Mi accontento di essere meglio..

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Avatar utente
sugopaciugo
Maestro
Maestro
Messaggi: 3553
Iscritto il: 23 ago 2009, 16:42
Località: Monte Guglielmo

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da sugopaciugo » 26 gen 2010, 15:52

odos ha scritto:
sugopaciugo ha scritto:... beh, comunque può essere un traguardo anche quello di non avere traguardi, ehehehehe.... boh :dubbioso:
e come fai a sapere che l'hai raggiunto?
Effettivamente così come l'ho messa giù sembra un pò come la "carota per l'asino"... Non saprei come spiegare... lo farò con una domanda, però è un pelo OT:
Realizzare i propri sogni non significa ucciderli secondo voi?
Se devi tirare un bullone, non penso che andrai ad usare un cacciavite. Idem con una vite, mica serve una chiave inglese, no?


Avatar utente
Frusciante
Maestro
Maestro
Messaggi: 9053
Iscritto il: 19 nov 2007, 16:28

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da Frusciante » 26 gen 2010, 16:06

lespaul ha scritto:
Frusciante ha scritto:Io ho traguardi metafisici.
L'unica cosa che faccio, giorno dopo giorno, è studiare e continuare ad esercitarmi quanto più mi è possibile(spesso togliendo tempo a cose più importanti, ma la musica per me è DAVVERO tutto).
Per quanto riguarda i soli, io provo in continuazione combinazioni su combinazioni....anche le stesse 4 note ripetute 100 volte...molto dipende anche da quello che ascolto. Se c'è qualcosa che mi piace, cerco di catturarlo.
Questo video è interessante, e me lo salvo. :wink:


P.s.: lespaul, quando ci facciamo una jammata funky? :Very Happy:
eh eh.. dammi il tempo di impararlo
e piglio la macchina per venire da te!!
:yourock: :rocken:
:lollol:

Ma organizziamo un bella Neesk Jam Funky e "soverchiamo" i metallomani! :lollol: :lollol: :lollol:
un amico ha scritto:V. prima di uscire, deve chiedere il permesso alla chitarra.
un altro amico ha scritto:wa ma stai ancora suonando? sì e fierr! Pigliatell' na pausa.
http://24.media.tumblr.com/tumblr_lkl20 ... o1_400.gif :fumato:

Avatar utente
Cosimino
Maestro
Maestro
Messaggi: 6470
Iscritto il: 16 dic 2006, 12:35
Località: modena

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da Cosimino » 26 gen 2010, 16:12

sugopaciugo ha scritto:
odos ha scritto:
sugopaciugo ha scritto:... beh, comunque può essere un traguardo anche quello di non avere traguardi, ehehehehe.... boh :dubbioso:
e come fai a sapere che l'hai raggiunto?
Effettivamente così come l'ho messa giù sembra un pò come la "carota per l'asino"... Non saprei come spiegare... lo farò con una domanda, però è un pelo OT:
Realizzare i propri sogni non significa ucciderli secondo voi?
se dopo si è bravi a trovarne altri no! :Very Happy:

lespaul
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5648
Iscritto il: 06 gen 2008, 20:37
Località: Purgatorio

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da lespaul » 26 gen 2010, 21:54

sugopaciugo ha scritto:Realizzare i propri sogni non significa ucciderli secondo voi?
e allora sarebbe l'unico caso in cui
uccidere sarebbe un crimine senza peccatore..

Avatar utente
sugopaciugo
Maestro
Maestro
Messaggi: 3553
Iscritto il: 23 ago 2009, 16:42
Località: Monte Guglielmo

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da sugopaciugo » 26 gen 2010, 23:02

lespaul ha scritto: Ce l'avete anche voi una meta no?
Però, ditemi, quali sono i vostri migliori consigli
per percorrere al meglio questo percorso?
Ritornando in Topic, e cercando di rispondere alla prima domanda, posso fare una considerazione: qualche post fa ho scritto "ostinarsi, ostinarsi, ostinarsi" e credo sia comprensibile per tutti il fatto di impegnarsi, darsi delle mete da raggiungere gradualmente, ecc ecc ecc.
A volte però ho come un rimpianto, come una malinconia... nel senso che più si progredisce nelle cose, nello specifico nel suonare uno strumento, e si hanno si delle soddisfazioni ed aperture di altri modi di espressione, ma diventa sempre più lontana ed irripetibile quella "meraviglia" di quando si eseguiva un singolo accordo, una singola nota, una piccola e semplice melodia senza la coscienza di cosa fosse e dire "oooohhhhh". Quei suoni prodotti... la magia di accordi inventati per poi scoprire con la teoria che erano semplici dominanti7, o di nona, o diminuiti.

Ecco, ora cerco di dividermi tra il progresso teorico e tecnico e tra la riscoperta di quelle sensazioni, ovviamente a livello psico-introspettivo ( :dubbioso: ). Questa è una delle mie mete. Credo sia una sorta di sindrome di Peter Pan applicata alla musica :Very Happy: Lo so... è stupido ed immaturo, ma per me è così.

Mi aiuta molto, in questo senso, suonicchiare strumenti dei quali non ho una cognizione precisa della collocazione delle note. Fortunatamente a casa ho un violino scaccione accordato a caso, un flauto traverso, un piccolo bandoneon, coi quali a volte mi escono delle melodie interessanti IMHO, e rivivo quelle emozioni di una volta. Certo, trasferendole sulla chitarra poi vedo che sono delle banalità, però sono sicuro che vengono dal cuore e dalle orecchie. Il cervello purtroppo più vado avanti più va "da solo" e decide in base alla teoria ciò che è bello o ciò che funziona. Con gli stessi intenti mi aiuta molto anche accordare la chitarra un pò a caso (in modo che abbia un senso, ma cercando di non pensare troppo a che nota sto raggiungendo con le meccaniche).

Per questo ho tirato fuori quella dei "sogni uccisi"...
Se devi tirare un bullone, non penso che andrai ad usare un cacciavite. Idem con una vite, mica serve una chiave inglese, no?


Avatar utente
matte92or
Esperto
Esperto
Messaggi: 572
Iscritto il: 11 dic 2009, 21:30

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da matte92or » 26 gen 2010, 23:03

mi son soffermato tante volte a farmi viaggi mentali...un volta che realizzi un desiderio , un sogno, ti senti tanto appagato quanto vuoto, xkè la parte più emozionante è l'attendere.. :chiacchiera:
Immagine
Immagine
Immagine

Avatar utente
Frusciante
Maestro
Maestro
Messaggi: 9053
Iscritto il: 19 nov 2007, 16:28

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da Frusciante » 30 gen 2010, 00:06

lespaul ha scritto:Durante il monotono studio della ritmica Funk
di tanto in tanto questi potrebbero essere i miei fuoripista:

perchè dei fuoripista?
alla fine basta prenderne il ritmo, e metterlo ad altre frasi provenienti dalla tua mente.
Il secondo me lo sono imparato in pochi minuti. Molto simpatico. :Very Happy:
un amico ha scritto:V. prima di uscire, deve chiedere il permesso alla chitarra.
un altro amico ha scritto:wa ma stai ancora suonando? sì e fierr! Pigliatell' na pausa.
http://24.media.tumblr.com/tumblr_lkl20 ... o1_400.gif :fumato:

Avatar utente
odos
Maestro
Maestro
Messaggi: 2733
Iscritto il: 21 gen 2008, 20:33

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da odos » 30 gen 2010, 00:44

sugopaciugo ha scritto:
lespaul ha scritto: Ce l'avete anche voi una meta no?
Però, ditemi, quali sono i vostri migliori consigli
per percorrere al meglio questo percorso?
Ritornando in Topic, e cercando di rispondere alla prima domanda, posso fare una considerazione: qualche post fa ho scritto "ostinarsi, ostinarsi, ostinarsi" e credo sia comprensibile per tutti il fatto di impegnarsi, darsi delle mete da raggiungere gradualmente, ecc ecc ecc.
A volte però ho come un rimpianto, come una malinconia... nel senso che più si progredisce nelle cose, nello specifico nel suonare uno strumento, e si hanno si delle soddisfazioni ed aperture di altri modi di espressione, ma diventa sempre più lontana ed irripetibile quella "meraviglia" di quando si eseguiva un singolo accordo, una singola nota, una piccola e semplice melodia senza la coscienza di cosa fosse e dire "oooohhhhh". Quei suoni prodotti... la magia di accordi inventati per poi scoprire con la teoria che erano semplici dominanti7, o di nona, o diminuiti.

Ecco, ora cerco di dividermi tra il progresso teorico e tecnico e tra la riscoperta di quelle sensazioni, ovviamente a livello psico-introspettivo ( :dubbioso: ). Questa è una delle mie mete. Credo sia una sorta di sindrome di Peter Pan applicata alla musica :Very Happy: Lo so... è stupido ed immaturo, ma per me è così.

.
guarda che credo sia esattamente in questo modo che i grandi diventano grandi. Spesso guardando Pat Metheny (uno a caso :Very Happy: ) sembra si stupisca e goda ogni volta di quello che esce dalle sue stesse dita, anche quando prende 2 note.

E' irrilevante sapere che ciò che suoni è già fissato nella teoria. Se fosse importante, chi conosce la teoria sarebbe automaticamente il migliore; invece i migliori per fortuna sono ancora quelli che hanno il senso del bello e si stupiscono sempre di nuovo quando prendono in mano il proprio strumento.
Le mie Jam su Neesk:

Podcast


"...in ognuno di noi dorme un genio. E sta sveglio un idiota"

Avatar utente
Sabry_rockettara_92
Maestro
Maestro
Messaggi: 1270
Iscritto il: 29 dic 2007, 16:45
Località: prov di venezia (comune di stra)
Contatta:

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da Sabry_rockettara_92 » 02 feb 2010, 17:33

Io nel mio percorso molte volte ascoltando delle canzoni dicevo: "madonna se so suonare a sto livello sono apposto :Very Happy: " poi col tempo ho visto che comunque per migliorare e arrivare ad un livello soddisfacente per me stessa basta impegnarsi ogni giorno anche solo un ora (anche perchè non posso più come una volta dedicarmi molte ore per colpa del tendine ma si fa quel che si può). Le soddisfazioni sono molte sopratutto quando vedo che il mio impegno e la fatica vengono ricompensate con una buona esecuzione ma non mi do un limite, anzi dove arrivo arrivo dipende tutto da me :rocken:

Avatar utente
IbanezRg1570
Principiante
Principiante
Messaggi: 37
Iscritto il: 06 feb 2010, 10:46

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da IbanezRg1570 » 08 feb 2010, 10:43

ho letto solo la prima pagina del post, molto interessante, la frase che dice di nn avere traguardi, divertirsi e suonare migliorando e verissima, se ti dai dei traguardi diventi un frustrato...cmq aggiungo che un giorno vorrei arrivare + o meno alla velocità di paul gilbert...beh spero che qualche volta ci riuscirò :) più che traguardo la chiamo speranza :rocken:
Ibanez Rg1570 serie Prestige
Standard E tuning :)

Avatar utente
IbanezRg1570
Principiante
Principiante
Messaggi: 37
Iscritto il: 06 feb 2010, 10:46

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da IbanezRg1570 » 08 feb 2010, 10:53

cmq ora che ho visto questi 3 video ho notato che usano accordi che gia conosco XD
il MI 9, e nel secondo video usa il "settima #9" (alla hendrix dice il mio maestro di chitarra) :tilt:
Ibanez Rg1570 serie Prestige
Standard E tuning :)

Avatar utente
IbanezRg1570
Principiante
Principiante
Messaggi: 37
Iscritto il: 06 feb 2010, 10:46

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da IbanezRg1570 » 08 feb 2010, 11:19

Frusciante ha scritto:
lespaul ha scritto:
Frusciante ha scritto:Io ho traguardi metafisici.
L'unica cosa che faccio, giorno dopo giorno, è studiare e continuare ad esercitarmi quanto più mi è possibile(spesso togliendo tempo a cose più importanti, ma la musica per me è DAVVERO tutto).
Per quanto riguarda i soli, io provo in continuazione combinazioni su combinazioni....anche le stesse 4 note ripetute 100 volte...molto dipende anche da quello che ascolto. Se c'è qualcosa che mi piace, cerco di catturarlo.
Questo video è interessante, e me lo salvo. :wink:


P.s.: lespaul, quando ci facciamo una jammata funky? :Very Happy:
eh eh.. dammi il tempo di impararlo
e piglio la macchina per venire da te!!
:yourock: :rocken:
:lollol:

Ma organizziamo un bella Neesk Jam Funky e "soverchiamo" i metallomani! :lollol: :lollol: :lollol:
Io sono metallaro, ma non il metallaro buzzurro con le zeppe e la giacca in pelle...mi vesto casual/elegante, e ascolto il metal perchè è una forma superiore di musica rispetto al pop , forse anchè per la complessità dei riff, segli assoli, e poi per l'energia che c'è nelle canzoni, cmq io ascolto roba come l'epic metal, il power metal e il death metal (di quest'ultimo solo arch enemy e amon amart xkè altre band mi sembrano fanatiche pseudo-sataniste xD) , voglio però dire che queste jam session funky sono particolarmente carine...danno energia, specialmente mi piacciono le ritmiche suona/muto sona/muto con gli accordi che il mio maestro mi fa fare :rulez:
Ibanez Rg1570 serie Prestige
Standard E tuning :)

Avatar utente
aндреa89
Esperto
Esperto
Messaggi: 251
Iscritto il: 20 nov 2009, 12:18
Località: Reggio Nell'Emilia

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da aндреa89 » 08 feb 2010, 11:54

sugopaciugo ha scritto:Ritornando in Topic, e cercando di rispondere alla prima domanda, posso fare una considerazione: qualche post fa ho scritto "ostinarsi, ostinarsi, ostinarsi" e credo sia comprensibile per tutti il fatto di impegnarsi, darsi delle mete da raggiungere gradualmente, ecc ecc ecc.
A volte però ho come un rimpianto, come una malinconia... nel senso che più si progredisce nelle cose, nello specifico nel suonare uno strumento, e si hanno si delle soddisfazioni ed aperture di altri modi di espressione, ma diventa sempre più lontana ed irripetibile quella "meraviglia" di quando si eseguiva un singolo accordo, una singola nota, una piccola e semplice melodia senza la coscienza di cosa fosse e dire "oooohhhhh". Quei suoni prodotti... la magia di accordi inventati per poi scoprire con la teoria che erano semplici dominanti7, o di nona, o diminuiti.

Ecco, ora cerco di dividermi tra il progresso teorico e tecnico e tra la riscoperta di quelle sensazioni, ovviamente a livello psico-introspettivo ( :dubbioso: ). Questa è una delle mie mete. Credo sia una sorta di sindrome di Peter Pan applicata alla musica :Very Happy: Lo so... è stupido ed immaturo, ma per me è così.

Mi aiuta molto, in questo senso, suonicchiare strumenti dei quali non ho una cognizione precisa della collocazione delle note. Fortunatamente a casa ho un violino scaccione accordato a caso, un flauto traverso, un piccolo bandoneon, coi quali a volte mi escono delle melodie interessanti IMHO, e rivivo quelle emozioni di una volta. Certo, trasferendole sulla chitarra poi vedo che sono delle banalità, però sono sicuro che vengono dal cuore e dalle orecchie. Il cervello purtroppo più vado avanti più va "da solo" e decide in base alla teoria ciò che è bello o ciò che funziona. Con gli stessi intenti mi aiuta molto anche accordare la chitarra un pò a caso (in modo che abbia un senso, ma cercando di non pensare troppo a che nota sto raggiungendo con le meccaniche).

Per questo ho tirato fuori quella dei "sogni uccisi"...
Quoto alla grande! :applauso:
BaCH Stratocaster on Roland MicroCube 2W
La differenza tra Democrazia e Dittatura è che in Democrazia prima si vota e poi si prendono ordini; in una Dittatura non c'è bisogno di sprecare il tempo andando a votare. [Bukowski]

lespaul
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5648
Iscritto il: 06 gen 2008, 20:37
Località: Purgatorio

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da lespaul » 08 feb 2010, 14:29

Il discorso del non avere obiettivi
per sentirsi liberi e non cadere nelle frustazioni
non fa una piega..
Occorre però fare una distinzione particolare basata sul carattere dei chitarristi..
per uno come me, non avere una meta significa suonare come viene, oggi voglio fare Red house, domani A forest, dopodomani qualcosa di Ry Cooder, poi per 2 giorni non suono niente per degli impegni, poi quando riprendo la chitarra mi viene in mente che devo fare qualche esercizio per velocizzare la mano sinistra, cosa che magari non facevo da tempo, poi il giorno dopo mi viene che voglio fare Little Wing, poi mi stufo al primo ostacolo, eccetera eccetera..
Poi alla prima Jam tra amici non so che fare..
Danni un La.. vai..
Ma dove lo metto..
Non lo so, tu fammi un giro di La..
Senti..
Il giro lo faccio io, tu seguimi..
:dubbioso:
eppure, sono bravo, quando rifaccio i pezzi,
prova, riprova e riprova alla fine ci riesco.. Per forza..
E che gli dico a questi, facciamo Red house?
E se non vogliono?
Non mi sento pronto..
Lo stile libero non mi ha dato buoni risultati..

Mi sento frustrato..

Almeno se avessi seguito un percorso,
se fossi diventato schiavo di quel percorso
che alcuni ritengono frustrante,
forse avrei raggiunto un livello..
Da quel livello ne avrei raggiunto un altro..

Avere un obiettivo, dipende..
Se il mio obiettivo forse di rifare i vari soli di Shine on you crazy Diamond, allora potrebbe diventare frustrante non riuscirci,
per via di qualche intoppo derivante dalla mancanza di esercizi, di tecnica..
Se invece il mio obiettivo fosse "l'esercizio", che mi conduce al risultato, per poi avere accesso in quei posti dove prima trovavo dei limiti,
bene,
questo non è frustrante..
Potrebbe essere monotono, avvolte.. Ma non frustrante..
Per vincere la monotonia, ecco che io tiro fuori il discorso dei fuori pista..

Quindi, la mia meta è di essere meglio..
Il mio metodo è l'esercizio..
Il mio percorso?
È rivolto sul funk, mi trovo benone..
Per ora seguo la ritmica, quando sarà il momento di studiare la parte solista, credo che mischierò un pò di jazz e un pò di bluegrass..

lespaul
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5648
Iscritto il: 06 gen 2008, 20:37
Località: Purgatorio

Re: Mi accontento di essere meglio..

Messaggio da lespaul » 11 feb 2010, 18:00

Che spettacolo la colonna sonora del gioco Interstate '76!!
Fa proprio il caso mio!!


Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti