Improvvisazione,scale ecc

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: Improvvisazione,scale ecc

Messaggio da mamasa » 31 dic 2011, 16:23

Sinceramente non sono molto d'accordo. Voi state parlando di un impiego della scale modali piuttosto avanzato, riferito ad un ambito jazz/fusion in cui ci sono continui cambi di armonia, accordi esterni, eccetera. Però le scale modali si usano moltissimo anche nella musica, passatemi il termine, "semplice" almeno in 3 casi (estremamente diffusi):

1) su un riff (o pedale) di tonica, tipo tanto per dire "on the road again", "child in time", "roadhouse blues".

2) come arricchimento armonico. Se, ad esempio, hai G | Am | G | C puoi stare sulla diatonica di DO, ma puoi tranquillamente impiegare il DO lidio usando il Fa# invece del Fa: G diventa Gmaj7 e al Am aggiungi la sesta maggiore (le note non cozzano, ma l'effetto melodico è completamente diverso). Quando torna C, logicamente, devi tornare sul DO maggiore per evitare di avere una quarta eccedente, che puoi comunque sfruttare come cromatismo blues.

3) giro armonico costruito su un modo - Se hai un giro tipo C | Am | Dm | Gm sei evidentemente in DO misolidio. è vero che le note sono le stesse del FA maggiore e del RE eolio o minore naturale, ma la cadenza perfetta (II°, V°, I°) ti da il DO come centro tonale, quindi ha più senso impostare l'improvvisazione sulle diteggiature e sulle note forti del DO misolidio piuttosto che del FA maggiore o del RE minore (non è che risultino stonate, però probabilmente verrà fuori una melodia piuttosto slegata dall'armonia e che difficilmente andrà a risolvere gli accordi).
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine


Avatar utente
rhapsody
Esperto
Esperto
Messaggi: 691
Iscritto il: 15 mag 2011, 21:37

Re: Improvvisazione,scale ecc

Messaggio da rhapsody » 31 dic 2011, 19:08

Mamasa, hai perfettamente ragione. Quello che io volevo dire è che, mentre nel jazz la conoscenza delle scale modali è indispensabile, gli altri generi musicali possono essere affrontati con approcci mentali diversi. Ci può essere per es. un approccio "colto" come il tuo, basato su una conoscenza approfondita (che non fa mai male) della teoria musicale, oppure ci può essere per es. un approccio più istintivo che prende com unici punti di riferimento nell'improvvisazione la tonalità e le note degli accordi e si affida molto all'istintività che si acquisisce con il continuo esercizio pratico. Pensa che quando ero ragazzino (anni 80) non solo non esisteva Internet ma i libri che si potevano trovare in commercio che trattavano di musica moderna erano molto pochi, le librerie musicali erano dominate dalla musica classica. I pochi libri che si trovavano in commercio dicevano che (tranne nel jazz) la conoscenza delle sole scale tonali era già un lusso per chi suonava generi musicali nei quali molti musicisti non conoscevano neanche la musica o avevano l'avevano imparata dopo tanti anni che già suonavano lo strumento. E comunque si raccomandavano molto sul fatto che le scale devono essere un semplice punto di riferimento, ma la capacità improvvisativa si acquisisce soprattutto con l'esercizio pratico. Del resto anche nel jazz Django Reinhardt (anche se ai suoi tempi il jazz era molto più semplice di ora) era totalmente analfabeta, non solo musicalmente.

Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: Improvvisazione,scale ecc

Messaggio da mamasa » 02 gen 2012, 12:32

Ok, avevo male interpretato. Mi sembrava un "le modali si usano solo nel jazz".
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

Avatar utente
pianochitarrista94
Esperto
Esperto
Messaggi: 631
Iscritto il: 20 lug 2011, 17:54
Località: Pescara

Re: Improvvisazione,scale ecc

Messaggio da pianochitarrista94 » 02 gen 2012, 17:10

beh, non mi sembrava di essere in disaccordo con te... praticamente io ho detto in altre parole ciò che tu hai detto nel 2° punto per dare un esempio dell'uso delle modali nella musica "semplice" Però fondamentalmente il jazz è modale, il rock è tonale, anche considerate eccezioni varie ed eventuali
Gear:

- Squier Stratocaster '94 made in korea customizzata
- Boss CS-3
- Dunlop Cry Baby
- Marshall JH-1
- Mad Hatter The Rat And A Long Tale
- Boss SD-1 moddato (sd-808)
- Tc Electronic Flashback Delay And Looper
- ModTone Mini Mod Flanger
- Peavey Valveking 112

Avatar utente
pianochitarrista94
Esperto
Esperto
Messaggi: 631
Iscritto il: 20 lug 2011, 17:54
Località: Pescara

Re: Improvvisazione,scale ecc

Messaggio da pianochitarrista94 » 02 gen 2012, 17:12

mamasa ha scritto:3) giro armonico costruito su un modo - Se hai un giro tipo C | Am | Dm | Gm sei evidentemente in DO misolidio. è vero che le note sono le stesse del FA maggiore e del RE eolio o minore naturale, ma la cadenza perfetta (II°, V°, I°) ti da il DO come centro tonale, quindi ha più senso impostare l'improvvisazione sulle diteggiature e sulle note forti del DO misolidio piuttosto che del FA maggiore o del RE minore (non è che risultino stonate, però probabilmente verrà fuori una melodia piuttosto slegata dall'armonia e che difficilmente andrà a risolvere gli accordi).

Aspetta aspetta spiegami questo punto che non ho capito niente :dubbioso:
Gear:

- Squier Stratocaster '94 made in korea customizzata
- Boss CS-3
- Dunlop Cry Baby
- Marshall JH-1
- Mad Hatter The Rat And A Long Tale
- Boss SD-1 moddato (sd-808)
- Tc Electronic Flashback Delay And Looper
- ModTone Mini Mod Flanger
- Peavey Valveking 112


Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: Improvvisazione,scale ecc

Messaggio da mamasa » 02 gen 2012, 19:26

pianochitarrista94 ha scritto:fondamentalmente il jazz è modale, il rock è tonale, anche considerate eccezioni varie ed eventuali
Ecco il punto: spesso si fa una lettura "tonale" della musica "modale" (cioè si vede la tonalità che contiene le note e la si prende per buona), ma la musica puramente tonale è molto più rara di quanto si pensi, a parte nella classica e nella musica popolare europea.
In teoria è tonale SE e SOLO SE l'accordo costruito sul V° grado è una settima di dominante. In tutti gli altri casi è modale.
Il problema è che l'argomento "modale" viene spesso considerato "avanzato" e liquidato con un "trova la tonalità corrispondente e suonala a partire dalla nota principale del giro". Questo approccio non è di per sé sbagliato, ma, almeno dal mio punto di vista, è sicuramente limitato per il semplice fatto che suonare la musica modale in chiave tonale è, in realtà, molto più difficile (paradossalmente è più facile ragionare in DO dorico che in SIb maggiore a partire dal II° grado).
pianochitarrista94 ha scritto:
mamasa ha scritto:3) giro armonico costruito su un modo - Se hai un giro tipo C | Am | Dm | Gm sei evidentemente in DO misolidio. è vero che le note sono le stesse del FA maggiore e del RE eolio o minore naturale, ma la cadenza perfetta (II°, V°, I°) ti da il DO come centro tonale, quindi ha più senso impostare l'improvvisazione sulle diteggiature e sulle note forti del DO misolidio piuttosto che del FA maggiore o del RE minore (non è che risultino stonate, però probabilmente verrà fuori una melodia piuttosto slegata dall'armonia e che difficilmente andrà a risolvere gli accordi).
Aspetta aspetta spiegami questo punto che non ho capito niente :dubbioso:
Il discorso è che, molto spesso, per capire in che tonalità o modalità ti trovi non bastano le note, ma devi anche guardare le cadenze degli accordi.
In pratica le cadenze sono delle particolari successioni di accordi che fanno percepire come centro tonale una nota piuttosto che un altra. Le principali sono Perfetta (V° - I°), Composta (II° - V° - I°), Evitata (V° - VI°) e Plagale (IV° - I°).
Supponiamo, ad esempio, che le nostre note siano do re mi fa sol la si (tralascia l'ordine in cui le ho scritte): potremmo essere in DO maggiore, ma anche in LA minore naturale (o in RE dorico, MI frigio, FA lidio, ecc..) perché sono tutte scale formate da queste note. Per stabilirlo con certezza dobbiamo vedere gli accordi. Se c'è un giro tipo | Dm | G | C | siamo in DO maggiore perché c'è il passaggio II° grado -> V°grado -> I°grado (cadenza composta). Se invece è | Em | Am | (cadenza perfetta V° - I°) siamo il LA minore.
Nel primo caso la nota percepita come risolutiva è il DO ed è li che la melodia dovrebbe appoggiarsi (DO per risolvere/distendere, SI per dare tensione, SOL per "gonfiare", eccetera).
Nel secondo caso invece la nota risolutiva è il LA, quindi il DO verrà percepito come una terza minore, il SI come una nona, il SOL come una settima minore.
Il risultato è che la stessa melodia, suonata su accordi formati dalle stesse note, avrà due effetti molto diversi. Nel primo caso andrà a sottolineare l'armonia, nel secondo rischierà di risultare slegata o "inconcludente".
Stesso discorso vale per una melodia in LA minore suonata su un'armonia in DO maggiore.
Questo non vuol dire che nella stessa scala ci siano note giuste e note sbagliate, ma semplicemente che sia importante sottolinearne alcune piuttosto che altre (poi dipende tutto dall'effetto che si vuole ottenere).

Super-riassunto: in base alla successione di accordi, l'orecchio percepisce una nota come "più importante".

Errata corrige:
mamasa ha scritto:ma la cadenza perfetta (II°, V°, I°) ti da il DO come centro tonale
non è una cadenza perfetta, è una cadenza composta.
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

Avatar utente
pianochitarrista94
Esperto
Esperto
Messaggi: 631
Iscritto il: 20 lug 2011, 17:54
Località: Pescara

Re: Improvvisazione,scale ecc

Messaggio da pianochitarrista94 » 03 gen 2012, 19:16

perfetto, il solfeggio non basta, evidentemente devo decidermi a fare un po' di armonia
Gear:

- Squier Stratocaster '94 made in korea customizzata
- Boss CS-3
- Dunlop Cry Baby
- Marshall JH-1
- Mad Hatter The Rat And A Long Tale
- Boss SD-1 moddato (sd-808)
- Tc Electronic Flashback Delay And Looper
- ModTone Mini Mod Flanger
- Peavey Valveking 112

1374
Principiante
Principiante
Messaggi: 12
Iscritto il: 06 gen 2012, 13:00

Re: Improvvisazione,scale ecc

Messaggio da 1374 » 07 gen 2012, 00:21



Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti