difetti les paul epiphone

Sezione dedicata a tutti tipi di chitarra.

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul, ][AnDrE][

Avatar utente
Riffeater
Maestro
Maestro
Messaggi: 2043
Iscritto il: 03 apr 2007, 18:21

Messaggio da Riffeater » 12 apr 2007, 19:47

azz, qnt le odiate qst epiphone! :Very Happy: :Very Happy:
Immagine
Immagine
Immagine


Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Messaggio da ma200360 » 12 apr 2007, 20:06

Daarkfender, sono d' accordo con te, chiudiamo questa discussione, tanto mi pare che restiamo di opinioni diverse.

Non sono d' accordo neanche sui tuoi giudizi su Ed Roman, visto che, spesso, mi sono trovato d' accordo con lui.

So bene che la ESP ha sempre lavorato molto bene, dico solo che lavorava a contratto per alcune grandi marche americane; questione di scala, tutto qui.

Non ho mai visto una Burny in un negozio, e sono più di 30 anni che mi passano chitarre per le mani. E' vero che abito un po' alla periferia dell' impero, ma se sono fuori non mi perdo una vetrina in cui una chitarra faccia bella mostra di sé. L' ultima Tokai devo averla vista 20 anni fa. So che sono sul mercato, soprattutto su Internet, ma sono tutt' altro che facili da reperire.

Detesto le mode.

:ciauz:

P.S. Oggi è passato a trovarmi il mio liutaio, uno che le chitarre ha cominciato a farsele, visto che secondo lui la Fender non era granché, e gli ho detto che stavo discutendo sulla questione della bontà delle Epiphone. La sua replica è stata "Chi si contenta gode".
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 12 apr 2007, 20:27

ok passi sulle epi...ma su ed roman informatevi bene di chi state parlando..........

Avatar utente
theshark03
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 237
Iscritto il: 07 set 2006, 19:00

Messaggio da theshark03 » 13 apr 2007, 00:31

ma200360 ha scritto: P.S. Oggi è passato a trovarmi il mio liutaio [...] e gli ho detto che stavo discutendo sulla questione della bontà delle Epiphone. La sua replica è stata "Chi si contenta gode".
Ehm... un tipo (non lituaio... credo...) ha detto: "Chi si accontenta gode... così così..."

:Very Happy:

Savethanks
Nuovo nel Forum
Nuovo nel Forum
Messaggi: 2
Iscritto il: 15 apr 2007, 14:45

Messaggio da Savethanks » 15 apr 2007, 15:36

anche se non sono un chitarrista vorrei esprimere la mia su questo topic.
come si fa a generalizzare un discorso su una marca senza citare modelli, finiture ecc??

io suono la chitarra per diletto, ho iniziato (dopo 2 anni di basso) con una Eko a forma ti telecaster che ho cambiato tempo dopo con la Les Paul Epi LP-100. una m***a incredibile, faceva schifo in tutto. poi sono passato a una olp mm2 che era ANNI avanti alla Epi e poi ho trovato una combinazione e ho preso una Les Paul Standard Epiphone che è stata (veduta 2 sett fa per un basso epiphone Les paul che è fantastico) oro colato rispetto alla olp.

perciò avendo provato un fottio di epiphone tra negozi e amici che ce ne hanno IMHO sono decisamente da buttare i modelli LP-100 (manico bolt on, avvitato cioè, pick up scoperti ma schifosi, finiture grossolane e manico e meccaniche pessime), Les Paul Special, SG special, SG 310 e Les Paul STudio e la orribile SG emily the strange.

altro mondo le serie Les Paul Standard e SG 400. sono chitarre, sebbene economiche, fatte molto bene nel mio gruppo ci sono 3 chitarristi con relativa Gibson USA e hanno provato la les paul Epi che avevo e hanno espresso ottimi pareri. Pick up niente male, manico set in finiture con binding e tastiera con i trapezioid.

Le serie artist signature poi sono davvero un gradino piu su: le zakk wylde suonano molto bene e la tastiera in acero della camuflage spacca. la Ace Freheley ha 3 dimarzio e suona molto bene. non ho provato la slash e la "one love" di Bob Marley.

non mi esprimo sulla serie gothic (anche se essendo una derivazione di chitarre serie "special" non mi convincono sulla carta) poichè non ne ho mai toccata una.


Avatar utente
Kill Bill
Maestro
Maestro
Messaggi: 1337
Iscritto il: 16 giu 2006, 10:39
Località: Roma

Messaggio da Kill Bill » 15 apr 2007, 15:46

Savethanks ha scritto:anche se non sono un chitarrista vorrei esprimere la mia su questo topic.
come si fa a generalizzare un discorso su una marca senza citare modelli, finiture ecc??

io suono la chitarra per diletto, ho iniziato (dopo 2 anni di basso) con una Eko a forma ti telecaster che ho cambiato tempo dopo con la Les Paul Epi LP-100. una m***a incredibile, faceva schifo in tutto. poi sono passato a una olp mm2 che era ANNI avanti alla Epi e poi ho trovato una combinazione e ho preso una Les Paul Standard Epiphone che è stata (veduta 2 sett fa per un basso epiphone Les paul che è fantastico) oro colato rispetto alla olp.

perciò avendo provato un fottio di epiphone tra negozi e amici che ce ne hanno IMHO sono decisamente da buttare i modelli LP-100 (manico bolt on, avvitato cioè, pick up scoperti ma schifosi, finiture grossolane e manico e meccaniche pessime), Les Paul Special, SG special, SG 310 e Les Paul STudio e la orribile SG emily the strange.

altro mondo le serie Les Paul Standard e SG 400. sono chitarre, sebbene economiche, fatte molto bene nel mio gruppo ci sono 3 chitarristi con relativa Gibson USA e hanno provato la les paul Epi che avevo e hanno espresso ottimi pareri. Pick up niente male, manico set in finiture con binding e tastiera con i trapezioid.

Le serie artist signature poi sono davvero un gradino piu su: le zakk wylde suonano molto bene e la tastiera in acero della camuflage spacca. la Ace Freheley ha 3 dimarzio e suona molto bene. non ho provato la slash e la "one love" di Bob Marley.

non mi esprimo sulla serie gothic (anche se essendo una derivazione di chitarre serie "special" non mi convincono sulla carta) poichè non ne ho mai toccata una.
Quoto...è quello che ho cercato di spiegare....

la Epiphone ha una produzione molto "altalenante" ....io ne ho provate parecchie...alcune ottime e altre schifose...io stesso ho la G400..nel negozio dove la comprai insieme alla mia ce ne erano almeno altre 15 identiche (differivano solo nel colore)...ne provai 5, mica 1, e quella che presi (che attualmente ho) era nettamente superiore come suono ma anche come finiture..si vedeva ad occhio...le viti erano inserite bene..le altre tutte storte.... l'action era ben regolata e anche il manico mi sembrava migliore. I tasti soprattutto erano lucidi ..le altre mi sembravano usate!

Cmq in generale sono chitarre economiche quindi si può cadere e come nella bidonata!

Dunque secondo me i discorsi che facciamo sono tutti validi e tutti relativi!
"il vero Io è quello che tu sei, non quello che hanno fatto di te"
Paulo Coelho

Avatar utente
Genki
Esperto
Esperto
Messaggi: 300
Iscritto il: 18 ott 2006, 20:55
Località: Verucchio

Messaggio da Genki » 15 apr 2007, 16:15

Cmq il concetto di base è che le Epiphone hanno il prezzo gonfiato per ovvie ragioni. (qualità o meno)
Questo è tutto.

p.s. Io possiedo una Epiphone SG Standard (quella con i trapezi e gli hb coperti) e suona discretamente, l'unico problema è che è conciata male male (avendola presa usata)

:ciauz:

p.s.2 Epi è una sottomarca della Epiphone.

Savethanks
Nuovo nel Forum
Nuovo nel Forum
Messaggi: 2
Iscritto il: 15 apr 2007, 14:45

Messaggio da Savethanks » 15 apr 2007, 16:23

si si, io parlavo solo di Epiphone. le Epi se ne trovano poche in giro e non le fanno più.

ovviamente nuove costano troppo, l'usato ha prezi competitivi. il mio basso epiphone les paul standard l'ho pagato usato (ma tenuto da dio) a 250+spedizioni e suona moolto meglio dell'ibanez btb che ho avuto e pagato 550€

Avatar utente
Canepazzo
Esperto
Esperto
Messaggi: 825
Iscritto il: 05 lug 2006, 14:07
Località: Savona

Messaggio da Canepazzo » 15 apr 2007, 17:40

Ragazzi mi spiace ma sono d accordo con "zio ma" quando dice che la les paul è incopiabile...cioè...gibson les paul... punto. hai detto tutto. epiFHONE e tutte le altre simil copie io non le vorrei nemmeno se me le regalassero.

Quando avro la fortuna di comprarmi una les paul sara una gibson stop. non voglio neppure sentire null altro che abbia la forma di una les paul ma non la targhetta GIBSON.

Se devo godere devo farlo con una gibson les paul usa. :brindisi:
"Quando suono la telecaster mi sento come un idraulico con il suo migliore strumento tra le mani!"

Keith Richards

Capaneo
Principiante
Principiante
Messaggi: 37
Iscritto il: 20 gen 2007, 17:33

Messaggio da Capaneo » 15 apr 2007, 18:07

Quando si parla di Epiphone, a mio parere, bisogna sempre tenere in considerazione il fatto che si tratta di un marchio peculiare... ha ragione chi dice che non si deve generalizzare!

La epiphone produce copie "ufficiali" della gibson, made in Korea, e su queste è nota la sua politica dei prezzi che induce molti chitarristi (me compreso) ad avere in antipatia il marchio. Ma la stessa casa produce anche chitarre di fascia più alta, made in Usa - anche con modelli che produceva prima di essere acquisita da gibson - e su questo versante è un marchio di tutto rispetto.

Giusto per fare un esempio, la Texan '64 (l'acustica su cui McCartney suonava Yesterday e su cui oggi suona ballate favolose tipo Jenny Wren) è una chitarra splendida.

Alla stessa maniera è una gran chitarra la Casinò Elitist (made in Usa), mentre è difficile trovare qualcuno che parli bene della Casinò normale, made in Korea.

Alla fine, è tutta una questione di mercato: molta gente è convinta che comprando una epiphone si ritroverà in mano una chitarra identica ad una Gibson... questa è la verità. E allora la Epiphone (rectius: la Gibson), giustamente dal suo punto di vista da imprenditore, ti vende quella chitarra a 500€, quando ne vale 200€.

E' etico? Domanda da un milione di dollari... questo è il mercato delle chitarre... di tutte le chitarre, Gibson comprese. Siamo sicuri che una chitarra venuta fuori da una catena di montaggio (perchè questo sono le Gibson come altre marche prestigiose, checchè se ne dica!) valga davvero 2000€ o a volte 3000€ ? Io ci credo poco, anzi non ci credo per nulla!
Non sono un economista, ma un pò di economia politica l'ho studiata all'università e so perfettamente che esistono quei meccanismi, che si chiamano "economie di scala", in base ai quali, maggiore è la quantità del bene X che esce dalle catene di montaggio, minore sarà il costo di produzione del singolo esemplare del bene X.

E' un mistero come una chitarra artigianale costruita da un liutaio costi di meno di una chitarra prodotta a livello industriale!

Però, se ci pensate bene, anche nel mondo della chitarra non viene meno quella legge fondamentale dell'economia, in base alla quale è sempre la domanda che crea l'offerta... quelle chitarre, cioè, costano tanto perchè il chitarrista medio è disposto a fare mesi di sacrifici per comprarle a quel prezzo senza battere ciglio!

Questo perchè il chitarrista medio, nessuno si offenda, è fondamentalmente un "fighetto" che vuole lo strumento griffato... esattamente come una velina di Striscia la Notizia!

Ha da esse' "made in Usa", dice, perchè il made in China fa schifo! In realtà i cinesi hanno le stesse identiche capacità di ogni altro popolo del mondo! Non è che l'operaio americano sia migliore di quello orientale! Semplicemente non esistono, in quelle lande, i diritti sindacali ergo la forza lavoro costa incredibilmente meno e allora tutte le multinazionali ivi spostano le loro catene di montaggio.

Che poi le produzioni orientali siano, generalmente, inferiori a quelle occidentali non dipende certo da una qualche deficienza dei valorosi operai cinesi e koreani, ma, ancora una volta, dal mercato. Anche questo, infatti, è un meccanismo che, in economia, si conosce benissimo.

Quando si immette un prodotto nel mercato, si prende sempre in considerazione la struttura dell'offerta. Ciò avviene perchè ci sarà sempre una certa percentuale di acquirenti disposta a pagare molto di più di quanto il bene valga.

Per esempio, per il bene X c'è una percentuale di acquirenti disposta a pagare non più di 10 (rinunciando a qualche caratteristica o qualità del bene) e un'altra parte disposta a pagare 100.

Ora, se l'imprenditore vende il bene a 10, rinuncia a tutti quei soldi che potenzialmente potrebbe spillare a tutti quelli che sono disposti a pagare 100. Tuttavia, se vende a 100, deve rinunciare a tutti quelli che non vogliono spendere più di 10.

Questo, però, non può tradursi a livello di produzione industriale, nella creazione, sic et simpliciter, di due separate catene di montaggio, perchè non conviene a livello di costi di produzione...

Le aziende, allora, approntano una sola catena di montaggio, ma elaborano dei sistemi per vendere ciò che sostanzialmente è lo stesso bene, a due prezzi differenti. Venderanno a 10 a chi non vuol pagare più di tanto e a 100 a chi è disposto a sborsare di più. Questa, credetemi, è la normalissima amministrazione di un'azienda di produzione ed è così in qualsiasi ramo del marcato.

L'esempio dei prodotti hardware è forse il più chiaro di tutti.
Ci sono schede video da 64mega (che si vendono a 100) e delle schede video da 32mega (che si vendono a 10)... bene, in realtà si tratta degli stessi identici beni, venuti fuori dalla stessa identica catena di montaggio... semplicemente, sulle schede da 32mega, vengono disattivati alcuni banchi di memoria o, comunque, risultano difettosi - e quindi bypassati - alcuni banchi di memoria, tutto qui!

Con questo sistema, le aziende di hardware "coprono" tutto il mercato (gli acquirenti che vogliono spendere 10 e quelli che vogliono spendere 100) affrontando i costi di una sola catena di montaggio. A loro conviene così, perchè il prezzo di produzione della scheda da 64mega è sostanzialmente identico al prezzo di produzione della scheda da 32mega... cioè, loro ci perdono molto di meno a disattivare quei due banchi di memoria piuttosto che fare un nuovo progetto ex novo senza quei banchi, e così, anzi, ci guadagnano clienti.

Un mio amico, particolarmente esperto di queste cose, ha una scheda video di questo tipo che ha, in qualche modo, "crackato" per risvegliare la memoria addormentata... e come lui tanti altri.

Per quanto, senza ombra di dubbio, la chitarra sia un bene del tutto differente da una scheda video, la sostanza del discorso non cambia. E cioè, a livello di pura produzione, vi piaccia o no, non c'è molta differenza tra una Gibson venduta a 3000€ ed una epiphone venduta a 500€.

Il costo di produzione non è identico per le due chitarre ma, comunque, incredibilmente vicino... roba da pochi euro di differenza.

La differenza tra la chitarra economica e quella di lusso, infatti, è data da due elementi: il controllo qualità e i materiali utilizzati. Ma i macchinari della catena di montaggio sono identici sia nelle fabbriche orientali che in quelle americane. Lo stampino ove si inserisce il legno per creare il body della LP epi è identico a quello ove si inserisce il legno per creare il body della Gibson LP. Cambia solo il legno.

Questa apparentemente è una grossa differenza, ma, in realtà non è così, perchè a livello industriale la differenza di costo tra legni scarsi e legni pregiati si riduce incredibilmente. Cioè, quando compri tonnellate e tonnellate di legno pregiato, questo ti viene a costare poco di più (al chilo) rispetto al legno scarso, mentre invece se compri un solo chilo di legno pregiato questo ti costerà 100 volte di più di un chilo di legno scarso... spero sia chiaro.

Se una epiphone ha un costo di produzione di 20€ all'esemplare (sparo una cifra, ma non penso di essere andato troppo lontano), una gibson avrà un costo di 50/60 € e forse sto esagerando! Questo avviene, grazie alle economie di scala, per qualsiasi prodotto e le chitarre, che vi piaccia o no, non fanno eccezione!

Perchè allora vengono vendute al pubblico con una tale differenza di prezzo? Proprio in virtù del meccanismo che ho spiegato prima... se c'è chi è disposto a pagare la gibson anche 3000€, allora la gibson farà in modo di vendere a 3000€. Giusitificherà questo prezzo inducendo il consumatore a credere che lo strumento sia pregiato e che ci sia una grande differenza con le chitarre economiche... certo la differenza c'è a livello di prodotto finito, perchè i legni pregiati ed il controllo qualità, senza ombra di dubbio, fanno la differenza, ma a livello di pura produzione industriale, alla gibson quella chitarra costa praticamente tanto quanto una chitarra economica! Spero sia chiaro il concetto, non vorrei essere frainteso.

Alimentare l'idea che gli operai orientali siano incapaci, in questo contesto, è un'arma formidabile nelle mani delle case che, in questo modo, ricoprono i prodotti più costosi di un'aura di sacralità, in un mondo come quello dei chitarristi, che è preda delle mode come e più del mondo delle vallette, dei nani e delle ballerine! Ha da esse' made in iuessei!...

Questo è il motivo per cui, a volte, può capitare che una squier da 200€ suoni come una fender che costa dieci volte tanto! La produzione è identica (e gli operai cinesi non sono ritardati mentali rispetto a quelli americani!), la differenza sta nel controllo qualità... bene, quella squier era di quelle ciambelle venute con il buco, messa accanto ad altre 1000 squier senza buco che, a causa dell'assenza del controllo qualità sono arrivate lo stesso in negozio! Tutto qui.

Stando così le cose, e sono sicuro che dentro di voi lo sapete che le cose stanno così, perchè nessuno si lamenta mai dei prezzi gibson? Perchè nessuno si scandalizza mai dei prezzi Gibson?

La epiphone fa il suo mestiere... vende roba alla gente e la vende al prezzo che la gente è disposta a pagare! Perchè di epi ci scandalizziamo (me per primo) e di gibson (che fa la stessa identica cosa a livello più alto) nessuno dice nulla?

Volete fare qualcosa di veramente intelligente? Bene fate in modo che la vostra prossima chitarra sia questa:

http://www.accordo.it/article.pl?sid=07 ... ode=nested

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Messaggio da ma200360 » 15 apr 2007, 18:53

Tutto giusto e tutto vero, tranne una cosa che non hai messo nel computo finale del costo delle due chitarre: la manodopera, che in USA costa molto di più, ovviamente.

Se vogliamo non hai messo un' altra cosa in quel computo: i pick-ups, che sono diversi sulla Gibson rispetto a quelli che vengono montati sulle Epiphone. Ma è vero anche che la Gibson ce li vende come spare parts a 130 euro l' uno, quando il costo di ogni pick-up, per la produzione, saraà di qualche euro, non di più.

Non voglio intervenire oltre in questo topic, ormai penso che tutti sappiano come la penso. Torno solo a citare (e quotare) il mio guitar man, quando mi ha detto "Chi si contenta gode".
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
Canepazzo
Esperto
Esperto
Messaggi: 825
Iscritto il: 05 lug 2006, 14:07
Località: Savona

Messaggio da Canepazzo » 15 apr 2007, 18:58

io stesso aprii tempo fa un topic sui prezzi DA RAPINA di Gibson e fender, magari qualcuno volenteroso può riportarlo io purtroppo ora ho troppo poco tempo devo scappare a lavoro, appena tonro rileggo meglio quello che hai scritto perchè è interessante.

volevo dire che cmq hai ragione io mi sento fighetto e voglio, anzi pretendo la chitarra gibson, semplicemente perchè per me ha fatto la storia del rock, non si possono copiare i miti..come fender...
e non mi importa nulla di quello che pensa la gente, sono soldi che ho sudato io e quando e se potro mai imbracciare una gibson usa mi sentiro l essere piu felice del mondo.

Gibson e Fender sono due miti, cisono passati tutti...è storia...

sui prezzi niente da dire...sono dei ladri
"Quando suono la telecaster mi sento come un idraulico con il suo migliore strumento tra le mani!"

Keith Richards

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Messaggio da ma200360 » 15 apr 2007, 19:13

Canepazzo ha scritto: volevo dire che cmq hai ragione io mi sento fighetto e voglio, anzi pretendo la chitarra gibson, semplicemente perchè per me ha fatto la storia del rock, non si possono copiare i miti..come fender...
e non mi importa nulla di quello che pensa la gente, sono soldi che ho sudato io e quando e se potro mai imbracciare una gibson usa mi sentiro l essere piu felice del mondo.

Gibson e Fender sono due miti, cisono passati tutti...è storia...
Canepazzo sei un GRANDE ! Un vero MITO ! Hai ragione: prendiamoci una buona volta per quello che siamo, diciamolo forte e chiaro ! A qualcuno non fa piacere ? Peggio per lui ! :yourock:

:venerato:
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
strummerx
Esperto
Esperto
Messaggi: 759
Iscritto il: 06 apr 2007, 11:20
Località: brescia
Contatta:

Messaggio da strummerx » 15 apr 2007, 19:15

Canepazzo ha scritto:io stesso aprii tempo fa un topic sui prezzi DA RAPINA di Gibson e fender, magari qualcuno volenteroso può riportarlo io purtroppo ora ho troppo poco tempo devo scappare a lavoro, appena tonro rileggo meglio quello che hai scritto perchè è interessante.

volevo dire che cmq hai ragione io mi sento fighetto e voglio, anzi pretendo la chitarra gibson, semplicemente perchè per me ha fatto la storia del rock, non si possono copiare i miti..come fender...
e non mi importa nulla di quello che pensa la gente, sono soldi che ho sudato io e quando e se potro mai imbracciare una gibson usa mi sentiro l essere piu felice del mondo.

Gibson e Fender sono due miti, cisono passati tutti...è storia...

sui prezzi niente da dire...sono dei ladri
quoto...io per ora ho una copia les paul fatta da un liutaio(paul mc brain...qualcuno lo conosce?)...a parer mio discreta dato che l'ho pagata appena 200 euri!comunque questa è la mia prima chitarra elettrica e se ne comprero un altra voglio un gibson originale!!!
la domanda è:dove c***o li trovo i soldi??? :pianto: :pianto: :pianto:
fenomeni si nasce,miti si diventa!!!
http://www.myspace.com/galvanica

Capaneo
Principiante
Principiante
Messaggi: 37
Iscritto il: 20 gen 2007, 17:33

Messaggio da Capaneo » 15 apr 2007, 19:22

ma200360 ha scritto:Tutto giusto e tutto vero, tranne una cosa che non hai messo nel computo finale del costo delle due chitarre: la manodopera, che in USA costa molto di più, ovviamente.
In realtà avevo accennato anche a questo, comunque il punto è che niente vieta alla Gibson (o altre case) di spostare la produzione dei pezzi pregiati in oriente. Non vedo perchè gli operai cinesi non debbano essere in grado di assemblare gli strumenti come Dio comanda. Il problema è che alle case produttrici conviene mantenere in vita questo mito che le chitarre made in oriente non siano intrinsecamente buone, perchè così giustificano il prezzo esorbitante delle chitarre made in usa.

Ma in realtà le chitarre orientali sono costruite allo stesso modo (seppur con materiali più scadenti), solo che non c'è il controllo qualità.

Se levi il controllo qualità alla fabbrica americana, ottieni lo stesso risultato di una fabbrica cinese, perchè non è che gli operai americani siano più intelligenti di quelli cinesi... semplicemente in america vengono scartate le chitarre che non rispettano gli standards, mentre in cina vengono messe in commercio ugualmente.


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti