Dubbi su improvvisazione blues

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Rispondi
peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da peppefetish » 04 feb 2013, 09:39

Ciao ragazzi!

Come da oggetto, ho ancora qualche dubbio sulle scale da usare nell'improvvisazione blues :Very Happy:

So che la risposta potrebbe essere quella di utilizzare la pentatonica, per risolvere più facilmente la questione. Qualcuno mi ha suggerito di "appoggiarmi" prima alle toniche ad ogni cambio di accordo, poi alle quinte, poi alle settime e così via.
Es: sono in un classico giro A7-D7-E7, suono la tonica di ogni accordo ad ogni cambio (ovviamente, con una melodia), quindi La su A7, Re su D7 e Mi su E7; poi, vado per quinte, e dunque Mi su A7, La su D7 e Si si E7. Qui però noto una cosa: il Si non fa parte della pentatonica minore di La, ma della minore naturale si, e da quanto mi risulta nel blues non devo usare le scale naturali. O sbaglio? Perché se fosse così, mi si aprirebbe un mondo nuovo :Very Happy:

Ovvio che qualcuno mi direbbe di suonare fregandomene di quello che trovo strada facendo e, anzi, di uscire fuori dalla pentatonica. Ma io voglio capire perché succede e quando utilizzare altre scale all'infuori della pentatonica. Il passo successivo sarà unire la penta minore con quella maggiore (in questo caso, La maj e La min).

Insomma, la domanda è questa: posso piazzare su un giro di blues classico una scala minore naturale, facente parte della tonalità principale?

Grazie per la vostra comprensione :ciao:


Avatar utente
rhapsody
Esperto
Esperto
Messaggi: 691
Iscritto il: 15 mag 2011, 21:37

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da rhapsody » 04 feb 2013, 19:52

Secondo me le opzioni possibili sono tante, se usiamo come esempio un giro A7, D7, E7, si potrebbe:
- usare un'unica scala pentatonica per tutto il giro, in questo caso quella di A, maggiore, minore o un misto delle due;
- cambiare scala pentatonica per ogni accordo, sempre o solo qualche volta, maggiore o minore.
Quindi secondo me le possibilità sono tante.

Quando, cambiando accordo, suoni la 1^, 3^, 5^ o 7^ dell'accordo, potresti seguire la pentatonica dell'accordo che stai suonando piuttosto che la pentatonica della tonalità. Così si potrebbe spiegare il fatto di suonare note che non fanno parte della pentatonica della tonalità. Non so se mi sono spiegato bene. :ciao:

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da peppefetish » 05 feb 2013, 09:46

Ti sei spiegato alla grande :) E circa le scale minori naturali invece (intendo sempre quella di La? E' vero che stonano in un giro come quello che ti ho indicato?

Potresti inoltre indicarmi qualche brano blues in tonalità LA (e con qualche assolo e lick) con cui potermi esercitare?

Grazie!!!!

Avatar utente
Keller
Esperto
Esperto
Messaggi: 524
Iscritto il: 10 apr 2008, 00:54
Località: Forlì
Contatta:

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da Keller » 05 feb 2013, 10:08

peppefetish ha scritto:
Potresti inoltre indicarmi qualche brano blues in tonalità LA (e con qualche assolo e lick) con cui potermi esercitare?

Grazie!!!!
Vi volevo segnalare....visto che non ne ho mai sentito parlare sul forum...che se su youtube
scrivete "genere desiderato-backingtrack-e la tonalità" c'é un sacco su cui improvvisare...spero di essere stato utile e non aver violato politiche e quant'altro
Altro for president

Ho una missione da compiere...rimanere coerente..è uno sporco lavoro ma qualcuno deve pur farlo!

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da peppefetish » 05 feb 2013, 15:42

Vi volevo segnalare....visto che non ne ho mai sentito parlare sul forum...che se su youtube
scrivete "genere desiderato-backingtrack-e la tonalità" c'é un sacco su cui improvvisare...spero di essere stato utile e non aver violato politiche e quant'altro
Non ho trovato nulla del genere su youtube...non so dove tu l'abbia pescato..


Avatar utente
Keller
Esperto
Esperto
Messaggi: 524
Iscritto il: 10 apr 2008, 00:54
Località: Forlì
Contatta:

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da Keller » 05 feb 2013, 16:08

Ma nella barra di ricerca se scrivi blues backing track a minor ti da basi su cui improvvisare...o forse non ho capito cosa chiedevi
Altro for president

Ho una missione da compiere...rimanere coerente..è uno sporco lavoro ma qualcuno deve pur farlo!

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da peppefetish » 05 feb 2013, 18:05

Ah ok :Very Happy: non avevo capito....grazie :Very Happy:

Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da mamasa » 05 feb 2013, 18:09

peppefetish ha scritto:E circa le scale minori naturali invece (intendo sempre quella di La? E' vero che stonano in un giro come quello che ti ho indicato?
Non è che sia stonato a prescindere, però devi stare attento.
In generale (non solo nel blues), la minore naturale usata su un accordo maggiore è "rischiosa" perché ha delle note poco compatibili con quelle che formano l'accordo. Ok, la terza minore fa molto blues, ma la sesta minore contrasta con la quinta e la quarta giusta contrasta con la terza maggiore. Questo non significa che tu non possa usarle mai, però devi tener conto che generano una forte dissonanza quindi, più ti ci soffermi, più suonano stonate.
Ragionando per scale, se nel blues vuoi sganciarti dalla pentatonica minore è molto più facile gestire il dorico (che risolve il problema della sesta) o il misolidio (che è una scala maggiore con la settima minore).
Ragionando per note invece basta (si fa per dire) muoversi su note che sai che suonano bene sull'accordo, senza impantanarti a elucubrare su quale scala tu stia usando in quel momento. Quando arriva il E7 puoi suonare tutti i Si che vuoi, chissenefrega di qual è la scala a cui è riconducibile.
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da peppefetish » 06 feb 2013, 18:49

Ragionando per note invece basta (si fa per dire) muoversi su note che sai che suonano bene sull'accordo, senza impantanarti a elucubrare su quale scala tu stia usando in quel momento. Quando arriva il E7 puoi suonare tutti i Si che vuoi, chissenefrega di qual è la scala a cui è riconducibile.
ahah già...è come la penso anch'io...quindi diciamo che le note che creano "dissonanza" possono comunque essere usate purché non ci si soffermi troppo? Se mi togli questo dubbio sei davvero un grande! :Very Happy:

Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da mamasa » 06 feb 2013, 19:36

Si, certo che le puoi usare. Però occhio che alcune dissonanze stonano proprio forte.
Secondo me, la cosa migliore che puoi fare è metterti lì e fare un po' di prove concrete. Se le note "buone" ti entrano in testa suonando poi ti rimangono facilmente nelle mani. Non dico di suonarne una mitragliata a caso, altrimenti non ci capisci niente, ma, partendo da una scala sicura come ad esempio la pentatonica minore, pian piano aggiungi, togli e cambi qualche nota. In questo modo senti come suonano, se vanno bene come note di passaggio o d'appoggio, quali altre note stanno meglio prima o dopo, eccetera. È un lavoro lungo e faticoso, ma fa solo che bene.
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da peppefetish » 07 feb 2013, 16:54

Ok mi hai illuminato :Very Happy:

Senti ma secondo te è un buon metodo quello di suonare le quinte dei relativi accordi su ogni cambio (ad es. su un giro standard La7-Re7-Mi7), poi le settime, ecc.? Giusto per avere un metodo e non suonare a cavolo...

Avatar utente
mamasa
Maestro
Maestro
Messaggi: 3082
Iscritto il: 21 lug 2010, 16:08
Località: Melbourne, VIC, Australia

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da mamasa » 08 feb 2013, 13:20

Non so, secondo me rischi di rimanere un po' troppo inchiodato e diventare monotono. Sicuramente è utile, però io lo considererei più come un esercizio per abituarsi a seguire gli accordi e trovare al volo le note principali.
Improvvisando è fondamentale avere dei confini entro cui muoversi, in modo da non perdersi troppo. Logicamente, più uno è bravo, più questi confini possono essere ampliati. L'importante è sapere dove sei e dove puoi andare. Un buon metodo è quello di cercare di aprire e chiudere il fraseggio sulla tonica o sulla terza e, nel mezzo, muoversi soprattutto sulle note principali dell'accordo. Così facendo ti ritrovi con dei punti di riferimento sicuri su cui basare l'improvvisazione e da cui, pian piano, sganciarti aggiungendo note di passaggio, arricchimenti, eccetera. Un passo alla volta aggiungi nuovi elementi articolando sempre di più l'improvvisazione, senza però perdere di vista cosa stai facendo.
Altra roba utilissima è tirarti giù i passaggi di assoli che ti piacciono, vedere su che tipo di accordo sono suonati e integrarli nelle tue improvvisazioni quando ti capita lo stesso tipo di accordo, magari rivisitati secondo il tuo gusto e le tue capacità.
Tutti sanno dire "ti amo", ma pochi sanno dire "vuoi quei kiwi?".

Siccome Piove
Podcast Immagine

peppefetish
Principiante
Principiante
Messaggi: 45
Iscritto il: 18 giu 2012, 17:26

Re: Dubbi su improvvisazione blues

Messaggio da peppefetish » 08 feb 2013, 18:21

Ok, farò così allora..grazie dei consigli! :Very Happy:


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti