Applicare le scale

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Avatar utente
Lucifer Sam
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 57
Iscritto il: 02 feb 2007, 16:44
Località: Firenze
Contatta:

Applicare le scale

Messaggio da Lucifer Sam » 27 mag 2007, 19:41

Ho studiato molte scale in questo periodo ma ho grande difficoltà a spezzare quel ostacolo che m'impedisce di applicarle nell'improvvisazione. Non so quando e come applicarle su una seguenza di accordi. Voi cosa mi consigliate? conoscete esercizi molto semplici, magari con un giro di accordi su cui applicare le scale? Giusto per capire un pò il meccanismo. Al massimo riesco ad eseguire una scala in su e giu sulla tonica dell'accordo... ma lo faccio con grande difficoltà e rimango li. Mi servirebbero esercizi piano piano più complessi. Come unire armonia a melodia?

Grazie in anticipo :ciauz:


Avatar utente
mr.blig
Esperto
Esperto
Messaggi: 472
Iscritto il: 07 apr 2006, 23:16
Località: Verona
Contatta:

Messaggio da mr.blig » 27 mag 2007, 20:44

innanzitutto devi essere molto pratico con le scale, mi spiego:
oltre a "sapere" dove trovarle devi anche essere "veloce", dove con veloce non intendo come malmsteen, ma intendo veloce a trovare quello che cerchi sulla scala, quindi una volta trovata la tonalità "visualizzare" le note che compongono la scala nel minor tempo possibile, così da sapere già dove mettere le mani.

una volta che sei a questo punto puoi metterti una base di due accordi, ma anche tre o più (esempio la- do, sol re...eccetera), prenderne la scala (o le scale, tipo su la- do suonerai la scala di do maggiore o la minore) e poi provare a suonare.
all'inizio non viene nulla, ma devi cercare una melodia, per esempio cantartela in testa mentre ascolti gli accordi e poi provare a riprodurla, quando ci sarai riuscito prova a ripeterla finchè non ti è entrata in testa e poi comincia ad elaborarla (un'idea stupida ma che forse funziona: suona un la sul la- poi un do sul do...poi cerca di fare altre note,della scala, di passaggio tra le due toniche dell'accordo, o qualche abbellimento, vibrato, bending e chi più ne ha più ne metta)

quindi i passi sono:
- prendi due o più accordi
- trova la scala
- prova a suonare qualcosa, partendo da una cosa semplice, bastano anche tre note.

un'altra idea è suonare l'arpeggio dell'accordo sul quale ti trovi (suonerai l'arpeggio di la- sul la- e così via) poi cerchi di mettere altre note che senti bene insieme all'arpeggio (note di passaggio, o anche solo abbellimenti).

visto che ho scritto un po' alla rinfusa e forse male se non hai capito chiedi :D

:wink:
Daisy Chain: il gruppo acustico di rock cover di cui faccio parte ;)

Immagine

Avatar utente
David
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5941
Iscritto il: 07 apr 2006, 22:11
Località: Villafrati (Pa)

Messaggio da David » 28 mag 2007, 14:26

mr.blig ha scritto:innanzitutto devi essere molto pratico con le scale, mi spiego:
oltre a "sapere" dove trovarle devi anche essere "veloce", dove con veloce non intendo come malmsteen, ma intendo veloce a trovare quello che cerchi sulla scala, quindi una volta trovata la tonalità "visualizzare" le note che compongono la scala nel minor tempo possibile, così da sapere già dove mettere le mani.

una volta che sei a questo punto puoi metterti una base di due accordi, ma anche tre o più (esempio la- do, sol re...eccetera), prenderne la scala (o le scale, tipo su la- do suonerai la scala di do maggiore o la minore) e poi provare a suonare.
all'inizio non viene nulla, ma devi cercare una melodia, per esempio cantartela in testa mentre ascolti gli accordi e poi provare a riprodurla, quando ci sarai riuscito prova a ripeterla finchè non ti è entrata in testa e poi comincia ad elaborarla (un'idea stupida ma che forse funziona: suona un la sul la- poi un do sul do...poi cerca di fare altre note,della scala, di passaggio tra le due toniche dell'accordo, o qualche abbellimento, vibrato, bending e chi più ne ha più ne metta)

quindi i passi sono:
- prendi due o più accordi
- trova la scala
- prova a suonare qualcosa, partendo da una cosa semplice, bastano anche tre note.

un'altra idea è suonare l'arpeggio dell'accordo sul quale ti trovi (suonerai l'arpeggio di la- sul la- e così via) poi cerchi di mettere altre note che senti bene insieme all'arpeggio (note di passaggio, o anche solo abbellimenti).

visto che ho scritto un po' alla rinfusa e forse male se non hai capito chiedi :D

:wink:
Quoto!

Avatar utente
Frank Flicker
Maestro
Maestro
Messaggi: 5930
Iscritto il: 10 mag 2007, 13:39
Località: bergamo/brescia

Messaggio da Frank Flicker » 28 mag 2007, 14:50

...e io aggiungo... ESERCIZIO! credimi che è la medicina più veloce per imparare!

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 28 mag 2007, 14:58

a dire il vero è più comodo sapere la teoria :3
ovvero
studia l'armonizzazione delle scale....
scopri gli accordi che si formano su ogni grado e imparali a memoria (7 accordi ce la può fare chiunque ._.)

quando hai 2 o più accordi facendo il ragionamento a rovescio saprai sempre quale (o qualI) scala usare....

ad esempio:

armonizzazione maggiore è

Maj-min-min-MAJ-MAJ-min-dim
distanze sono:
Tono-Tono-semiTono-Tono-Tono-Tono-semiTono


se hai un fa maj e un sol maj, sono 2 accordi maggiori a distanza di 1 tono..... non ci scappa devono essere un quarto e un quinto grado (vedi schema sopra).

quindi devi trovare la tonalità che ha il sol per quinto (o il fa per quarto) ovvero il Do.

Se avessi 2 accordi di Do Maj e Re min, sono 2 accordi a distanza di un tono uno maggiore e uno minore....
Puoi considerarli 1° e 2° (e quindi suonare in Do Maj) oppure anche 5° e 6° (e suonare quindi in una toanlità che ha il do per 5° grado ovvero Fa Maj).

Se ti troverai a suonare in gruppo spesso ti diranno gli accordi al volo e dovrai suonarci sopra....ti toccherà fare così.
(col tempo imparerai ad andare a orecchio, ma comunque per poter scegliere quale sia la sonorità più adatta in caso di scelte multiple, è meglio sapere quanto detto sopra......così ti spiani la strada per quando studierai le scale modali).


Avatar utente
Lucifer Sam
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 57
Iscritto il: 02 feb 2007, 16:44
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da Lucifer Sam » 28 mag 2007, 17:10

Innanzitutto vi ringrazio per i consigli che mi segnerò subito.

Vi posso chiedere i passaggi corretti per armonizzare una scala ? Faccio un pò di confusione... come decido che intervalli costruire sulle note della scala stessa?

Grazie ancora !

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 28 mag 2007, 17:27

scrivi la scala... (es do re mi fa sol la si do)

poi prendi 1-3-5 (do-mi-sol cioè do maj)
2-4-6 (re-fa-la cioè re min)
3-5-7

etc etc etc

ovviamente col tempo basta che ti ricordi la qualità degli accordi e la distanza in semitoni (T-T-st-T-T-T-st).

Avatar utente
Lucifer Sam
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 57
Iscritto il: 02 feb 2007, 16:44
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da Lucifer Sam » 28 mag 2007, 17:46

darkfender ha scritto:scrivi la scala... (es do re mi fa sol la si do)

poi prendi 1-3-5 (do-mi-sol cioè do maj)
2-4-6 (re-fa-la cioè re min)
3-5-7

etc etc etc

ovviamente col tempo basta che ti ricordi la qualità degli accordi e la distanza in semitoni (T-T-st-T-T-T-st).
hmmm forse ci sono. per sempio se nella scala di DOmaggiore voglio costruire sul quarto grado un accordo viene fuori un Fa La Do ( Fa maggiore ) . E volendo posso aggiungere la settima quando voglio? In pratica io procedo per terze della scala ( e da li ovviamente alcune saranno maggiori e minori e faranno cambiare l'accordo ) . Per armonizzare la scala maggiore devo sempre procedere per terze. e nelle altre scale uguale ?

Avatar utente
Mtx64
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 91
Iscritto il: 17 mag 2007, 18:40
Località: Pordenone

Messaggio da Mtx64 » 28 mag 2007, 17:48

Per capire il meccanismo da un punto di vista genericamente musicale... Non c'è niente di meglio della tastiera...

Poi come chitarra io non sono ancora all'altezza di insegnare qualcosa...
Un giorno anche la guerra si piegherà al suono di una chitarra... (Jim Morrison)

Avatar utente
Lucifer Sam
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 57
Iscritto il: 02 feb 2007, 16:44
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da Lucifer Sam » 28 mag 2007, 17:54

Mtx64 ha scritto:Per capire il meccanismo da un punto di vista genericamente musicale... Non c'è niente di meglio della tastiera...

Poi come chitarra io non sono ancora all'altezza di insegnare qualcosa...
Su questo ti do ragione. Il poco che so l'ho intuito e l'ho verificato grazie alla mia fedele tasterina ( un giocattolo quasi) :wink:

Avatar utente
Enriquez
Maestro
Maestro
Messaggi: 2290
Iscritto il: 28 giu 2006, 03:05
Località: L'Aquila

Messaggio da Enriquez » 28 mag 2007, 18:17

Lucifer Sam ha scritto:
hmmm forse ci sono. per sempio se nella scala di DOmaggiore voglio costruire sul quarto grado un accordo viene fuori un Fa La Do ( Fa maggiore ) . E volendo posso aggiungere la settima quando voglio? In pratica io procedo per terze della scala ( e da li ovviamente alcune saranno maggiori e minori e faranno cambiare l'accordo ) . Per armonizzare la scala maggiore devo sempre procedere per terze. e nelle altre scale uguale ?
L'armonizzazione per terze è quella più comune, e naturalmente va bene anche per le altre scale.
:ciauz:

Avatar utente
Lucifer Sam
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 57
Iscritto il: 02 feb 2007, 16:44
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da Lucifer Sam » 28 mag 2007, 20:22

Grazie 1000 :Very Happy:

Avatar utente
Enriquez
Maestro
Maestro
Messaggi: 2290
Iscritto il: 28 giu 2006, 03:05
Località: L'Aquila

Messaggio da Enriquez » 28 mag 2007, 21:14

Lucifer Sam ha scritto:Grazie 1000 :Very Happy:
:esatto:

Avatar utente
silente
Maestro
Maestro
Messaggi: 5493
Iscritto il: 23 apr 2007, 09:53

Messaggio da silente » 28 mag 2007, 23:49

:tilt

Avatar utente
darkfender
Maestro
Maestro
Messaggi: 3818
Iscritto il: 05 apr 2007, 10:36

Messaggio da darkfender » 29 mag 2007, 09:09

si ma il passo di creare l'armonizzazione è puramente didattico...
alla fine meglio imparare a memoria le formule della qualità degli accordi e degli intervalli.

ovvero
Maj-min-min-Maj-Maj-min-dim (oppure con la 7: Maj7-min7-min7-Maj7-Dom7-min7-semidim7)

in modo da identificare quali gradi possono essere gli accordi di un brano...
Poi con gli intervalli ne trovi la tonalità :P)


certo è che se impari le armonizzazioni poi puoi asltarci fuori anche in caso di scale alterate (melodiche e armoniche per es)


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti