Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Le chitarre Fender

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul, ][AnDrE][

Avatar utente
Dinamite bla
Maestro
Maestro
Messaggi: 1158
Iscritto il: 15 lug 2007, 13:20

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da Dinamite bla » 30 apr 2012, 19:10

James la pensavo come te all'inizio di questo thread...impossibile che (detto in maniera molto materiale, passami il termine) 250€ suonino bene o meglio addirittura di 1.200€...
Ma ho verificato che è così... E con le mie orecchie e con quelle del negoziante testimone anche piuttosto imbarazzato della situazione. Ti invito a fare lo stesso test. Se sei delle mie parti ci andiamo insieme. :wink:
Gibson CS Les Paul v.o.s. 1958
Fender CS Strat 1956 heavy relic

Dv Mark Bad Boy 120 + C4x12 Std
2x12 Vintage30
Orange Micro Terror

Strymon timeline
Brunetti Mercury Box
Suhr Riot
Suhr Shiba Drive
Carl Martin Plexitone
Boss CS-3
Nova Repeater
Nova Reverb
Vox V847 wah
Zoom MS70 cdr
Joyo vintage tremolo


Avatar utente
Frank Flicker
Maestro
Maestro
Messaggi: 5930
Iscritto il: 10 mag 2007, 13:39
Località: bergamo/brescia

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da Frank Flicker » 30 apr 2012, 20:28

Dinamite bla ha scritto:Gente che ha inventato il blues o il jazz, suonava con dei pezzi di cartone paragonati ai capolavori di liuteria che conosciamo.. E l'emozione che viene fuori da quei vecchi dischi non parla di verniciature e binding fatti al microscopio
eh... una les paul del '52 o una es-335 del '58 non sono proprio di cartone, anche perchè una volta c'erano solo quelle!

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da ma200360 » 30 apr 2012, 20:57

Ragazzi, vi capisco: nessuno, e tanto meno io, siamo capaci di un' assoluta autonomia di giudizio. E' normalissimo, siamo tutti condizionati da innumerevoli fattori, al momento di esprimere un parere, ed è più che normale che questi fattori pesino, e non poco, sull' opinione che ci si fa di una certa cosa.

Ma vogliamo provare a svincolare il nostro giudizio dalle influenze esterne, qualche volta ? Vogliamo provare a far finta che non ci sia altro che noi stessi e l' oggetto della nostra critica (in senso di "valutazione", è chiaro) ? Non è facile, certo. Lasciamo da parte l' idea che abbiamo in mente di quell' oggetto lì, lasciamo da parte l' uso che ne fanno gli altri, lasciamo da parte la pubblicità, i pareri che ne abbiamo letto e sentito, il suo prezzo, e andiamolo a giudicare per quel che ci suggeriscono i nostri sensi.

Applichiamo questo discorso al nostro strumento: non è facile prescindere da quel che c' è scritto sulla paletta, lo so bene, né dal' idea che ce ne siamo fatti, né dalle informazioni che abbiamo, né dal giudizio che altri possono averne. Ma proviamo, per una volta, a dare un giudizio INDIPENDENTE, per quanto possibile: sono certo che i risultati saranno assolutamente IMPRESSIONANTI, soprattutto oggi che le cose, nel campo degli strumenti musicali, stanno molto diversamente da come stavano quand' ero giovane io.

A me è capitato di pormi in questo modo, molto naif, se volete, nei confronti del basso; risultato: non comprerei un basso di prezzo elevato, perché mi sono reso conto che è unicamente per un discorso di prestigio, che affronterei una spesa del genere, non certo per la sonorità.

Proviamo a fare lo stesso discorso nei riguardi della chitarra ? Vogliamo provare a prendere uno strumento di prezzo contenuto del giorno d' oggi e a paragonarlo con uno di prezzo elevato, magari una semplice serie standard ? Ma dobbiamo VERAMENTE provare a lasciare da parte qualunque parametro di giudizio, eh, che non sia quel che si può vedere coi nostri occhi e toccare con mano riguardo la sua costruzione.

Ora, non voglio dire che succederà nel 100% dei casi, non voglio dire che non noteremo particolari che non ci piacciono, non voglio dire che sarà sempre tutto bello e tutto al top, ma se riusciremo veramente a lasciar da parte i preconcetti, vi garantisco che sono molti gli strumenti di prezzo contenuto, oggi come oggi, che avranno bisogno solo di un buon setup per competere con i marchi blasonati.

E' per questo che nutro una particolare simpatia e osservo con grande attenzione gli strumenti di stampo economico. Se andate a vedere, sono io che ho aperto il thread che riguarda gli strumenti al di sotto della soglia dei 150 euro, anni fa, e c' era un motivo, come avete capito tutti. Saranno certo perfettibili, upgradabili, non tutti saranno sullo stesso piano, ma da "vecchio" sono rimasto impressionatissimo dai progressi che la tecnologia ha permesso sugli strumenti da pochi soldi, lo sapete tutti. E mi piacerebbe che tutti imparassimo a vedere le cose PER QUELLO CHE REALMENTE SONO, senza influenze esterne.

Lo ripeto, è quanto di più difficile possa esserci, per tutti, me compreso. Figuriamoci quanto può essere facile per un ragazzo di 20 anni o meno: mission impossible, e per evidenti ragioni !

Però può valere la pena di provarci, credetemi. Prendiamole in mano, 'ste Roytek, 'ste SX, 'ste cose che nessuno vuole nemmeno prendere in considerazione al momento dell' acquisto, anche solo per farci un' idea di come sono, ma cerchiamo di valutarle PER QUELLO CHE SONO VERAMENTE.

Noi italiani, poi, siamo dei campioni a farci influenzare dal marchio prestigioso, altrove succede molto ma molto meno. Però, se ci riflettiamo un momento, quanti di noi vestono unicamente roba firmatissima ? Vogliamo andare a vedere perché ? Ci sarà certo fra noi chi non lo fa perché non se lo può permettere e basta, ma ci sono anche molti, fra cui io, che non lo farebbero nemmeno se potessero, perchè ritengono assurdo spendere 10 volte il valore REALE di un determinato oggetto unicamente per un discorso di prestigio o di moda. Vogliamo provare a estendere questo discorso anche ad altri ambiti ?

Ne vedremmo delle belle, se tutti lo facessimo, credetemi.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
Dinamite bla
Maestro
Maestro
Messaggi: 1158
Iscritto il: 15 lug 2007, 13:20

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da Dinamite bla » 01 mag 2012, 10:09

Frank Flicker ha scritto:eh... una les paul del '52 o una es-335 del '58 non sono proprio di cartone, anche perchè una volta c'erano solo quelle!
Stai scherzando spero.. :Very Happy: A quei tempi iniziavano a nascere gli strumenti elettrici con robe tipo la Frying Pan di Rickenbacker che aveva un corpo piccolo e rotondo e il manico lungo. Aveva il primo pick up elettromagnetico, lo stesso montato per gli anni dopo da società come National, Rickenbacker, Epiphone e Gibson.. Erano strumenti dal suono decisamente rudimentale.. Ed è andata avanti così fino a Charlie Christian nel '39 con la gibson es-150 con il pick up a lama. Per non parlare degli amplificatori, dei veri e propri rottami (chiamati così dai propri costruttori) tipo quelli di Doc Kauffman dal 45 in poi prima della fusione con Leo Fender.
Quindi fino al '39 gente che suonava e che registrava c'era, anche se in maniera molto rudimentale. Ma quelle registrazioni sono dei capolavori di storia, basta ascoltare gente come Blind Willie Johnson o il celeberrimo Robert Johnson, che usavano chitarre fatte a mano con strumenti quasi casalinghi e dal suono discutibile.
E quelle cose lì hanno avviato la musica moderna.. :wink: Le meraviglie di Gibson degli anni '50 appartengono ad un'era decisamente diversa, dove inizia a farsi strada il rockabilly, il jazz più moderno o il blues totalmente elettrico. Ma non sono quelle le vere origini.

Ovviamente non c'era solo Gibson negli anni 50, oltretutto..ma con una lezione di storia vi tedio un'altra volta.. :Very Happy:
Gibson CS Les Paul v.o.s. 1958
Fender CS Strat 1956 heavy relic

Dv Mark Bad Boy 120 + C4x12 Std
2x12 Vintage30
Orange Micro Terror

Strymon timeline
Brunetti Mercury Box
Suhr Riot
Suhr Shiba Drive
Carl Martin Plexitone
Boss CS-3
Nova Repeater
Nova Reverb
Vox V847 wah
Zoom MS70 cdr
Joyo vintage tremolo

Avatar utente
rhapsody
Esperto
Esperto
Messaggi: 691
Iscritto il: 15 mag 2011, 21:37

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da rhapsody » 01 mag 2012, 10:20

Dinamite bla ha scritto: ..ma con una lezione di storia vi tedio un'altra volta.. :Very Happy:
Ma nooo!!!...... Falle più spesso queste "lezioni di storia". :applauso:
Secondo me la prima metà del 900 è stata un periodo fantastico per la produzione musicale (basta avere la pazienza per smanettare con le manopole dei toni, quando si ascoltano le vecchie registrazioni :Very Happy: )


Avatar utente
Dinamite bla
Maestro
Maestro
Messaggi: 1158
Iscritto il: 15 lug 2007, 13:20

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da Dinamite bla » 01 mag 2012, 10:29

rhapsody ha scritto:Secondo me la prima metà del 900 è stata un periodo fantastico per la produzione musicale (basta avere la pazienza per smanettare con le manopole dei toni, quando si ascoltano le vecchie registrazioni :Very Happy: )
La penso esattamente come te... è incredibile la quantità di cose che si possono imparare sentendo quelle registrazioni!!!
rhapsody ha scritto:Ma nooo!!!...... Falle più spesso queste "lezioni di storia". :applauso:
Quando vuoi.. :ciao: Ho avuto la fortuna di seguire diversi seminari sull'argomento, e ho studiato su diversi libri. Ti stupiresti delle quantità di leggende meravigliose e storie pazzesche che esistono e vengono ancora raccontate.. :Very Happy:
Gibson CS Les Paul v.o.s. 1958
Fender CS Strat 1956 heavy relic

Dv Mark Bad Boy 120 + C4x12 Std
2x12 Vintage30
Orange Micro Terror

Strymon timeline
Brunetti Mercury Box
Suhr Riot
Suhr Shiba Drive
Carl Martin Plexitone
Boss CS-3
Nova Repeater
Nova Reverb
Vox V847 wah
Zoom MS70 cdr
Joyo vintage tremolo

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da ma200360 » 01 mag 2012, 10:54

Baaaah, sempre lì a parlare di 'sta roba vecchia... Ma andatevi a sentire quelli che sanno suonare, belìn, Batio, quelli lì, insomma ! Ma siete ancora lì a parlare dei vecchi cadaveri ammuffiti ? E basta, belìn, con 'ste menate ! :Very Happy:
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
lux83
Maestro
Maestro
Messaggi: 3652
Iscritto il: 07 ott 2010, 20:26

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da lux83 » 01 mag 2012, 11:08

Frank Flicker ha scritto:
Dinamite bla ha scritto:Gente che ha inventato il blues o il jazz, suonava con dei pezzi di cartone paragonati ai capolavori di liuteria che conosciamo.. E l'emozione che viene fuori da quei vecchi dischi non parla di verniciature e binding fatti al microscopio
eh... una les paul del '52 o una es-335 del '58 non sono proprio di cartone, anche perchè una volta c'erano solo quelle!
Le Les Paul e le ES costavano tanto, in genere si compravano quando si era diventati almeno un po' famosi.
All'inizio suonavano tutti con le chitarre "di cartone" dimostrando che è la mano quella che fa la differenza.
Non devi pensare di essere Townshend o Hendrix solo perché puoi fare wee wee wah wah o sfruttare altri trucchetti del mestiere. Prima devi conoscerla quella stronza. Devi portartela a letto. Devi dormire con lei, se non ci sono altre pulzelle in giro. Ha giusto la forma adatta. (Keith Richards)

Avatar utente
Dinamite bla
Maestro
Maestro
Messaggi: 1158
Iscritto il: 15 lug 2007, 13:20

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da Dinamite bla » 01 mag 2012, 11:08

ma200360 ha scritto:Baaaah, sempre lì a parlare di 'sta roba vecchia... Ma andatevi a sentire quelli che sanno suonare, belìn, Batio, quelli lì, insomma ! Ma siete ancora lì a parlare dei vecchi cadaveri ammuffiti ? E basta, belìn, con 'ste menate ! :Very Happy:
:Ok: :Ok: :Ok: :yourock:
Gibson CS Les Paul v.o.s. 1958
Fender CS Strat 1956 heavy relic

Dv Mark Bad Boy 120 + C4x12 Std
2x12 Vintage30
Orange Micro Terror

Strymon timeline
Brunetti Mercury Box
Suhr Riot
Suhr Shiba Drive
Carl Martin Plexitone
Boss CS-3
Nova Repeater
Nova Reverb
Vox V847 wah
Zoom MS70 cdr
Joyo vintage tremolo

Avatar utente
rhapsody
Esperto
Esperto
Messaggi: 691
Iscritto il: 15 mag 2011, 21:37

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da rhapsody » 01 mag 2012, 12:35

ma200360 ha scritto:Baaaah, sempre lì a parlare di 'sta roba vecchia... Ma andatevi a sentire quelli che sanno suonare, belìn, Batio, quelli lì, insomma ! Ma siete ancora lì a parlare dei vecchi cadaveri ammuffiti ? E basta, belìn, con 'ste menate ! :Very Happy:
:risatona: :risatona: :risatona: :applauso: :applauso: :applauso:

Avatar utente
James_
Maestro
Maestro
Messaggi: 2636
Iscritto il: 16 set 2009, 16:12
Località: Bologna

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da James_ » 01 mag 2012, 12:44

Ma non si può paragonare una Les Paul a una chitarra acustica alla Robert Johnson o una semi hollow da jazz, son cose molto diverse!
Erano rudimentali perchè la tecnologia quello consentiva, cosi come le tasche dei vari bluesmen inizialmente erano quasi vuote (suppongo), insomma, si arrangiavano
LA FUNZIONE "CERCA" E' TUA AMICA. |
POWERED BY: Immagine
Charvel | Gibson | Orange

Avatar utente
Dinamite bla
Maestro
Maestro
Messaggi: 1158
Iscritto il: 15 lug 2007, 13:20

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da Dinamite bla » 01 mag 2012, 12:59

James_ ha scritto:Ma non si può paragonare una Les Paul a una chitarra acustica alla Robert Johnson o una semi hollow da jazz, son cose molto diverse!
Erano rudimentali perchè la tecnologia quello consentiva, cosi come le tasche dei vari bluesmen inizialmente erano quasi vuote (suppongo), insomma, si arrangiavano
Non è questo il punto. Non si ha qui la pretesa di paragonare la les paul alla es 150, per dire.
Il discorso è nato per spiegare come per certi musicisti la qualità impeccabile delle finiture conti molto poco nel modo di suonare, nel feeling con lo strumento, e nelle sensazioni che trasmettono all'ascolto.
Non credo che si "arrangiassero", dato che a quei tempi quasi non esisteva l'idea della chitarra elettrica, quindi uno suonava con quello che c'era, senza pensare che magari in futuro ci sarebbe stato "il meglio".. Oggi non ci capita di pensare di suonare "arrangiandoci", nella previsione che nei prossimi decenni inventino qualcosa di pazzesco e rivoluzionario. Il che non è escluso.. :Very Happy: Ma per noi oggi una les paul del custom shop (faccio per dire), è il massimo, come per loro lo era una chitarra che con i nostri occhi di oggi, rispetto alle tecnologie moderne, è una ciofeca.. sì, c'erano tecnologie primordiali e le tasche vuote, la musica non lo era altrettanto
Gibson CS Les Paul v.o.s. 1958
Fender CS Strat 1956 heavy relic

Dv Mark Bad Boy 120 + C4x12 Std
2x12 Vintage30
Orange Micro Terror

Strymon timeline
Brunetti Mercury Box
Suhr Riot
Suhr Shiba Drive
Carl Martin Plexitone
Boss CS-3
Nova Repeater
Nova Reverb
Vox V847 wah
Zoom MS70 cdr
Joyo vintage tremolo

Avatar utente
Giaguaro93
Maestro
Maestro
Messaggi: 3633
Iscritto il: 27 feb 2011, 13:24
Località: Roma

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da Giaguaro93 » 01 mag 2012, 13:06

Scusami se te lo dico Dinamite, non ti offendere... Però sentirti parlare di "arrangiarsi" e poi vedere che possiedi una Music Man JP, mi mette un po' il sorriso :D

Avatar utente
Dinamite bla
Maestro
Maestro
Messaggi: 1158
Iscritto il: 15 lug 2007, 13:20

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da Dinamite bla » 01 mag 2012, 13:16

Giaguaro93 ha scritto:Scusami se te lo dico Dinamite, non ti offendere... Però sentirti parlare di "arrangiarsi" e poi vedere che possiedi una Music Man JP, mi mette un po' il sorriso :D
:Very Happy: :Very Happy: No figurati!! Volevo solo puntualizzare che non ho introdotto io il termine arrangiarsi, anzi l'ho proprio smentito..! Chi se lo può permettere, si compra una chitarra che costa anche di più.. ma io lo stesso feeling che ho verso la music man da 2000€ ce l'ho con la vintage.. :Very Happy: E non ho mai avuto dubbi su questo. Io la music man l'ho presa principalmente per il suono iper versatile e per la comodità estrema che ha... Poi il fatto che abbia anche delle finiture perfette, ok.. ma non fu il requisito prioritario della scelta.. :wink:
Il thread è nato invece sul dubbio che potesse esserci, approfittando di una situazione conveniente, un suono migliore di quello, non di un feeling migliore!! :Very Happy:
Ammazza quanto si sta facendo filosofica sta roba.. :risatona:
Gibson CS Les Paul v.o.s. 1958
Fender CS Strat 1956 heavy relic

Dv Mark Bad Boy 120 + C4x12 Std
2x12 Vintage30
Orange Micro Terror

Strymon timeline
Brunetti Mercury Box
Suhr Riot
Suhr Shiba Drive
Carl Martin Plexitone
Boss CS-3
Nova Repeater
Nova Reverb
Vox V847 wah
Zoom MS70 cdr
Joyo vintage tremolo

Avatar utente
sugopaciugo
Maestro
Maestro
Messaggi: 3553
Iscritto il: 23 ago 2009, 16:42
Località: Monte Guglielmo

Re: Dar via qualcosa per una strato seria.. voi che fareste??

Messaggio da sugopaciugo » 01 mag 2012, 14:41

Dinamite bla ha scritto: Ammazza quanto si sta facendo filosofica sta roba.. :risatona:
Beh, allora mi ci butto anch'io :Very Happy:

Secondo me le chitarre spesso sono come degli specchi: Quando vi troviamo un loro difetto, in realtà è un nostro difetto. :cool:
Se devi tirare un bullone, non penso che andrai ad usare un cacciavite. Idem con una vite, mica serve una chiave inglese, no?


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti