Problema con power chords e teoria degli accordi

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Rispondi
StarChild
Principiante
Principiante
Messaggi: 10
Iscritto il: 08 mar 2010, 21:33

Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da StarChild » 16 mag 2010, 15:52

ragazzi sto usando il manuale di massimo varini per imparare ora come ora, quello dei principianti
lo ritengo molto buono perchè sinceramente sto imparando velocemente e abbastanza bene per quanto riguarda la parte tecnica, il problema è la teoria... molte cose non l'ho capite anche se piano piano poi andando avanti con gli ersecizi diciamo che le capisco, come il fatto delle note sulla tastiera e cose cosi
ora sono alla parte dei power chords, apparte il muting che li ci devo fare solo pratica ma non ho capito come funziona la differenza tra accordo maggiore o minore
Dice che tra minore e minore cambia solo una delle tre note, la seconda
ma molti accordi (conosco solo qualche giro armonico e una decina di accordi per ora) non funzionano in questo modo tra maggiore e minore
per esempio
LA minore e LA maggiore
cambia la penultima nota, una va sul secondo tasto e uno sul primo
ma non era la seconda nota (suonata poi? nel senso quelle che si premano non a vuoto?) che deve cambiare per trasformare in maggiore o minore??
se non riesco a capire questo non posso suonare i power chords visto che non ho capito come impostare l'accordo

ps. ho provato a salire di bpm tipo a 240 ma non riesco a stare dietro al battito.. nel senso.. magari per un pochino riesco ad andare preciso tenendo conto del battito (che suona a 120 quindi devo contare come 4 battiti) e suonando in base a quello ma dopo un pò anche se la mia velocità di esecuzione e quasi 240 non vò preciso al battito... magari su 10 battiti invece di fare 20 colpi ne fo 19 18 o 21 22... è una cosa da abituarsi oppure il fatto di calcolare la velocità di esecuzione in base ai bpm va presa un pò ALLA LEGGERA DICIAMO... che uno prende piu o meno la velocità dei bpm e poi pensa solo a tenerla costante e a suonare e basta anche se in realtà fa qualche battito in piu o in meno
perchè ora come ora se devo fare tipo gli esercizi 1234 a 240 io non ce la fo a pensare 1 deve andare al primo battito e 4 al secondo... oppure stessa cosa per gli accordi...
scusate se mi son dilungato ma no nvolevo aprire un'altro post per questa cavolata :D


Avatar utente
matte92or
Esperto
Esperto
Messaggi: 572
Iscritto il: 11 dic 2009, 21:30

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da matte92or » 16 mag 2010, 18:06

ciao, la differenza tra un accordo maggiore e uno minore sta nella seconda nota ovvero quella con l'intervallo di terza... se la terza è maggiore l'accordo è maggiore se la terza è minore l'accordo è minore:

LA-DO#-MI è il LA maggiore
LA-DO-MI è il LA minore

credo di capire che intendi con cambia la penultima...in realtà la diteggiatura del LA in prima posizione non ha le note in ordine e ti ritrovi di conseguenza la terza sulla seconda corda (la corda del SI a vuoto)
Immagine
Immagine
Immagine

StarChild
Principiante
Principiante
Messaggi: 10
Iscritto il: 08 mar 2010, 21:33

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da StarChild » 16 mag 2010, 20:15

matte92or ha scritto:ciao, la differenza tra un accordo maggiore e uno minore sta nella seconda nota ovvero quella con l'intervallo di terza... se la terza è maggiore l'accordo è maggiore se la terza è minore l'accordo è minore:

LA-DO#-MI è il LA maggiore
LA-DO-MI è il LA minore

credo di capire che intendi con cambia la penultima...in realtà la diteggiatura del LA in prima posizione non ha le note in ordine e ti ritrovi di conseguenza la terza sulla seconda corda (la corda del SI a vuoto)
asp... non ho capito quale è la nota che cambia gli accordi, però penso di aver capito PERCHè cambia tra i due
in pratica si parla delle note sulla tastiera giusto? per essere maggiore l'accordo deve avere quella nota li sul tasto che fa il tono, invece per il minore sui tasti dei mezzitoni giusto?
per il fatto della seconda o terza corda non l' ho proprio capito... ancora tutti i termini non li so, me lo puoi spiegare in un altro modo?

Avatar utente
odos
Maestro
Maestro
Messaggi: 2733
Iscritto il: 21 gen 2008, 20:33

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da odos » 16 mag 2010, 20:28

StarChild ha scritto: Dice che tra minore e minore cambia solo una delle tre note, la seconda
ma molti accordi (conosco solo qualche giro armonico e una decina di accordi per ora) non funzionano in questo modo tra maggiore e minore
per esempio
LA minore e LA maggiore
cambia la penultima nota, una va sul secondo tasto e uno sul primo
ma non era la seconda nota (suonata poi? nel senso quelle che si premano non a vuoto?) che deve cambiare per trasformare in maggiore o minore??
se non riesco a capire questo non posso suonare i power chords visto che non ho capito come impostare l'accordo
hai appena scoperto i rivolti :ciao:

le note del LA maggiore sono LA DO# MI (prima, terza maggiore, quinta), giusto?

ma l'accordo che prendi in prima posizione è LA MI LA DO# MI. Invece quando prendi il LA minore suoni LA MI LA DO MI. Quindi non è la "penultima" sulla chitarra a cambiare, ma la terza (la penultima come la chiami) nel suo rapporto con la fondamentale (in questo caso LA).

Puoi prendere un LA minore in un'infinità di modi sulla chitarra (o quasi), l'importante è che gli intervalli rispetto alla fondamentale rimangano i medesimi. Per intenderci se avessi tre mani potresi prendere il LA sulla sesta corda, il DO# sulla prima e il MI sulla terza e sempre La minore sarebbe.


I power chord invece non hanno la terza, quindi non sono nè maggiori nè minori.
Ultima modifica di odos il 16 mag 2010, 20:33, modificato 1 volta in totale.
Le mie Jam su Neesk:

Podcast


"...in ognuno di noi dorme un genio. E sta sveglio un idiota"

Avatar utente
matte92or
Esperto
Esperto
Messaggi: 572
Iscritto il: 11 dic 2009, 21:30

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da matte92or » 16 mag 2010, 20:33

detto ancora più semplicemente: l'accordo rimane sempre lo stesso se le tre note che lo compongono sono sempre le stesse anche se sono in ordine diverso ( e si chiamerà rivolto) e anche se alcune si ripetono..
Immagine
Immagine
Immagine


StarChild
Principiante
Principiante
Messaggi: 10
Iscritto il: 08 mar 2010, 21:33

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da StarChild » 17 mag 2010, 00:22

continuo a non capire... xD
allora, il fatto dei rivolti li ho capiti... in pratica sono stessi accordi ma spostati sulla tastiera giusto?
per il fatto della terza e cose cosi mi parlate troppo tecnicamente, non so cosa è la fondamentale o altro
famo cosi... mi sa che è ancora presto per ste cose... giusto?
i power chords come funzionano? mi potete fare qualche esempio lampante di qualche accordo semplice?
tipo il giro di sol

Avatar utente
Danny Rock n'metal
Esperto
Esperto
Messaggi: 866
Iscritto il: 17 giu 2008, 10:42

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da Danny Rock n'metal » 17 mag 2010, 00:27

I rivolti sono accordi i quali non hanno la tonica al basso.....esempio veloce, triade maggiore di do è composta da do mi e sol, il primo rivolto sarà mi sol e do, in questo caso al basso è stato spostato il mi e al canto è andato il do....il secondo rivolto sarà sol do e mi, con sol al basso e mi al canto....spero sia chiaro questo mio intervento........riguardo ai power chord, essi non sono veri e propri accordi se vogliamo essere pignoli, in quanto vengono suonate solo due note(se si aggiunge l'ottava il discorso non cambia, dato che l'ottava è la tonica più alta) comunque sono molto semplici i power chord da eseguire, essi sono largamente usati nelle canzoni rock..........per costruire un power chord si prende una nota di partenza e poi si aggiunge la sua quinta, per fare un power chord in sol ti basta mettere il dito 1 sul 3 tasto sesta corda e il dito 3 sul quinto tasto quinta corda
Ragazzi ricordiamoci che noi sappiamo fare una cosa che non tutti sanno fare cioè suonare la chitarra

Avatar utente
matte92or
Esperto
Esperto
Messaggi: 572
Iscritto il: 11 dic 2009, 21:30

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da matte92or » 17 mag 2010, 14:33

i rivolti non sono gli accordi posizionati in altri punti della tastiera ma sono gli accordi cambiando ordine delle tre note che lo formano. esempio:

DO-MI-SOL
MI-SOL-DO
SOL-DO-MI

come vedi le note che caratterizzano l'accordo sono sempre le stesse, in due degli esempi l'ordine cambia ma l'accordo è sempre lo stesso: questi ultimi due sono rivolti
Immagine
Immagine
Immagine

StarChild
Principiante
Principiante
Messaggi: 10
Iscritto il: 08 mar 2010, 21:33

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da StarChild » 17 mag 2010, 20:22

continuo a non capirci niente xD
famo cosi, avete qualche link dove spiegano queste cose?

Avatar utente
odos
Maestro
Maestro
Messaggi: 2733
Iscritto il: 21 gen 2008, 20:33

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da odos » 17 mag 2010, 20:55

StarChild ha scritto:continuo a non capirci niente xD
famo cosi, avete qualche link dove spiegano queste cose?
scusa eh, ma cosa pensi di trovare in un link? Ci sono tre persone che stanno cercando di spiegarti una cosa dove, onestamente, non c'è niente da capire. Meno della teoria degli intervalli non c'è niente. Se non sai questa non si può parlare di nulla.
Le mie Jam su Neesk:

Podcast


"...in ognuno di noi dorme un genio. E sta sveglio un idiota"

Avatar utente
matte92or
Esperto
Esperto
Messaggi: 572
Iscritto il: 11 dic 2009, 21:30

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da matte92or » 17 mag 2010, 21:02

poi l'ho detto nel modo più semplice possibile anche con uno schema che semplifica :senzasperanze:
Immagine
Immagine
Immagine

Avatar utente
matte92or
Esperto
Esperto
Messaggi: 572
Iscritto il: 11 dic 2009, 21:30

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da matte92or » 17 mag 2010, 21:11

ci riprovo:

si dice accordo un insieme di più suoni emessi contemporaneamente ( su questo non ci piove), l'accordo basilare si chiama TRIADE, esso è formato da tre note:
nota fondamentale, la sua terza, la sua quinta.
una triade è maggiore se la terza è maggiore rispetto alla tonica (distanza di due toni interi) mentre è minore se la terza è minore (distanza di un tono e mezzo).
esempio:
DO-MI-SOL triade maggiore
DO-MIb-SOL triade minore

una triade è sempre la stessa anche se le tre note sono in ordine diverso (l'importante è che siano le tre note che caratterizzano l'accordo)
esempio:

DO-MI-SOL
SOL-DO-MI

come vedi sia nel primo (do mi sol) che nel secondo (sol do mi) le note utilizzate sono sempre le stesse ma cambia il loro ordine, ma sono entrambi DO maggiore xkè l'importante è le note che lo compongono.
i rivolti sarebbero le altre combinazioni componibili con le stesse tre note..
Immagine
Immagine
Immagine

StarChild
Principiante
Principiante
Messaggi: 10
Iscritto il: 08 mar 2010, 21:33

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da StarChild » 17 mag 2010, 23:00

matte92or ha scritto:ci riprovo:

si dice accordo un insieme di più suoni emessi contemporaneamente ( su questo non ci piove), l'accordo basilare si chiama TRIADE, esso è formato da tre note:
nota fondamentale, la sua terza, la sua quinta.
una triade è maggiore se la terza è maggiore rispetto alla tonica (distanza di due toni interi) mentre è minore se la terza è minore (distanza di un tono e mezzo).
esempio:
DO-MI-SOL triade maggiore
DO-MIb-SOL triade minore

una triade è sempre la stessa anche se le tre note sono in ordine diverso (l'importante è che siano le tre note che caratterizzano l'accordo)
esempio:

DO-MI-SOL
SOL-DO-MI

come vedi sia nel primo (do mi sol) che nel secondo (sol do mi) le note utilizzate sono sempre le stesse ma cambia il loro ordine, ma sono entrambi DO maggiore xkè l'importante è le note che lo compongono.
i rivolti sarebbero le altre combinazioni componibili con le stesse tre note..
hmmm per i rivolti ok, sono accordi con le note in ordine diverso
le triadi sono accordi formati da solo tre note
la differenza tra un accordo maggiore o minore viene determinato da (se ho capito bene)
esempio tuo
DO-MI-SOL triade maggiore
DO-MIb-SOL triade minore
stai parlando della triade di mi? cioè l'accordo di mi?
la nota di base (per come la intendo io... non ricordo il nome che dite voi) è mi e asseconda se suoni un mi di semitono o un mi di tono pieno (non so i termini scusate!!) diventa o maggiore o minore... giusto?

comunque la teoria degli intervalli non la so... per ora quello che so è questo
accordare la chitarra (si fa quel che si può :lol: )
una decina di accordi e qualche giro
3 scale, e in piu ho fatto i superesercizi tipo 1234 tutta roba così
sò leggere la tablatura, e so il fatto dei mezzitoni sulla tastiera (cioè do, do diesis, re, re diesis ecc ecc)
poi vabbè tutti i componenti della chitarra, i nomi e i numeri della mano che preme e di quella che suona, e le note invece non le sò ancora, non riesco ancora a visualizzarle sulla tastiera

il problema mio ora come ora penso sia proprio la mancanza di teoria, e sul manuale infatti non è che spieghi tanto di queste cose.. .infatti parla di un monte di cose che non ho mai sentito dire...
che devo fare? consigli?

Avatar utente
matte92or
Esperto
Esperto
Messaggi: 572
Iscritto il: 11 dic 2009, 21:30

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da matte92or » 18 mag 2010, 13:47

allora fai così: prima ti studi bene gli intervalli..poi capirai tutte le spiegazioni da noi date..
Immagine
Immagine
Immagine

StarChild
Principiante
Principiante
Messaggi: 10
Iscritto il: 08 mar 2010, 21:33

Re: Problema con power chords e teoria degli accordi

Messaggio da StarChild » 18 mag 2010, 20:16

matte92or ha scritto:allora fai così: prima ti studi bene gli intervalli..poi capirai tutte le spiegazioni da noi date..
cerco qualche lezione e vi fo sapere, grazie :Very Happy:


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti