Andare a tempo con la chitarra solista

Di tutto di più sul suonare la chitarra

Moderatori: David, forons, avanzo, lespaul

Rispondi
Francesco10
Principiante
Principiante
Messaggi: 6
Iscritto il: 07 apr 2010, 21:14

Andare a tempo con la chitarra solista

Messaggio da Francesco10 » 14 apr 2010, 15:40

Mi potete aiutare con questo mio problema ? quando per esempio iimprovviso non so come riuscire ad andare a tempo per favore aiutatemi !


Avatar utente
MkMouss
Maestro
Maestro
Messaggi: 2196
Iscritto il: 12 set 2008, 11:19
Contatta:

Re: Andare a tempo con la chitarra solista

Messaggio da MkMouss » 14 apr 2010, 15:47

non c'è una tecnica vera e propria... il tempo è un sensoe, a parer mio, un'istinto che si sviluppa allo stesso modo dell'ascolto e dell'osservazione..
Ti posso solo consigliare di avvalerti dell'aiuto di un qualsiasi metronomo negli eserecizi, anche i più stupidi.

Se vuoi fare dei passi da gigante in questa direzione, vai a lezione di solfeggio..
http://it.wikipedia.org/wiki/Solfeggio
ci vuole tanta tanta forza di volontà :Very Happy:
Gibson Les Paul standard '99 - Gibson ES335 Dot Ressue '95 - Blue Guitars Telecaster 2004
Lisa homeguitar tele style '09 --> WORK IN PROGRESS!!!!
FENDER BANDMASTER Silverface 68 - BLACKSTAR Artisan 15H
http://www.myspace.com/eyestonebrain
La funzione "Cerca" è tua amica !!

Metalhead
Apprendista
Apprendista
Messaggi: 53
Iscritto il: 22 gen 2009, 11:10
Località: Roma
Contatta:

Re: Andare a tempo con la chitarra solista

Messaggio da Metalhead » 26 apr 2010, 14:06

quando improvvisi tieni sempre un metronomo o una batteria e segui il tempo con il piede, i primi tempi sarà dura se non l'hai mai fatto, ma poi diventa istintivo come movimento.

Avatar utente
odos
Maestro
Maestro
Messaggi: 2733
Iscritto il: 21 gen 2008, 20:33

Re: Andare a tempo con la chitarra solista

Messaggio da odos » 26 apr 2010, 14:18

premesso che è una questione di allenamento, personalmente cerco di dirigere l'ascolto verso il metronomo o la band e non su quello che sto suonando. Un po' come quando in mezzo alla gente riesci ad ascoltare il discorso di una persona lontana e non di quella che hai di fronte che ti parla. Tant'è che ti accorgi di andare fuori tempo, quando torni ad ascoltare cosa sta facendo il mentronomo.

Io riesco ad andare a tempo solo così, immedesimandomi nel ritmo.

Mi aiuta tantissimo anche quando suono in gruppo, perchè sento ciò che suono dal punto di vista dell'insieme.

c'è da dire poi che ci sono persone che non sentono proprio il ritmo a prescindere....e lì c'è poco da fare.
Le mie Jam su Neesk:

Podcast


"...in ognuno di noi dorme un genio. E sta sveglio un idiota"


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti