano dalla tua zona !
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Mark Raven
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 09 mar 2008, 16:08

Re: SIAE o altri metodi per difendere le proprie canzoni

Messaggio da Mark Raven » 31 mar 2009, 19:23

ma200360 ha scritto:
Mark Raven ha scritto: molto molto interessante...sembra pratico , NON costoso e veloce. Quindi posso benissimo farmi un CD metal mio anche un Cd di rutti ( tanto per estremizzare alla massima potenza la cosa) fare come hai detto e quindi avere una prova. Potrebbe essere una soluzione anche se temo che in una sede giuridica non sia del tutto considerata, cosa ne dici?
So che in passato è già stata prodotta come prova, in sede legale, ed è stata considerata.
Mark Raven ha scritto: certo che se vado in posta per spedire una cosa a me stesso non so come la prendano :lol:
E come la devono prendere ? Saranno affari tuoi, no ? Al limite vai in un ufficio postale un po' più lontano dalla tua zona !

Ottimo. Grazie mille delle dritte ragazzi! se non ci aiutiamo noi fra musicisti :esatto:

Devo sentire anche la questione di lasciare direttamente in posta in cassaforte la prova, il mio maestro di chitarra di parecchi anni fa mi aveva cennato questa cosa, che ai suoi tempi parecchie bands lo facevano.

danova
Principiante
Principiante
Messaggi: 12
Iscritto il: 20 dic 2009, 22:38
Contatta:

Re: SIAE o altri metodi per difendere le proprie canzoni

Messaggio da danova » 24 dic 2009, 16:52

grazie del link, gli daro' una bella lettura.


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite