Pattern: di tutto di più!

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Avatar utente
Mirko
Maestro
Maestro
Messaggi: 1242
Iscritto il: 08 nov 2006, 22:35

Messaggio da Mirko » 16 mag 2007, 11:41

Zanna ha scritto:scusate...mi fate un esempio di pattern? sono i fraseggi?
Zanna i pattern sono posizioni, movimenti fissi da fare per suonare un certo modo di una certa scala a seconda del punto in cui tale pattern viene eseguito.....
Guarda la figura postata da silente
Immagine
Sabry Immagine


Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 16 mag 2007, 11:51

Mirko ha scritto:



No non ci riesco.... :Very Happy:
O meglio ci riesco ma in modo graduale.
Non sono certo un chitarrista navigato comunque....sono un autodidatta alle prime armi con un pizzico di passione per la teoria...

Il massimo che posso fare è individuare la nota re sulla sesta corda e visualizzare il modo ionico sulla tastiera in quel punto, partendo da li riesco a pescare tutte le note della tonalità di re in tutto il manico, lo faccio però senza mai saltare a pattern troppo lontani ma passando da uno a quello vicino e così via...

Questa tecnica si chiama pattern overlapping, consiste appunto nel passare da un pattern all'altro tramite le note comuni ai due...
E' una delle tecniche secondo me più interessanti e più utili.
Ha cambiato sensibilmente il mio modo di suonare, ti permette infatti di improvvisare, quindi di comporre in tempo reale, rimanendo all'interno di una certa tonalità con facilità.
posso consigliarti l'esercizio che mi ha cambiato la vita?

prendere un accordo fisso come base (meglio 1 nota singola) suonare verticalmente tutti i pattern modali rimanendo in un intervallo di 6 tasti.

Questo aiuta molto poi a trovare i vari gradi, in seguito sapendo i gradi e conoscendo le alterazioni delle scale modali, potrai semplicemente spostare le singole alterazioni permettendoti passaggi fluidi magari nei cambi accordi....

esiste un altro trucchetto.. un superbox verticale...
se consideriamo di avere 7 corde e un pattern adeguato che finisce sul mi cantino e rinizia sul si basso, tenendo conto delle ultime 2 corde spostate di 1 tasto, potremo suonare su tutta la tastiera con quest'unico pattern semplicemente spostandolo verticalmente e orizzontalmente.

Avatar utente
Enriquez
Maestro
Maestro
Messaggi: 2290
Iscritto il: 28 giu 2006, 03:05
Località: L'Aquila

Messaggio da Enriquez » 16 mag 2007, 13:51

Kikko10 ha scritto:Ciao Enriquez e grazie.
Il meccanismo l'ho capito il mio problema era mnemonico.
Se parto dal LA non ho più i riferimenti che avevo prima e faccio moooolta più fatica a capire dove sono.
E poi, domanda forse banale: se parto dal LA il FA eolio (VI grado) parto dal secondo tasto o dal 14°?
Penso che la migliore cura sia l'esercizio:provare e riprovare in varie tonalità, fin quando non ti viene spontaneo. Come già detto prova a pensare alla diteggiatura anzichè alla posizione del manico dove ti trovi. :ciauz:

Avatar utente
Mirko
Maestro
Maestro
Messaggi: 1242
Iscritto il: 08 nov 2006, 22:35

Messaggio da Mirko » 17 mag 2007, 21:35

darkfender ha scritto: posso consigliarti l'esercizio che mi ha cambiato la vita?

prendere un accordo fisso come base (meglio 1 nota singola) suonare verticalmente tutti i pattern modali rimanendo in un intervallo di 6 tasti.

Questo aiuta molto poi a trovare i vari gradi, in seguito sapendo i gradi e conoscendo le alterazioni delle scale modali, potrai semplicemente spostare le singole alterazioni permettendoti passaggi fluidi magari nei cambi accordi....

esiste un altro trucchetto.. un superbox verticale...
se consideriamo di avere 7 corde e un pattern adeguato che finisce sul mi cantino e rinizia sul si basso, tenendo conto delle ultime 2 corde spostate di 1 tasto, potremo suonare su tutta la tastiera con quest'unico pattern semplicemente spostandolo verticalmente e orizzontalmente.
Certo che puoi :ciao:

Non ho capito molto però....
(io li eseguo sempre uno alla volta rimanendo entro i sei tasti per esercitarmi)
Immagine
Sabry Immagine

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 18 mag 2007, 08:53

un esercizio ad es che facevo quando andavo a scuola:

suonare i pattern delle scale seguendo il circolo delle quinte come tonalità, variando pattern a ogni cambio tonalità in modo da rimanere nell'arco di 7 tasti in tutto.

-------------------------

altra idea utile...
prendiamo il famoso pattern 3 note per corda (quello che inizia dalla tonica di una scala maggiore).
Supponiamo di aggiungergli una corda in basso)
otterremmo come diteggiatura sempre 1-3-5 tale e quale a quello sul E basso.

se guardiamo tutti gli altri pattern, noteremo che alla fine si formano traslando verticalmente questo superpattern :D
è difficile da spiegare :( però mi ha salvato in più occasioni, perchè è un trucco si può applicare a qualunque scala anche alterata.


Avatar utente
jared
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 182
Iscritto il: 13 mag 2007, 23:29

Messaggio da jared » 18 mag 2007, 19:25

Io per cambiare tonalità ho studiato tantissimo le impostazioni della scala di do maggiore, e individuato tutte le toniche che andavo ad incontrare (per avere piu punti di riferimento possibile)...
Una volta memorizzate le posizioni e le relative toniche è un gioco da ragazzi cambiare tonalità...
L'unica soluzione è memorizzarne una perfettamente, poi non dovresti avere problemi a cambiare tonalita... ( esercizio, esercizio, esercizio) :ciauz:
Non servono 10.000 note suonate alla velocita del vento per essere un bravo chitarrista, bastano soltanto alcune note ben sistemate e tanto sentimento....


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti