scale modali

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Rispondi
Avatar utente
tonnar
Esperto
Esperto
Messaggi: 265
Iscritto il: 23 set 2011, 09:21

scale modali

Messaggio da tonnar » 28 apr 2012, 20:16

ho due domandi su questi patterns:
1. ho capito come funzionano, i nomi ecc.... ma come faccio a capire quando devo usare l'una o l'altra?
2. mi date delle tab dei box delle varie scale? lo so che è la stessa scala ma ad esempio DO-DO , RE-RE, MI-MI ecc... ma mi servono le posizioni e mi serve come distribuirle per il manico

GRAZIE :Very Happy:


Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: scale modali

Messaggio da mamasa » 28 apr 2012, 23:08

tonnar ha scritto:1. ho capito come funzionano, i nomi ecc.... ma come faccio a capire quando devo usare l'una o l'altra?
Le scale modali si usano sostanzialmente in tre casi principali:
- su un pedale/riff di tonica
- sul riferimento armonico immediato, cioè l'accordo generato dalla scala modale in questione (ad esempio su un Maj7 puoi usare il modo ionio o il misolidio, su un semidiminuito il locrio, eccetera)
- su un giro di accordi generati dalle note della scala modale
tonnar ha scritto:2. mi date delle tab dei box delle varie scale? lo so che è la stessa scala ma ad esempio DO-DO , RE-RE, MI-MI ecc... ma mi servono le posizioni e mi serve come distribuirle per il manico
http://pguiducci.com/miscellaneous/books/fndarm.pdf Dai un occhio verso pagina 60. Non hai tutte le diteggiature, però ti spiega abbastanza bene come ricavartele.
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

Avatar utente
tonnar
Esperto
Esperto
Messaggi: 265
Iscritto il: 23 set 2011, 09:21

Re: scale modali

Messaggio da tonnar » 29 apr 2012, 15:41

mamasa ha scritto:
tonnar ha scritto:1. ho capito come funzionano, i nomi ecc.... ma come faccio a capire quando devo usare l'una o l'altra?
Le scale modali si usano sostanzialmente in tre casi principali:
- su un pedale/riff di tonica
- sul riferimento armonico immediato, cioè l'accordo generato dalla scala modale in questione (ad esempio su un Maj7 puoi usare il modo ionio o il misolidio, su un semidiminuito il locrio, eccetera)
- su un giro di accordi generati dalle note della scala modale
tonnar ha scritto:2. mi date delle tab dei box delle varie scale? lo so che è la stessa scala ma ad esempio DO-DO , RE-RE, MI-MI ecc... ma mi servono le posizioni e mi serve come distribuirle per il manico
http://pguiducci.com/miscellaneous/books/fndarm.pdf Dai un occhio verso pagina 60. Non hai tutte le diteggiature, però ti spiega abbastanza bene come ricavartele.
grazie, ma quindi devo conoscere sempre gli accordi della canzone per usare le scale modali... e qui sarebbe utile l'orecchio assoluto ...

Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: scale modali

Messaggio da mamasa » 29 apr 2012, 16:00

Beh, in generale è buona cosa sapere su cosa si sta suonando, sia nel modale che ne tonale. Poi dipende molto anche dal giro di accordi. Se è molto articolato, magari con cambi di tonalità e accordi esterni, è una cosa imprescindibile perché devi sapere quando cambiare scala. Se invece è un giro "semplice", tonale o modale che sia, puoi anche prendere l'armonia un po' più sotto gamba (senza esagerare).

L'orecchio assoluto sarebbe utile eccome, però non è necessario. Più che altro aiuta tantissimo avere ben chiaro come suona una certa nota su un certo accordo, quindi sapere che effetto fa una nona bemolle su un semidiminuito, una settima minore su un accordo maggiore, una sesta minore su un accordo sospeso e così via.
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

Avatar utente
tonnar
Esperto
Esperto
Messaggi: 265
Iscritto il: 23 set 2011, 09:21

Re: scale modali

Messaggio da tonnar » 29 apr 2012, 23:21

mamasa ha scritto:Beh, in generale è buona cosa sapere su cosa si sta suonando, sia nel modale che ne tonale. Poi dipende molto anche dal giro di accordi. Se è molto articolato, magari con cambi di tonalità e accordi esterni, è una cosa imprescindibile perché devi sapere quando cambiare scala. Se invece è un giro "semplice", tonale o modale che sia, puoi anche prendere l'armonia un po' più sotto gamba (senza esagerare).

L'orecchio assoluto sarebbe utile eccome, però non è necessario. Più che altro aiuta tantissimo avere ben chiaro come suona una certa nota su un certo accordo, quindi sapere che effetto fa una nona bemolle su un semidiminuito, una settima minore su un accordo maggiore, una sesta minore su un accordo sospeso e così via.
grazie ancora, ultima cosa: ho dato un 'occhiata al link che mi hai dato... premettendo che sono ignorante io, non ci ho capito nulla mi sembra tutto mischiato e non capisco dove inizia e finisce


Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: scale modali

Messaggio da mamasa » 30 apr 2012, 15:01

Facciamo così: appena ho un po' di tempo scrivo le diteggiature principali e te le passo.
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

Avatar utente
tonnar
Esperto
Esperto
Messaggi: 265
Iscritto il: 23 set 2011, 09:21

Re: scale modali

Messaggio da tonnar » 30 apr 2012, 15:05

mamasa ha scritto:Facciamo così: appena ho un po' di tempo scrivo le diteggiature principali e te le passo.
ah sarebbe grandioso

Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: scale modali

Messaggio da mamasa » 30 apr 2012, 17:37

Eccoci:
Immagine

Sono le cinque diteggiature principali (dopo il 12°tasto logicamente si ripetono) di tutti i modi di DO maggiore tranne lo ionio e l'eolio perché corrispondono rispettivamente alla diatonica maggiore e alla minore naturale quindi mi sembrava superfluo scrivere anche quelle. Se vuoi cambiare centro tonale naturalmente basta trasporle.

Ok, ora mi raccomando: imparale! :esatto:


EDIT: scusa, mi sono accorto ora che nella prima diteggiatura mi sono dimenticato di mettere il DO iniziale (3°tasto della quinta corda).
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

Avatar utente
tonnar
Esperto
Esperto
Messaggi: 265
Iscritto il: 23 set 2011, 09:21

Re: scale modali

Messaggio da tonnar » 01 mag 2012, 22:36

wow :sorpreso: , sei un grande.... mi sei stato utilissimo.... le imparerò a memoria e cercherò di farne un buon utilizzo, e se farò un passo avanti per diventare un buon chitarrista sarà merito tuo.... quindi miliardi di volte grazie :rulez:

Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: scale modali

Messaggio da mamasa » 01 mag 2012, 22:48

Figurati, non c'è problema :esatto:

Già che ci siamo, ti consiglio di iniziare studiandoti bene l'eolio, il dorico e il misolidio (o "scala blues di sette note"). Sono i modi più simili al sistema tonale e, non a caso, i più usati (perlomeno nel rock, pop, eccetera).
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

Avatar utente
tonnar
Esperto
Esperto
Messaggi: 265
Iscritto il: 23 set 2011, 09:21

Re: scale modali

Messaggio da tonnar » 02 mag 2012, 14:26

mamasa ha scritto:Figurati, non c'è problema :esatto:

Già che ci siamo, ti consiglio di iniziare studiandoti bene l'eolio, il dorico e il misolidio (o "scala blues di sette note"). Sono i modi più simili al sistema tonale e, non a caso, i più usati (perlomeno nel rock, pop, eccetera).
non vorrei approfittare o osare troppo, ma qualcuno mi dice qualche pezzo per esercitarmi con il relativo modo?


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti