le scale

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Rispondi
slowhand86
Principiante
Principiante
Messaggi: 14
Iscritto il: 18 ago 2008, 17:52

le scale

Messaggio da slowhand86 » 08 feb 2010, 12:51

so che è una domanda forse stupida,ma non so darmi una risposta.......a cosa servono le scale?a prendere dimestichezza con la tastiera o anche per improvvisare si seguono le scale?per esempio vi linko un video che ho trovato su youtube...in un pezzo del genere sta seguendo delle scale?se si che scale sono?

http://www.youtube.com/watch?v=Lf5Er1sFAsQ


Avatar utente
Cosimino
Maestro
Maestro
Messaggi: 6470
Iscritto il: 16 dic 2006, 12:35
Località: modena

Re: le scale

Messaggio da Cosimino » 08 feb 2010, 13:06

chi va ad orecchio ti direbbe che le scale sono quelle che servono ad andare al piano di sopra! :Very Happy:

dai uno sguardo qui

http://it.wikipedia.org/wiki/Tonalit%C3%A0_(musica)

che probabilmente non si aprirà, allora vai su gooogle, scrivi Tonalità, il secondo link che ti esce ci clicchi su, ti leggi tutto quello che c'è scritto, poi se non hai capito qualcosa chiedi! :esatto:

Avatar utente
TRA$H
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 05 dic 2007, 20:54

Re: le scale

Messaggio da TRA$H » 24 feb 2010, 13:49

per improvviasare le scale sono fondamentali ...
My instruments:
elettrica:cort KX custom
ampli:CRATE FW 65

Avatar utente
silente
Maestro
Maestro
Messaggi: 5493
Iscritto il: 23 apr 2007, 09:53

Re: le scale

Messaggio da silente » 24 feb 2010, 14:20

Non tutti sono d'accordo su questo, ci sono molti maestri (anche classici) che ritengono che le scale siano utili...per imparare le scale. Cioè che l'unica cosa utile sia studiare un repertorio e misurarsi sui brani. Però non credo che anche costoro abbiano prescisso nel loro studio da loro, magari non le "almeno due ore al giorno" come consigliava Segovia (ma vi immaginate che palle, posto di avere tutto quel tempo?).
Per quanto riguarda il video, è fatto di riff ritmici di accordi inframmezzati da lick melodici blues. I lick sono "frasi" basate si sulle scale ma arricchite da tutte le altre tecniche (bending, slide, legature, vibrati, arpeggi, appoggiature, acciaccature, trilli, ecc...), che vanno a formare un vocabolario di "luoghi comuni" da poter utilizzare in vari contesti. In genere ciascun lick ha un inventore, spesso un grandissimo della chitarra, che aggiunge una sua gemma a quel patrimonio che poi si tramanda di chitarrista in chitarrista. :ciao:
ImmagineIl Cantagallo Podcast

Avatar utente
Cosimino
Maestro
Maestro
Messaggi: 6470
Iscritto il: 16 dic 2006, 12:35
Località: modena

Re: le scale

Messaggio da Cosimino » 24 feb 2010, 14:47

silente ha scritto:spesso un grandissimo della chitarra, che aggiunge una sua gemma a quel patrimonio che poi si tramanda di chitarrista in chitarrista.
quando diventerò un grande chitarrista, la mia gemma sarà "la stonatura" :Very Happy:


Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Re: le scale

Messaggio da darkfender » 24 feb 2010, 17:23

le scale possono essere viste come un mezzo non un fine.

Cioè sia chi le ignora che chi le studia ha un fine ultimo: riuscire a suonare la musica che si ha in testa.

Ora questo obiettivo si può raggiungere come detto studiando brani clichè e altro.

Oppure studiando il mondo delle scale (solo scale è riduttivo).
COn questultimo metodo si impara dapprima delle note che sicuramente non sono sbagliate ma non si ha bene idea del suono che uscirà.
In un secondo tempo si impara a visualizzare il suono facendo una traduzione rapida tra note e suono, fino a chè si arriverà (pochi ci arrivano e dopo taaaanti anni) a una corrispondenza tra note e suoni così veloce da non avere più bisogno di scale, intervalli et similia.

Insomma bisogna studiare la teoria per poter arrivare a non usarla.

Sono 2 metodi di esercitare l'orecchio e la testa...

Tra i due sono iuttosto convinto che lo studio della teoria porti alla lunga a un'espressività più completa e versatile...

Daltra parte nel medio periodo la teoria "ingabbia" la creatività in forme geometriche di scale, e intervalli motivo per cui molti pensano che la teoria limiti l'espressività...in realtà si tratta solo di un livello di studio non ancora definitivo...il passo successivo sarà proprio quello di superare le geometrie che spingono a chiudersi in riff banali e abusati.


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti