Come cominciare

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Rispondi
Kikko10
Principiante
Principiante
Messaggi: 19
Iscritto il: 10 mag 2007, 23:54
Località: Belluno

Come cominciare

Messaggio da Kikko10 » 11 mag 2007, 00:30

Ciao a tutti
Mi presento sono nuovo! Ho 23 anni e ho la passione per la chitarra purtroppo maturata tardi.
Suono da quando ho 17 anni, ho fatto un annetto di corso da un maestro e adesso, a 2 anni dalle ultime lezioni, ho trovato 4 ragazzi che hanno voglia di mettere su un gruppo.
La mia domanda è molto semplice (o molto difficile?):
come cominciare?
Sintetizzo. Le note le conosco, la teoria (almeno quella base) la so e la tastiera ammetto di non conoscerla benissimo.
Per suonare in un gruppo (ovviamente da qui ad un annetto almeno) cosa è consigliato studiare? Come si parte?
Prima le scale, poi la struttura degli accordi? Oppure prima i pattern e poi i fraseggi? Oppure tralascio tutto questo e mi studio la tastiera nota per nota creandomi da solo le scale (iniziando da quelle maggiori)? Cosa consigliate?
E poi, una domanda che rivolgo ai chitarristi esperti : quando improvvisate sapete ogni volta dove partite e dove finite e vi rendete conto delle note che state suonando? Oppure andate "a orecchio" (e se così fosse beati Voi!)?
Grazie a tutti e scusate il primo topic "oneroso"
Ciao


Avatar utente
Enriquez
Maestro
Maestro
Messaggi: 2290
Iscritto il: 28 giu 2006, 03:05
Località: L'Aquila

Messaggio da Enriquez » 11 mag 2007, 03:00

Ciao e benvenuto su Neesk. :welcome:

ivan91
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 227
Iscritto il: 16 apr 2007, 15:53
Località: marina di montemarciano (AN)

Messaggio da ivan91 » 11 mag 2007, 07:00

:ciauz: kikko allora ....io come ho consigliato a roger ti consiglio con gli accordi poi qualche essercizio del tipo 1234 1324 121314 poi impari le scale e tutto il resto
"Chi è senza pentatonica,scagli la prima pietra!!!!"

Kikko10
Principiante
Principiante
Messaggi: 19
Iscritto il: 10 mag 2007, 23:54
Località: Belluno

Messaggio da Kikko10 » 11 mag 2007, 08:38

Ciao e grazie
La mobilità ce l'ho, sono 6 anni che mi muovo sulla tastiera. Per gli accordi non ci sono problemi. Datemi una canzone con accordi e la faccio.
Qualche assolo lo faccio. Me lo imparo, magari ci metto un po', ma lo faccio.
Il mio problema è che non so cosa sto suonando. Chiedevo cosa fare da quel punto in poi. Fino a là si cresce, poi ci si blocca senza un aiuto...

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 11 mag 2007, 08:43

1) cominciare a imparare gli accordi, poi a studiare pezzi noti con tabs alla mano, poi cominciare a tirarli giù ad orecchio, poi studiare scale e patterns vari sia tecnicamente che teoricamente, e armonizzazioni delle scale, infine armonia...fatto questo percorso ci si può già ritenere abbastanza completi.

2) un gruppo inizia con qualche cover di pezzi noti per vedere come si suona insieme di solito.... se il livello è già buono si può anche saltare, ma altrimenti è meglio partire da lì.

3) se intendi comporre pezzi propri: si parte o da un'accompagnamento o da qualche melodia, non c'è un metodo... c'è anche chi prende un foglio di carta e scrive il pezzo direttamente, personalmente mi trovo bene a pensare a una melodia e poi suonarka/arrangiarla per alla fine arrivare all'accompagnamento, che peraltro si può schematizzare.

4) all'inizio nell'improvvisazione si tende a seguire le scale facendosi guidare da dove cascan le mani :(, col tempo si impara a pensare alle melodie e trasportarle sullo strumento direttamente.


Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 11 mag 2007, 09:00

Kikko10 ha scritto:Ciao e grazie
La mobilità ce l'ho, sono 6 anni che mi muovo sulla tastiera. Per gli accordi non ci sono problemi. Datemi una canzone con accordi e la faccio.
Qualche assolo lo faccio. Me lo imparo, magari ci metto un po', ma lo faccio.
Il mio problema è che non so cosa sto suonando. Chiedevo cosa fare da quel punto in poi. Fino a là si cresce, poi ci si blocca senza un aiuto...
dimenticavo....
poco sotto c'è un post che si chiama "la bibbia della tecnica solista"....credo possa fare seriamente al caso tuo :ciauz:

per il concetto si sapere cosa suoni non capisco cosa intendi....
se il problema è che sei troppo meccanico, basta che tiri giù pezzi ad orecchio dai cd oppure pensi delle melodie e le risuoni etc etc

se non sai in senso teorico......beh lì ci son diversi libri di teoria utili compreso quello che ho citato.

Kikko10
Principiante
Principiante
Messaggi: 19
Iscritto il: 10 mag 2007, 23:54
Località: Belluno

Messaggio da Kikko10 » 11 mag 2007, 09:41

Grazie
Quando dicevo "cosa sto suonando" intendevo proprio la meccanicità dei gesti.
Io magari mi suono qualche modale e inevitabilmente conosco anche le note che sto pigiando. Il problema è che non riesco a farmi tutta la tastiera in orizzontale dalla 1^ alla 6^ corda senza pensare un bel po' alla nota che andrò a trovare :dubbioso: .
Voi direte che è questione di tempo...ma conviene buttarsi a farsi le scale "fatte in casa", scriversele e poi provarle, oppure lasciarsi andare di continuo "improvvisando" magari anche molto lentamente con l'aiuto di un metronomo?
Grazie ancora

Avatar utente
David
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5941
Iscritto il: 07 apr 2006, 22:11
Località: Villafrati (Pa)

Messaggio da David » 11 mag 2007, 13:30

Ciao kikko e Benvenuto al Forum di Neesk :Very Happy:

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 11 mag 2007, 13:37

Kikko10 ha scritto:Grazie
Quando dicevo "cosa sto suonando" intendevo proprio la meccanicità dei gesti.
Io magari mi suono qualche modale e inevitabilmente conosco anche le note che sto pigiando. Il problema è che non riesco a farmi tutta la tastiera in orizzontale dalla 1^ alla 6^ corda senza pensare un bel po' alla nota che andrò a trovare :dubbioso: .
Voi direte che è questione di tempo...ma conviene buttarsi a farsi le scale "fatte in casa", scriversele e poi provarle, oppure lasciarsi andare di continuo "improvvisando" magari anche molto lentamente con l'aiuto di un metronomo?
Grazie ancora
ahhhh beh esistono dei pattern da studiare.. mparati quelli a memoria, si passa a unirli, e per finire agli intervalli ma non alle note....

quando suoni la chitarra si ragiona più per intervalli che per note a differenza del pianoforte.....perchè son più utili e visivi quelli.

Kikko10
Principiante
Principiante
Messaggi: 19
Iscritto il: 10 mag 2007, 23:54
Località: Belluno

Messaggio da Kikko10 » 11 mag 2007, 13:39

Grazie grazie :ciauz: !
Mi dispiace solo non poter collaborare attivamente per i prossimi... :dubbioso: ...2 anni!
Intanto vi riempirò di domande, non prendetevela !! :Very Happy:


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti