Chiarimenti

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Rispondi
Avatar utente
Jimi Hendrix
Esperto
Esperto
Messaggi: 400
Iscritto il: 31 lug 2007, 00:45
Località: prov. agrigento

Chiarimenti

Messaggio da Jimi Hendrix » 31 lug 2007, 21:27

salve a tutti sono nuovo del forum e devo dire che è molto serio e istruttivo, complimenti :yourock: conosco un pò fondamenti della musica perchè so suonare il clarinetto e mi diletto a suonarlo in una banda locale, 3/4 anni fa ho cominciato a suonare accordi cn la chitarra (tipo canzoni di chiesa :Very Happy: ) e soltanto adesso sto iniziando a fare sul serio con la chitarra elettrica e la solistica. Ho una Ibanez GRX-40 quella della jumpstart kit Ibanez che mi fu regalata da mio padre: non è un granchè però mi ci sono affezionato... Volevo chiedervi alcuni chiarimenti sulle varie scale maggiori minori modi, le loro differenze e come vengono usate per lo più. Illuminatevi! Vi ringrazio siete grandi!


Avatar utente
invidia
Maestro
Maestro
Messaggi: 1310
Iscritto il: 26 gen 2007, 23:17
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da invidia » 01 ago 2007, 02:30

mi pare una richiesta un po' esagerata ... si può mica scrivere un libro in risposta ad una domanda su un forum ...

forse sarebbe bene che cominciassi a studiarti un libro di armonia e chiedi chiarimenti quando hai un dubbio ... no ?

cmq in via generale le scale sono l'alfabeto della musica ... ogni scala ha un suo suono particolare che viene mantenuto anche quando si cambia la fondamentale (nota di partenza della scala)

per esempio prendi due scale maggiori e suonale (fallo fisicamente e ascolta)

c d e f g a b (scala di do)

g a b c d e f# (scala di sol)


a parte la l'altezza se noti le due scale mantengono le stesse caratteristiche ... come dire a fronte di una nota di partenza il rapporto tra le varie note all'interno della scala non cambia ad esempio

l'intervallo c e in tonalità di do maggiore è una terza maggiore
così come l'intervallo equivalente della scala di sol g b è anch'esso una terza maggiore

fino a qui ci siamo ? sai cos' è un intervallo ?
capisci se scrivo le note con la notazione americana ?

ora se prendi una scala e la suoni partendo da un'altra nota crei un altra scala che ha le stesse note ma un suono differente ... per esempio suona la scala di do maggiore pertendo dalla sesta nota il la

a b c d e f g

noti nulla ? suona uguale alla scala di do maggiore ?
la risposta è ovviamente no.
hai ottenuto così un modo della scala maggiore il sesto o eolico per la precisione conosciuto anche come modo minore o scala minore naturale

ora come esercizio ricavati le altre scale ...

i modi della scala maggiore sono 7 due te li ho detti io il primo detto modo maggiore o ionico ...

il secondo è il modo dorico
il terzo è il frigio
il quarto è il lidio
il quinto è il misolidio
il sesto è il modo eolico o minore naturale
il settimo è il locrio


ora suona molte volte queste scale e ascolta molto bene il rapporto tra le varie note ... suonaci su un po' su ognuna in modo da riconoscerle abbastanza bene ...

ora veniamo al loro utilizzo pratico ...

prendiamo la solita scala di do e ricaviamo l'accordo di DO maggiore ... come si fa ? lo sai ?
bhe, prendiamo la prima la terza e la quinta nota della scala di do

c e g

suonale contemporaneamente ed avrai l'accordo di do maggiore ...
ora fai la stessa cosa per ogni modo della scala , prima terza e quinta di tutti i modi

otterrai degli accordi

C
Dm
Em
F
G
Am
B dim

in questo modo ti sei ricavato tutti gli accordi della tonalità di DO maggiore ...

da qui è facile capire come sfruttare le scale modali ... in relazione all'accordo suonato puoi suonare la relativa scala modale ...


facciamo un esempio, prendi un giro armonico il classico

C / Am / Dm / G

per suonare su questi accordi (che sono tutti ricavati dalla tonalita di DO maggiore) puoi usare o la scala di DO maggiore oppure usare per ogni accordo la scala più appropriata ...


bon mi fermo altrimenti scrivo un libro ... e non so nemmeno se è quello che volevi sapere :Very Happy:

buona suonata :rocken:


ps.
il messagio è lungo e non ho voglia di vedere se ho fatto errori se ce ne sono avvisate che correggo :Very Happy:
se qualcuno ha voglia di espandere un argomento o di continuare è il benvenuto visto che è argomento che viene richiesto spesso
shanti Maks.

save the planet,
kill yourself!

Avatar utente
Jimi Hendrix
Esperto
Esperto
Messaggi: 400
Iscritto il: 31 lug 2007, 00:45
Località: prov. agrigento

Messaggio da Jimi Hendrix » 01 ago 2007, 02:37

grazie hai chiarito alcune idee, cmq conosco sia la notazione americana sia che cosa sia un intervallo sia come si prende l'accordo di do :Ok: volevo sapere se per esempio sto facendo una canzone col giro di do devo andare a fare l'assolo sulla scala maggiore di do o anche sulle pentatoniche?? grazie
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

ImmagineImmagine

Strumentazione:
Ibanez RG350DX-WH
Ibanez GRX-40-BK
Ampli Peavey Bandit 112 3° serie
Wah-Wah Cry Baby GCB-95

Scusatemi, mentre bacio il cielo!
Jimi Hendrix

Avatar utente
invidia
Maestro
Maestro
Messaggi: 1310
Iscritto il: 26 gen 2007, 23:17
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da invidia » 01 ago 2007, 02:46

Jimi Hendrix ha scritto:grazie hai chiarito alcune idee, cmq conosco sia la notazione americana sia che cosa sia un intervallo sia come si prende l'accordo di do :Ok: volevo sapere se per esempio sto facendo una canzone col giro di do devo andare a fare l'assolo sulla scala maggiore di do o anche sulle pentatoniche?? grazie
puoi usare un mix di varie cose, le scelte più comuni sono :

la scala maggiore
le scale dei relativi accordi (ionica, eolica, dorica, misolidia)
la pentatonica maggiore

gia con queste ottiene un bel po' di possibilità con cui lavorare ...
shanti Maks.

save the planet,
kill yourself!

Avatar utente
Jimi Hendrix
Esperto
Esperto
Messaggi: 400
Iscritto il: 31 lug 2007, 00:45
Località: prov. agrigento

Messaggio da Jimi Hendrix » 01 ago 2007, 16:04

ok grz
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

ImmagineImmagine

Strumentazione:
Ibanez RG350DX-WH
Ibanez GRX-40-BK
Ampli Peavey Bandit 112 3° serie
Wah-Wah Cry Baby GCB-95

Scusatemi, mentre bacio il cielo!
Jimi Hendrix


Avatar utente
guitar_adept
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 150
Iscritto il: 25 apr 2007, 20:13

Messaggio da guitar_adept » 01 ago 2007, 20:12

Grazie invidia sei stato molto utile!!!
una cosa pero volevo chiedere, nelle canzoni la tonalità è data di solito dal primo accordo giusto?
Se per esempio una canzone è in tonalità di La m io devo suonare i modi ( pentatoniche...etc) sugli accordi della scala di La m o su quelli della canzone?
Non so se sono stato abbastanza chiaro, per evitare problemi ti faccio un esempio:

questa canzone:
D G C G
This thing called love, I just can't handle it,

D G C G
This thing called love, I must get round to it,

D Bb C D
I ain't ready, Crazy Little Thing Called Love.

dovrebbe essere in chiave di Re giusto?
io per improvvisarci sopra devo suonare i modi relativi agli accordi D, G , C , G etc , o quelli relativi agli accordi della tonalità di Re?


Ti ringrazio ancora mi sei gia stato molto utile!
Sono un noob su ste cose! :D

ciao!
There is no mask

Avatar utente
invidia
Maestro
Maestro
Messaggi: 1310
Iscritto il: 26 gen 2007, 23:17
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da invidia » 01 ago 2007, 22:00

così ad occhio sembra in sol

d g c g

questa strofa ha una forte tendenza a concludere in sol se fosse in re il do dovrebbe essere un c# e l'accordo un m7b5

cmq non sono un grande esperto ... è meglio aspettare la conferma di qualcuno ...

soprattutto la parte D Bb C D sembra essere un qualche modulazione ... tipo passa in sol minore
cmq in genere la tonalità più che dal primo la si capisce dall'ultimo ma anche qui è più una questione di stile e statistica che una regola vera e propria
shanti Maks.

save the planet,
kill yourself!

Avatar utente
invidia
Maestro
Maestro
Messaggi: 1310
Iscritto il: 26 gen 2007, 23:17
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da invidia » 01 ago 2007, 22:07

uhm, sono dubbioso ... crazy little thing è in genere trascritta in chiave di re ...

bho ... aspettiamo i chiarimenti di qualche esperto :Very Happy:

ps

dieci anni di inattività e sono arrugginitissimo su queste cose :tilt: :dubbioso:
shanti Maks.

save the planet,
kill yourself!

Avatar utente
Enriquez
Maestro
Maestro
Messaggi: 2290
Iscritto il: 28 giu 2006, 03:05
Località: L'Aquila

Messaggio da Enriquez » 01 ago 2007, 22:26

invidia ha scritto:così ad occhio sembra in sol

d g c g

questa strofa ha una forte tendenza a concludere in sol se fosse in re il do dovrebbe essere un c# e l'accordo un m7b5

cmq non sono un grande esperto ... è meglio aspettare la conferma di qualcuno ...

soprattutto la parte D Bb C D sembra essere un qualche modulazione ... tipo passa in sol minore
cmq in genere la tonalità più che dal primo la si capisce dall'ultimo ma anche qui è più una questione di stile e statistica che una regola vera e propria
La progressione D Bb C D, è costruita sul concetto di interscambio modale: inizia in Re Maggiore(ionio), poi va in Re minore(eolio), dalla cui armonizzazione sono presi gli accordi Bb e C, poi torna in Re ionio. Un improvvisazione efficace su questi accordi si ha utilizzando la pentatonica minore di Re: su una "progressione ionia" la pentatonica minore a partire dalla tonica( in questo caso: Re ionio-Re pentatonica) fa la sua bella figura (una "scala out" che da i suoi bei frutti), sugli accordi Bb e C l'utilizzo di tale pentatonica si spiega col fatto che tali accordi sono appunto presi dall'armonizzazione della scala Re eolio, quindi Re eolio: re pentatonica minore. :ciauz:

Avatar utente
invidia
Maestro
Maestro
Messaggi: 1310
Iscritto il: 26 gen 2007, 23:17
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da invidia » 01 ago 2007, 22:42

Enriquez ha scritto: La progressione D Bb C D, è costruita sul concetto di interscambio modale: inizia in Re Maggiore(ionio), poi va in Re minore(eolio), dalla cui armonizzazione sono presi gli accordi Bb e C, poi torna in Re ionio. Un improvvisazione efficace su questi accordi si ha utilizzando la pentatonica minore di Re: su una "progressione ionia" la pentatonica minore a partire dalla tonica( in questo caso: Re ionio-Re pentatonica) fa la sua bella figura (una "scala out" che da i suoi bei frutti), sugli accordi Bb e C l'utilizzo di tale pentatonica si spiega col fatto che tali accordi sono appunto presi dall'armonizzazione della scala Re eolio, quindi Re eolio: re pentatonica minore. :ciauz:
quindi anche la prima parte ?

potresti chiarirmi (senza scrivere un libro ovviamente) un po' di più cos'è l'interscambio modale ?
shanti Maks.

save the planet,
kill yourself!

Avatar utente
invidia
Maestro
Maestro
Messaggi: 1310
Iscritto il: 26 gen 2007, 23:17
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da invidia » 01 ago 2007, 23:11

http://www.megabass.it/index.php?option ... &Itemid=54

ecco un articolo sulle modulazioni dove parla anche di interscambio modale ...
shanti Maks.

save the planet,
kill yourself!


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti