Fender tele USA vs Fender tele Japan

Le chitarre Fender

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul, ][AnDrE][

Rispondi
Avatar utente
Canepazzo
Esperto
Esperto
Messaggi: 825
Iscritto il: 05 lug 2006, 14:07
Località: Savona

Fender tele USA vs Fender tele Japan

Messaggio da Canepazzo » 06 set 2006, 23:31

Ciao ragazzi, finalmente un giorno di pausa dal lavoro! riesco a trovare un pò di tempo per scrivere questo topic su cui meditavo gia da tempo dato che trovo l argomento molto interessante.
So che è gia stato trattato in altri topic ma vorrei approfondirlo ugualmente dato che finalmente sono in grado materialmente di farlo :D

Ebbene si, quello che vorrei fare è mettere a confronto 2 telecaster, una made in USA e una made in Japan, evidenziarne (per quello che mi permette la mia scarsa conoscenza dello strumento) le differenze, affinita pregi e difetti.

Dunque, la prima ve l ho gia fatta vedere, si tratta della mia cara tele usa reissue '52, eccola:

Immagine

La seconda è l ultima arrivata, si tratta di una tele japan photo flame degli anni 90:

Immagine

dico gia che il confronto è in parte falsato dal fatto che a quest ultima chitarra sono state sostituite le meccaniche originali con quelle tipo "vintage" e i pick up. Monta infatti dei fender texas special.

Cmq veniamo a noi, faccio un breve sunto per spiegarvi un pò la situazione. Data la mia manifesta passione per le tele noto subito questa chitarra su ebay, l impatto è subito molto positivo, la chitarra mi piace molto esteticamente, nn se ne vedono tnte con questa colorazione tutta particolare. Non la prendo però subito, l inserzione era un pò vaga, parlava di pick up sostituiti con quelli "americani" ma senza particolari indicazioni. Il prezzo in compenso sembrava molto abbordabile (meno di 500 euro custodia morbida compresa).
Cmq sia passano le settimane e un giorno quasi per caso nei miei vagabondaggi su internet ricapito sull inserzione. Il prezzo mi fa gola, inutile nasconderlo e a mia sorpresa la chitarra è ancora li, nessuno se l è presa. Va beh! Contatto il venditore (persona gentilissima che mi ha dato tantissimi consigli) e mi parla dei pick sostituiti con dei texas appunto e chiavette sostituite, mi faccio rassicurare sullo stato dello strumento che mi descrive in condizioni molto buone. Decido in breve...è mia!

Aspetto lo strumento con l idea di una chitarra usata, inferiore alla mia americana sotto tutti i punti di vista. Nonostante le rassicurazioni del venditore sul suono stupendo rimango sempre un pò scettico.

Passa un giorno e mezzo...arriva la chitarra...mi precipito a prenderla con la bava alla bocca, apro la custodia agitatissimo....la tiro fuori per il manico e.....perbacco :shock: la chitarra è bellissima! Qualche lievissima scorticatura sul body (normale per una chitarra con qualche annetto sulle spalle) ma per il resto è perfetta. Tra me dico "non è possibile" :shock: . Mi siedo sul tavolo e imbraccio la chitarra guardo bene bene il body e il manico, perfette, rifiniture curate in ogni parte dello strumento e tra me medito "hai capito sti giapponesi" :shock: . Comincia piano piano a scomparire l idea che il made in japan sia in qualche modo "inferiore" perlomeno esteticamente.
Ma dato che sono un tipo con i piedi piuttosto per terra non cedo ancora. Si la chitarra è stupenda, niente da dire,è curatissima in ogni dettaglio, mi impressiona si, è veramente ben fatta, ben oltre le mie aspettative. Tuttavia sono ancora parecchio scettico per quanto riguarda il suono. Noto tra le altre cose il ponte a 6 sellette che mi sembra subito molto "solido" e ben fatto e anche un action bassissima!! Subito penso, sicuramente friggera un pò, non può suonare bene con un action del genere è impossibile.
Mi faccio coraggio pensando al duro lavoro di setup che mi tocchera e mi reco in camera mia, attacco la chitarra all ampllificatore (e sottolineo che ho un amplificatore ibanez marcio addirittura per basso e nn per chitarra!! me ne devo comprare uno decente :oops: ), provo un sol...è leggermente scordata, accordo....e qui il secondo perbacco :shock: suona bene! Il suono è il suo, pulito, limpido, la chittarra accordata nn ha la minima sbavatura, gli armonici sono puliti. Avendo suonato sempre per tnto tempo quella americana, abituato al suono graffiante utilizzando il pick up al ponte noto subito come questi texas special siano + "morbidi" o meglio diano un suono meno metallico, meno graffiante rispetto a quelli montati sulla 52 reissue. Provo il selettore in ogni posizione, perfetto, cosi come i toni.
Noto subito un altra differenza, ultilizzando il pick up al manico la reissue ha un suono + caldo, molto + avvolgente, + blues ecco. Qui mi sembra invece che i texas special montati sulla giapponese nn siano molto all altezza, preferisco di gran lunga il suono che mi esce dall americana. Cmq, questione di gusti.

Cmq sia prova pick up e accordatura superata brillantemente, nessun friggimento o rumore strano. Rimane solo da testare il distorto. Lo seleziono sul mio amplificatore marcio..provo un banale power chord in sol.....GROARR!!!! cosa nn ti esce da sta chitarra!!!??! :shock: Rimango per un attimo allibito....riprovo.....santo cielo che sustain! che potenza!! Rimango senza parole sul distorto questi pick up sono fenomenali! le note durano tantissimo e la qualita del suono è ottima senza sbavature. Alzo il volume quasi al massimo, sento che l amplificatore nn regge la chitarra abbasso ma mi devo riprendere un attimo perchè sono in trans! Cavolo sul distorto la giapponese supera di una spanna buona quella americana.

Faccio provare la chitarra anche a mio fratello che suona il basso da parecchi anni e mi conferma anche lui le mie stesse sensazioni, sul distorto non cè davvero paragone.

La violento un pò per vedere quanto regge l arrcodatura e anche qui mi dispiace dirlo ma ho la sensazione che la giapponese regga di + di quella americana. E' un idea che mi sto facendo anche in questi giorni suonandola ripetutamente.

Insomma, per farvela breve, ho speso relativamente poco e mi sono ritrovato con uno strumento pazzesco. Questa chitarra ha un ottimo suono in pulito e sul distorto supera di gran lunga quella americana. Per quello che riguarda l estetica poi non ci sono differenze tra l una e l altra. Sono entrambe molto curate, precise e ben fatte. Credo che sia impossibile senza guardare il luogo di fabbricazione dire quale delle due è americana e quale è giapponese. Certo se parliamo dei legni utilizzati nn sapri che dirvi di preciso.
Certo avrei voluto sentire questa chitarra con i suoi pick up originali e con le sue chiavette, sicuramente il confronto avrebbe dato un altro responso.
Il signore da cui l ho acquistata mi ha detto che come qualita dello strumento le tele giapponesi degli anni 90 non hanno nulla da invidiare rispetto alle odierne americane; nn so se sia corretto generalizzare ma devo dire che in questo caso aveva molta ragione.

Meglio il made in japan dunque? beh questo nn lo so. Sicuramente questa chitarra mi ha insegnato che prima di tutto non è vero che il made in usa sia SEMPRE meglio e che, con le oppurtune modifiche una chitarra apparentemente mediocre possa suonare davvero molto bene.

Certo il pensiero mi va subito alla fender stratocaster highway che ho acquistato pochi mesi fa, l ho pagata circa 200 euro di + rispetto a questa giapponese e il confronto lo perde di brutto come suono (in pulito e in distorto) come bellezza e come finiture.
Insomma il mercato delle chitarre è un pò strano, provatene tnte tante, a volte magari una chitarra a cui nn dareste 2 euro pu darvi grosse soddisfazioni. Non partite subito con preconcetti riguardo al made in japan, controllate sempre lo strumento perchè cambiando pick up si ottiene uno strumento di qualita eccellente.

Le ultime parole, scusandomi per avervi annoiato, lasciatemele spendere per la telecaster....bella....spartana.....semplice....e forse anche primitiva si....ma è l essenza del rock 'n roll...e la amo :D :oops:

Ciao ragazzi buona serata a tutti voi :wink:
"Quando suono la telecaster mi sento come un idraulico con il suo migliore strumento tra le mani!"

Keith Richards


Avatar utente
David
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5942
Iscritto il: 07 apr 2006, 22:11
Località: Villafrati (Pa)

Messaggio da David » 07 set 2006, 10:37

Bravissimo Canepazzo :D

Vuoi inserirla in Recensioni strumenti in Articoli

Avatar utente
Canepazzo
Esperto
Esperto
Messaggi: 825
Iscritto il: 05 lug 2006, 14:07
Località: Savona

Messaggio da Canepazzo » 07 set 2006, 11:41

Ciao David!

oh ne sarei onorato :D se pensi che ne valga la pena inseriscila pure, mi fa piacere :wink:
"Quando suono la telecaster mi sento come un idraulico con il suo migliore strumento tra le mani!"

Keith Richards

Avatar utente
Luk
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 63
Iscritto il: 06 giu 2006, 16:32

Messaggio da Luk » 07 set 2006, 11:57

bell'acquisto canepazzo!! complimenti

Avatar utente
Kill Bill
Maestro
Maestro
Messaggi: 1337
Iscritto il: 16 giu 2006, 10:39
Località: Roma

Messaggio da Kill Bill » 07 set 2006, 12:55

Complimenti per la recensione e per la Chitarra...
certo diamo a Cesare quel che è di Cesare...il made in Japan in mabito di chitarre comincia ad avere qualche annetto...non dimentichiamo che le prim produzioni Jappo della Aria o della Ymaha risalgono ai primi anni 70'...di esperienza ne hanno accumulata, ultimamente anche il mercato Koreano sembra stia salendo di qualita'....Le JJ Schott ad esempio nn sono per nulla male come dicono riviste come AXE o Chitarre...
Io personalemente ho una Yamaha RGX112 che ha 14 anni sulle spalle e va alla Grande, certo con la dovuta manutenzione e i dovuti accorgimenti :)

Cmq Canepazzo lasciatelo dire ormai sei un TELE-DIPENDENTE a tutti gli effetti 8)
"il vero Io è quello che tu sei, non quello che hanno fatto di te"
Paulo Coelho


Avatar utente
Canepazzo
Esperto
Esperto
Messaggi: 825
Iscritto il: 05 lug 2006, 14:07
Località: Savona

Messaggio da Canepazzo » 07 set 2006, 13:09

Grazie ragazzi a tutti voi :D
Cmq Canepazzo lasciatelo dire ormai sei un TELE-DIPENDENTE a tutti gli effetti Cool
:lol: sono malato di telecaster :lol: eh si è vero :D mi sento molto legato a questa chitarra, questione di feeling credo, ormai mi sono fissato sull idea di farmene una piccola collezione :D
"Quando suono la telecaster mi sento come un idraulico con il suo migliore strumento tra le mani!"

Keith Richards

Avatar utente
David
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5942
Iscritto il: 07 apr 2006, 22:11
Località: Villafrati (Pa)

Messaggio da David » 07 set 2006, 13:21

Canepazzo ha scritto:Ciao David!

oh ne sarei onorato :D se pensi che ne valga la pena inseriscila pure, mi fa piacere :wink:
Si inseriscila, poi pubblico :wink:


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite