Scale maggiori

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Scale maggiori

Messaggio da peppefetish » 18 giu 2012, 17:37

Buongiorno a tutti, sono nuovo in questo forum.

Ho da sottoporvi un quesito, o meglio più che quesito è un dubbio che mi assale da giorni.
Sto imparando le scale maggiori da circa un mese; fino ad ora ho studiato quelle di DO, SOL, RE, LA, MI, SI, FA# e DO#.
La mia domanda è questa: devo procedere e dunque studiare anche quelle di LAb, MIb, SIb e (ovviamente) FA? E' davvero necessario conoscere tutte le scale per suonare? Oppure basta imparare le principali (se ce ne sono, in questo caso penso DO, SOL, RE, LA, MI, SI e FA)?

Mi piacerebbe suonare blues, ma ovviamente sto andando per gradi, dopo inizierò quelle minori, per poi passare alle pentatoniche ed, infine, a quelle di blues.

Voi come le avete imparate tutte?

Grazie per l'attenzione!


Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: Scale maggiori

Messaggio da mamasa » 18 giu 2012, 18:50

Secondo me, non è tanto il fatto di "studiare" quanto di "abituarsi" alle diverse tonalità.
Una volta che afferri il funzionamento della scala e ne impari le diteggiature, teoricamente, basta trasporla per poter cambiare tonalità. Però è molto utile suonare in più tonalità possibili per prendere confidenza con le diverse posizioni delle note. Se per due mesi stai sul Mi maggiore, la prima volta che ti sposti in Mib ti troverai in difficoltà per il semplice fatto che la tua mano e la tua testa sono abituate ad andare a prendere certe note piuttosto che altre. Per questo è importante cercare di assimilarle tutte.
Detto questo, quando studi una tonalità ti consiglio di vederti anche la sua relativa minore e la pentatonica maggiore e minore perché, in un certo senso, sono prospettive diverse sulla stessa scala. Anzi, già che ci sei, magari infilaci dentro pure le blue notes così ti porti avanti anche nel blues.
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: Scale maggiori

Messaggio da mamasa » 18 giu 2012, 18:51

Ah, dimenticavo: ciao e benvenuto! :ciauz:
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

Avatar utente
silente
Maestro
Maestro
Messaggi: 5493
Iscritto il: 23 apr 2007, 09:53

Re: Scale maggiori

Messaggio da silente » 18 giu 2012, 19:28

Non so chi ti abbia detto che sia una saggia cosa iniziare dalle scale maggiori per suonare blues, ma so che ti ha dato un pessimo consiglio. La maggior parte del blues esistente è basato sulla pentatonica minore. Studia quella, in posizione aperta e in una qualunque altra posizione (poi tanto sono identiche per ogni tonalità) e il blues suonerà come deve. :wink:
ImmagineIl Cantagallo Podcast

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Re: Scale maggiori

Messaggio da peppefetish » 19 giu 2012, 10:08

Grazie ragazzi per i vostri utili consigli!

@mamasa: Non mi sono neanche presentato, che maleducato :P Grazie per la tua disponibilità! :esatto: Allora nel frattempo, studierò anche le altre scale con le relative :wink: Ho un'altra domanda: esistono degli esercizi da fare per le varie tonalità delle diverse scale? Buona giornata!

@silente: Ciao! Guarda, "purtroppo" studiando da autodidatta non sapevo da dove iniziare e mi sono imbattuto in un sito che si chiama busonero.it, dove comincia proprio dalle scale maggiori. Ovviamente, è per questo che ho codesti dubbi..forse però ho posto male le domande..io vorrei imparare a suonare blues, ma pensavo che per meglio assimilare tutte le scale sarebbe stato più utile partire dalle maggiori...detto questo, tu mi consigli di passare alla pentatonica minore? A presto!


Avatar utente
silente
Maestro
Maestro
Messaggi: 5493
Iscritto il: 23 apr 2007, 09:53

Re: Scale maggiori

Messaggio da silente » 19 giu 2012, 10:37

peppefetish ha scritto: @silente: Ciao! Guarda, "purtroppo" studiando da autodidatta non sapevo da dove iniziare e mi sono imbattuto in un sito che si chiama busonero.it, dove comincia proprio dalle scale maggiori. Ovviamente, è per questo che ho codesti dubbi..forse però ho posto male le domande..io vorrei imparare a suonare blues, ma pensavo che per meglio assimilare tutte le scale sarebbe stato più utile partire dalle maggiori...detto questo, tu mi consigli di passare alla pentatonica minore? A presto!
Un corso (busonero) dove il maestro consiglia Carcassi, Carulli, Giuliani e Sor è un corso di chitarra classica e il blues è un pianeta lontanissimo da quel genere. Si, io ti consiglio di non perderci tempo se il tuo scopo è suonare blues, di buttarti su roba specifica e affidarti magari a metodi video (tipo Robben Ford per chitarra elettrica o Stefan Grossman per chitarra acustica, ma ce ne sono migliaia) piuttosto che a metodi scritti, visto che nel blues molte soluzioni espressive sfuggono alla scrittura su spartito.
Ciao
ImmagineIl Cantagallo Podcast

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Re: Scale maggiori

Messaggio da peppefetish » 19 giu 2012, 15:33

@silente: dato che sei così gentile ed esaustivo nelle risposte, ne approfitto per chiederti un'altra cosa :) cosa mi consigli di fare per iniziare col blues? Buttarmi subito sulle pentatoniche o dare un'occhiata anche alle scale minori? Grazie per il tuo tempo..

Avatar utente
silente
Maestro
Maestro
Messaggi: 5493
Iscritto il: 23 apr 2007, 09:53

Re: Scale maggiori

Messaggio da silente » 19 giu 2012, 15:46

Che chitarra suoni?
ImmagineIl Cantagallo Podcast

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Re: Scale maggiori

Messaggio da peppefetish » 19 giu 2012, 16:12

Eh purtroppo al momento una classica e so che è parecchio difficile su quella suonare determinate cose...ma ho imparato alcuni pezzi blues facili (Ball & biscuit dei White Stripes in primisi, e altri pezzi qua e la) ed escono abbastanza bene...ora, immagino che con una acustica il blues possa "venire" meglio per una maggiore duttilità e morbidezza dello strumento..a breve comunque ne comprerò una...

Boogie956
Principiante
Principiante
Messaggi: 22
Iscritto il: 15 giu 2012, 23:51

Re: Scale maggiori

Messaggio da Boogie956 » 19 giu 2012, 17:37

Per me ti dovresti fare un elettrica,magari una vintage v6....perfetta per il blues,mi ricorda il timbro di SRV.Gran bella chitarra a poco prezzo(250)

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Re: Scale maggiori

Messaggio da peppefetish » 19 giu 2012, 17:55

Ah si? Beh darò un'occhiata a questa chitarra allora...tu suoni il blues?

Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: Scale maggiori

Messaggio da mamasa » 19 giu 2012, 18:14

peppefetish ha scritto:@mamasa: Non mi sono neanche presentato, che maleducato :P Grazie per la tua disponibilità! :esatto: Allora nel frattempo, studierò anche le altre scale con le relative :wink: Ho un'altra domanda: esistono degli esercizi da fare per le varie tonalità delle diverse scale? Buona giornata!
Mannaggia a me! Da come ti ho risposto sembra che tu debba metterti sotto a studiare tutte le tonalità, però il mio era (o meglio, voleva essere) un discorso più generale e a lungo termine.

Provo a spiegarmi meglio. Per imparare a suonare agevolmente su tutte le tonalità è importante esercitarsi in ognuna, questo però non vuol dire che devi farlo da subito.
Alcune tonalità, prime fra tutte Do maggiore/La minore e Sol maggiore/Mi minore, sono molto più usate di altre, soprattutto a livello didattico. Questo perché, avendo rispettivamente 0 e una alterazione in chiave, sono più semplici da studiare e, allo stesso tempo, da suonare in quanto ti permettono di sfruttare tutte le corde a vuoto e buona parte dei loro accordi principali possono essere fatti in prima posizione senza bisogno di usare i barrè (o comunque usando barrè relativamente semplici). Queste tonalità includono la pentatonica maggiore e la pentatonica minore, a loro volta estendibili alle scale blues.
Per iniziare a suonare conviene muoversi soprattutto su queste, è inutile complicarsi la vita sviscerando ogni tonalità. Quando poi hai preso confidenza comincia a spostarti anche da altre parti, possibilmente seguendo i circoli delle quinte in modo da non ritrovarti all'improvviso con una marea di alterazioni in chiave. Chessò, suoni un mesetto in Do maggiore/La minore, poi passi al Sol/Mi e ci stai per un altro mese, poi vai in Re/Si e così via (logicamente nulla ti vieta, se ti capita, di trasporre in un altra tonalità le scale che stai studiando).

Per gli esercizi prova a dare un'occhiata qui didattica-sulla-chitarra-f5/sciogliere- ... 74-30.html. Ne avevo postati un paio che, in linea di principio, sono trasponibili su ogni scala e tonalità.
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

Avatar utente
silente
Maestro
Maestro
Messaggi: 5493
Iscritto il: 23 apr 2007, 09:53

Re: Scale maggiori

Messaggio da silente » 19 giu 2012, 18:59

peppefetish ha scritto:@silente: dato che sei così gentile ed esaustivo nelle risposte, ne approfitto per chiederti un'altra cosa :) cosa mi consigli di fare per iniziare col blues? Buttarmi subito sulle pentatoniche o dare un'occhiata anche alle scale minori? Grazie per il tuo tempo..
peppefetish ha scritto:Eh purtroppo al momento una classica e so che è parecchio difficile su quella suonare determinate cose...ma ho imparato alcuni pezzi blues facili (Ball & biscuit dei White Stripes in primisi, e altri pezzi qua e la) ed escono abbastanza bene...ora, immagino che con una acustica il blues possa "venire" meglio per una maggiore duttilità e morbidezza dello strumento..a breve comunque ne comprerò una...
Le uniche scale minori che potresti usare sono quella naturale e quella dorica, visto che le altre hanno la 7a maggiore e nel blues bisogna evitarle come Satana. Ma io passerei dritto alla pentatonica blues avendo riguardo a somatizzare l'uso delle note calanti. Non ho capito però che genere di blues ti interessi suonare, i White Stripes sono rock o rock-blues, musica non per chitarre acustiche. Perché se ti interessa il country blues, cioè il vero blues per acustiche, allora lo studio delle scale conta relativamente (che invece non può mancare in un'elettrica solista). Conta molto di più saper usare i bassi alternati o ostinati su cui tessere dei lick abbastanza standardizzati (basati sulla pentatonica blues). :Very Happy:
ImmagineIl Cantagallo Podcast

blacky123
Maestro
Maestro
Messaggi: 1949
Iscritto il: 26 ago 2011, 18:33

Re: Scale maggiori

Messaggio da blacky123 » 19 giu 2012, 19:14

silente ha scritto: Perché se ti interessa il country blues, cioè il vero blues per acustiche, allora lo studio delle scale conta relativamente (che invece non può mancare in un'elettrica solista). Conta molto di più saper usare i bassi alternati o ostinati su cui tessere dei lick abbastanza standardizzati (basati sulla pentatonica blues). :Very Happy:
e qua la cosa diventa, almeno per me, estremamente più complicata :senzasperanze:

Avatar utente
rhapsody
Esperto
Esperto
Messaggi: 691
Iscritto il: 15 mag 2011, 21:37

Re: Scale maggiori

Messaggio da rhapsody » 19 giu 2012, 19:33

Secondo me se si vuole imparare il country-acustico è meglio comprarsi qualche libro di intavolature con cd (ce ne sono molti di Stefan Grossman, ma non solo). La tecnica dei bassi alternati secondo me è più difficile :sad: da imparare ad orecchio rispetto alla normale chitarra solista perché bisogna riuscire a coordinare due o più parti; vedendole scritte è molto più facile capire come queste si combinano fra loro, rispetto all'ascolto.


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti