Lick particolari

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Rispondi
Avatar utente
birk
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 193
Iscritto il: 01 nov 2010, 12:37

Lick particolari

Messaggio da birk » 01 ago 2011, 16:22

Allora ragasssi...
Volevo fare qualche domanda particolare... prima di tutto: so un mucchio di scale e riesco ad eseguirle con una buona velocita', quello che mi chiedo e' come fare per trovare dei lick nuovi o fraseggi che suonino diversamente dal solito. Per fare un esempio, se faccio una improvvisazione mi viene quasi spontaneo mettere in fila le note come se stessi eseguendo un esercizio e non musica... ultimamente sono migliorato in questo, ma suono comunque in un modo scontato, prevedibile, non abbastanza "particolare". Per questo mi chiedevo se c'e' qualche modo, consiglio per rendere i fraseggi piu' originali, invece che ripetere le stesse scale all'infinito (spero di essermi spiegato).
Seconda domanda: generalmente, quali sono le scale piu' usate nel jazz e nella musica fusion?
Ultima domanda: qualcuno mi puo' dare una definizione di "scale modali"? Perche' non ne si trova alcuna diteggiatura? Io purtroppo sono un autodidatta e certe cose non le capisco, quindi per favore spiegatemelo con parole semplici che tutta la terminologia della parte teorica mi e' quasi sconosciuta (devo trovarmi un manuale e leggermelo per bene, anzi, devo trovarmi un istruttore bravo). Ho trovato qualche spiegazione, ma tutto espresso in modo un po' troppo complicato per il mio cervello ritardato ed ignorante :Confuso:
Devo trovare una frase figa da mettere nella firma... hhmmm


Avatar utente
Custom Legend
Esperto
Esperto
Messaggi: 618
Iscritto il: 21 set 2009, 17:10

Re: Lick particolari

Messaggio da Custom Legend » 01 ago 2011, 23:33

Secondo me dovresti cambiare punto di vista, cioe' non pensare a COME creare nuovi lick, ma immaginare sentire i nuovi le nuove idee che vuoi creare anche senza la chitarra in mano, la chitarra deve solo fare da strumento per poterli esprimere, all'inizio magari non riuscirai a trasportare esattamente quello che hai pensato sulla chitarra, ed il lavoro sta proprio li riuscire a fare questa trasformazione quanto piu' naturalmente possibile, ma e' tutto altro che facile e' ci vuole tempo, a volte non troverai le note giuste altre volte dovrai limare la tecnica per permetterti di fare cio' che avevi pensato e sentito nella tua testa.
Per gli altri punti nel jazz ed in particolare nella fusion si usano quanto piu scale possibili, sicuramente di base ci sono la scala melodica, armonica, a toni interi, ecc
Non trovi i box delle scale modali perche' sono gli stessi della scala maggiore, o comunque alla quelli della scala di riferimento.
Immagine
"Music expresses that which cannot be put into words and cannot remain silent"

La funzione cerca e' tua amica!!! The search function is your friend!!! La fonction de recherche est votre ami!!! La función de búsqueda es tu amigo!!! Die Suchfunktion ist dein Freund!!!
وظيفة البحث هو صديق функцията за търсене е вашият приятел 搜索功能是你的朋友

Avatar utente
birk
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 193
Iscritto il: 01 nov 2010, 12:37

Re: Lick particolari

Messaggio da birk » 02 ago 2011, 14:07

Ok grazie per i consigli, ma se allora conosco tutte le diteggiature delle scale armoniche, maggiori ecc. e' importante sapere anche se una particolare diteggiatura e' lidia, frigia o robe simili? Riesco ad orientarmi bene con le scale adatte quando seguo una base (almeno quello), anche senza sapere tutti i nomi, quindi mi sarebbe essenziale impararli tutti.
E poi se la scala esatonale (a toni interi) non ha toniche, come faccio ad usarla?
A questo punto direi che ho bisogno di lezioni per questo genere, si trova qualcosa su internet?
Devo trovare una frase figa da mettere nella firma... hhmmm

rat
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 157
Iscritto il: 30 nov 2008, 12:44

Re: Lick particolari

Messaggio da rat » 14 ago 2011, 23:06

Per le scale modali, se conosci le ditteggiature della scala maggiore ti basta sapere che relazione c'è fra le note per avere tutto il manico coperto.
Conosci la scala di Do? Sai già suonare in Re dorico, Mi firgio, Fa lidio etc ... (oltre che Lam).
Ci sono diversi approcci che si usano per suonare i modi, se devi fare cose veloci, andare su giu', destra e sinistra per il manico .. per me visualizzare solo la scala maggiore è più comodo.
La prima cosa da fare, secondo me, è sapere come suona quella scala, io avevo iniziato con la frigia perchè ascolto molto Malmsteen e lui è uno che ne abusa. Joe Satriani per la lidia, "freejam" di Jeff Beck per la misolidia e così via.., c'erano diversi soli nel quale sentivo note (o meglio intervalli) particolari e mi chiedevo come riprodurli.
Io farei questo per primo, poi guardare le ditteggiature, alla fine i box sono gli stessi della scala maggiore (tranne per la frigia dominante, ma non è proprio un modo..), cambia l'ordine nelle note (e di conseguenza gli intervalli), poi ti inizi a vedere le note che compongono le scale e cosa le differenzia fra una maggiore o una mnore.. ad esempio la differenza fra una scala maggiore e una lidia sta nella IV# o in una minore e dorica nella VI ..

Spero che ti sia d'aiuto, è tardi e non ho la mente lucidissima ... affronta lo studio di un modo alla volta e vedrai che è molto più facile di quanto può sembrare all'inizio (io non ci capivo niente..)
Di video io ho guardato "modes no mistery" di Gambale ma a essere sincero non m'ha aiutato molto ai tempi ... alla fine solo suonando mi sono reso conto di certe cose.
Un altro video che ho visionato ieri è quello di Vinnie Moore, spiegato bene, se trovo il link lo posto.

Buon lavoro!


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti