Identificare eko anni 80

Sezione dedicata a tutti tipi di chitarra.

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul, ][AnDrE][

Troio
Principiante
Principiante
Messaggi: 25
Iscritto il: 03 feb 2008, 21:19

Identificare eko anni 80

Messaggio da Troio » 09 set 2008, 11:57

Salve a tutt, finalmente ritorno attivo su questo forum. Dopo una lunga vacanza e studio frenetico(diciamo che ora lo sono ancora ma non sparfiamo troppo la voce dell'ozio :-P :-P ) mi ritrovo a chiedere consigli a voi.

Ho trovato una bella eko diavoletto. Me gusta molto devo dire la verità... Ho contattato il venditore e mi ha detto che dovrebbe essere dei primi anni 80 (Il padre dice di averla acquistata nel 1982). Io per ora vi posto delle foto, anche se non so se serva a molto, in modo che possiate aiutarmi a capire se realmente la chittarra può avere quegli anni o meno.

Inoltre, in base alla data di produzione, capire se quella chitarra può essere o meno un valido strumento da affiancare a quelel che sono le mie chitarre, e quindi avere una qualità superiore rispetto alle sorelle "moderne" oppure uno strumento entry.level.

P.s.1 una foto nel file zip, risale a poche settimane fa, mentre le altre ad alcuni mesi fa. Nell'ultima foto, potete notare le meccaniche e il ponte nuovo che il venditore ha montato su.

Attendo notizie

LINK ZIP
http://www.mediafire.com/?sharekey=cbc7 ... 6c816b8405

Tramite questo sito sono riuscito a capire che è una Eko C11 ma non so se è quella con i pick up della di marzio..
http://www.fetishguitars.com/html/eko/c ... ll/15.html

Voi cosa mi dite? c'è un modo per saperlo e sopratutto vale 250 euro? Considerando che sono state sostituite meccaniche e ponte con
-ponte tune 'o' matic gotoh
-meccaniche groover rotomatic

Purtroppo ho provato a trattare ancora ma lui dice di aver speso 150 euro per i lavori di liuteria( acquisto ponte tune 'o' matic gotoh e meccaniche groover rotomatice relativo montaggio con setup...) e considerando che gli ho proposto almeno le spedizioni comprese, il guadagno, se è vera la spesa fatta, è meno di 100 euro per lui...

Insomma conviene buttarmi in questa Eko? oppure dopo mi ritroverei una chitarra di livello basso che non competerebbe con la ia fender e con la mia ibanez che ho?

Grazie mille


Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da darkfender » 09 set 2008, 12:11

boh con 250 euro ci compri davvero poco, le eko di quel tempo erano strumenti tuttaltro che pregiati....
Io eviterei se non puoi provarla soprattutto.

C'erano frequenti problemi di manico tralaltro.

Troio
Principiante
Principiante
Messaggi: 25
Iscritto il: 03 feb 2008, 21:19

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da Troio » 09 set 2008, 12:50

darkfender ha scritto:boh con 250 euro ci compri davvero poco, le eko di quel tempo erano strumenti tuttaltro che pregiati....
Io eviterei se non puoi provarla soprattutto.

C'erano frequenti problemi di manico tralaltro.

Bhe è vero che 250 euro sono "relativamente" pochi ma non sempre è vero il discorso prezzo alto==qualità... Gli "affari" ai trovano..

Per il problema di manico non credo. Questa chitarra ha 26 anni e poche settimane fa ha avuto degli upgrade di ponte e meccaniche. Se aveva problemi di manico 1 si sarebbero dovute già mostrare visto il tempo e 2 non credo che il venditore avesse speso soldi inutilmente...

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da darkfender » 09 set 2008, 13:35

250 euro per una chitarra anni 80 è pochissimo non poco.
La liuteria economica recente è ottima, lo stesso non si può dire negli 80 ._. soprattutto per la liuteria italiana......

Se mi dici che con 250 euro OGGI si comprano buone chitarre posso esser daccordo invece :ciao:

Troio
Principiante
Principiante
Messaggi: 25
Iscritto il: 03 feb 2008, 21:19

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da Troio » 09 set 2008, 14:30

darkfender ha scritto:250 euro per una chitarra anni 80 è pochissimo non poco.
La liuteria economica recente è ottima, lo stesso non si può dire negli 80 ._. soprattutto per la liuteria italiana......

Se mi dici che con 250 euro OGGI si comprano buone chitarre posso esser daccordo invece :ciao:
io purtropp non conosco quel tipo di liuteria per questioni tempistiche quindi mi affido a chi ha potuto testare.

Ti ringrazio per il consiglio.

Se qualcun'altro ha qualcos'altro da aggiungere :chiacchiera: :chiacchiera:


Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da ma200360 » 09 set 2008, 21:39

Troio ha scritto:
darkfender ha scritto:250 euro per una chitarra anni 80 è pochissimo non poco.
La liuteria economica recente è ottima, lo stesso non si può dire negli 80 ._. soprattutto per la liuteria italiana......

Se mi dici che con 250 euro OGGI si comprano buone chitarre posso esser daccordo invece :ciao:
io purtropp non conosco quel tipo di liuteria per questioni tempistiche quindi mi affido a chi ha potuto testare.

Ti ringrazio per il consiglio.

Se qualcun'altro ha qualcos'altro da aggiungere :chiacchiera: :chiacchiera:
Ha ragione Darkfender, al 100%. Quelle chitarre erano dei gabinetti, con o senza Di Marzio (che non sono certo un sinonimo di qualità estrema, almeno IMHO). Pensa che quella chitarra lì, in origine, aveva le sellette di plastica... E poi, ma chi l' ha mai vista una solid-body in abete ? Oltretutto ha il manico avvitato, se non ricordo male. Lascia perdere, è meglio.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da ma200360 » 09 set 2008, 21:44

Ho visto le foto: ma hai visto com' è attaccato il anico al corpo ? Cos ti aspetti da una cosa di quel genere ? Lascia perdere, era una chitarra del cavolo all' epoca, e oggi non è certo migliorata.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Troio
Principiante
Principiante
Messaggi: 25
Iscritto il: 03 feb 2008, 21:19

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da Troio » 09 set 2008, 23:45

ma200360 ha scritto:Ho visto le foto: ma hai visto com' è attaccato il anico al corpo ? Cos ti aspetti da una cosa di quel genere ? Lascia perdere, era una chitarra del cavolo all' epoca, e oggi non è certo migliorata.
Perchè il manico è attaccato male??? Ok è avvitato, quindi non sarà una copia gibson ma non capisco perchè sia attaccato male...

Comunque ho visto che già altre volte hai parlato male di queste chitarre, posso chiederti se le hai provate di persona oppure parli, come me, per sentito dire... Io ammetto la mia ignoranza e quindi mi rimetto nelle tue/vostre mani

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da ma200360 » 10 set 2008, 00:12

Troio ha scritto:
ma200360 ha scritto:Ho visto le foto: ma hai visto com' è attaccato il anico al corpo ? Cos ti aspetti da una cosa di quel genere ? Lascia perdere, era una chitarra del cavolo all' epoca, e oggi non è certo migliorata.
Perchè il manico è attaccato male??? Ok è avvitato, quindi non sarà una copia gibson ma non capisco perchè sia attaccato male...

Comunque ho visto che già altre volte hai parlato male di queste chitarre, posso chiederti se le hai provate di persona oppure parli, come me, per sentito dire... Io ammetto la mia ignoranza e quindi mi rimetto nelle tue/vostre mani
Dunque: tieni presente che il mio nick altro non è che le mie iniziali più la mia data di nascita: questo ti fa capire quanti anni avessi quando sono uscite, quelle chitarre lì ! Tieni presente che avevo una chitarra in mano da quando avevo 13 anni... Quindi me le ricordo, quelle Eko: erano proprio schifezze, insomma. Certo, ce n' erano tante, in giro, ma al' epoca non c' erano mica le chitarre coreane o cinesi o messicane ! E, il più delle volte, gli unici strumenti che noialtri studentelli arrivavamo a comprarci erano proprio quel genere di Eko lì; non è che le comprassimo perché erano buoni strumenti, li compravamo perché non ce n' erano di migliori, allo stesso prezzo, e soprattutto perché non potevamo permettercene di più costosi !

Oggi le alternative ci sono, eccome. Ti riporto una frase di Marco Manusso dall' ultimo numero di "Chitarre": si parla di chitarre economiche e dice "Ogni giorno ho l' occasione di mettere le mani tanto sulle tastiere delle Fender messicane quanto su quelle delle Epiphone e puntualmente penso "magari avessi avuto a disposizione degli strumenti così quando, non potendo permettermi Fender o Gibson, dovevo ripiegare su chitarre veramente 'economiche' che avrebbero fatto felice solo David Lindley (noto collezionista di 'mostri' e rottami d' epoca)".

Ecco, quella Eko fa parte dei "mostri e rottami d' epoca" di cui parla Manusso.

Il discorso dell' attaccatura del manico è molto semplice: hai mai visto il manico di una chitarra attaccato con due sole viti ? A parte il discorso "manico avvitato+scala corta=BESTEMMIA", se fissi il manico con due sole viti avrai ben poca stabilità del manico stesso, oltre a un "contatto" molto minore che se il manico fosse fissato con quattro viti, no ? Ma quelle erano chitarre economiche, ma proprio molto economiche, due viti costano meno di quattro, e si perde meno tempo a fare due buchi invece di quattro. Insomma, si gridò allo scandalo (con giusta ragione, peraltro), quando la Fender iniziò a fissare i manici con tre sole viti al posto di quattro, e fu la prima cosa su cui la stessa Fender fece marcia indietro quando si rimise a produrre chitarre decenti, negli anni '80, dopo il nefasto periodo CBS. Ti pare che un manico fissato con due sole viti possa essere indice di accuratezza nella costruzione ? Non credo proprio, ti pare ? :ciao:

Tra l' altro, il dépliant di cui hai postato il link parla di "corpo in abete", ma io ricordo distintamente di aver visto un corpo da cui era stato smontato il manico e tolta l' elettronica, di una chitarra di quelle serie lì, ed era in puro truciolato. Non era, effettivamente, la copia della Diavoletto, quindi può benissimo essere che la chitarra di cui stiamo parlando abbia effettivamente un corpo in massello, ma ricordo benissimo quel legnaccio schifoso su cui ere incollata una sottilissma impiallacciatura di legno migliore per "nobilitare" lo strumento.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Troio
Principiante
Principiante
Messaggi: 25
Iscritto il: 03 feb 2008, 21:19

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da Troio » 10 set 2008, 10:50

Ti ripsondo prima di tutto per ringraziarti.
Ora ho l'opinione di uno che ha visto e toccato quelle chitarre, il che mi rassicura non poco sul fatto che non è fattibile prendere quella chitarra per quel prezzo. 250 euro non sono bazzecole.

Per il discorso del manico: mea culpa. Nelle foto non si vede bene ma avevo dato per scontato che l'attaccatura fosse con tre viti, pratica nota anche con le fender.

Comunque per ora invierò la mia mail per uscire dalla trattativa a quel prezzo.
Dato che ultimamente mi ha preso la gas per uno strumento datato, cercherò di abbassare drasticamente il prezzo e quindi farla valutare come giusto che sia.

P.s. visto che tu sei esperto, che mi consigli di cercare come chitarre Buone con alcuni anni di onorata carriera alle spalle, possibilimente italiane???

Io all'inizo ho seguito alcune Burny cinesi della fine degli anni 70, inizi 80 che sono dei veri gioelli ma il prezzo è elevatissimo (700/800)...

Grazie ancora.

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da darkfender » 10 set 2008, 11:03

Troio ha scritto: Io all'inizo ho seguito alcune Burny cinesi della fine degli anni 70, inizi 80 che sono dei veri gioelli ma il prezzo è elevatissimo (700/800)...

Grazie ancora.
giapponesi non cinesi c'è una bella differenza.
E se è vero che il prezzo è elevatissimo, per le anni 80-90 ti trovi in mano strumenti che suonano come gibson d'annata (su alcune marche magari un cambio pickup serve, ma molte sono perfette così).

Le 70 ce ne sono di buone e di scarsissime.

Il problema è che la liuteria giapponese ebbe un boom qualitativo in quegl'anni che portò le case madri americane tipo gibson e fender a intraprendere azioni legali per farne cessare la produzione (da qui il nome lawsuit) e a chiudere le loro filiali giapponesi che facevano concorrenza al mercato di fascia alta.

Al contrario la liuteria italiana è tristemente famosa per il contrario......


Ma perchè vuoi uno strumento d'annata? sei un collezionista o la devi suonare?

Troio
Principiante
Principiante
Messaggi: 25
Iscritto il: 03 feb 2008, 21:19

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da Troio » 10 set 2008, 11:31

darkfender ha scritto:
Troio ha scritto: Io all'inizo ho seguito alcune Burny cinesi della fine degli anni 70, inizi 80 che sono dei veri gioelli ma il prezzo è elevatissimo (700/800)...

Grazie ancora.
giapponesi non cinesi c'è una bella differenza.
E se è vero che il prezzo è elevatissimo, per le anni 80-90 ti trovi in mano strumenti che suonano come gibson d'annata (su alcune marche magari un cambio pickup serve, ma molte sono perfette così).

Le 70 ce ne sono di buone e di scarsissime.

Il problema è che la liuteria giapponese ebbe un boom qualitativo in quegl'anni che portò le case madri americane tipo gibson e fender a intraprendere azioni legali per farne cessare la produzione (da qui il nome lawsuit) e a chiudere le loro filiali giapponesi che facevano concorrenza al mercato di fascia alta.

Al contrario la liuteria italiana è tristemente famosa per il contrario......


Ma perchè vuoi uno strumento d'annata? sei un collezionista o la devi suonare?
Hai ragione Dark. made in japan al 100%. Alcune montano dei pick up che sono una bomba: i VH1.
Sono plraticamente dei cloni perfetti di Gibson per liuteria...

Per il discorso collezione o suonarle. Bhe diciamo una via di mezzo. Non posso permettermi il lusso di tirare il meglio da una chitarra allora dico che colleziono :dance: :dance:

No scherzo è che mi piacerebbe avere una chitarra più grande di me. Mi attira come idea. Non sono ne un esperto, ne un intenditore, cerco una chitarra che suoni bene e che non sfiguri insieme alle mie che ho( una fender, una ibanez e una di liuteria)...Diciamo che la burny prima o poi sarà mia perchè la epiphone non è cosa perchè "scarsa", la gibson non è cosa perchè "cara": la Burny si con mooolti sarcrifici, prima o poi.

Lo so sono un malato di Gas e se spendessi più tempo a suonare invece che a cercare chitarre su internet e per i negozi sarei un mostro con la chitarra,

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da darkfender » 10 set 2008, 11:38

e ma allora sotto le lawsuit jap c'è poco mi sa e comunque 5-600 euro è un buon prezzo :O
a meno ci son solo le squier JV ma hai già una strato mi pare....

P.S. oppure ti rivolgi alle chitarre econoiche recenti che e ne sono di ottime a poco...

Troio
Principiante
Principiante
Messaggi: 25
Iscritto il: 03 feb 2008, 21:19

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da Troio » 11 set 2008, 10:35

darkfender ha scritto:e ma allora sotto le lawsuit jap c'è poco mi sa e comunque 5-600 euro è un buon prezzo :O
a meno ci son solo le squier JV ma hai già una strato mi pare....

P.S. oppure ti rivolgi alle chitarre econoiche recenti che e ne sono di ottime a poco...

Il problema che le Burny per arrivare qui hanno bisogno minimo di 750/800 euro e ora come ora non me le posso permettere. Non escludo che per l'anno nuovo, se inizio a guadagnare qualcosina, sarà mia.


Per il discorso delle recenti: ormai mi sono diretto verso chitarre di livello "medio". L'unica economica era la mia ibanez ma di quella ormai ne è rimasto ben poco visto che ci ho speso molti soldi per farla stare al passo della fender e della chitarra di liuteria. Prendere ora una chitarra economica sarebbe dire: spendi altri soldi altrimenti hai una chitarra inferiore alle altre.

La chitarra d'annata invece, per me, avrebbe un odore diverso. Il toccare quei legni non mi farebbe pensare che è forse inferiore delle altre. Il mio sogno sarebbe trovare chitarre ancora precedenti a quelle dei primi 80( come questa eko o come le burny che stò seguendo) ma credo che sia abbastanza impossibile per i miei capitali. Allo stesso modo non voglio comunque una chitarra che si "sgretoli" in mano. Ecco perchè avevo chiesto consigli per la eko.

P.s. Ma mi sono permesso di fare un quote delle tue parole, visto le argomentazioni valide, su un altro forum che conosco. Non so se sei utente anche li, ma come detto, se lo fossi, ti pregherei di intervenire visto che il dialogo potrebbe risultarne costruttivo.

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: Identificare eko anni 80

Messaggio da darkfender » 11 set 2008, 11:33

io si che passo acneh lì ho visto il topic XD
cmq salvo la gibson forse......(non conosco le gibson '70) il resto della liuteria 70 non è il massimo.

c'è qualche fender costosa (ma pochi modelli come la 25th per esempio).
Le lawsuit '70 sono piuttosto scarse :/

Sugli 80 qualcosa c'è.

Perchè non metti da parte i soldi per un futuro magari per una burny-greco-orville-tokai? tanto chitarre ne hai no?


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti