libro per imparare le basi

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Rispondi
Avatar utente
Andy the ripper
Esperto
Esperto
Messaggi: 408
Iscritto il: 29 mag 2007, 15:04

libro per imparare le basi

Messaggio da Andy the ripper » 28 giu 2007, 19:15

ciao, voglio imparare da autodidatta a suonare la chitarra elettrica e vorrei dei consigli su dei libri che spieghino le basi con esercizi, spiegazioni ecc.


Avatar utente
wawo
Maestro
Maestro
Messaggi: 1212
Iscritto il: 07 apr 2006, 23:12
Località: Matera

Messaggio da wawo » 29 giu 2007, 09:21

http://www.birdlandjazz.it

è un rivenditore di tutti i libri che cerchi, basta impostare il motore di ricerca del sito stesso e ti esce una marea di roba :ciauz:

Avatar utente
Andy the ripper
Esperto
Esperto
Messaggi: 408
Iscritto il: 29 mag 2007, 15:04

Messaggio da Andy the ripper » 29 giu 2007, 16:35

si ma tu che mi consigli?

Avatar utente
wawo
Maestro
Maestro
Messaggi: 1212
Iscritto il: 07 apr 2006, 23:12
Località: Matera

Messaggio da wawo » 29 giu 2007, 17:06

Andy the ripper ha scritto:si ma tu che mi consigli?
mi sa che in questa sezione qualcuno l'abbia già postato, comunque lo dico lo stesso: dai uno sguardo a "Scuola di Chitarra Elettrica" del Lizard, scuola di chitarra che scrive libri anche per altre chitarre con differenti stili.

Mi pare che si chiami così, io ho comprato due testi ma non per chitarra elettrica.

Comunque sì, affidati ai testi del Lizard, son fatti per preparare agli esami veri e propri.........dimenticavo un consiglio: quasi tutti i testi hanno in allegato un CD per meglio comprendere la notazione ritmica e quantaltro possa farti andare fuori strada, per cui son molto utili. I testi scritti dalla Lizard li hanno, nel caso in cui dovessi cambiare scelta non dimenticarti di verificare la presenza del CD, son molto utili.

:ciauz: :ciauz:

Avatar utente
peppe f
Principiante
Principiante
Messaggi: 44
Iscritto il: 15 giu 2007, 21:06
Località: paternò (ct)
Contatta:

Messaggio da peppe f » 29 giu 2007, 19:56

ma pure senza libro trova 2 siti dove spiegano il giro di do ecc. poi cominci con delle song con poki accordi poi passi a accordi + difficili e al barrè e poi cominci con gli assoli...io almeno ho fatto cosi ha un messetto ke suono...ho imparato con un libriccino(c'è solo prontuario accordi,i vari giri e stop) ke mi hanno regalato con la guitar...per domande sono qua :rocken:


Avatar utente
Genki
Esperto
Esperto
Messaggi: 300
Iscritto il: 18 ott 2006, 20:55
Località: Verucchio

Messaggio da Genki » 29 giu 2007, 20:25

Accordi poi barrè poi assoli magari!! :Very Happy:
Io non so manco come si fa un assolo, ma una domanda, la ditteggiatura come si fa a sapere? E' una cosa personale?

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Messaggio da ma200360 » 29 giu 2007, 22:54

Genki ha scritto: la ditteggiatura come si fa a sapere? E' una cosa personale?
Io l' ho sempre considerata una cosa assolutamente personale. Ma forse è per questo che i miei risultati con la chitarra sono così miserabili ! :Very Happy:

Scherzi a parte, mi pare che anche nella chitarra classica la diteggiatura debba essere osservata, ma niente ti impedisce di cambiarla, almeno una volta che sei già a un buon livello di tecnica. Immagino che nel rock e dintorni la cosa sia ancor più "anarchica", anche se mi par di capire che non siano pochi i casi in cui, se cambi diteggiatura, alcune cose siano impossibili da eseguire.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
ma200360
Maestro
Maestro
Messaggi: 28447
Iscritto il: 19 dic 2006, 20:53

Messaggio da ma200360 » 29 giu 2007, 22:58

Mi è venuta in mente un' altra cosa: se fate caso, nei video dei chitarristi rock più "vecchi" (penso a Clapton, ma anche a Iommi, Page e quant' altri), si nota che nessuno di loro fa grande uso del mignolo della sinistra, dito che i "giovani" tendono viceversa a utilizzare, direi con giusta ragione. Immagino che questo fenomeno faccia parte di una certa evoluzione della tecnica chitarristica anche nel campo del rock, quindi evidentemente una buona dose di libertà, quanto a diteggiature, mi pare ci sia.
"Five strings, three chords, two fingers, one asshole !"

Keith Richards

"We needed to free the bass player from the big doghouse, the acoustic bass."

Leo Fender

Immagine

La funzione "Cerca" è tua amica !!

http://www.steelydan.com/gas.html

Avatar utente
Genki
Esperto
Esperto
Messaggi: 300
Iscritto il: 18 ott 2006, 20:55
Località: Verucchio

Messaggio da Genki » 03 lug 2007, 14:16

Si, il mignolo è molto snobbato, forse per la sua debolezza (o non si aveva voglia di allenarlo), quando posso cerco di utilizzarlo ma a volte, sopratutto nelle parti alte della tastiera suonando da in piedi risulta scomodo.

Avatar utente
silente
Maestro
Maestro
Messaggi: 5493
Iscritto il: 23 apr 2007, 09:53

Messaggio da silente » 03 lug 2007, 15:57

E' molto snobbato da tutti i pentatonici, perchè tutta l'espressione di quella scala e affidata al bending e al vibrato (eseguiti insieme) su quasi tutte le note. Quindi il mignolo è piuttosto svantaggiato in queste cose e viene usato solo nei passaggi veloci di note "pulite". :ciauz:


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti